View/Open

Copy and paste this link to your website, so they can see this document directly without any plugins.



Keywords

della, come, sono, nella, delle, loro, allora, alla, maqāma, pag., suoi, quella, Quando, Disse, dunque, quando, così, nelle, dalla, gente, (maqāma, maqāma:, quanto, essere, presso, Rispose:, stato, dopo, quale, erano

Transcript

Corso di Laurea
in Asia meridionale e
occidentale: lingue, culture e
istituzioni
Prova finale di laurea
Le maqāmāt indiane di
Abū Bakr b. Muḥsin
Bāʿabūd al-ʿAlawī
Relatore
Chia.ma Prof.ssa Antonella Ghersetti
Correlatore:
Ch. Prof. Stefano Pellò
Laureando
Andrea Maria Negri
Matricola 831539
Anno Accademico
2011 / 2012
2
Indice
Introduzione ................................................................................................................. 7
LA MAQĀMA DI BĀʿABŪD .................................................................................. 15
1.1 Abū Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Sūratī ............................................. 15
1.2 Origine dell’opera .............................................................................................. 16
1.3 I titoli della raccolta ........................................................................................... 18
1.4 La scelta dei nomi nei personaggi delle maqāma di Bāʿbūd ............................. 19
2.1 La struttura della maqāma sul piano di singola unità ........................................ 19
2.2 l’Isnad nella maqāma di Bāʿabūd...................................................................... 21
2.3.1 Il viaggio nelle città dell’orrore.................................................................... 22
2.3.2 L’ordine delle città nelle maqāma di Bāʿabūd ............................................. 25
2.3.3 La maqāma geografica ................................................................................. 28
2.4.1 La continua metamorfosi dei personaggi all’interno delle maqāma ......... 29
2.4.2 L’episodio della maqāma: la tawriyya ...................................................... 30
2.5.1 La maqāma filologica .............................................................................. 32
2.5.2 La maqāma picaresca e della mendicanza .............................................. 34
2.5.3 La maqāma parenetica ............................................................................. 35
2.5.4 La maqāma panegirica, di vituperio e elogio funebre ............................. 37
2.5.5 La maqāma eresiografica, la maqāma oscena ......................................... 39
2.6 La crisi dell’adab ..................................................................................... 42
2.7 L’instabilità del destino ......................................................................... 43
3.1 La maqāma a livello “macro”............................................................................ 45
3.2 Bāʿabūd nelle Maqāmāt-i Hindī ........................................................................ 47
4.1 Il periplo indiano di Bāʿabūd: l’incontro di più repertori letterari .................... 50
4.2 I repertori di Bāʿabūd ........................................................................................ 52
4
MAQĀMĀT-I HINDĪ .............................................................................................. 55
1. La prima maqāma: nota come quella di al-Surat .................................................... 56
2. La seconda maqāma: nota come quella di al-Aḥmad Nakar .................................. 59
3. La terza maqāma: quella di al-Bījāpūr ................................................................... 61
4. La quarta maqāma: quella di al-Sukkur ................................................................. 63
5. La quinta maqāma: quella di al-Aḥsan Ābād ......................................................... 66
6. La sesta maqāma: nominata la Ḥaydarabādiyya .................................................... 68
7. La settima maqāma: nota come quella di al-Awranakābad .................................... 72
8. L’ottava maqāma: al-Burhānapūr ........................................................................... 74
9. La nona maqāma: conosciuta come quella di al-Lāhūr .......................................... 77
10. La decima maqāma: quella di al-Sirhind .............................................................. 79
11. L’undicesima maqāma: quella di al-Tanīsir ......................................................... 81
12. La dodicesima maqāma: quella di al-Karnāl ........................................................ 83
13. La tredicesima maqāma: quella di al-Shāhjahān Ābād ........................................ 85
14. La quattordicesima maqāma: quella di al-Ākar Ābād .......................................... 87
15. La quindicesima maqāma: quella di al-Pānī Pat .................................................. 88
16. La sedicesima maqāma: quella di al-Aḥmad Abād .............................................. 90
17. La diciassettesima maqāma: quella di al-Murādabād........................................... 94
18. La diciottesima maqāma: quella di al-Banāris ..................................................... 97
19. La diciannovesima maqāma: quella di al-Jawnbūr............................................... 98
20. La ventesima maqāma quella di Multān ............................................................. 101
21. La ventunesima maqāma: quella di al-Azmīr ..................................................... 105
22. La ventiduesima maqāma: quella di al-Kashmīr ................................................ 108
23. La ventitreesima maqāma: quella di al-Bankāl .................................................. 111
24. La ventiquattresima maqāma: quella di al-Fitn .................................................. 113
25. La venticinquesima maqāma: quella di al-Quwaliyur ........................................ 116
26. La ventiseiesima maqāma: quella di al-Ṣaranj ................................................... 118
27. La ventisettesima maqāma: quella di Bārah ....................................................... 120
28. La ventottesima maqāma: quella di al-Shams Abād .......................................... 125
29. La ventinovesima maqāma: quella di al-Narūl................................................... 128
30. La trentesima maqāma: quella di al-Allāh Abād ................................................ 131
5
31. La trentunesima maqāma: quella di al-Wājīn .................................................... 134
32. La trentaduesima maqāma: quella di al-Daqlūr ................................................. 138
33. La trentatreesima maqāma: quella di Adūnī ...................................................... 141
34. La trentaquattresima maqāma: quella di al-Kanūr ............................................ 144
35. La trentacinquesima maqāma: quella di al-Ẓafar Abād ..................................... 146
36. La trentaseiesima maqāma: quella di Kanbāʾ .................................................... 149
37. La trentasettesima maqāma: quella di al-Yaranakr ........................................... 153
38. La trentottesima maqāma: quella di Rasūl Nakr ............................................... 155
39. La trentanovesima maqāma: quella di al-Burwaj .............................................. 157
40. La quarantesima maqāma: quella di al-Barīllā .................................................. 159
41. La quarantunesima maqāma: quella di al-Matar ............................................... 162
42. La quarantaduesima maqāma: quella di al-Rājapūr .......................................... 164
43. La quarantatresima maqāma: quella di al-Barār ................................................ 165
44. La quarantaquattresima maqāma: quella di al-Nāqin ........................................ 168
45. La quarantacinquesima maqāma: quella di al-Kaliyān ...................................... 170
46. La quarantaseiesima maqāma: quella di al-Murshid Abād ............................... 173
47. La quarantasettesima maqāma: quella di al-Haqlī Bandar ................................ 175
48. La quarantottesima maqāma: quella di al-Junnīr ............................................... 177
49. Maqāma quarantanove: quella di al-Sanqamar ................................................. 180
50. La cinquantesima maqāma: quella di Siyāl Kūt ................................................ 183
BIBLIOGRAFIA ..................................................................................................... 189

 .......................................................................................................................... 204

6
7
Introduzione
Nell’articolo di Tahera Qutubuddin “Arabic in India: a Survey and
Classification of its Uses, Compared with Persian” viene trattato l’utilizzo in India
della lingua araba all’interno di più contesti come le liturgie islamiche, l’istruzione,
la nomenclatura, la letteratura e i vernacolari indiani (Qutubuddin, 2007, pag. 315).
L’ingresso della lingua araba all’interno del sub-continente indiano, viene
sottolineato, sembra essere dovuto in particolare all’identità islamica di questa lingua
(Qutubuddin, 2007, pag. 315). La lingua araba sarebbe infatti la lingua che Dio
insegno all’uomo – ed è considerata per questo motivo la prima rivelazione di Dio.
L’arabo, infine, gode di una posizione di superiorità poiché è stato scelto come
lingua del sigillo delle profezie, il Corano – ultima rivelazione di Dio. L’aspetto di
lingua inventata da Dio (Bausani, 1974, pag. 68) è affermato nella seconda sura:
E quando il tuo Signore disse agli Angeli: “Ecco porrò sulla terra un Mio
Vicario”, essi risposero: “Vuoi mettere sulla terra chi porterà la corruzione e
spargerà il sangue, mentre noi cantiamo le Tue Lodi ed esaltiamo la tua
santità?” Ma Egli disse: “Io so ciò che voi non sapete”. Ed insegnò ad Adamo
i nomi di tutte le cose poi lo presentò agli Angeli e dicendo loro: “Or ditemi i
loro nomi, se siete sinceri”. – Ed essi risposero: “Sia gloria a Te! Noi non
conosciamo altro che quello che Tu ci hai insegnato, poiché Tu sei il Saggio
Sapiente”. – Ed Egli disse: “O Adamo, dì loro dunque i nomi di tutte queste
cose!” E quando Adamo li ebbe edotti dei nomi, Iddio disse agli Angeli:
“Non vi dissi che io conosco l’arcano dei cieli e della terra e su ciò che voi
manifestate e ciò che celate in voi?” (Corano, 2:30-33)
La lingua araba ha avuto in virtù di ciò un ruolo fondamentale nella vita di
ogni musulmano (Suleiman, 2003, pag. 38). In particolare la sua sacralità ha sancito
il suo imprescindibile impiego nella preghiera che, rituale canonico, impone infatti la
recitazione mnemonica di almeno qualche sura del Corano in arabo, della cui lingua
sono la quasi totalità della liturgie musulmane: duaʿāʾ e altri rituali di culto (come in
particolare la recitazione delle fromule dei tasbīh nelle quali si ripetono per un certo
numero di volte delle litanie). In arabo sono state composte in India poesie religiose e
canti sufi. Vi è inoltre un suo impiego nei rituali del pellegrinaggio effettuati – oltre
8
che a Mecca – anche in numerosi centri minori all’interno del sub-continente (Bredi,
2008, pag. 45).
Il valore islamico della lingua araba ha permesso che pressoché ogni moschea
indiana contenga delle iscrizioni in arabo, in particolare: versetti del Corano ed
epiteti di Dio e del Profeta. Anche in molte abitazioni, inoltre, sono spesso presenti
placche o targhe con delle frasi in arabo con attinenza religiosa (Qutubuddin, .2007,
pag. 328).
Spesso tale utilizzo – ha sottolineato Qutubuddin – non significa
necessariamente una competenza approfondita della lingua araba da parte delle
popolazioni dell’India; talvolta è infatti esclusivamente una conoscenza mnemonica
limitata agli ambiti del culto (Qutubuddin, 2007, pag. 325).
A tal proposito nell’assegnazione dei nomi ai musulmani dell’India, oltre ai
nomi classici per un musulmano, si riscontrano delle costruzioni che dimostrano un
utilizzo improprio della della ingua araba o di “pseudo-arabo” (Qutubuddin, 2007,
pag. 326) come in: Ghulām al-Rasūl, il servo del Profeta, o ʿAbd ʿAlī, servo di ʿAlī –
che sono nomi insoliti per un musulmano giacchè in arabo “servo” è la condizione
dell’uomo solo di fronte a Dio e non è generalmente accettato nei confronti di un
altro uomo, sepper Profeta o compagno del Profeta. Similmente: Abū al-Kalām,
padre della parola, Islām al-Dīn, Islam della religione, Sāmiʿ Allāh, colui che sente
Dio, nomi che non avrebbero significato in arabo. Vi è inoltre l’impiego, insolito,
degli attributi di Dio come Raḥmān, misericordioso e Jabbār, il potente (Qutubuddin,
2007, pag. 325).
La lingua araba si rintraccia inoltre nei numerosi prestiti in molte lingue
dell’India (come in particolare nella lingua urdu) – talvolta avvenuti attraverso la
mediazione della lingua persiana (Qutubuddin, 2007, pag. 324). Sottolinea
Qutubuddin che la maggior parte di questo lessico incorporato fa parte del repertorio
religioso: religione, dīn, pellegrinaggio, ḥajj, fede, īmam, paradiso, janna, inferno,
jahannam, mondo, dunyā. Accanto a queste parole sono entrate, inoltre, nell’uso
comune locuzioni interiettive come: al-ḥamdu lillāh, lode a Dio, o mā shāʾ Allāh,
come Dio vuole, shukr lillāh, grazie a Dio (Qutubuddin, 2007, pag. 328).
La lingua araba è stata però anche la lingua di una gran mole di letteratura
prodotta in India. La letteratura religiosa – che pare costituire la percentuale più
consistente, l’ottantacinque per cento della letteratura araba prodotta in India secondo
la lista presentata da Zubaid Ahmad (Zubaid, 1968, 259) – consta di commentari in
9
arabo al Corano (15), di cui il più celebre, Ṣawṭ al-Ilhām, compilato dal poeta
persiano alla corte di Akbar, Abū al-Faiyyḍ Faiyyḍ; raccolte e commentari di hadith
(22) di cui Mashāriq al-Anwār al-Nabawiyya min Ṣiḥāḥ al-Akhbār al-mustafawiyya
del 1218 ad opera di Ḥasan b. Ḥasan Ṣaghanī Lahurī (autore anche dell’opera
lessicografica al-ʿUbād); letteratura “giuridica” (18) tra le quali la più celebre è la
Fatwa al-Alamjiriyya patrocinata dall’ultimo grande Mughal Aurangzeb, redatta in
arabo quindi tradotta in persiano. Oltre a ciò opere di materia mistica sufi (22) e testi
di teologia (Zubaid, 1968, 159) (Khān, 2000, pag. 15) (Idrīs, 1998 pag. 45).
Oltre al contributo alle scienze islamiche, in India si contano opere prodotte
in arabo in altre discipline tra cui la filosofia, la logica, la matematica, l’astronomia,
la medicina, la retorica, la linguistica, la grammatica e la lessicografia (di cui il Tāj
al-ʿurūs di Saiyyd Murtaḍā Zabīdī) (Zubaid, 1968, 159) (Khān, 2000, pag. 15).
L’india è stata inoltre centro di opere di belles letters: opere in poesia e prosa
– tra cui la raccolta di maqāma in traduzione. Molti dei loro autori non sarebbero
parlanti nativi della lingua araba (Idrīs, 1998 pag. 25) e - alla luce degli studi
sull’apprendimento di una lingua straniera – ciò implicherebbe delle conseguenze nel
reperimento delle informazioni a livello celebrale. L’apprendimento di una lingua
straniera, dopo i dodici anni di età, non permette gli stessi esiti di chi la apprende nei
primi anni di vita nei quali sarebbe possibile “scrivere” tutto il materiale linguistico
all’interno del cervelletto, mentre in un apprendimento successivo a questa età non
sarebbe più possibile in quanto le informazioni linguistiche verrebbero registrate a
livello di corteccia celebrale (Balboni, 2008, pag. 10) con il risultato di una maggior
macchinosità, lentezza, un dispendio energetico maggiore nel reperire vocaboli
rispetto al cervelletto – e inevitabilmente una minor intuitività nella comunicazione
(Balboni, 2008, pag. 11). Nella scrittura questo fattore potrebbe però risultare
marginale giacché nella produzione letteraria chi scrive non è vincolato dalla velocità
e dalla immediatezza che può richiedere l’oralità.
L’opera di cui si presenta la traduzione, al-Maqāmāt al-Hindiyya, di Abū
Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Haḍramī (o al-Sūratī) è un ulteriore prodotto di
tale contesto. Il suo autore, yemenita (ḥaḍramī), migrò in India attorno al 1000/1700
e qui produsse la sua raccolta di maqāma la quale ebbe più edizioni (secondo
l’edizione critica di al-Ḥabashī almeno quattro ad un secolo dalla sua produzione).
Tale opera è un prodotto della diaspora ḥaḍramī che andò a creare delle presenze
arabe significative all’interno dell’Oceano Indiano, specialmente: in India e in
10
nell’arcipelago indonesiano – dove è tutt’ora presente una vasta presenza ḥaḍramī
(Jacobsen, 2009, pag. 2).
L’opera, scritta probabilmente per un pubblico arabo-indiano, è una raccolta
di maqāma che presenta numerose continuità con le opere classiche del genere: le
raccolte di al-Hamadhānī, al-Ḥarīrī e Ṣayqal. Molti degli elementi riconosciuti nella
maqāma di Ḥarīrī e Hamadhānī da Abdelfattah Kilito sembrano essere per la
maggior parte riscontrabili nella raccolta di Bāʿabūd. Inoltre, alcune narrazioni di alḤarīrī e Ṣayqal sono state riscritte dall’autore.
Tale opera fu scritta, per ammissione dell’autore nell’introduzione, per un
gruppo di persone che non avevano cognizione della lingua araba e che non potevano
comprendere i masterpieces del genere letterario arabo e che ne provavano solo
disappunto. Ciò, probabilmente, per l’estrema difficoltà di lettura creata dallo stile
ricercato che con “Ṣayqal era giunto ai confini dell’incomprensibile” (Zakharia,
2009, pag. 77).
L’istituzione della lingua araba in India potrebbe aver avuto luogo attraverso i
contatti che si crearono con la spedizione nel Sind nel 92/711 (durante il califfato di
al-Walid) del generale diciassettenne Muḥammad b. Qasīm con un piccolo esercito
(Bredi, 2008, pag. 21). Tale spedizione, finalizzata a porre un freno ai predoni e ai
pirati che minacciavano la navigabilità delle coste nord occidentali dell’India (Bredi,
2008, pag. 34), portò infatti nella regione un certo numero di famiglie arabe (Idrīs,
1998, pag. 9). Con l’istituzione di un potere islamico nella regione cominciarono poi
ad essere patrocinate moschee e madrase – e nei sillabi l’arabo aveva una posizione
centrale (Akhlaq Ahmed, 1985, pag. 45). La conquista ommayade del Sind venne
proseguita quindi da dinastie di origine turca residenti nelle regioni afghane –
allorchè il califfato abbaside era ormai in un processo di decadenza irreversibile.
Queste dinastie continuarono a patrocinare le istituzioni islamiche, e la lingua araba,
introducendo inoltre l’utilizzo della lingua persiana nella quale erano educati
(Muzaffar, Alam, 2004, pag. 116). L’imperatore Mughal Akbar segnò infine il
successo del persiano imponendo tale lingua per l’amministrazione. Pur non godendo
della posizione del persiano la lingua araba ebbe, comunque, un ruolo importante
come dimostra il patrocinio di numerosi poeti arabi (Idrīs, 1998 pag. 48) e le
numerose traduzioni commissionate in arabo all’interno delle corti Mughal (Ernst,
2003, pag.173).
11
La lingua araba in India non aveva, comunque, una esclusiva identità
islamica: come è stato sottolineato da Walter J. Fischel in India erano presenti
numerose comunità ebraiche arabofone che per varie ragioni, motivi commerciali e
persecuzioni, si erano andate ad insediare sulle coste indiane del Gujarat a partire dal
1775 secolo (Walter J. Fischel, 1989, pag. 3).
Oltre a ciò la lingua araba ebbe un certo contatto con l’India attraverso la via
marittima della seta, nella quale i mercanti arabi ebbero lungo tutta l’età premoderna
– dalla fondazione dell’impero omayade all’arrivo dei portoghesi (Abu Lughod,
1986, pag. 8) – un ruolo centrale grazie alla loro posizione favorevole all’interno
dell’Oceano Indiano. Janet L. Abu Lughod ha sottolineato a tal proposito che la
posizione di predominio dei mercanti venziani lungo i secoli XIII e XIV fu decretata
dalla loro possibilità di poter congiungere le fiere di Champagne e quelle di Bruges e
Ghent con le rotte oceaniche (che risalivano sino alla Cina, Sumatra, l’arcipelago
indonesiano e le coste dell’Africa orientale) attraverso Alessandria ed Aleppo (Abu
Lughod, 1986, pag. 8).
In epoca pre-moderna la circolazione attraverso il mare offriva numerosi
vantaggi rispetto a quella terrestre, soprattutto per quanto riguarda le lunghe distanze.
Permetteva infatti di trasportare quantità di materiali maggiori rispetto al trasporto
per via terra sul dorso di cammelli – il volume di un carico navale superava
generalmente infatti quello di 1.000 cammelli (Abu Lughod, 1989, pag. 111). La
velocità di una imbarcazione era inoltre, in condizioni ottimali, quadrupla rispetto
quella di una carovana nel deserto con oltre 200 km al giorno in confronto ai 50-60
km di un cammello. La brevità della navigazione favoriva inoltre un risparmio nel
numero di persone coinvolte nella spedizione commerciale. Infine il trasporto di beni
attraverso il mare sottoponeva i capitali ad un minor rischio – dato il minor tempo di
viaggio – di imbattersi in predoni e pirati (Pearson, 2007, pag. 33).
La navigazione all’interno dell’Oceano Indiano ha imposto la creazione di
stazioni di sosta. I monsoni – parola di origine araba: mawāsim indicava il periodo di
partenza delle carovane nel deserto – dettavano i ritmi di navigazione e non era
possibile non rispettarli pena un sicuro naufragio (Tibbetts, 1971, pag. 30). Tale
fenomeno climatico – provocato dal sollevarsi di aria calda nelle aree sud asiatiche
che genera un vuoto il quale conduce all’aspirazione di masse d’aria a elevate
velocità con il risultato di creare lunghe intense precipitazioni e trombe d’aria
(Pearson, 2007, pag. 46) - dettava i periodi di navigazione e ne decretava inoltre le
12
direzioni (le navi erano esclusivamente a vela): il monsone invernale spingeva da
nord verso sud e sud ovest mentre quello estivo da sud a nord e dal nord al ovest.
Sfruttando i venti si poteva giungere dall’Oman alla Cina – secondo alcuni geografi
arabi (Pearson, 2007, pag. 87) – in soli tre mesi e dieci giorni.
Nella formazione delle città lungo le coste dell’Oceano Indiano il commercio
aveva inoltre un ruolo indispensabile: molte di queste si crearono infatti in assenza di
retroterra produttivi con cui alimentare la città. Le città di Malacca e Aden – ad
esempio – avevano popolazioni molto numerose da nutrire (Abu Lughod, 1986, pag.
209) e non poteva contare su hinterland agricoli produttivi o risorse idriche
sufficienti.
La floridezza del commercio oceanico non fu compromessa dalla caduta
dell’impero abbaside. Tale evento portò il porto di Alessandria a godere del vuoto
creato da Baghdad e a poter così divenire il perno di contatto tra l’Europa e l’oriente.
I contatti con i mercanti arabi – agevolati dalle lunghe soste obbligate nei
porti dell’Oceano Indiano – permisero la diffusione nell’Oceano Indiano della lingua
araba – di cui è attestato un certo utilizzo come lingua franca dei commerci marittimi
indiani – e come vernacolare di alcune comunità costiere (Abu Lughod, 1989, pag.
157). Inoltre è segnalata all’interno dei porti dell’India la pratica tra i mercanti arabi
del matrimonio temporaneo attraverso il quale – sottolinea Daniela Bredi – venne in
una certa misura radicato l’Islam. Secondo tale pratica i figli di questi matrimoni
funsero inoltre da interlocutori fidati con i mercanti arabi e partner privilegiati nei
commerci marittimi (Bredi, 2008, pag. 47).
Nei primi capitoli (1-3) si è cercato di identificare le continuità e discontinuità
con i canoni letterari arabi nel genere della maqāma dell’opera Maqāmāt-i Hindī di
Abū Bakr b. Muhsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Ḥaḍramī (al-Sūratī).
Si è cercato di indagare l’opera (nel quarto capitolo) alla luce della teoria dei
polisistemi ideata da Itamar Even Zohar. Con tale teoria – che è risultata essere
particolarmente produttiva nell’analisi della letteratura periferica araba nella Spagna
Ommayade come dimostrano i lavori di Rina Drory (2000) e David A. Wacks (2007)
– si è cercato di spiegare la scelte dell’autore nella stesura della sua raccolta e i
motivi delle sue scelte in rottura con i canoni del genere e le sue innovazioni in
relazione ai possibili destinatari della raccolta.
13
Si è infine fornita nella seconda parte la traduzione integrale della raccolta di
Bāʿabūd. Nella traduzione si è avuto accesso solo a due edizioni del testo: quella del
1264/1848 e quella più recente del 1419/1999. Si è scelto nella traduzione della prosa
rimata della maqāma – cui una resa italiana del genere è la traduzione delle maqāma
di Hamadhānī a cura di Marina Montanaro (Montanaro, 1995) – di non riprodurre le
catene di rime e l’alternanza tra prosa rimata e non rimata che caratterizzano la
versione araba.
Nella traduzione ci si è confrontati con l’opera di Marina Montanaro – la
traduzione delle maqāma di Hamadhānī (Montanaro, 1995) – che ha scelto, nella
resa della maqāma in italiano, di mantenere il più possibile all’interno di tutta la sua
traduzione una prosa rimata.
In una prima traduzione si è cercato di imitare il metodo della Montanaro
però, date le difficoltà – che talvolta avrebbero richiesto delle non indifferenti
capacità letterarie – nel rendere una prosa rimata comprensibile e che non svilisse il
testo, si è scelto di eludere il problema rendendo una prosa piana senza rime e
segnalando che il testo arabo – come per la maqāma classica – è in prosa rimata. Una
resa in una prosa piana permetterebbe una più facile lettura – e fruizione dell’opera –
e una maggior vicinanza nella al testo dal piunto di vista sintattico e semantico. Una
prosa rimata in italiano – oltre al fatto che sarebbe potuta risultare ridondante ed
indigesta – avrebbe potuto richiedere una maggior libertà nella traduzione per poter
ricreare le catene di rime, e le alternanze tra prosa rimata e prosa non rimata (nonché
i cambiamenti di rima), del testo originale.
Allo stesso modo nella traduzione dei versi di poesia – dell’autore o citati da
altri poeti – ci si è limitati a segnalare la fine di ogni emistichio e si è evitato di
rendere anch’essi in rima: mirando a trasmettere il significato a discapito della
ricercatezza della forma del testo di origine. Si sono cercate tutte le fonti che è stato
possibile reperire delle citazioni all’interno del testo (e che non sono spesso state
segnalate nelle edizioni 1847 e 1999). Le citazioni all’interno del testo hanno
riguardato ḥadīth, ayāt coranici e versi di poesia. Per gli ḥadīth si sono fornite le
principali fonti e le eventuali – spesso ricorrenti – difformità nella trascrizione di
Bāʿabūd. Per i versetti coranici – che nel testo del 1847 non sono mai segnalati – si è
data la locazione fornendo la traduzione di Alessandro Bausani (1988). Per i versi di
poesia anonimi si è cercato di identificare l’autore e si è data la locazione nei dīwān,
dove rintracciata.
14
15
LA MAQĀMA DI BĀʿABŪD
1.1 Abū Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Sūratī
Riguardo alla vita di Bāʿabūd si è potuto avere accesso solo a due fonti:
l’introduzione all’edizione critica della sua raccolta di maqāma (Maqāmāt alNaẓriyya, a cura di ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī, ed.1999, pag. 5-19) e la
critica al testo dello studioso della letteratura ḥaḍramī (Masʿūd ʿAmshūsh, 2005,
Maqāmāt Baʿbūd, in: al-Malḥaq al-Thaqāfī li-Ṣaḥīfa al-thawra).
Abū Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Surati, chiamato anche alḤaḍramī1, nacque alla fine del X/XVII secolo nella città yemenita di Bowr (Būr) e si
trasferì a Surat nel Gujarat indiano (ʿAmshūsh, 2005, pag. 1). Al-Ḥabashī sostiene
che l’autore avrebbe vissuto in India circa tra il 1120/1708 e il 1135/1723 giacché in
India sarebbero nati i suoi tre figli: Muḥammad nato nel 1125/1713, Zayna nel
1127/1715 e Muḥsin (come suo padre) nel 1129/1716 e inoltre – sottolinea – viene
fatta menzione (al-Ḥabashī, 1999, pag. 6) che avrebbe continuato a correggere la sua
raccolta sino al 1131/1718.
Secondo Al-Habshī, inoltre, Bāʿabūd non poteva essere passato inosservato
nel viaggio in India dello yemenitaʿAbd al-Raḥman b. Muṣṭafā al-ʿAydarūs (m.
1192/1778) nel 1151/1738, per cui – giacché non è citato nella sua opera tra i letterati
che incontrò – “se non era ritornato in Yemen, era probabilmente già morto” (alḤabashī, 1999, pag. 12).
Secondo quanto riporta Masʿūd al-ʿAmshūsh l’autore avrebbe vissuto sino
all’età di 32 anni per cui – se così fosse – difficilmente in ogni caso poteva essere
ancora vivo nel 1151/1738 (il suo primo figlio sarebbe infatti nato 25 anni prima
della visita di al-ʿAydarūs) (ʿAmshūsh, 2005, pag. 1).
1 È verosimile che il nome Suratī gli fosse attribuito fuori dal contesto della città di Surat dove non lo
avrebbe infatti distinto nell’insieme degli abitanti di Surat così come al-Ḥaḍrami gli dovrebbe essere
stato attribuito fuori dal contesto yemenita del Ḥaḍramawt.
16
Al-Habshī sostiene che Bāʿabūd sarebbe stato impiegato come militare (alḤabashī, 1999, pag. 12). Nella sua introduzione non fornisce però alcune fonte a
supporto di tale informazione e Masʿūd al-ʿAmshūsh – che cita l’edizione di alHabshī nella sua critica al testo di Bāʿabūd – trattando la vita dell’autore non ne fa
alcuna menzione.
Oltre alle maqāma, Bāʿabūd avrebbe composto delle poesie raccolte in un
dīwān delle quali però, eccetto alcuni componimenti, pare non vi sia più traccia (alḤabashī, 1999, pag. 15).
1.2 Origine dell’opera
Bāʿabūd descrive nell’introduzione alle sue maqāma l’episodio che avrebbe
portato alla compilazione della sua raccolta. Racconta:
“Quando mi centrò il distacco con il dardo dell’emigrazione e mi separò dalla
terra d'origine e dagli affetti, uscii quel giorno dopo la preghiera della sera
passeggiando con alcuni letterati del tempo. Mi tenevano compagnia le
maqāmāt di al-Ḥarīrī, al-Nawābigh2 e le maqāmāt “al-zaiyniyyah3”. Insieme
a noi era un gruppo che non aveva legame alcuno con le scienze arabe né
aveva conoscenza dei suoi aneddoti letterari. La loro indole ne provò dunque
una tale avversione che nessuno rispondeva più a chi lo chiamava. Non c’è
dubbio: chi ignora qualcosa ne è anche avverso4. In quel momento alcuni di
coloro che erano presenti m’invitarono a comporre delle maqāmāt che
potessero capire il vicino e il lontano – e le cui espressioni non
abbisognassero la ricerca in libri di lingua e di sintassi. Composi queste
maqāmāt secondo queste istruzioni. Ho evitato pertanto vocaboli arcaici e
formulazioni insolite”.
L’identità dei committenti citati – gli ʿulamāʾ al-ʿaṣr – così come per al-Harīrī
(Kilito, 1983, pag. 176) viene lasciata indeterminata. Poiché il “dardo
2 Kalim al-Nawābigh è un opera di al-Zamakhsharī (467/1074 - 538/1144).
3 Al-maqāmāt al-zaiyniyyah sono le maqāmāt di Ibn al- Ṣayqal al-Jazari (m. 701/1301).
4 “Chi è ignora qualcosa ne è anche avverso”, “Man jahila sha’yan ʿādāhu”, è un ḥadīth. (hadīth n.
330, in: ʿAlī b. Sulṭān al-Harawī, Maṣnūʿ fī maʿarafa al-ḥadīth al-mawḍūʿ, ed. 1994, pag. 172,).
17
dell’emigrazione” lo spinse a Surat in India, questi committenti potrebbero essere
stati degli indiani, forse musulmani (visto che l’incontro avvenne dopo la preghiera
della sera) o potrebbero essere anche stati, come lui, stranieri: arabi o africani migrati
in India.
Similmente anche i destinatari citati potrebbero essere stati indiani, con scarse
competenze di arabo e di letteratura ma anche arabi, non sufficientemente istruiti per
affrontare letture difficili come le maqāma di Ḥarīrī o soprattutto l’opera di Ṣayqal le
quali sin dalla loro prima diffusione necessitarono di commentari. La lingua della
maqāma di Ṣayqal è stata considerato inoltre “ai confini dell’incomprensibile”
(Zakharia, 2009, 77).
L’edizione dell’opera del 1868, in India, poiché scritta in caratteri nastaʿliq –
impiegati nella scrittura del persiano, e oggi dell’urdu – sembra essere destinata ad
un pubblico indiano. Inoltre il titolo è stato redatto in lingua persiana: “Maqāmāt-i
Hindī” non è grammaticale in arabo (richiederebbe un coniugazione diversa) mentre
lo è nella lingua dell’impero Mughal.
La difficoltà nella lettura di queste opere, cui fa riferimento Bāʿabūd, è parte
– come sostiene Kilito – della poetica del genere. Kilito ha definito tale poetica la
poetica del velo o del crittogramma (Kilito, 1983, pag. 84) la cui fruizione passa
attraverso un ricerca filologica e di decodificazione atta a scoprire “il velo” –
costituito da preziosismi linguistici, arcaicismi e costruzioni sintattiche ricercate –
per poter giungere al significato. L’opera di Bāʿabūd si prefiggerebbe, dunque, di
permettere di eludere tale funzione dando accesso così alla fruizione della forma
della maqāma a chi altrimenti non ne “ne rimarrebbe avverso”. Talvolta, inoltre, oltre
alla forma vengono forniti gli identici contenuti narrativi, con qualche adattamento e
semplificazione, delle maqāma di al-Ḥarīrī e Ṣayqal.
18
1.3 I titoli della raccolta
I titoli della raccolta di Bāʿabūd paiono essere due: al-Maqāmāt al-Naẓriyya e
al-Maqāmāt al-Hindiyya (o Maqāmāt-i Hindī). Tale doppia intitolazione ha fatto sì
che Jaakko Hämeen-Anttila, citando Brockelmann (Hämeen-Anttila, 2002, voce 132,
pag. 395 e voce 156, pag. 399), registrasse la stessa opera sotto due voci.
Dall’edizione critica yemenita, al-Maqāmāt al-Naẓriyya (1999), le due maqāma –
maqāma 19 e 26 – citate nell’antologia Majāmī al-Adab di padre Lwīs al-Yasūʿī (alYasūʿī, 1913, vol. 5 pag 74) e Maqāmāt-i Hindī (1868) sembra però evidente che
sono edizioni diverse dello stesso testo. La doppia identificazione potrebbe essere
stata dovuta ai differenti nomi con i quali è stato registrato l’autore: Abū Bakr b.
Muḥsin Bāʿabūd al-Ḥaḍramī, Abū Bakr al-Ḥusaynī al-Ḥaḍramī e al-sayyd Abū Bakr
b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī
Solo le edizioni indiane, secondo quanto sostiene al-Ḥabashī (al-Ḥabashī,
1999, pag. 5), riporterebbero il titolo di al-Maqāmāt al-Hindiyya, mentre, quelle
yemenite al-Maqāmāt al-Naẓriyya (al-Ḥabashī, 1999, pag. 6).
La prima intitolazione non sarebbe però – secondo al-Ḥabashī – opera
dell’autore. Il titolo originale sarebbe – secondo lui – invece al-Maqāmāt alNaẓriyya. A sostegno di tale tesi ha sostenuto che il titolo al-Maqāmāt al-Naẓriyya
potrebbero essere le maqāma dedicate ad un certo Naẓr, come le al-Maqāmāt alZayniyya di Ṣayqal sono le maqāma che dedicò l’autore a suo figlio Zayn al-Dīn (alḤabashī, 1999, pag. 7) (Nessuno dei figli di Baʿabūd pare essere stato chiamato
Naẓr). Al-Maqāmāt al-Hindiyya – ha sottolineato inoltre – sarebbe un titolo insolito
per un’opera di maqāma: sembra infatti che non vi siano altre raccolte del genere
contenenti nel titolo un toponimo.
L’innovazione di Bāʿabūd, nell’ambientare una raccolta di maqāma nel
contesto inedito dell’India, potrebbe però aver giustificato tale intitolazione
permettendo di sottolineare sin dal titolo la distinzione dell’opera. Maqāmāt-i Hindī,
in persiano, potrebbe essere inoltre segno di un rapporto con i canoni persiani:
mentre i titoli delle opere persiane erano infatti generalmente in arabo, e il testo in
persiano; il testo di Bāʿabūd è in arabo mentre il titolo è invece in persiano.
Uno studio su edizioni anteriori a quelle a cui si è avuto accesso (1264/1847 e
1999) permetterebbe di gettare maggiore luce sulla questione.
19
1.4 La scelta dei nomi nei personaggi delle maqāma di Bāʿabūd
Katia Zakhariya ha sottolineato la presenza di una relazione tra i nomi dei
protagonisti nelle raccolte di maqāma di Hamadhānī, Ḥarīrī e Ṣayqal (Zakharia,
2009, pag. 75). I nomi degli eroi: Abū al-Fatḥ al-Iskandarī (in Hamadhānī), Abū
Zayd al-Sarūjī (in Ḥarīrī) e Abū Naṣr al-Miṣrī (in Ṣayqal) – ha rimarcato –
contengono tutti un aggettivo derivato da un toponimo (al-Iskandarī, l’alessandrino,
al-Sarūjī, di Sarūj e al-Miṣrī, l’egiziano). Inoltre vi è una similitudine tra fatḥ,
conquista, presente nel nome dell’eroe di Hamadhānī e naṣr, vittoria, presente nel
nome dell’eroe di Ṣayqal.
Si può riscontrare nei nomi dei narratori e dei protagonisti delle tre opere però
inoltre un’altra continuità: gli eroi e i narratori – narratori che sono in Hamadhānī
“ʿĪsā ibn Hishām”, in Ḥarīrī “al-Ḥārith ibn Ḥammām”, in Ṣayqal “al-Qāsim ibn Jirāl”
– sembrano essere stati tutti formati sulla stessa forma: Abū al-faʿl per l’eroe e alFāʿil ibn Faʿʿāl per il narratore.
Bāʿabūd imita i suoi predecessori: da ai nomi una forma “morfologica” e
semantica simili a quelle date prima di lui – chiama l’eroe Abū al-Ẓafar al-Hindī
(Abū al-Faʿl) che contiene un toponimo al-hindī, indiano, e ẓafar (successo),
sinonimo di fatḥ e naṣr; chiama il narratore al-Nāṣir b. Fattāḥ (al-Fāʿil ibn Faʿʿāl) che
contiene inoltre le radicali ricorrenti di fatḥ e naṣr e richiama, come ha sottolineato
Katia Zakharia per il nome del figlio di Ṣayqal, il primo versetto della sura al-Naṣr
“idhā jaʾa al-Naṣr wa fatḥ” (Corano, 110:1). Nella scelta della nomenclatura dei
protagonisti dell’opera di Bāʿabūd non pare riscontrabile dunque alcuna innovazione.
2.1 La struttura della maqāma sul piano di singola unità
La maqāma classica presenta una serie di uniformità che si riscontrano a
livello di singola maqāma e ad un livello di opera nel suo insieme la cui struttura,
come ha affermato Kilito, sembra essere estremamente ribelle all’approccio (Kilito,
1983, pag. 114). I paradigmi forniti da Jaakko Hämeen-Anttila e da Stewart
forniscono una sua formulazione. Jaakko Hämeen-Anttila ha presentato la sequenza
narrativa della maqāma di al-Hamadhānī (Hämeen-Anttila, 2002, pag. 45) e al-Ḥarīrī
(Hämeen-Anttila, 2002, pag. 152) come:
20
1. isnad
2. general introduction
- link
3. episode
4. recognition scene (anagnorisis)
5. envoi
6. finale
Devin Stewart invece (Stewart, 2008, pag. 147):
1. The transmitter arrives in a city;
2. Formation of an assembly or gathering for learned discussion;
3. The protagonist enters the assembly;
4. The protagonist undertakes an eloquent performance;
5. Rewarding of the protagonist by the transmitter or other character;
6. The protagonist leaves assembly, which breaks up;
7. The transmitter realizes the protagonist’s true identity;
8. The transmitter follows the protagonist;
9. The transmitter accosts or reproaches the protagonist;
10. Justification by the protagonist;
11. Parting of the two;
12. Departure of the transmitter from the city (implicit).
Il modello di Jaakko Hämeen-Anttila sembra poter essere applicabile – per la
sua generalità – alla quasi totalità delle maqāma. Non viene però fatta distinzione
nella varietà di passaggi interni e snodi narrativi ricorrenti (come il cambiamento del
destino nella narrazione, 2.7, o la maqāma eresiografica e oscena, 2.5.5). Il modello
di Stewart pare invece – per la sua specificità – essere applicabile ad una ristretta
serie di maqāma. Non tutti i passaggi che delinea fanno parte di ogni narrazione,
inoltre, seppur dettagliato, mancano passaggi che caratterizzano molte maqāma. La
sua descrizione potrebbe essere applicabile a quella che Jaakko Hämeen-Anttila
definisce la maqāma filologica, ma – ad esempio – non nella delineazione di quella
che Jaakko Hämeen-Anttila chiama come la maqāma picaresca dove il protagonista
21
può non necessariamente sostenere un performance di eloquenza, o come la maqāma
parenetica dove il protagonista non ha talvolta bisogno come sempre di giustificare la
sua condotta.
Per quanto riguarda le maqāma di Bāʿabūd piuttosto che un paradigma unico,
le sue maqāma paiono essere governate da più modelli. L’autore sembra poter
scegliere tra più varianti e opzioni che hanno una certa ricorrenza all’interno del
genere. Sono presenti delle maqāma (maqāma 4, 7, 16, 19, 28, 31) – di cui potrebbe
essere individuata una struttura comune – che sono ambientate in un tribunale o
presso un arbitro. Le due maqāma, inoltre, che ritraggono una festa nuziale (maqāma
22, 39) sembrano presentare una catena narrativa molto simile.
2.2 l’isnād nella maqāma di Bāʿabūd
Bāʿabūd, come nella maqāma classica, inizia ogni sua narrazione con un
isnād, nel quale informa che al-Nāṣir b. al-Fattāḥ avrebbe riferito quanto segue
(Ḥaddatha al-Nāṣir b. al-Fattāḥ qāla, nelle maqāma pari, e rawā al-Nāṣir b. alFattāḥ nelle maqāma dispari). La catena dei trasmettitori – come ha sostenuto Kilito
per Ḥarīrī e Hamadhāni (Kilito, 1983, pag. 27)– pare rendere l’autore presente nella
narrazione: l’autore riporta le parole di un rawī, che riportano a loro volta le parole di
un protagonista.
L’isnad ha sottolineato Rina Drory dava alla narrazione una parvenza di
verità indispensabile in un contesto letterario, quale quello di Hamadhānī e Ḥarīrī, in
cui la finzione era limitata all’ambito della poesia (Rina Drory, 2000, pag. 37). A tal
proposito ai nomi del narratore e del protagonista dai primi autori furono cercate e
attribuite delle reali identità (Rina Drory, 2000, pag. 27) (Hämeen-Anttila, 2002, pag.
41). Quando scrisse Ṣayqal e Bāʿabūd la finzione pare però far parte del genere e si
può ritenere che l’isnad avesse perso probabilmente le finalità iniziali. È pertanto
probabilmente inutile cercare delle vere identità dietro i nomi del protagonista e del
narratore.
È stato sostenuto che l’utilizzo dell’isnad all’inizio della narrazione potrebbe
essere stato una forma di imitazione e parodia della letteratura degli ḥadīth (HämeenAnttila, 2002, pag. 39) – caratterizzata da un genere che presenta ogni racconto
dietro una catena di trasmettitori. Inoltre, a tal proposito, Jaakko Hämeen-Anttila ha
sottolineato che il nome stesso del genere potrebbe essere una parodia: maqāma –
22
ism makān del verbo qāma (stare in piedi) – pare infatti l’inverso di majlis – ism
makān del verbo jalasa (stare seduti) – che indica le sedute di recitazione degli
ḥadīth (Hämeen-Anttila, 2002, pag. 39).
L’isnad rende inoltre il testo un discorso riportato e permette dunque,
secondo Kilito (Kilito, 1983, pag. 127), di dare all’autore una certa distanza dalla
narrazione. Attraverso l’isnad l’autore può celarsi dietro l’identità di un’altra persona
– anche se fittizia – potendosi così esprimere con una certa libertà anche su
argomenti cui potrebbe essere sottoposto a disappunto come nelle maqāma a
contenuto eresiografico (Kilito, 1983, pag. 166) o quelle a contenuto osceno. L’isnad
creerebbe inoltre, secondo Kilito, un velo che non permetterebbe di sapere – “salvo
ritenere che via sia accordo di opinioni tra autore e narratore” (Kilito, 1983, pag.
167) – le convinzioni e le credenze dell’autore. Bāʿabūd nella sua maqāma sembra
volersi prendere un’ulteriore distanza dal testo relegando anche il ruolo della stesura
della raccolta al narratore: fa infatti riferire ad al-Nāṣir b. al-Fattāḥ nell’ultima
maqāma:
“Questo è l’ultima cosa che vidi, e che sentii di lui, che scrissi e memorizzai.
Spero che non mi biasimiate per l’eccesso o la mancanza, la distrazione o la
dimenticanza”.
2.3.1 Il viaggio nelle città dell’orrore
Il viaggio nella maqāma classica è una componente onnipresente: oltre al
viaggio – in cui si descrive il narratore all’inizio e alla fine di ogni maqāma – talvolta
all’interno degli episodi narrati hanno luogo degli spostamenti (Kilito, 1986, pag.
19).
Il viaggio nella maqāma di Bāʿabūd è compiuto a piedi (maqāma 1, 2, 5, 6, 8,
12, 13, 29), su navi (maqāma 1, 4, 6), con un bastone ed una borraccia (maqāma 3),
su un asino (maqāma 28), su una cavalcatura generica (maqāma 1, 9), da solo
(maqāma 1, 2, 25), in compagnia di letterati (maqāma 26), con mercanti (maqāma
47), con oratori (maqāma 26), con un gruppo del Sind (maqāma 10), con persiani
(maqāma 18), con dei soldati (maqāma 9) o con bizantini (maqāma 17). Il viaggio –
come in al-Ḥarīrī – è spesso estremamente faticoso: al-Nāṣir b. al-Fattāḥ si descrive
giungere alla sua meta solo dopo che “si erano spezzate le redini della pazienza”
23
(maqāma 3), che aveva patito il freddo e l’afa (maqāma 4),che era stato sul punto di
morire (maqāma 1) e generalmente estremamente provato (maqāma 6, 8).
Kilito ha sottolineato che quando furono compilate le prime raccolte di
maqāma il viaggio costituiva un passaggio obbligato nell’acquisizione del sapere
(Kilito, 1986, pag. 196). Il viaggio veniva infatti svolto al fine di poter apprendere da
vari ʿulamāʾ i loro insegnamenti i quali non avrebbero avuto altri mezzi di
circolazione (Akhlaq Ahmed, 1985, pag. 9). Il viaggio era indispensabile nello studio
del Corano, degli ḥadīth e della grammatica specialmente poiché, nelle ricerche
linguistiche dei primi secoli dell’Islam, venivano interrogate le popolazioni beduine
depositarie di un arabo considerato più puro e esente dalle contaminazioni che
caratterizzavano il linguaggio della città (Akhlaq Ahmed, 1985, pag. 18). In Ḥarīrī –
così come in Bāʿabūd – il viandante narratore riferisce talvolta di viaggiare alla
ricerca del sapere: l’adab in tutte le sue forme. A tal proposito il narratore di Bāʿabūd
dichiara di prepararsi per il viaggio una volta venuto a sapere che in una tale città vi
era “un predicatore migliore del sermonista di ʿUkāz” (maqāma 26). In alcune
maqāma va a presenziare alle riunioni di poesia al cospetto qualche emiro (maqāma
19, 13, 28). La ricerca del sapere è inoltre il dichiarato fine del viaggio – ad esempio
– nella sedicesima maqāma la meta è una città dove risiede uno “ʿulama biʾl-yad alṭulā fī ʿilm al-ḥadīth” di un ʿulama che ha una gran erudizione in materia di ḥadīth
(maqāma 16).
Il viaggio nella maqāma non è comunque finalizzato esclusivamente
all’acquisizione dell’adab. Bāʿabūd sembra fornire un riassunto dei moventi
attraverso le parole di Abū al-Ẓafar nella ventiquattresima maqāma. In questa
maqāma un emiro interroga il protagonista riguardo alla causa delle migrazione dei
sudditi di un certo Abū Ṭabla e Abū al-Ẓafar risponde:
«Sappi che coloro che ogni anno escono dalla sua terra sono di tre tipi: (I)
quelli cui il destino ha decretato di indossare la lana dopo che avevano
indossato la seta e di bere il fango e mangiare l’orzo, dopo che aveano
mangiato pietanze con carne e aver bevuto acqua cristallina. (II) Vi sono poi
coloro che sono indotti dalla loro stessa volontà, poiché nell’andare all’estero
vi è il profitto e il commercio. (III) Vi sono inoltre coloro che sono allontanati
dal demonio, le cui funi li hanno raggiunti con la tentazione».
24
In Bāʿabūd l’acquisto e la vendita (II) sono il motivo del viaggio di al-Νāṣir
b. al-Fattāḥ nella trentanovesima maqāma nella quale vuole vendere un ronzino
zoppo, della ventinovesima maqāma si desidera comprare del ferro e nell’ottava
maqāma nella quale vuole vendere stuoie, sete, incensi (e per un ammontare che
mille cammelli non riuscivano a trasportare ad un mercato). Nella ventiseiesima
maqāma l’attività di mercante del narratore emerge, inoltre, quando comunica che –
desideroso di andare in un dato posto – prende con se lo stretto necessario e lascia le
sue mercanzie presso alcuni mercanti con i quali, alla fine della maqāma, si
rincontra. Nella diciassettesima maqāma, invece, è descritto in affari con dei
commercianti che trattano in stoffe.
La miseria e la povertà (I), causata dal continuo cambiamento del destino
(2.7) – come in Ḥarīrī e Ṣayqal – è la causa di viaggio della quinta maqāma, ad
esempio, dove il narratore riferisce che la miseria gli è stata arrecata da un regnante:
“ero in compagnia di un cucciolo di leone del califfo che nessuno poté mai
contraddire e commisi un errore – ogni stallone ha la sua caduta – fu capovolta così
la mia condizione e fu preso quanto mi era stato dato”. Nella settima la miseria è
invece causata – o per lo meno aggravata – dalla guerra: “Si propagarono i beduini
nella maggior parte delle valli. Superarono i valichi e diffusero le guerre. […] Rimasi
allora incollato al suolo come un tappeto per l’asprezza dell’essere nudo e
squattrinato”. Nell’ottava maqāma la povertà è causata da un errore nel commercio:
“Ebbi un’indicazione per l’esercizio di un commercio. Fui afflitto però dalle perdite”.
In alcune maqāma inoltre la miseria è decretata dalla siccità e carestia. La siccità e
l’aridità – talvolta imposta dal gelo – impongono il viaggio alle genti (maqāma 13),
causano il rincaro dei prezzi (maqāma 6, 14) e spingono gli uomini a vendere i propri
figli e a comprarsi carogne, al-mayta, per nutrirsi (maqāma 6)
L’ultimo motivo di viaggio citato nella ventiquattresima maqāma (III) sembra
riguardare il protagonista, Abū al-Ẓafar, il quale è in continua fuga da una frode
all’altra.
Un motivo che si riscontra – non citato nel dialogo della ventiquattresima
maqāma e non presente nelle maqāma di al-Ḥarīrī – è la paura scatenata dalla vista di
presunti flagelli divini, precursori del giorno del giudizio universale, che si abbattono
in alcune città (maqāma 15, 32). Al-Nāṣir b. al-Fattāḥ cerca, talvolta, di scappare
considerando che presto Dio – punendo quelle popolazioni – possa colpire anche lui.
25
L’ultimo motivo di viaggio è dovuto dalla perenne necessità del narratore di
allontanarsi dalla città poiché vede in essa solo nefandezza. Mentre i narratori delle
maqāma classiche – come ha indicato Kilito – sono in ogni loro errare “in una terra
solida” (Kilito, 1983, pag. 22) in cui si trovano a casa e sono ben accetti, quasi ogni
città in cui sono ambientate le maqāma di Bāʿabūd è causa di ansietà e turbamento al
narratore. Nella sesta maqāma, ad esempio, il narratore riferisce: “Quando fui
racchiuso dal suo mercato, la sua trasandatezza mi si rese manifesta. Ne fui esausto.
Mi affrettai al viaggio. […]Infine giunsi a Ḥaīdarabād, focolaio di vizio e
corruzione”. Nella quindicesima maqāma il narratore riferisce di vedere solo strade
anguste in quella città. Nella sesta maqāma il narratore comunica che la città è “una
miniera di vizio e corruzione” mentre nella prima maqāma sostiene che “la maggior
parte dei suoi abitanti [quelli di Surat] sono vili”.
Tale atteggiamento nei confronti delle città indiane potrebbe essere originato
dal sentimento di estraneità che vive il narratore in quanto yemenita – come l’autore
– in una terra che non gli appartiene. A tal proposito viene fatto continuamente
riferimento all’essere forestiero, ghurba, di al-Nāṣir b. Fattāḥ: in alcune maqāma
(maqāma 1, 3) un indiano dà il benvenuto al suo esser straniero, ahlana ghurbatī; in
altre maqāma (maqāma 1, 45) il protagonista descrive al-Nāṣir presso la corte come
uno straniero.
Un'altra causa potrebbe essere il rapporto con l’Islam indiano di cui vengono
presentate delle parodie e critiche all’interno della raccolta (2.5.5). Inoltre, il fatto
che l’ambientazione non è in un contesto di Dār al-Islām (a differenza delle maqāma
di Ḥarīrī) – anche se l’India Mughal non poteva certo dirsi Dār al-Ḥarb – potrebbe
essere tra le cause di questo atteggiamento.
2.3.2 L’ordine delle città nelle maqāma di Bāʿabūd
Nella successione dell’ordine con cui vengono citate le città si potrebbe
rintracciare qualche itinerario consuetudinario e ricostruire le vie classiche di
percorrenza dell’India. Nella maggioranza delle maqāma – come nella maqāma
classica – non sembra possibile ricostruire un itinerario globale che si snoda nella
loro sequenza. I toponimi che danno il titolo alla narrazioni e la loro (probabile)
identificazione sono:
26
1. Sūrat Surat, Gujarat
2. Aḥmad Nakr Ahmednagar, Maharashtra.
3. Bījāfūr Bijapur, Chattisgarh o Bijapur, Karnataka
4. Sukkur Sukkur, Sind
5. Aḥsan Abād Ahsanabad, città alla periferia di Karachi.
6. Ḥaydarʾabād Hyderabad, Andhra Pradesh
7. Aranakaʾabād Aurangabad, Distretto di Aurangabad
8. Barhānabūr Burhanpur, Madhya Pradesh
9. Lāhūr Lahore, Punjab
10. Sahranad Sirhind, Punjab
11. Tanīsir
12. Karnāl Karnal, Haryana
13. Shāhjān Abād Shahjahanabad, divisione di Bhopal, Madhya Pradesh
14. Akbar Abād Akbar Abad, Gujrat
15. Bānī Bat /Pānī Pat Panipat, Panipat
16. Aḥmad Abād Ahmedabad, Gujarat.
17. Marād Abād Moradabad, Uttar Pradesh
18. Banāris Banares, nota anche come: Varanasi, Uttar Pradesh
19. Jūnbūr Jaunpur, Uttar Pradesh
20. Multān Multan, Pakistan
21. Azmīr Izmir Town, Lahore, Punjab
22. Kashmīr Kashmir, Punjab
23. Bankāl Bengala (regione)
24. Fitn
25. Quwalīr (Ghawālīr) Gwalior, Madhya Pradesh
26. Ṣarnaj
27. Bārah Barahi, Bihar
28. Shams Abād Shams Abad, Punjab
29. Narūl Narowal, Punjab
30. Allāh Abād Allahabad, Uttar Pradesh
31. Wajīn
32. Daqlūr
33. Adūn Adoni, Andhra Pradesh
34. Kanūr Kanuru, Andhra Pradesh
27
35. Ẓafar Abād Zafar Abad, Punjab
36. Kunbāy Kombai, Tamil Nadu
37. Yarnakar
38. Rasūl Nakr Rasul Nagar, Punjab
39. Burūj
40. Barīlla Barilla, Punjab
41. Matar Matar, Gujarat
42. Rāzfūr Rajapur, Maharashtra
43. Barār Barari, Bihar
44. Nāqin Nagina, Uttar Pradesh
45. Kaliyān Kalyani, Bengala
46. Marshad Abād Murshidabad, Bengala
47. Haqlī Bandar
48. Jannīr junner, Ahmadnagar, Maharashtra
49. Sanqamar Sangamner, Maharashtra
50. Siyālkūt Sialkot, Punjab
Un ordine sembra ravvisarsi, però, tra la prima e l’ultima maqāma. La prima
costituisce l’ingresso in India del narratore il quale racconta il suo viaggio a bordo di
una nave straniera che percorre il tratto dallo Yemen al porto di Surat. L’ultima
maqāma, invece, sembra segnare l’uscita del narratore dal sub-continente Indiano.
Syalkūt, tappa della via della seta, sembra essere infatti la città più a occidente
dell’intera raccolta. Tal elemento potrebbe suggerire la fine della permanenza nel
sub-continente, tanto sofferta dal narratore, e la conclusione della raccolta indiana.
Una certa corrispondenza nella scelta della locazione dell’ultima maqāma
sembra riscontrarsi con l’opera di Ḥarīrī. La scelta di Syalkūt potrebbe costituire un
simbolico ritorno all’Islam: Sarūj l’ultima città di Ḥarīrī – come ha affermato Kilito
(Kilito, 1983, pag. 234) – pare essere stata scelta poiché in essa, nel periodo della
stesura delle maqāma l’Islam si era reimposto dopo una breve transizione sotto i
crociati, similmente Bāʿabūd potrebbe aver imitato tale scelta segnando con Syalkut
un ritorno all’Islam.
Anche se nella maqāma classica non è riscontrabile alcuna traccia che
permette il riconoscimento della città in cui è ambientata, in due maqāma di Bāʿabūd
qualche indizio pare essere riscontrabile.
28
Nella venticinquesima maqāma quando descrive la fortezza carcere, si
riferisce sicuramente al celebre forte di Gwalior (di cui il titolo della maqāma).
Nella maqāma trentatreesima maqāma invece descrivendo una moschea:
Vidi la moschea rivestita d’oro. Era stata costruita dal raʾīs degli abissini.
Notai che l’aveva costruita su stili meravigliosi e modelli particolari di cui, a
chi descrive, è impossibile trattare. Chi vi si ferma per lo scintillio non sa se
viene da innanzi a lui o da dietro di lui.
Potrebbe probabilmente riferirsi a una moschea di Adoni (Andhra Pradesh) – città
che fa da sfondo alla maqāma o potrebbe riferirsi alla moschea ad Ahmedabad – in
Gujarat, dove visse l’autore – costruita sotto il sultano di origine abissina Shams alDīn Muẓaffar Shāh III (m. 899/1494).
2.3.3 La maqāma geografica
Un contenuto geografico è fornito in due maqāma della raccolta di Bāʿabūd
(maqāma 30, 42). Nella maqāma classica tal elemento era probabilmente
un’imitazione – come ha sottolineato Kilito (Kilito, 1983, pag. 22) – della letteratura
geografica in particolare al-Muqaddasī (336/947-380/990).
Nella maqāma geografica di Bāʿabūd il protagonista, che si presenta come un
viaggiatore, viene interrogato da un emiro riguardo a quanto ha visto – iʿyān (Kilito,
1983, pag. 23) – nel suo peregrinare. Il protagonista fornisce dunque una lista delle
meraviglie dei paesi e delle qualità che vi ha riscontrato. Nella trentesima maqāma
riferisce:
Per quanto riguarda la legalità e la sharīʿa non ho visto nessuno migliore
delle genti del Ḥijāz. Nelle scienze nascoste ed evidenti non ho visto più
sapienti della gente d’Egitto e del Cairo. Per purezza di cuore e l’astensione
dalla sporcizia non ho sentito migliori della gente dello Yemen. Per quanto
riguarda la raffinatezza dei vestiti e del mangiare non ho visto meglio della
29
gente dell’Iran e del levante. Per quanto concerne l’asprezza e l’austerità non
ho visto simili alla gente della valle di Samāwa5…
Tale attitudine nel presentare le città per una qualità generale è ripetuta nella
quarantesima maqāma dove descrive l’India:
La cosa più meravigliosa che vidi [in India] è che mi apparve una donna che
pregava. Tra le meraviglie del tempo: una donna a Lāhūr leggeva il Corano.
Vidi a Dakn due uomini litigare senza ragione e che continuavano a dibattere.
Vidi a Bījāfūr una donna che mostrava mostruosità. Vidi un uomo della gente
di Tatah camminare nel deserto e tralasciare la preghiera. Vidi una donna
fedele al marito a Shāhjahān Abād…
2.4.1 La continua metamorfosi dei personaggi all’interno delle maqāma
L’espediente che permette nella maqāma il continuo riconoscimento da parte
del narratore del protagonista è la sua continua metamorfosi (Kilito, 1983, pag. 28).
Il protagonista della maqāma si traveste in ogni narrazione, e non può così essere
riconosciuto dal narratore per la sua fisionomia, ma solo per le sue azioni che si
distinguono per immoralità e nefandezza. Tra i travestimenti del protagonista e del
narratore – il quale narrando la maqāma è sempre riconoscibile – ricorrono: il
mendicante (maqāma 2, 8, 10, 13, 16, 18, 21, 23, 26, 28, 34, 36, 37, 40, 41, 43, 46),
il vecchio (maqāma 1, 4, 6, 7, 11, 15, 19, 24, 30, 31, 35, 38, 46, 48, 49, 50), il
giovane (maqāma 12, 23), l’interprete (maqāma 17), il medico (maqāma 20), lo
sposo (maqāma 22, 39), il cortigiano (maqāma 25, 33), il benestante (maqāma 37), il
mercante (maqāma 8, 27, 29, 39), l’emiro (maqāma 9, 14, 47), il carceriere (maqāma
25), il prigioniero (maqāma 25, 44, 45) l’eremita (maqāma 5), il servo (maqāma 30)
e il sermonista (maqāma 3, 26, 42).
Nelle maqāma di Bāʿabūd, oltre ai mascheramenti canonici, sono presenti
inoltre alcuni travestimenti indiani. Tra i travestimenti indiani nella trentasettesima
maqāma il protagonista si presenta nelle vesti di un predicatore induista:
5 Samāwa, Samawa, è una città irachena.
30
“Lo vidi una sera. Aveva cambiato la sua fisionomia e si era raso la barba.
[…] Si era stretto una fascia alla vita. Si era messo il rosario dell’idolatria nel
petto. Le donne si riunivano presso di lui e lui parlava e chiacchierava molto.
Chiacchierava nella lingua dei Barāhama e sul suo capo aveva avvolto un telo
giallo” (maqāma 37).
Nella quinta maqāma invece Abū al-Ẓafar è mascherato da santo musulmano
adorato da una grande schiera di fedeli che gli si prostrano e lo adorano.
Nell’undicesima maqāma è un eremita musulmano indiano. Nella tredicesima
maqāma il protagonista si presenta inoltre come uno di casta brahmana: “per la
casta, [qawm] sono dei brahmani, quelli che sono esperti nella scienza delle stelle”.
Il riconoscimento alla fine di ogni maqāma avviene – come per Ḥarīrī – sia
attraverso l’inseguimento di Abū al-Ẓafar (Jaakko Hämeen-Anttila, 2002, pag. 152)
da parte del narratore ma anche – come per l’innovazione di Ṣayqal (Jaakko
Hämeen-Anttila, 2002, pag. 331) – attraverso le missive che il protagonista lascia al
narratore informandolo sulla sua identità. I messaggi sono lasciati su un biglietto
timbrato (maqāma 47), incisi con una spada su una porta (maqāma 40) o dipinti su
un muro in grafia rayḥān o ghubār (maqāma 20) e, con ironia, sulla “buccia di una
cipolla o di un aglio” (maqāma 35).
2.4.2 L’episodio della maqāma: la tawriyya
Il principio che governa la figura retorica della tawriyya guida – come
afferma Kilito – lo svolgimento narrativo della maqāma classica (Kilito, 1983, pag.
226). “La tawriyya è un’espressione che ha due significati: uno è vicino – un
significato apparente ma non quello inteso – e uno è lontano ed è il significato
nascosto a cui si mira” (Kilito, 1983, pag. 220). La tawriyya nella maqāma è il
passaggio tra numerose erronee interpretazioni fino all’interpretazione corretta. Così
come nella tawriyya l’auditore passa attraverso una prima falsa interpretazione del
significato (Kilito, 1983, pag. 214) così il protagonista di Ḥarīrī, rileva Kilito, viene
riconosciuto con un’immagine che in un primo tempo differisce dalla vera immagine
che si rivela in seguito alla fine della maqāma. Il narratore e gli altri personaggi
presenti arrivano a comprendere la verità di quanto sono testimoni solamente dopo
un iniziale passaggio per errate valutazioni.
31
Nella maqāma di Bāʿabūd un primo errore interpretativo del protagonista e
dei suoi compagni è presentato nell’interpretazione delle parole di coloro che lo
invitano ad andare in una certa città. Le città sono infatti descritte per delle qualità
che si rivelano non essere tali. Questo errore viene puntualmente riconosciuto dal
narratore che riferisce: “quando vi entrai e considerai, ecco le sue case erano
baracche” (maqāma 1); “ecco vidi così la strettezza delle strade e la torbidezza degli
abbeveratoi” (maqāma 15).
Il narratore, e i suoi compagni, si sbagliano puntualmente sul conto del
protagonista: al primo incontro in ogni maqāma Abū al-Ẓafar – che si presenta
spesso in misere vesti – non viene preso in considerazione: “oh emiro non rivolgetevi
a questo povero miserabile! Non avete visto la sozzura delle sue vesti e l’untura della
sua pelle?” (maqāma 34), “non lo presero in considerazione per la miseria delle sue
vesti” (maqāma 13), e “volevano screditarlo per la lordura della sua pelle” (maqāma
34). Il protagonista però fa ricredere gli astanti riguardo alla loro errata
interpretazione sul suo conto dimostrando la sua loquacità ricordando ad esempio,
l’ḥadīth: “L’uomo è celato sotto la piegatura della sua lingua non sotto la sciarpa
[che si porta al capo]” (maqāma 3). Il protagonista stimato per la sua competenza
nelle lettere produce così nei presenti un’altra errata interpretazione. Questi credono
che sia una persona proba e onesta ma la sua vera faccia si svela al narratore quando
realizza il suo imbroglio alla fine di ogni episodio: “ecco! Era Abū al-Ẓafar l’indiano
celebre per le sue brutture e ignominie (maqāma 4), “Ecco, era il famoso Abū alẒafar l’indiano, conosciuto per la sua immoralità e la sua depravazione” (maqāma 6),
“In quell’istante compresi: era Abū al-Ẓafar, quello delle sciagure e della miseria”
(maqāma 7), “capii che lui era il pastore di vacche, Abū al-Ẓafar” (maqāma 28).
L’interpretazione finale, la fine della tawriyya a livello di singola maqāma, si
renderebbe concreto quando il protagonista, considerato un impostore, si giustifica –
venendo così talvolta perdonato dal narratore – dicendo che è un uomo misero e che
se non rubasse, vivrebbe nella miseria più cieca. Il protagonista fornisce così la sua
immagine finale. Nella decima maqāma si giustifica ad esempio dicendo:
«Per Colui della cui discrezione dipende il benessere o la ristrettezza! Se vi
avessi chiesto con sincerità, non mi avreste dato neanche una scheggia. Se
avessi chiesto con affetto, non mi avrebbero elargito che quelli di voi con più
cuore. Se non fosse per questo stratagemma, avrei perso la speranza. Il più bel
32
modo per chiedere, è quello che ti adorna per l’aldilà. Questo è il mondo, il
fallace. Non porta che alla menzogna”.
O come nella seconda maqāma: “se non facessimo come fanno gli scellerati,
vivremmo come bestie per la fame”.
2.5.1 La maqāma filologica
Ogni maqāma ha un contenuto filologico: il protagonista ottiene, quasi in
ogni narrazione, ciò a cui ambisce attraverso delle performance di eloquenza.
La maqāma filologica viene definita genericamente da Hämeen-Anttila come
la maqāma in cui l’interesse filologico è la base di una parte della maqāma (HämeenAnttila, 2002, pag. 58). Tale interesse filologico si esplicita nella presentazione
all’interno della narrazione di questioni letterarie, di gare di poesia e di discussioni su
poeti e letterati.
In Bāʿabūd all’interno di questo genere si possono riconoscere tre cornici
attorno questo interesse.
L’espediente che porta alla presentazione di questioni filologiche è (maqāma
4, 19) la citazione in giudizio presso un qāḍī da parte del protagonista riguardo
l’originalità di un verso poetico. Lo shaykh Abū al-Ẓafar inscena una diatriba con
suo figlio la quale non riesce a essere risolta dal giudice. In queste maqāma il
protagonista portando in tribunale suo figlio dichiara di aver speso tutta la sua
esistenza nella sua formazione e malgrado ciò il figlio gli ha derubato qualcosa. Il
giudice infine, pur di risolvere la questione, risarcisce entrambi o consegna ai due
una somma di denaro che devono dividersi autonomamente. Il contenuto filologico è
costituito dall’esame che il giudice dispone per poter risolvere la lite. Il protagonista
e il suo socio recitano così alcune poesie secondo le indicazioni dell’autorità.
In alcune maqāma (13, 16, 21, 49) il narratore assiste inoltre a una
discussione di poesia presso la corte di un wālī o un governante. La questione che
viene dibattuta sembra non avere soluzione fino a quando il protagonista interviene.
Grazie a questa prova di erudizione il protagonista ottiene credito, una veste d’onore
e denaro. Le questioni che vengono dibattute ripetono un indirizzo riconosciuto da
Kilito per Ḥarīrī (Kilito, 1983, pag. 133): vi è infatti un’attenzione per il particolare o
per delle questioni estremamente generali.
33
Tra i dibattiti su elementi specifici e particolari – ad esempio – nella
sedicesima maqāma viene dibattuta l’attribuzione di un verso di Abū Tammām:
«Mai sentii uomo esser sincero come sincero è Abū Tammām: “Diceva a
Qawmas il mio compagno, che già avevamo / Percorso il cammino guidando
la marcia delle cavalcature: / È dove sorge il sole che vuoi portarci? / Risposi:
No! ma dove sorge la generosità6”. Gli disse allora un uomo: «Oh sciocco, oh
uomo di debole trasmissione, non sai che questi sono rubati a Ṣarīʿ alGhawānī7? È noto al lontano e al vicino! Le parole sono queste: “Diceva il
mio compagno, che già era divenuto aspro per noi il viaggio / E le cavalcature
avanzavano e presso i cavalieri erano le briglie, / È dove sorge il sole che
vuoi portarci? / Risposi: No! ma dove sorge la liberalità”.
Nei dibattiti su questioni generali nella tredicesima maqāma presso una
bettola Abū al-Ẓafar risolve la lite scatenata al che uno afferma:
«Com’è fine il verso degli arabi e come lo è quello che porta all’estasi!
Com’è sincero il verso della gente di rango! Com’è mendace presso gli
uomini delle lettere!» Dissentirono allora come i nemici e litigarono come
quelli che si odiano. […] Disse Abū al-Ẓafar: «Ascoltate e accontentatevi
dell’errore. La miglior espressione è quella che è breve e indicativa. Il più
fine dei versi è quello del re errabondo8 ed è quello che porta all’estasi nella
bella assemblea. Se se ne decide l’ascolto nelle riunioni, è il più piacevole
6 La stessa questione riguardante l’attribuzione di questi versi (presentata in questa maqāma) è stata
trattata anche da ibn Khallikān (608/1211-681/1282). Data la corrispondenza dei due versi presentati
(yaqūlu fī Qawmas ṣaḥbī wa qad akhdhat / minnā al-surā wa khtā al-mahrya al-qawdi / a maṭlaʿ alshams tanwī an tu’am binā / faqultu kallā wa lakin maṭlaʿ al-jawd; e i versi: yaqūlu ṣaḥbī wa qad
jaddū ʿalā al-ʿajl / wa al-khayl tastannu bi’l-rukbān fī al-sujmi / a magrab al-shams tanwī an ta’um
binā / faqultu kallā wa lakin maṭlaʿ al-karm”) l’autore potrebbe aver attinto da questa fonte (Wafayātu
al-Aʿyān, a cura di Iḥsān ʿAbbās, ed. 1968 vol.3, pag. 83, voce 343 “ʿAbd Allah b. Ṭāhir”. Di cui la
traduzione: Mac Guckin de Slane, 1843, Ibn Khallikan’s Biographical Dictonary, vol. 2, pag. 49,
voce, nella traslitterazione di de Slane, “Abd Allah ibn Tahir”). Il verso di Abū Tammām è anche in:
Sharḥ Dīwan Abī Tammām, a cura di Abū Zakariyā Yaḥyā b. ʿAlī Khaṭīb al-Tibrīzī, ed. 1994, vol. 2
pag. 517.
7 Ṣarīʿ al-Ghawānī è Muslim b. al-Walīd al-Anṣārī morto nel 208/824.
8 Il rè errabondo è il poeta preislamico Imrū’ al-Qays b. Ḥujr al-Kindī (520-560).
34
all’udito. Quanto al verso più vero, è quello di Labīd9. Mentre il verso più
mendace è quello di al-Muhalhal al-Mushīd10».
Il contenuto filologico viene fornito inoltre nel contesto dell’assunzione da
parte di un regnante di un poeta o di un segretario. Per potersi guadagnare il ruolo, il
figlio di Abū al-Ẓafar da sfoggio della sua eloquenza e improvvisazione poetica.
Nella quarantottesima maqāma il protagonista interroga in versi il figlio riguardo a
delle questioni di diritto:
In quell’istante allora l’uomo si alzò sui suoi piedi e indicò suo figlio: «Che
cosa dice l’imām del tempo nostro signore / Riguardo al malato estenuato dal
desiderio e dal pensiero? / Gli è permessa la rappresentazione della sua amata
/ Nel suo cuore? o sostenete che la sua azione è una pericolosa?» Si affrettò il
ragazzo alla risposta e disse senza esitazione e titubanza: «Dico che per la
rappresentazione dell’amato non vi è obiezione / E su ciò non v’è dubbio ed
esame. / Tratta il divieto di rappresentazione quanto si legge / Negli ḥadīth e
abbiamo detto che è reso noto ciò che è nocivo».
2.5.2 La maqāma picaresca e della mendicanza
Jaakko Hämeen-Anttila riconosce che nella sua suddivisione non vi è talvolta
una distinzione netta tra maqāma picaresca e della mendicanza. Picaresca è infatti
una letteratura “relativo a un genere letterario sorto in Spagna nella seconda metà del
sec. XVI […], caratterizzato dalla descrizione delle avventure dei picari, popolani
furbi, imbroglioni e privi di scrupoli” (Treccani, 2012, voce picaresco).
Quasi ogni maqāma – come per la maqāma filologica – può dirsi picaresca: in
ogni narrazione (salvo le maqāma 26, 42, 50) ha infatti luogo un imbroglio di
mendicanti “picari”.
In Bāʿabūd pressoché in ogni maqāma il protagonista, ottenuto credito e
considerazione attraverso la sua loquacità, lamenta la necessità di denaro per poter:
sfamare i propri figli (maqāma 6), per far sì che la moglie non lo abbandoni
9 Labīd, Abū ʿAqīl Labīd b. Rabīʿa, è un poeta preislamico (560- 41/661).
10 Al-Muhalhal al-Mushīd è un poeta preislamico (m. 531).
35
(maqāma 2), per poter compiere il pellegrinaggio (maqāma 16), per seppellire un
figlio (maqāma 10).
Il raggiro è realizzato, inoltre, ogni volta che un emiro invia il protagonista –
per una qualche commissione – con del denaro (maqāma 24, 29, 40). Il protagonista,
allontanatosi sufficientemente dal regnante, si appropria dei suoi averi.
Talvolta Abū al-Ẓafar, non effettuando alcuna performance retorica, presenta
il narratore o il figlio al cospetto di un regnante come un poeta di altissimo rango
ottenendo così – senza dover dimostrare quanto falsamente affermato – che venga
premiato il presunto poeta (maqāma 1, 45).
Un altro imbroglio viene realizzato dal protagonista allorché, creato il
desiderio all’interno di un gruppo per una certa meta, conduce gli ignari nella sua
trappola e li deruba di tutti i loro averi e cavalcature (maqāma 5, 8, 10, 12, 18). Tale
desiderio viene originato nella quinta maqāma dall’invito al villaggio del
protagonista giustificato dalla pericolosità del luogo dove stanno soggiornando.
Nell’ottava maqāma il narratore e le sue mercanzie vengono spinti per una strada che
conduce al castello di Abū al-Ẓafar, dal quale i suoi averi non avranno più uscita.
2.5.3 La maqāma parenetica
L’elemento parenetico è costantemente presente nella maqāma: in Bāʿabūd
oltre che maqāma in cui si presentano interi sermoni, khuṭba, sono ricorrenti le
esortazioni religiose e gli appelli alla fede. Sono inoltre spesso citati ḥadīth e versetti
coranici a spiegazione e commento di quanto viene narrato. Al termine di ogni
maqāma il narratore, spesso attraverso un verso del Corano, comunica
l’insegnamento che ha ricevuto dalla sua sfortunata esperienza.
La maqāma parenetica, come sottolinea Kilito, presenta una sorta di parodia
poiché spesso viene coniugato l’argomento religioso a una finalità materiale (Kilito,
1983, pag. 49). Le maqāma parenetiche di Bāʿabūd si potrebbero riconoscere dal
fatto che il protagonista proferisce un sermone all’interno di una moschea (maqāma
3, 26), nelle khuṭba quando vengono citate dallo sposo nel contesto del matrimonio
(maqāma 22), o quando vengono proferiti dei sermoni da uomini – i quali sono
sempre Abū al-Ẓafar – apparentemente in fin di vita nell’agonia della morte
(maqāma 6, 8, 50) e un monito religioso viene infine fornito dal protagonista
all’interno di una corte (maqāma 42).
36
Il contenuto delle prediche è il consiglio di impegnarsi in vista del giorno del
giudizio: “guardati dal mondo e ricordati del tormento per il giorno del giudizio e
guardati dalla disubbidienza al Creatore del cielo e della terra” (maqāma 3). Viene
inoltre ripetutamente raccomandato il distacco nei confronti del materiale e del
modano (maqāma 3, 6, 26, 50): “Ciò che nel mondo è prezioso è insignificante. Ciò
che in lui è unione è dispersione. Dopo di lui vi è la morte. La sua natura umilia ciò
che è sublime e innalza ciò che è vile. Beato è chi se n’è separato e l’ha
abbandonato” (maqāma 3). Similmente nella cinquantesima maqāma:
Temete il Creatore della terra! Ricordate la morte al mattino e alla sera,
sappiate che irrompe tra gli uomini come le canizie nei giovani e le mosche
nei cibi e bevande dolci! Chi conosce il mondo non gioisce in esso poiché
non è al sicuro dal flagello.
Viene messo in guardia la corruzione del mondo e dalla decadenza della religione
(maqāma 26):
L’Islam è divenuto come aveva detto – che lui abbia sollievo – “è iniziato
l’Islam straniero e tornerà straniero11”. Il più vile è stato reso il più alto e il
più alto è stato reso il più vile. […] Non resta dell’Islam che il suo nome e
della religione non resta che il suo disegno. Voi, servi di Dio, non siete
innocenti per la negligenza nel cambiare ciò. Non siete assolti del biasimo per
ciò che vi è là. Pentitevi dunque e rendete retto il vostro pentimento prima
della chiusura delle porte e prima che il sole sorga da occidente».
Viene invitato ad accumulare la ricchezza oltremondana – le buone azioni che
vengono pesate nel giorno del giudizio (maqāma 8, 11): “È necessario accumulare e
accumulare ciò che porta alla felicità ultraterrena” (maqāma 11).
Mentre Ḥarīrī, come ha sottolineato Kilito, ha rispettato un ordine nella
presentazione di queste maqāma (la maqāma parenetica è la prima di ogni decina) in
11 “Bada’a al-Islām gharīban wa sayaʿud gharīban”, “è iniziato l’Islam straniero e tornerà straniero”,
è un ḥadīth (Abū ʿAbd Allah Muḥammad b. Salāma al-Qaḍaʿī, Musnad al-Shihāb, ed. 1985, ḥadīth
1054, vol. 2, pag. 139).
37
Bāʿabūd non sembra presente alcun ordine (maqāma 3, 6, 8, 11, 15, 22, 26, 32, 42,
50).
Un filone inedito in Ḥarīrī è la maqāma a contenuto apocalittico. In queste
narrazioni (maqāma 11, 15, 32) il narratore descrive i segni del giorno del giudizio
che si manifestano nelle città e che lo spingono alla fuga presso un eremita con cui
intercedere presso Dio al fine della salvezza. L’eremita, Abū al-Ẓafar, prega allora
attraverso una poesia ed elargisce dei consigli riguardo alla salvezza. I segni che
emergono vengono descritti:
Quando giunse il tempo del tramonto fui colto allora da un vento da
occidente. Spaccò le serrature e recise i legacci delle tende. Erano sul punto di
crollare i castelli, i minareti, le tende e nel mentre quanti erano prostrati e
inginocchiati. Quando i pioli delle tende furono sradicati, credettero fosse un
vento passeggero. Seguì allora una pioggia con gelo e grandine. Fu fatto
sedere chi era in piedi e fu fatto alzare chi era seduto. Crebbero i pianti e i
lamenti. Infine arrivarono a ritenere fosse il diluvio di Noè (maqāma 11).
Il diluvio è descritto anche nella quindicesima maqāma: “Quando fu notte il cielo
mandò quindi un acquazzone. Non rimase valico che non fosse stato allagato”.
Tra i consigli dell’eremita vi è quello: “Leggete più volte la sura al-Quraysh:
lei è la salvezza di chi ha paura e il diletto dell’esistenza” (maqāma 11). Nella
maqāma trentadue il suggerimento è fornito con le parole: “Beato l’uomo che passò
la notte considerandoli e si deliziò in quel tempo con il Corano”.
2.5.4 La maqāma panegirica, di vituperio ed elogio funebre
L’elemento panegirico della maqāma classica sembra essere stato riprodotto
da Bāʿabūd negli elogi che presenta al regnante etiope ʿAmbar (956/1549–
1035/1626) – menzionato come “Mālik ʿAnbar Shanbūsanjis” (al-Muḥibbī, 2007,
vol. 2, pag. 230) – che quando scrive l’autore era morto da 86 anni. Nella
trentatreesima maqāma viene riferito: “Non avevo ancora visto le sue donne che
chiesi misericordia per il re ʿAnbar” e nella quarantaduesima maqāma il narratore è
descritto andare alla ricerca di un al-Ḥabashī – secondo al-Ḥabashī (al-Ḥabashī,
38
1999, pag. 271) si tratta di ʿAmbar – e ricevere da lui aiuto. Inoltre nella narrazione
dell’episodio da prova di essere una persona estremamente munifica.
Vi è inoltre un elemento di vituperio che viene reso attraverso la descrizione
dell’assassinio di due regnanti (maqāma 9, 14). Nella nona maqāma sono descritte le
violente lotte di successione alla morte di Bahadur Shah I (m. 1124/1712):
Poveri gli abitanti del paese è morto il loro sultano, hanno perso il loro uomo.
I suoi figli si sono preparati alla guerra. Hanno fronteggiato con i loro petti
trafissioni e percosse. Si sono armati ed erano nel periodo noto per il suo
divieto. Il più grande di loro ha chiesto l’aiuto del ministro e ha preso così i
tre col complotto. Sono stati uccisi in modo orribile. Sono stati seppelliti nella
terra per la tumulazione. Sono stati fatti prigionieri donne e bambini e ci si è
appropriati delle loro ricchezze. Si è seduto inconstrastato sul trono del re
senza simili e difensori. È uscito poi diretto alla terra del califfato, nel paese
più al sicuro dalla paura.
Similmente nella quattordicesima maqāma – nella quale l’identificazione del
regnante è meno chiara:
Entrai ad al-Ākar. Era abitata da un po’ di tempo da diversi re. Si erano riuniti
presso di lei due regnanti che litigavano come dei neri. La maggior parte dei
loro eserciti era di stranieri e indiani. Per la gente del paese la situazione era
angusta. Erano cresciuti i prezzi e il dissenso. Il più grande dei due re amava
le donne e i divertimenti non conformi ai comandamenti, quelli che erano al
massimo grado di divieto. Quando si scontrarono le linee, e tintinnarono le
spade nelle lotte per i vertici, il grande scappò desideroso di incontrarsi con
sua moglie. Fu dunque raggiunto e ucciso nel più infame dei modi, in un
gesto che servisse alla divisione e all’unione.
Inoltre viene compiuto un elogio funebre per Bahadur Shah I (maqāma 9) e
similmente è onorata la morte di un regnante nella quattordicesima maqāma.
39
2.5.5 La maqāma eresiografica, la maqāma oscena
Come ha indicato Kilito l’utilizzo di un discorso riportato – permesso
attraverso un isnād che ovunque all’inizio di ogni narrazione – produce l’effetto di
permettere una certa distanza all’autore dal testo (Kilito, 1983, pag. 27). Tal
espediente caratterizzava anche la compilazione delle opere eresiografiche (Kilito,
1983, pag. 166) permettendo, infatti, a fine denigratorio, la trattazione di quanto non
sarebbe stato conveniente parlare e scrivere.
In Bāʿabūd l’elemento denigratorio delle eresie islamiche trova una larga
trattazione. All’interno dell’opera le critiche sono sollevate al culto islamico indiano
delle tombe (maqāma 46), al culto dei santi (maqāma 5), allo sciismo (maqāma 22,
31), alla pratica del matrimonio temporaneo dello sciismo imamita (maqāma 38), al
kharijismo (maqāma 27) e all’induismo (maqāma 37).
Bāʿabūd presenta – nella quarantaseiesima maqāma – i musulmani dell’India
accorrere per adorare la tomba adornata di un cane: Abū al-Ẓafar e suo figlio, in
possesso di un cane in fin di vita, lo portano in pompa magna all’interno di una cassa
presso il mercato di una città dopo essersi cosparsi di terra il capo. Qui, piangendo la
finta morte del più meritevole degli uomini, la gente comincia ad adorare questa
cassa. Inoltre le genti “passavano tutte le notti a leggere il Corano là sopra”. Il
protagonista ottiene così di costruire un mausoleo provvisto di un edificio per le
elemosine e poter così gestire i capitali che gli vengono offerti (oltre 200 dīnār al
giorno). La maqāma si conclude allorchè la fortuna della tomba viene meno una
volta scoperti quando litigando con il figlio, il protagonista riferisce di aver seppellito
il cane. Un uomo che origliava informò il wālī e il giudice a riguardo e questi
disposero la sua distruzione con picconi di ferro. Bāʿabūd sembra inoltre spiegare
l’efficacia delle tombe in India nel fornire miracoli asserendo:
La cosa strana era il fatto che non veniva alla tomba che colui che aveva delle
necessità che non le avesse ottenute, non veniva donna che volesse bambini
che non fosse incinta. Chi girava alcuni giorni esaudiva le sue speranze.
Il culto dei santi è presentato nella quinta maqāma in cui una folla di persone
si riuniscono presso un uomo e a quest’uomo s’inginocchiano e si prostrano al suolo.
40
Il narratore che comprende la devianza viene così rimproverato dall’uomo che
giustifica l’eresia dicendo:
«Non criticare colui di cui non conosci la natura e che eccede nel glorificare e
magnificare! Si prostrano infatti al suolo in direzione della nobile casa e verso
il suo sublime angolo destro. Tu non li hai visti, giacché ciò che conta è la
vista interiore, non quella dell’apparenza. Per questo motivo accetta i santi, e
quanti uomini sono!»
Il santo, wālī, deruberà infine tutti i suoi seguaci.
Lo sciismo viene citato all’interno dell’opera più volte. Nella ventiduesima
maqāma il narratore – come metafora di un’attesa sterile e insensata – riferisce
“aspettarono la sua venuta come attendono gli sciiti l’avvento del Qaʾim”.
Nella trentunesima maqāma il protagonista e suo figlio umiliano un regnante
– in lutto per la celebrazione di ʿĀshūrāʾ – spacciando per poesia delle frasi senza
senso e mettendo così in luce la sua ignoranza.
Il matrimonio temporaneo permesso nello sciismo imamita è presentato nella
trentottesima maqāma ed è reso in forma sarcastica. In questa maqāma il narratore
cerca di aiutare il protagonista a trovare moglie. Non riuscendo nel suo intento
chiede “a mo’ di prestito” (maqāma 38) la serva di un imam imamita per poter
soddisfare i suoi piaceri. La parodia sembra accentuata inoltre dalla richiesta
dell’imam – a suggello dell’affare – della redazione di un contratto:
“Dichiaro di essere il più vile degli uomini indiani: Abū al-Ẓafar. Ho preso
questa donna da questi uomini per il mio soddisfacimento. La restituirò dopo
l’esaudimento del mio desiderio”.
Il kharijismo è presentato nella ventisettesima maqāma. In questa narrazione i
kharijiti opprimono una città propagando la loro “devianza” dall’ortodossia. Il
protagonista riesce a convincere il regnante ad agire militarmente nei loro confronti
ottenendo così l’obbiettivo di liberare la città da loro.
L’eresia induista, infine, è presentata in due contesti. In uno viene descritto il
rogo delle vedove:
41
È tra i loro costumi aberranti che, se la donna si dà fuoco con suo marito,
muore secondo il credo giusto. Nel luogo del rogo costruiscono una cupola
elevata. La cospargono di profumo e il ghāliyya12. Quando si accingono a
bruciarli, e hanno deciso la loro separazione, costruiscono con le frasche una
solida cupola. La circondano dunque affinché la donna non tema e non desista
dalla decisione. La donna riceve allora i suoi gioielli e le sue vesti dopo il
congedo dei suoi parenti e della sua famiglia. Siede nel mezzo della legna e il
cadavere è posto sulle sue gambe. La gente la guarda e ne sono orgogliosi. Si
appicca infine il fuoco dai quattro lati. Fra gli uomini c’è chi pensa, chi ride e
chi piange.
Nella maqāma viene narrato che il protagonista salva una donna condannata al rogo
dalla morte del marito fuggendo con lei su un cavallo. Il narratore rincontra poi in
un’altra città il protagonista circondato da cinque figli e viene a sapere che la donna è
divenuta sua moglie e si è convertita all’Islam.
Un'altra eresia dell’induismo è presentato nella maqāma trentasettesima. Il
narratore e il protagonista in questa narrazione si appostano presso un bacino per
poter godere della vista delle donne che vi giungono. Abū al-Ẓafar si maschera
dunque da “idolatra” (maqāma 37) ed emula delle pratiche di culto indiane:
Quando vi andai, vidi che aveva stretto una fascia alla vita. Si era messo il
rosario dell’idolatria nel petto. Le donne si riunivano presso di lui e lui
parlava e chiacchierava molto. Chiacchierava nella lingua dei Barāhama. Sul
suo capo aveva avvolto un telo giallo. Si mise dunque a porre nelle loro fronti
il pallino tinto di rosso. Diceva a ognuna: «inginocchiati! Inginocchiati! Al
fine di realizzare i tuoi sogni».
Infine, conquistata la fiducia di queste donne, le convince a convertirsi all’Islam
asserendo che:
12 Ghāliyya è il profumo fatto con muschio e ambra grigia.
42
«Questa è una brutta religione per quelli che muoiono. Chi vi si ostina è come
quello che si ostina nella casa del ragno13. Non vedo niente di più puro per
l’uomo che di seguire l’Islam e la retta fede. Ho deciso di lasciare questa
brutta religione e di ritornare all’Islam, alla religione giusta. Chi vuole la
salvezza e la felicità pronunci le due locuzioni della shahāda».
Accanto al contenuto eresiografico la maqāma di Bāʿabūd presenta tre
maqāma che – come nella maqāma classica – hanno un contenuto osceno. Nella
trentanovesima maqāma viene presentato il protagonista nella prima notte di nozze
intento a interrogare la moglie sul contenuto del Kāma Sūtra. Nella
quarantaquattresima maqāma presenta invece il protagonista partecipare a un’orgia
di indiani.
2.6 La crisi dell’adab
La crisi dell’adab rappresentata nella maqāma classica – come affermato da
Kilito – potrebbe esser stata provocata nei primi secoli dell’Islam allorché i poeti
beduini guadagnarono prestigio a discapito dei poeti cittadini. I poeti beduini
sarebbero stati infatti considerati i detentori di un arabo più puro mentre i poeti della
città si sarebbero espressi in un arabo corrotto (Kilito, 1983, pag. 71). Molti poeti di
conseguenza si sarebbero trovati dunque con pochi patroni e mecenati interessati al
loro prodotto. Inoltre la crisi dell’adab sarebbe decretata dall’assenza di mecenati
valenti che potessero comprendere – e sostenere – tale arte (Kilito, 1983, pag. 73).
All’interno della maqāma di Bāʿabūd la crisi dell’adab, e la miseria dei
letterati, è descritta in più maqāma. Nella ventinovesima maqāma i letterati vendono
versi di poesia e aneddoti letterari nel luogo dei mendicanti. Il protagonista –
letterato e poeta – è inoltre all’inizio di ogni narrazione in povertà.
La crisi dell’adab è, anche in Bāʿabūd, causata dai mecenati che hanno reso
l’adab “un mercato in recessione” (maqāma 31). I mecenati non sono in grado di
comprendere spesso la poesia e cadono così vittima delle millanterie di Abū al-Ẓafar.
Nella trentunesima maqāma viene presentata una parodia di questa situazione. Il
13 La casa del ragno è citata nella sura del ragno (Corano, 29:41): “Coloro che si sono presi patroni
all'infuori di Allah assomigliano al ragno che si è dato una casa. Ma la casa del ragno è la più fragile
delle case. Se lo sapessero”.
43
protagonista, invitato a fornire dell’adab, si mette a scambiare con il figlio delle frasi
senza senso ottenendo lo stupore dell’emiro:
Disse il wālī: «La mia anima mira all’assimilazione. Amerei commerciare
con tuo figlio parole che sono come pietre preziose». Disse lo shaykh:
«Scusatemi, ma la gioia e la tristezza hanno delle caratteristiche peculiari».
Disse il ragazzo: «E l’uomo che sia misero e che sia elevato muore». Disse
allora lo shaykh: «E tra la gente vi è chi, quando gli è impedito il sonno,
muore». Disse il ragazzo: «Ciò quando non sono della gente di onore». […]
Disse il ragazzo: «Non hai visto che gli animali, se non trovano il foraggio,
muoiono». Disse allora il wālī: «Siete giunti all’apice e siete arrivati dove non
vi è fine. Non v’è dubbio che il tempo è stato distolto per voi due dai suoi
figli e che ha divampato la fiamma del rammarico nei cuori di ogni creatura».
L’assenza dei mecenati è lamentata nella dodicesima maqāma:
In una certa assemblea si menzionavano le genti della magnificenza e della
generosità. Disse uno dei presenti: «Si è alterata la loro immagine. Non resta
che il loro nome, sono spariti, sono passati, sono periti e si sono estinti».
Nella diciannovesima maqāma Abū al-Ẓafar presentatosi presso un emiro per
avere giustizia riguardo al furto di un suo verso vede l’emiro indifferente alla sua
questione.
2.7 L’instabilità del destino
Il destino viene perennemente citato come agente causa del cambiamento
della condizione del protagonista e del narratore. L’instabilità del destino – come
nella maqāma classica – è causa dei cambiamenti, favorevoli e sfavorevoli,
all’interno di ogni singola narrazione (Kilito, 1983, pag. 34).
Il narratore è spesso all’inizio di ogni maqāma in una condizione d’indigenza.
Giunto però in una città viene sollevato, spesso attraverso il protagonista, da questa
situazione. Infine la situazione iniziale viene ristabilita dalle perdite che vengono
44
inflitte dal protagonista e, nel viaggio finale, al-Nāṣir b. Fattāḥ descrive la sua
rinnovata indigenza.
La situazione ricorrente può essere esemplificata nella prima maqāma. In un
primo momento viene riconosciuta dal narratore la situazione d’indigenza: “La mia è
una condizione di bisogno, non possiedo dirham che la sua metà, l’ultima”. Questa
indigenza viene rimediata dal protagonista che gli dice: “Cammina con me, prendi
parte alle mie scorte di cibo”. Infine il narratore ritorna alla condizione di miseria:
Passai la notte davanti alla sua casa con fame e sete, illudendomi con il
"forse" e con il "può darsi".
Il ruolo del destino è inoltre continuamente ripetuto nei dialoghi all’interno della
narrazione (maqāma 2, 6, 7, 8, 9, 11, 15, 18, 20, 21, 24, 25, 27, 31, 33, 36, 40, 42, 45,
48, 49). Nella seconda maqāma una donna afferma “il destino mi ha mandato in
questa terra ardente [l’india]”. Similmente nella sesta maqāma:
“Possedevo vestiti lustri, denaro, ricchezza, campagne e piantagioni. Non
smise però il destino di dividere ciò che avevo messo assieme, di imbruttire
ciò che avevo reso bello, di distruggere ciò che avevo costruito, di demolire
ciò che avevo edificato, di dissipare quanto di cui mi ero occupato e di
mandare in frantumi quanto avevo eretto. Ciò al punto che la pietra si è
intenerita per me e ha provato compassione il nero e il fulvo.
Il ruolo del destino è riconosciuto – ad esempio inoltre – nelle parole di Abū al-Ẓafar
nella nona maqāma:
Il luogo di nascita: è il disordine / Là mai temetti la discordia. / Là ero come
un re / I pensieri non consumavano le forze / Ma mi allontanò il destino
quando / Fiutarono gli uomini il fetore».
45
3.1 La maqāma a livello “macro”
All’interno di una continua interruzione segnata dall’incontro e la separazione
dei due protagonisti della maqāma si può riconoscere una struttura generale che
inserisce l’intera opera – oltre che la singola maqāma – in uno schema narrativo
concluso. Non tutte le narrazioni sono infatti sostituibili con altre senza produrre
incoerenze all’interno dell’opera (seppur solo tre).
La prima e l’ultima maqāma, ha sottolineato Kilito, segnano il primo incontro
tra narratore e protagonista e la definitiva separazione. In Ḥarīrī la separazione finale
è segnata dal ritiro di Abū Zayd al-Sarūjī dalla vita mondana per una vita di
preghiera ed eremitaggio. Ṣayqal invece descrive la morte del protagonista dopo che
questi si è pentito della sua condotta e ne ha resi testimoni ʿulama, poeti e letterati
convenuti al suo letto di morte. Tale processo ha sottolineato, inoltre, Kilito è la
proiezione a livello macro del principio che governa la singola unità della tawriyya
(Kilito, 1986, pag. 226). Il narratore dell’opera verrebbe a conoscere la vera natura
del protagonista solo nell’ultima maqāma dopo essere passato per un erronea
interpretazione lungo le altre quarantanove maqāma.
Bāʿabūd imita tale processo. Il narratore incontra Abū al-Ẓafar al-Hindī per la
prima volta quando giunge a Surat nel Gujarat indiano alla fine della prima maqāma.
Abū al-Ẓafar gli diviene così noto per la prima volta. Nell’ultima maqāma Bāʿabūd
imita il finale proposto da Ṣayqal e descrive la morte del protagonista accerchiato da
familiari, moglie e figlio, letterati, poeti, ʿulamāʾ e governanti. Come per l’eroe di
Ṣayqal il protagonista chiede perdono a Dio e ai presenti per la sua condotta e
predica una vita nel timor di Dio prima di emanare l’ultimo sospiro.
Ulteriori continuità, come identificato da Kilito, sono costituite da una
maqāma che descrive la conversione del protagonista – in Ḥarīrī questa è
rappresentata dal pentimento pubblico presso una moschea. In Bāʿabūd la
conversione canonica potrebbe essere presentata dalla quarantaduesima maqāma
nella quale, senza imbrogliare alcun interlocutore in tutto l’episodio, il protagonista
esprime il suo rammarico per la sua condotta al cospetto di al-Ḥabashī:
“Dio avrebbe piacere se io fossi ubbidiente e non lo sono. Il demonio avrebbe
piacere se io fossi miscredente, ma non sono di quelli là. Io avrei piacere di
essere ben sostenuto senza sforzo e ansietà, ma per il cibo quotidiano sono già
46
arrivato in ogni città e regione [...] Ricordati del male passato e le azioni nelle
quali è infusa la contraddizione. Rievoca alla mente il giorno nel quale si
separano questi avere e questo illustre gruppo e aspettati il giorno in cui non
avrà utilità denaro e discendenza eccetto chi verrà a Dio un cuore puro”.
Un ulteriore elemento che si riscontra nel genere della maqāma è il
testamento spirituale compiuto dal protagonista verso il narratore. Il protagonista
insegna al narratore – probabilmente in vista della sua morte – l’arte di Sāsān
(Hämeen-Anttila, 2002, pag. 48) (Kilito, 1986, pag. 59) ovvero l’arte del picaro
mendicante. In Bāʿabūd questa lezione al narratore ha luogo nella quarantunesima
maqāma. Il protagonista insegna prima come derubare all’interno delle abitazioni
attraverso una tartaruga:
Andò allora a caccia di una tartaruga. La prese dunque con la sua destra.
Quando si fece notte, le mise sulla sua schiena una candela e la legò con una
corda. La fece introdurre dunque in una casa e rimase a guardare da un buco
nella porta. Vide così ciò che vi era in ricchezza e vestiti. La tirò poi a sé e me
la diede. […] Entrò allora nella casa e arraffò ciò che avevano visto i suoi
occhi.
Insegna poi a rubare un’intera cassa di denaro sorvegliata da numerose guardie e
servitori. Racconta in prima persona Abū al-Ẓafar al-Hindī:
Sono entrato nelle milizie nel tempo della sera e sono stato destinato al posto
della cassa. Mi sdraia tra le ultime persone fino a quando non furono
sopraffatte dal sonno. Mi misi allora a girare sulla pancia e sulla schiena fino
a che non percorsi quella distanza di terreno. Giunsi quindi alla cassa. Lì
scavai per la sua lunghezza. La coprii dunque con la terra attorno. Tornai
allora al mio posto senza che nessuno mi scorgesse o mi notasse. Quando si
fece mattino fu informato l’emiro della questione della cassa e che l’avevano
persa e che l’avevano cercata e non l’avevano trovata. Se ne andò allora con il
suo cumulo e le sue truppe bagnando la terra con le sue lacrime. Il secondo
giorno andai a sistemare la questione. Estrassi la cassa e la ruppi. Presi tutto
ciò che vi era dopo averlo messo in ordine e averlo contato.
47
Infine Abū al-Ẓafar consegna in eredità – in un biglietto – ad al-Nāṣir b. al-Fattāḥ
anche la sua morale nel perpetuare le sue malefatte. Gli scrive:
“Ti ho insegnato la mia abilità. Io sono Abū al-Ẓafar l’indiano. Guardati dal
nuocere al debole e al sapiente. Quando affliggerai un oppressore sii
oppressore. Aiuta tuo fratello quando opprime o è oppresso. Da sollievo a
colui che vedi afflitto”.
3.2 Bāʿabūd nelle Maqāmāt-i Hindī
La vita di Bāʿabūd pare condividere qualche elemento in comune con il
narratore della sua maqāma. Entrambi sono yemeniti ed entrambi sono giunti,
attraversando probabilmente l’Oceano Indiano, in India a Surat. Nelle narrazioni il
narratore comunica inoltre un sentimento di continuo sconforto che potrebbe essere
quella dell’espatriato dell’autore generato dal suo esser straniero in India. Nella
prima maqāma riferisce riguardo la condizione di dissidio nell’essere lontano dalla
terra natale affermando di avere un desiderio tale come “come l’emigrato il
rimpatrio”. Tale condizione di sconforto è affermata nella trentaduesima maqāma
dove si afferma che una certa terra era talmente perfetta che “là lo straniero
dimenticava la gente e la terra natale”. Nella seconda maqāma il fatto di esser
straniero è presentato come una pena quando una donna riferisce al marito: “Se non
fosse che sei uno straniero ti avrei fatto ciò che ti avrebbe portato a necessitare un
medico”. Il seppellimento di un morto straniero, infine, è l’espediente impiegato con
successo da Abū al-Ẓafar per commuovere i suoi uditori: “Chi di voi è capace di
piangere, destini una somma alla sepoltura di questo morto straniero” (maqāma 10).
Una serie di riferimenti allo Yemen, terra d’origine di Bāʿabūd, trovano
inoltre spazio all’interno della raccolta. Come ha sottolineato Masʿūd ʿAmshūsh
(ʿAmshūsh, 2005, pag. 3), Bāʿabūd si riferisce probabilmente a delle tribù beduine
che attraversavano le valli dell’Haḍramawt all’inizio della settima maqāma: “si
propagarono i beduini nella maggior parte delle valli. Superarono i valichi e diffusero
le guerre”. Nella trentesima maqāma viene compiuto un elogio al centro di studi del
Ḥaḍramawt la città di Tarim. Viene presentata:
48
Quanto a timor di Dio, lealtà, fede e religiosità non ho visto nessuno come le
genti di un paese di cui ho dimenticato il nome, ma di cui non si è cancellata
ai miei occhi la forma. È circondato da due valli. Una si chiama al-ʿAydīd e
in essa ogni dotto è nobile. L’altra è chiamata al-Naʿīr nel quale si riunisce
ogni buona azione e bontà. Lei è locata in mezzo a queste due e, desiderano il
suo bene le anime come per lo sposo. Vicino a lei vi sono altri paesi nei quali
si riunisce e si accumula ogni grazia».
Il nome Tarīm non compare ma, come ha sottolineato lo studioso della letteratura
ḥaḍramī – Masʿūd ʿAmshūsh – le due valli circondano tale città.
Un più generale riferimento allo Yemen lo si può riconoscere nella
descrizione della carestia e dell’aridità del suolo che spinge al-Nāṣir b. al-Fattāḥ a
viaggiare in alcune maqāma (6, 13, 17, 35) come spinse numerosi Ḥaḍramī – e forse
anche Bāʿabūd – all’interno dell’Oceano Indiano.
Se, infine, Bāʿabūd ebbe un certo impiego nelle milizie del Gujarat (alḤabashī, 1999, pag. 12), si potrebbe spiegare l’attenzione – inedita nel genere – per il
mondo militare che si può riscontrare in più maqāma. Nell’undicesima maqāma i
compagni di Bāʿabūd chiedono consiglio a un uomo su come poter essere arruolati.
L’uomo li illumina allora sulla misera vita che gli attenderà:
Chi ha cercato di entrare in quest’esercito ha fatto fallire Iddio i suoi intenti.
Chi lo invidiava ha goduto così del suo male. Il suo oppositore ha avuto
successo. Ciò che è di lui bello non vale alcuni suoi orrori. Il suo guadagno
non è sufficiente per la sua esiguità alle sue perdite. La sua letizia è
l’amarezza. Il suo sonno è la veglia. La sua acqua è il fango. La sua terra è il
letame. La sua aria è una nube di polvere. Il suo avanzare è il suo regredire.
Nella quinta maqāma degli uomini chiedono a Dio che per l’ospitalità ricevuta dia lui
delle armi: “Pregarono allora per lui, per il tempo ameno, per il cibo della sincerità e
della fedeltà, che angeli portassero sulle loro ali superbe armature ed
equipaggiamenti”. Nella trentaquattresima maqāma descrive la formazione di
spedizione armata per la consegna di denaro da parte di un governante: “Gli diede
dieci cavalli di quelli intelligenti e tutto ciò che necessitava in armi e armamenti. Gli
ordinò di prendere ciò che voleva o che gli fosse utile”. Nella venticinquesima
49
maqāma descrive una prigione e spiega come al-Nāṣir b. al-Fattāḥ, travestito da
sorvegliante, riesce a infiltrarsi e a far involontariamente fuggire Abū al-Ẓafar:
Mi portò il destino a passare per la roccaforte di al-Qawalīr. La vidi allora
come se stesse in compagnia delle stelle e nascosta dalle nuvole, o come se
ambisse sapere cosa c’era nella tavola del destino decretato. Si era allontanata
nel cielo la sua altezza al punto che erano uguali il suo suolo e i suoi
lampadari. Era imperscrutabile alla ricerca e a colui che indaga. Era eretta sui
più stretti percorsi, e nei luoghi più aspri. Volli andarci per osservare ciò che
vi era. Mi dissero: «A nessuno è permesso entrarci, né di sostarci, né di
abitarci giacché, quando il re è in collera con qualcuno, lo invia al suo wālī
perché venga imprigionato nelle sue altezze». Offrii allora un po’ del mio
denaro ad alcuni servi del wālī e mi fu messo il vestito dell’addetto al carcere.
Mi disse: «Entra con animo sereno». Quando entrai, rabbrividì la mia pelle
poiché all’apparenza era l’indulgenza, ma nel suo interno, nel suo cuore, era il
tormento. Vidi uomini con capelli e unghie lunghe come morti, solo che le
tombe non avevano mangiato i loro corpi.
Nella trentatreesima maqāma descrive un fallito assedio:
Inviò dunque uno squadrone militare ma non si vidi più nessuno tornare da
quel villaggio. Continuarono a essere inviati truppa dopo truppa e lui gli
sgominava al punto che furono imponenti presso la gente le perdite.
Al-Nāṣir b. al-Fattāḥ e descritto all’inizio di alcune maqāma con milizie e autorità
militari (maqāma 21 e 38). Abū al-Ẓafar è descritto nelle maqāma 23, 31 e 32 come
quello che guida le milizie: “sono Abū al-Ẓafar l’indiano e non v’è in questo paese se
non il mio popolo e i miei soldati” (maqāma 23), “io sono Abū al-Ẓafar l’indiano e
quante volte ho guidato le milizie, ho posseduto abissini” (maqāma 32), “io sono
Abū al-Ẓafar: l’indiano famoso […] sono il signore degli indiani e il capo delle
milizie” (maqāma 31). Nella ventisettesima maqāma viene descritta una guerra
contro i kharijiti: “Non cessammo di far piombare dal cielo grandine come pezzi di
montagne. Furono annientati le cavalcature, i cammelli e gli uomini del nemico”.
Nella quarantatreesima maqāma la fuga del narratore dalla città è dettata
50
dall’imminente arrivo di un esercito: “il nemico è sulle loro tracce”. Un ulteriore
richiamo alla vita militare, infine, è presentato dalle proposte avanzate da alcuni
emiri di reclutare dei soldati (maqāma 7, 9): “arruolati nell’esercito e vai a far parte
di quelli che pianificano e progettano” (maqāma 9).
4.1 Il periplo indiano di Bāʿabūd: l’incontro di più repertori letterari
L’opera di Bāʿabūd potrebbe essere posta in una posizione periferica rispetto
al centro del polisistema letterario arabo (Even-Zohar, 1990, pag. 9). Si potrebbe
ritenere infatti che il polisitema letterario dell’Ḥaḍramawt sia stato – nel periodo
della compilazione dell’opera – in una posizione periferica, in un primo grado,
rispetto al centro del polisitema letterario più inglobante che in quel periodo era
governato dal contesto egiziano. In un secondo grado, la sua produzione in India, da
un autore ḥaḍramī, lo potrebbe porre in una posizione periferica rispetto al centro
Yemenita cui è gravitato l’autore.
Mentre le tracce dei modelli canonizzati arabi sono evidenti – come
presentato nei precedenti paragrafi – le tracce dei modelli canonizzati yemeniti e
ḥaḍramī potrebbero essere rintracciati, come ha sottolineato al-ʿAmshūsh, attraverso
lo studio dell’importante filone di maqāma yemenite (ʿAmshūsh, 2005, pag. 1).
La perifericità dell’opera di Bāʿabūd all’interno del polisistema letterario
Yemenita potrebbe però, sebbene l’evidente perifericità geografica, non avere degli
effetti: l’autore è infatti cresciuto a Bowr (Yemen), ha probabilmente ricevuto la sua
educazione in uno dei possibili centri di studio dell’Ḥaḍramawt e si potrebbe allora
considerarlo il prodotto di quel preciso polisistema culturale (Even-Zohar, 2005, pag.
35). La sua migrazione in India potrebbe non implicare un’inoperatività delle regole
che governano il sistema letterario specifico dell’Ḥaḍramawt – secondo la teoria di
Itamar Even-Zohar (Even-Zohar, 1990, pag. 59) – che possa aver reso l’opera aperta
ad altri repertori letterari14.
L’opera di Bāʿabud, però, non sembra totalmente indifferente ai modelli
canonici indiani, in particolar modo persiani. I repertori persiani sembrano aver
fornito, infatti, a Bāʿabūd una serie di opzioni. Tra queste – a un’analisi superficiale
– il titolo dell’opera, come già sottolineato (1.3), rifletterebbe un rapporto con il
14 Secondo la definizione di Itamar Even-Zohar “Repertoire designates the aggregate of rules and
materials which govern both the making and use of any given product” (Even-Zohar, 1990, pag. 39).
51
canone persiano: i titoli delle opere persiane erano infatti generalmente in arabo,
mentre resto del testo in persiano; il testo di Bāʿabūd è invece in arabo mentre il
titolo in persiano. Un ulteriore elemento probabilmente attinto dal repertorio persiano
– che trova spazio nell’opera di Bāʿabūd – è il genere del Satī Nāma nelle quali
vengono descritti i cerimoniali del rogo delle vedove, satī, che si può riconoscere
nella quarantreesima maqāma.
Nella rapporto dell’autore con i repertori arabi e persiani – in una certa misura
– si potrebbero riconoscere per le Maqāmāt-i Hindī le stesse conclusioni sostenute da
Carl W. Ernst per “Subḥa al-Marjān fī Āthār Hindustān” “il rosario di corallo delle
antichità dell’India” di Mīrza Ghulām ʿAlī Āzād al-Bilgrāmī (1116/17041200/1786).
Āzād – che fu tra i poeti più importanti in arabo dell’India – la compose in
arabo nel 1177/1764 (circa cinquantanni dopo l’edizione delle maqāma di Bāʿabūd).
Quest’opera è suddivisa in quattro parti: la prima riguardante i riferimenti all’India
negli ḥadīth, la seconda riguardo agli studiosi musulmani dell’India, la terza e la
quarta riguardo le figure retoriche e la poesia d’amore nella letterature del subcontinente. Come ha sottolineato Carl W. Ernst – che ne ha tradotto il primo capitolo
(Ernst, 1955, pag. 556-564) – l’autore attraverso ḥadīth (la più autorevole fonte
islamica dopo il Corano), seppur di debole isnād e seppur conscio delle restrizioni
nell’utilizzo di questi, dipinge l’India come “come un reame scelto da Dio e distinto
per la sua vicegerenza (dār al-khilāfa)” (Ernst, 1955, pag. 557). Secondo quanto cita
Āzād al-Bilgrāmī l’India entrerebbe a pieno diritto all’interno della cosmologia
arabo-islamica: Adamo – primo Rasūl dell’Islam – sarebbe disceso a Sarīndīb
(Serendip, l’isola di Celyon, odierna Sri Lanka) una volta cacciato dal paradiso; qui
avrebbe lasciato la sua impronta (ancora oggi meta di pellegrinaggio); la pietra nera
di Mecca sarebbe discesa con Adamo a Serendip; Adamo avrebbe compiuto il primo
pellegrinaggio della storia dell’Islam dall’India; e soprattutto in India si sarebbe
diffusa la sua discendenza: gli abitanti dall’India sarebbero da considerarsi, almeno
in parte, discendenti di Adamo.
Bāʿabūd – attraverso la descrizione dell’India, delle sue città, dei musulmani
d’india, delle eresie islamiche (culto dei santi, culto delle tombe) e attraverso i suoi
opinioni, giudizi e considerazioni sull’India (la sua opera si potrebbe definire un
periplo dell’India) – potrebbe aver voluto cercare di incorporare (come avrebbe
inteso Āzād al-Bilgrāmī) nel repertorio letterario arabo un contesto geografico e
52
culturale che non gli apparteneva prima: rendere l’India una terra islamica, araba e
della sua letteratura.
4.2 I repertori di Bāʿabūd
Come indica Itamar Even Zohar perché un autore, addresser, possa
comunicare con un destinatario, addresee, è necessario che entrambi condividano, in
una certa misura, un uguale repertorio, code (Even-Zohar, 1990, pag. 31). Attraverso
lo studio del repertorio si potrebbe quindi indagare sui possibili destinatari con cui
l’autore avrebbe potuto condividere tale sistema di regole. Come già sostenuto, non è
chiaro chi siano questi ultimi: sia in India che in Yemen possono esserci stati in quel
periodo persone con una scarsa competenza nelle lettere arabe da richiedere la
compilazione di un’opera di maqāma semplificata (o forse inoltre l’opera potrebbe
essere stata destinata anche a entrambi).
A sostegno della prima ipotesi si leggono talvolta delle digressioni nelle quali
Bāʿabūd racconta le mirabilia dell’India come se la sua opera fosse una sorta di
letteratura di viaggio. Tale attitudine sarebbe inconciliabile con un destinatario
indiano che è a stretto contatto con tali realtà e non ha certo bisogno che l’autore gli
illustri quali siano le usanze degli indiani. Tale attitudine non è però differente a
quello della letteratura persiana prodotta in India nella quale l’autore, scrivendo in un
canone estraneo dal contesto indiano, ha talvolta un’approccio alla realtà dall’esterno
che rende l’opera aperta ad un pubblico internazionale.
Tale atteggiamento si riconosce ad esempio nella quarantatreesima maqāma:
“è tra i loro costumi aberranti che, se la donna si dà fuoco con suo marito, muore
secondo il credo giusto”. Similmente nella descrizione del santuario costruito sulla
tomba di un cane (maqāma 46): “girano attorno al santuario […] compiono il
pellegrinaggio dall’anno della sua dipartita e non della sua nascita”.
Non vengono risparmiati, inoltre, commenti negativi riguardo agli indiani –
musulmani e induisti – come: “le genti dell’India sono come le vacche: non
distinguono la gemma dallo sterco” (maqāma 46); “i buoni di loro sono i pochi, i
corrotti tra di loro la maggioranza” (maqāma 1); “ero logorato nella terra d’India tra i
suoi indiani” (maqāma 23); le genti dell’India non riconoscono il migliore di loro
neanche in minima parte, sono come bestie ma più sviate!” (maqāma 45).
53
Questo atteggiamento è comunque mitigato da delle considerazioni positive
che si leggono nella trentacinquesima e nella quarantaduesima maqāma. Interrogato
riguardo all’essenza della gente dell’India uno shaykh – Abū al-Ẓafar – risponde:
“per loro vale l’ḥadīth: Iddio guida chiunque” (maqāma 35). Nell’elencare, infine,
ciò che il protagonista ha visto in India, accanto a qualche visione spiacevole sono
elencate una serie di belle azioni compiute da indiani:
La cosa più meravigliosa che vidi è che mi apparve una donna che pregava.
Tra le meraviglie del tempo: una donna a Lāhūr leggeva il Corano. Vidi a
Dakn due uomini litigare senza ragione e che continuavano a dibattere. Vidi a
Bījāfūr una donna che mostrava mostruosità. Vidi un uomo della gente di
Tatah camminare nel deserto e tralasciare la preghiera. Vidi una donna fedele
al marito a Shāhjahān Abād. Vi vidi due uomini che erano compagni di Dio e
fra i quali non sgorgava iniquità... (maqāma 42).
Non potendosi ritenere plausibile l’ipotesi che i destinatari non siano stati
indiani – giacché diverse edizioni dell’opera sono state inoltre prodotte in India – la
descrizione delle eresie potrebbe essere stata presentata con un intento riformista,
attraverso il quale l’autore avrebbe cercato di introdurre all’interno del centro del
polisistema culturale indiano i suoi modelli. Tali modelli si concreterebbero nelle
maqāma di Bāʿabūd attraverso le estraneazioni riguardo all’India e all’Islam indiano.
Tali estraneazioni propongono l’assimilazione di un certo repertorio passivo (EvenZohar, 1990, pag. 37) che detterebbe quali sono le interpretazioni adeguate riguardo
a quanto viene percepito della realtà, ad esempio: quale considerazione avere degli
induisti (maqāma 37), come vedere il culto dei santi (maqāma 5), come interpretare
la visita alle tombe (maqāma 46).
L’opera inoltre sembra tesa a sancire la validità di un modello canonico
arabo. Un repertorio canonico, canonized, è definito da Itamar Even-Zohar come:
Those literary norms and works (i.e., both models and texts) which are
accepted as legitimate by the dominant circles within a culture and whose
conspicuous products are preserved by the community to become part of its
historical heritage
54
Tale canone è presentato attraverso la forma semplificata della maqāma, e dei generi
letterari arabi che vi sono contenuti (essendo la maqāma, infatti, un metagenere –
Kilito, 1983, pag. 22 – vi è una maqāma per pressoché ogni ramo dell’adab: khuṭba,
poesia, letteratura di banchetto, diritto, grammatica, critica letteraria, letteratura di
Fürstenspiegel), che potrebbe aver mirato all’incorporazione di tali generi all’interno
del contesto indiano. In alcune maqāma (maqāma 1, 16, 28, 45), inoltre, Bāʿabūd
fornisce i nomi degli autori – i quali dovrebbero avere una posizione canonica nel
repertorio di Bāʿabūd – ai quali si dovrebbe sancire una posizione canonica nei
repertori di target. Comparando suo figlio (maqāma 45) – ad esempio – riferisce:
Spicca tra i figli del suo tempo – tra quelli vecchi e quelli recenti – nelle
scienze del diritto e degli ḥadīth. Per iʿrāb non ha simili. È migliore di alZanjānī Nella grammatica è più eccelso di al-Akhfash, al-Kasāʾī, Sībawayh,
Ibn al-Khurūf al-Ḥaḍramī, al-Rabīʿī, al-Faḍīḥī e al-Nafṭawīh. Per lingua
sorpassa Ibn al-Qitāʿ, Ibn Fāris, Ibn Darīd, Ibn Sayda, al-Jawahrī e Ibn
ʿAbīd…
Infine, il successo di un repertorio, come sostiene Itamar Even-Zohar,
dipenderebbe dalla vitalità dei suoi modelli tra le opzioni di un canone (Even-Zohar,
1990, pag. 19). Il successo di tali modelli – secondo questa teoria – non pare aver
avuto luogo all’interno del polisistema letterario arabo in India, a una prima analisi.
Nessun altro autore, da quanto risulta, ha prodotto infatti in India alcuna ulteriore
raccolta di maqāma in arabo. Data però la diffusione dell’opera, i modelli forniti da
Bāʿabūd potrebbe essersi replicati in altri generi letterari.
55
MAQĀMĀT-I HINDĪ
(Al-Maqāmāt al-Hindiyya)
(Al-Maqāmāt al-Naẓriyya)
Nel nome di Dio il Clemente il Misericordioso
Lode a Dio che ha reso l’adab un paradiso e ne ha fatto una corazza che
protegge dal solecismo nelle sedute delle assemblee, nelle cui bellezze hanno eccelso
il nomade e il sedentario. Professo che non vi è dio che Dio solo, il quale non ha
socio alcuno. I letterati pascolano nei prati delle sue foreste e i maestri e gli studenti
attingono da Salsabīl15 la sua fonte. Testimonio che Muḥammad è il suo servo e
inviato, colui che si è rivolto agli uomini delle lettere dall’alto della sua eloquenza e
coloro che si sono distinti per la loquacità non sono stati capaci di giungere che ai
suoi piedi, per la sua altezza. Dio preghi per Lui e Lo salvi con una preghiera
meritevole, come per ʿAlī – suo consanguineo – per sua famiglia e per i suoi
compagni che si conformarono alla sua moralità e si educarono un tempo ai suoi
costumi come ora.
Il servo dei servitori dei detti profetici il sayyid Abū Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd
al-Ḥusaynī al-ʿAlawī riferisce:
Quando mi centrò l’allontanamento con il dardo dell’emigrazione e mi separò
dalla terra d'origine e dagli affetti, uscii quel giorno dopo la preghiera della sera
passeggiando con alcuni letterati del tempo. Mi tenevano compagnia le maqāmāt di
al-Ḥarīrī, le al-Nawābigh16 e le Maqāmāt al-Zaiyniyya17.
Insieme a noi vi era un gruppo che non aveva alcun legame con le scienze
arabe e non aveva conoscenza dei sui suoi artefatti letterari. La loro indole ne provò
15 Salsabīl è il nome della sorgente del paradiso menzionata in Corano, 76:10.
16 Kalim al-Nawābigh è un opera di al-Zamakhsharī (467/1074 - 538/1144).
17 Al-maqāmāt al-zaiyniyyah sono le maqāmāt di Ibn al- Ṣayqal al-Jazari (m. 701/1301).
56
perciò una tale avversione che nessuno rispondeva più a chi lo chiamava. Non c’è
dubbio: chi ignora qualcosa ne è anche avverso18.
In quel momento alcuni dei presenti m’invitarono a comporre delle maqāma
che potessero capire il vicino e il lontano – le cui espressioni non abbisognassero la
ricerca nei libri di lingua e di sintassi. Composi queste maqāma secondo queste
istruzioni. Ho evitato pertanto vocaboli arcaici e formulazioni insolite. Ho deputato
al-Nāṣir b. Fattāḥ alla narrazione e le ho sviluppate attorno a Abū al-Ẓafar l’indiano
viandante. Chi si sofferma e legge perdoni le debolezze – se non dovessero rafforzare
l’opera – non manca delle bellezze che conosce la gente valente.
Chiedo a Dio che non mi punisca per ciò che ha realizzato la penna e mi
prenda per mano se fosse scivolato il piede. Lui è il mio scopo. A Lui sono teso. Su
di Lui in ogni situazione mi sostengo.
1. La prima maqāma: nota come quella di al-Surat
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Chiacchieravo con alcuni fratelli sulle meraviglie dei paesi che dicevano: «È
noto, arcinoto e ha riempito le orecchie che la terra dell’India contiene tutte le
meraviglie terrene e che vi è il benessere che successive domande non richiede».
Anelai allora a lei come l’assetato desidera l’acqua, come l’emigrato aspira il
rimpatrio, come l’afflitto sogna la gioia o come l’indigente brama la donazione. Non
smisi di pensare allo stratagemma per raggiungerla e che mi ci avrebbe mandato da
una qualsiasi direzione. Mi dissero che la gente di questa città voleva inviarci una
nave. Feci dunque i miei preparativi e mi approntai a salire sull’imbarcazione degli
stranieri. Mi affidai quindi al Signore della creazione e salii sulla barca. Da allora
vagammo per porti e sopportammo grandi paure. Quando poi infine tememmo il
distacco delle anime, apparve noi il molo di Surat la ben custodita e scendemmo in
quella terra femminea, nel paese fondato sulla bellezza. L’esperienza reale sminuì
quelle che erano state le notizie: l’orecchio non aveva sentito delle bellezze che
l’occhio scrutava. Fummo accesi dalle sue luci brillanti, toccammo con mano i suoi
18 “Chi è ignorante in qualcosa ne è anche avverso”, “Man jahila sha’yan ʿādāhu”, è un ḥadīth (alHarawī, ed. 1994, hadīth n. 330, pag. 172).
57
mari abissali e pregammo la pioggia alle nuvole di al-ʿAydarūs19. Mi fermai lì del
tempo nella tranquillità dopo quell’affanno.
Accadde che un giorno mi allontanai per recarmi nei suoi giardini e luoghi
ameni la cui bellezza è scritta nelle sue guance.
Il giardino della bellezza è qui amanti
Con fiumi e coppe di sorgenti
Rose si colgono in ogni dove
Credenti entrate con la pace.
Vidi al mio ingresso un uomo seduto presso la porta il quale parlava con i
suoi compagni.
Gli chiesi chi fosse il giardiniere. Disse: «Un uomo retto». Lo interrogai,
quindi lo onorai, lo rincuorai e lo ossequiai. Prese così a richiamare alla mente paesi
e quanto contengono in giardini, specie di frutta e piante aromatiche. Disse: «Ma
questa è solo l’anticamera dell’India! Se avessi visto le sedi di re ed eserciti diresti:
“ciò che vedo qua è qualcosa d’insignificante! ho visto e rivisto paradisi e regni
immensi”. Mi fece sobbalzare il desiderio per ciò che aveva delineato, come per chi
trionfa e rende giustizia. In quel momento mi alzai, salutai i miei fratelli, rettificai la
mia volontà interiore e montai sulla mia cavalcatura.
Continuai a tener sciolte le briglie fino a quando non mi apparvero delle
tende. Ci si rallegrò della mia presenza e del mio arrivo. Poi, dopo che vi entrai,
osservai, ecco: le sue case erano capanne e baracche, tra i suoi abitanti i miseri erano
la maggioranza e i migliori di loro erano la minoranza.
Continuai a sopportare il dolore e a tollerare l’insoddisfazione. Mi apparve
dunque un uomo cui erano caduti i denti per la vecchiaia. Non mi scorse la pupilla
19 Al-ʿAydarūs è il nome di una famiglia originaria del Ḥaḍramaūt di discendenza profetica. Il suo
capostipite, in Yemen, è il sufi ʿAbd Allah ʿAydarūs b. ʿAlī b. al-Ḥasan b. ʿAlī b. Abī Bakr (m.
865/1508), la quale tomba, presso la moschea di al-ʿAydarus a Aden dal 914/1508 è una meta di
pellegrinaggio (Engseng Ho, 2006, pag. 38). Oltre alla diffusiona che ebbe in India, come in gran
parte dell’oceano indiano, tra i suoi illustri discendenti conta il sufi Shaykh b. ʿAbd Allah al-ʿAydarūs
(918/1513- 990/1582) nato a Tarim, Ḥaḍramawt cui furono dedicati alla sua morte un santuario ad
Ahmadabad, capitale del Gujarat dove visse, e altre sedi di pellegrinaggio a Broach e Surat (Engseng
Ho, 2006, pag. 161). ʿAbd al-Raḥmān b. Muṣṭafā al-ʿAydarūs (m.1192/1778) è il nome di un
letteratoche conobbe l’autore. ʿAlī b. Muṣṭfā al-ʿAydarūs, morto in a Surat (1127/1715) fu pianto in
una poesia dall’autore (Maqāmāt al-Naẓriya, a cura di ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī, ed.1999,
pag. 14).
58
sotto le sue palpebre per la forte debolezza. Avanzai così verso di lui e mi lagnai
della mia condizione.
Dopo aver sentito la storia del mio viaggio e delle sue cause disse: «Alza le
tende dalla terra in cui sei umiliato!»
Risposi allora: «La mia è una condizione di bisogno, non possiedo dirham
che metà, l’ultima».
Rifletté per un’ora dopo la quale si erano profuse le imprecazioni e le
rassegnazioni. Poi si alzò e affermò: «Cammina con me, prendi parte alle mie scorte
di cibo». Camminai con lui e lui m’intratteneva con i più bei discorsi.
Infine giungemmo ad un castello costruito di palazzi su palazzi come fosse
una collana in petto alle nubi. Entrò innanzi a me nel suo salone e lo onorarono i più
eminenti cortigiani e compagni.
Proferì: «Informate il ministro che gli ho portato il genio della poesia dello
Yemen, il sigillo dei poeti del tempo. Non ce ne partiremo se non ci avrà ricevuto lui
e la sua cerchia di collaboratori numerosa e folta». Aveva ecceduto nel glorificarci,
nello stimarci e nell’onorarci, così come lo shaykh aveva certo esagerato nel
presentarmi con ciò che riempie le orecchie. Mi aveva descritto in una posizione in
cui non è il settimo cielo. Il ministro dispose allora per me la veste d’onore lucente e
mille Aḥmar ʿĀlamkīriyya20. Si alzò allora il ministro dal suo posto inviolabile e lo
shaykh ricevette la veste e il denaro per il suo servizio. Mi diede quindi tre dīnār
ordinando: «Dalli al cortigiano del ministro. Mi incontrerai poi in quel tal posto così
che ti consegnerò il denaro e la veste». Rimasi con animo sereno giacché lui era nella
sua terra e, se fosse mancato, mi avrebbero indicato alcuni suoi vicini. Rimasi ad
aspettare sulla porta dell’emiro in attesa del cortigiano fino a quando il sole non fu
coperto dall’orizzonte. Andai dunque all’alloggio dello shaykh ma non lo trovai a
quell’indirizzo. Passai la notte davanti alla sua casa con fame e sete, illudendomi con
il “forse” e con il “può darsi”.
Quando gli uccelli si svegliarono dal sonno e apparve la mattina con i suoi
segni e splendore, girai per le case del quartiere chiedendo se l’uomo fosse vivo o
morto. Nessuno aveva notizia, non aveva lasciato traccia.
20 Aḥmar ʿĀlamkīriyya, anche scritto come ʿālam qīriya e ʿālama akbariya, riferisce secondo alHabshī a una moneta d’oro coniata in origine dal sultano Mughal Aurangzeb (1029/1618-1118/1707)
(al-Ḥabashī, 1999, pag. 27).
59
Quando poi avevo perso la speranza per le mie richieste, un ragazzo mi si
avvicinò, diede il benvenuto al mio esser straniero e disse: «Sappi che quest’uomo
non lo conosciamo se non per i giorni in cui è venuto in visita a noi. Da quando è
uscito con te non è più tornato».
Chiesi allora: «Qualcuno forse conosce il suo nome, il suo kunya, la sua
famiglia o la sua tribù?»
Rispose: «Quest’uomo malvagio – le cui nefandezze sono sia vecchie che
recenti – è conosciuto ora come lo shaykh del Najd, ora come Abū al-Ẓafar
l’indiano». Mi morsi dunque il dito indice dal rammarico e mi calmai con Abū
Dulāma21.
2. La seconda maqāma: nota come quella di al-Aḥmad Nakar
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Passai per Aḥmad Nakr nei giorni in cui eccedeva il simùn22 e il caldo. Avevo
una grande sete e temevo morte e cecità. Chiesi da bere da un ruscello che scorre a
una donna e lei mi porse una borraccia. La sua acqua era come quella del paradiso!
La ringraziai per l’enorme favore e le chiesi allora qual era la sua origine e di quale
famiglia era.
Rispose: «Quanto all’origine: i Quwalīur 23; quanto alla famiglia: i Buwāhīr. Il
destino mi ha però mandato in questa terra ardente».
Non passò molto che giunse uno in misere condizioni con una folta barba. Al
che prese con la sua mano destra una ciocca dei capelli di lei e con la sua sinistra il
suo orecchio. Lei gridò a così gran voce, chiamandomi in aiuto, che temetti per la sua
morte. Venni in soccorso. Separai i due, e non gli permisi di arrivare a lei.
Lui disse quindi: «Ma questa è mia moglie, la terra della mia semina! è
necessario che la prenda, fosse anche trascinandola per il viso!» Chiesi a lei: «Cosa
hai da dire in merito alle sue parole?» Rispose: «Le sue parole sono come la sua
21 Abū Dulāma è il poeta di origine abissina (m. 161/777).
22 Il Simùn è un vento secco e caldo che soffia dal deserto.
23 Al-Quwalīur – che è anche la città del venticinquesima maqāma – è probabilmente la città di
Ghawālīr, Gwalior nell’odierno Madhya Pradesh.
60
urina. Ha giurato sulla letteratura, i suoi signori e coloro che si sono armati al suo
appello. Ha giurato con un giuramento verbale: la sua affermazione è vera».
Le dissi: «La verità è graziosa e la menzogna è obbrobriosa! Dimmi la verità,
prima che la gente ti possa biasimare!».
Rispose: «Sono innocente della menzogna a Chi ben conosce ciò che è
invisibile. Lui è mio marito, ha però molti difetti: viene nelle case dal retro24, e –
senza provvedere alle spese – si spezza la schiena».
Disse: «Giuro sui sette versetti coranici25 che lei ha mentito nella sua prima
affermazione ed è stata veritiera nella sua seconda». Disse lei allora: «Non ti curare
di ciò su cui ho mentito e vieni a quanto ho detto di veritiero». Proferì dunque: «Non
vi è peccato nell’essere squattrinato, pazienta fino a che sarò sollevato!» Asserì lei:
«Ottieni da qualcuno un debito!»
Rispose: «Non prendo nulla il cui adempimento è nel giorno del giudizio!»
ribattè: «Oh effeminato degli effeminati, prediletto di Iblīs il malvagio! Hai paura
dell’infamia e non temi invece l’inferno. Non hai udito l’ḥadīth tramandato: è
sufficiente all’uomo un peccato perché sia annientato26? Ti chiedo – per Dio – di
lasciarmi andare, così che possa tornare alla mia famiglia».
Si chinò di fronte a ciò con gran tristezza e gemiti. Pianse come non piange
chi ha perduto un figlio, con angoscia. Ne ebbi pietà, gli diedi dunque tante monete
quanto lo opprimevano e lui le prese con sé. Mi venne in mente di seguirlo, lo sentii
così dire a lei: «Non ti ho detto che il lucro è nell’astuzia? Se non facessimo come
fanno gli scellerati diverremmo come bestie per la fame». Andai così davanti a lui e
scoprii il suo velo. Ecco, era Abū al-Ẓafar l’incantatore annoverato per le sue
mascherate.
24 “Ya’aty al-buyūt min al-ẓuhūr” è una citazione coranica: “Laysa al-birru bi’an ta’atū al-buyūt min
ẓuhūrihā wa lakin al-barru man attaqā wa atū al-buyūt min abwābihā wa attaqū lillah” (Corano,
2:189), “la pietà non consiste nel rientrare in casa dalla parte posteriore, ma la vera pietà sta nel
temere Iddio. Perciò entrate in casa dalla porta e temete Iddio”. Una interpretazione del versetto è che
“entrare le casa dal retro consiste lo sviamento della retta via mentre entrare le case dalla loro porta
indica il procedere nella giusta via” (AA.VV., al-Tafsīr al-Mawḍūʿī li’-sūar al-Qur’ān al-Karīm, ed.
2010, vol. 1, pag. 225).
25 I sette versetti coranici potrebbero riferirsi alla prima sura del Corano che contiene sette ayyāt.
26 “Kafā bil-mara’ ithman an yuḍayyʿ man yaʿūl”, “È sufficienta all’uomo un peccato perché venga
annientato colui che è sviato”, oppure: “Kafā bil-mara’ ithman an yuḍayyʿ man yaqūt” è sufficiente
all’uomo un peccatto perché lo annianti Colui che nutre” è un ḥadīth. (A al-Nisā’ī, 2001, ḥadīth 9131,
9132 e 9133 pag. 268).
61
Gli dissi: «Dio ti uccida per l’inganno e ti tenga in vita fino a breve». Rispose
allora: «Cessa la polemica e non chiedere di cosa è successo». Mi separai così da lui:
lui con il denaro e con la letizia negli occhi, io nell’indigenza che è più stretta del
bianco nella lettera mīm e nella lettera ʿayn. Giurai che non sarei più intervenuto tra
due litiganti né avrei più separato due contendenti.
3. La terza maqāma: quella di al-Bījāpūr
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Un uomo esperto delle cose mi descrisse Bījāpūr. Montai così sulla gobba
dell’assenza27. Misi sottobraccio il bastone e sulla fascia una borraccia. Vi giunsi
dopo fatica e affanno, quando già si erano spezzate le redini della mia pazienza.
Mirai dunque i suoi monumenti e mi congiunsi alle sue bellezze. Mi parve un
paradiso con fiumi e alberi, un’armatura che difende da miseria e ignominia. Abū
Murra28 non trovò certo mai motivo per entrarci, né mai il favore dai suoi abitanti e
vicini. Andai poi per i suoi luoghi di piacere e mi parlarono dell’eternità e delle sue
gioie. Vi rimasi del tempo, vivendo agiatamente, sotto una difesa imponente, con una
felicità che si ripeteva o che accresceva.
Ciò però fino a quando non assistetti alla preghiera della festa29. Mi avevano
detto “Tu hai bisogno del suo sermonista il quale è impregno della sua ambra e della
sua finezza”. Avanzai così in prima fila. Mi unii a chi proferiva Allāhu akbar e lā
ʾilāh-a ʾilla Allah. In un batter d’occhio eccolo giungere in misere vesti. Entrò in
stato di iḥrām. Proferì Allāhu akbar. Poi, dopo aver salutato, salì in cima al pulpito.
Mi meravigliò la grazia della sua eloquenza. Ricordai il celebre detto: “L’uomo è
celato sotto la piegatura della sua lingua non sotto la sciarpa [che si porta al capo];
27 Con gobba dell’assenza intende probabilmente alla gobba del cammello. Potrebbe dunque essere
una metafora di viaggio.
28 Abū Murra è il kunyah del diavolo, Iblīs.
29 Con ʿīd, festa ci si potrebbe riferire a una delle due festività islamiche: la celebrazione di fine
ramadan ,al-ʿīd al-ṣaghīr, o la festa del sacrificio, al-ʿīd al-kabīr, 70 giorni dopo la prima.
62
guardati dal mondo e ricordati del tormento per il giorno del giudizio e guardati dalla
disubbidienza al Creatore del cielo e della terra30”.
Disse, tra le frasi che memorizzai della sua orazione, tra i suoi deliziosi
passaggi e tra le sue esortazioni: «Uomini! Considerate chi è passato e temete il
giorno in cui sarà giudicato. Guardatevi da questa condotta poiché il giorno stabilito
è come mille anni. Sarà il giorno del rimpianto e del rammarico. Sarà il giorno del
versamento delle lacrime. Sarà il giorno della mortificazione e dell’umiliazione. Sarà
un giorno in cui né il denaro né la discendenza saranno utili. Sarà il giorno in cui
incanutiranno i bambini. Sarà un giorno di profitto e di perdita: per la gente del
paradiso e per quella dell’inferno. Vi renda Iddio tra coloro cui è stata anticipata la
gioia, che hanno proferito la professione di fede e che gli sono quindi state tolte le
vesti della superbia». Gli diedero allora ciò di cui speravano la liberazione nell’altro
mondo. Se ne andò in quell’istante al suo posto ed io lo seguii per un mio quesito.
Diede il benvenuto al mio esser straniero. Chiesi quanto a cui aspiravo e a cui
miravo. Si alzò allora e disse: «Siediti al tuo posto e pazienta nella misura che ti è
possibile. Giungerò a te fra un po’ di tempo e separerò per te il magro dal grasso».
Rimasi quindi nella noia e nel tormento fino a quando il sole non si avviò al
tramonto. Uscii quindi dalla porta per chiedere di lui ai notabili.
Dissero: «Lui è l’oratore della città, ma non lo vedremo eccetto che nel
giorno dell’ornamento31». Gli dissi allora: «Mi sono fermato per lui, informatemi sul
suo conto». Dissero: «Lui è Abū al-Ẓafar l’indiano, quello conosciuto per le sue
ignominie e le sue brutte azioni». Mi pentii allora del mio viaggio e delle perdite del
mio conto. Tornai al mio posto vestito di sola tristezza.
30 L’uomo è celato sotto la piegatura della sua lingua non sotto la sciarpa [che si porta al capo], almara’ taḥta lisānihi lā taḥta ṭaylsānihi, è un detto attribuito ad ʿAlī b. Abī Ṭālib (al-Ālūsī, 1998, pag.
214).
31 Yawm al-ziyna, il giorno della festa, è una festività che veniva celebrata e a cui mosè invita in
Corano 20:59 (al-Shawkānī, 1994, pag.509).
63
4. La quarta maqāma: quella di al-Sukkur
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Continuai a percorrere mare e terra patendo gelo e afa. Dal viaggio furono
sfinite le cavalcature. Quindi, infine, entrai nella città di Sukkur e da quel brutto
nome ebbi un cattivo presentimento. Mi parve così stretta ogni ampiezza. Vi rimasi
per giorni contati e, sapendo che gli auspici non erano dei migliori, ero nel supplizio
e nell’angoscia.
Andai alla sede del suo giudice, quello che ha nelle mani la gestione di ciò
che è vicino e di ciò che è lontano. Vedevo la gente accorrere da ogni strada più
remota per interrogarlo su ciò che era vile e su ciò che era sublime. Eravamo là
quando apparve uno shaykh con un lungo cinturone, come se fosse della tribù degli
ʿĀd. Portava per mano un ragazzo di cui si leggeva nelle pagine del volto la bellezza
– la prontezza nella lingua dell’adab ne costituiva certo il capitolo più puro.
Disse lo shaykh: «Sappiate giudice che le vostre sentenze sono come quelle
passate. Ho speso nell’educazione di costui la mia esistenza. Nella sua formazione ho
esaurito i miei mesi e i miei anni. Poi lui, quando scorse la canizie dei miei capelli,
mi disobbedì e rubò una mia poesia».
Disse il giudice: «Come hai potuto derubare tuo padre quando ti aveva nutrito
e cresciuto?»
Disse il giovane: «No – per Colui che ha creato gli esseri viventi, che ha
spezzato le sementi e che ha versato nel mio cuore il più abbondante amore – non ho
tradito il suo affetto e non ho rubato la sua poesia!»
Disse allora lo shaykh: «Ha rubato – per Dio – oh giudice, i miei versi in nūn
e se li è attribuiti dopo averli volti in dāl». Proferì allora il giudice: «Rettifica la tua
volontà interiore, proferisci i tuoi versi». Recitò allora lo shaykh:
Io sono a Delhi stamane e, siccome
Ribelle, nelle mani degli afghani.
Tra gente che non parla bene
Anzi, che mai conobbe il discernimento:
Non credono al Signore nobile,
64
Il loro credo è terreno come quello dell’Oman32.
Disse allora: «Lui cosa ha detto?» Recitò:
Io sono a Delhi stamane e, siccome
Ribelle, nelle mani dei curdi.
Tra gente che non parla bene
Anzi, che mai conobbe la ragione
Non credono al signore nobile,
Il loro credo è terreno come quello di Ziyād33.
Giurò il ragazzo sulla letteratura – i suoi uomini, i suoi rami e i suoi pilastri –
che non aveva mai sentito i versi citati. Li aveva invece ottenuti per ispirazione
originale. Lo shaykh non ci credeva e mise in dubbio i suoi giuramenti. Il giudice fu
disorientato da quanto vedeva.
Così disse: «Se Dio vorrà, la sentenza sarà domani e la mattina benedirà la
gente il cammino notturno34».
Si oppose allora lo shaykh: «La sentenza sia in quest’ora, prima che si
sciolga l’assemblea!»
Disse il giudice: «Ebbene, proferisca ognuno di voi dei versi amorosi di tipo
serio e non di tipo faceto. Contengano metafore celebri come l’astro roteante, possa
32 Il credo dell’Oman si riferisce probabilmente alla dottrina kharijita cui l’Oman fu un importante
centro (Donner, 1999, pag. 45).
33 Ziyād, secondo quanto commentato all’edizione del 1868 (pag. 16), fu un regnante kharijita.
34 “ʿInda al- ṣabāḥ yaḥmidu al-qawm al-surā”, “le persone loderannò la mattina il cammino notturno”
è un proverbio utilizzato come metafora di pazienza e perseveranza, nella raccolta di al-Maydānī (alMaydānī, 1955, proverbio 2382, pag. 3) è presentato con la seguente narrazione: “Il primo a proferire
questo proverbio fu Khālid b. al-Walīd quando, mentre era a Yamāna, fu inviato da Abū Bakr in Iraq.
Questi volle passare per il deserto, gli disse allora Rāfiʿ al-Ṭā’ī: «L’ho percorso nel periodo della
jāhilliya ed è possibile con cinque cammelli, non credo ti sia possibile se non porti dell’acqua».
Abbeverò i cammelli a sazietà e poi li radunò. Imbavagliò le loro bocche e partì per il deserto. Quando
due giorni dopo temette per l’arsura della gente e delle bestie, e temeva che andasse perso ciò che era
all’interno dei cammelli, sgozzò i cammelli e prese l’acqua che era nelle loro pance. Poi proseguì.
Alla quarta notte disse Rāfiʿ: «guardate! Vedete forse una grande luce? se così non fosse è la rovina».
Guardarono lw genti e videro la luce. Lo informarono e proferirono ripetutamente “Allahu Akbar”. Si
gettarono quindi nell’acqua. Disse dunque Khālid: (poesia) «A Dio si deve attribuire l’opera di Rāfiʿ
ovvero che io sono stato condotto / Ha attraversato il deserto da Qurqār a Suwā / Dopo cinque giorni i
soldati piangevano / Mai uomo prima aveva percorso tanto / Alla mattina la gente lodò il cammino
notturno / E gli vennero mostrate le selve del riposo»”.
65
così io riconoscere il magro dal grasso e il vile dal prezioso. Vi notifico la sentenza
coercitiva a cui si deve conformare chi sa parlare e a chi ha difficoltà ad articolare».
Recitò lo shaykh:
«Non già ottennero molte gazzelle il mio sangue,
in una stanza nel deserto al tempo della siesta e del riposo notturno?
Sono stato costretto – nella fantasia – a baciarla sulla sua guancia.
Sopraggiunsero allora la paura, la repulsione e la tristezza.
Mi portò all’orlo della contentezza. E disse:
“se è svanita la pianta aromatica odora il robusto cammello”.
Il giudice indicò quindi il ragazzo con il dito.
Proferì sguainando la spada della sua eloquenza:
Si manifestò la luna piena all’orizzonte del desiderio
Come il germoglio che avanza impettito con leggiadre biforcazioni
Che d’improvviso appare e passa
E non si ferma ma dice “lasciami”.
La natura dei critici è la natura del male.
Temo che sappiano di me,
giacché ho sopportato nel mio cammino per delle questioni.
Ma la spiegazione non serve.
Mi perforarono le frecce quando mi guardavano
Con le pupille. Accrebbe la mia paura
Che non mi stupirei se nessuno avesse mai temuto come me,
Che nel dubbio stava per dire “prendimi!”
Sbigottì il giudice per la loro intelligenza, la loro chiarezza, la loro pienezza e
la loro eloquenza. Venne a sapere che condividevano le briglie della miseria e che
allo stesso tempo nelle competizioni delle lettere erano i destrieri. Disse allora:
«Conciliatevi: la concordia è la miglior cosa».
Rispose lo shaykh: «La soluzione è nell’assenza di soddisfazione poiché io
conosco la sua malafede!».
66
Proferì il giudice: «Non mi è facile avere nelle mani la vostra separazione.
Prendete questi mille dīnār e divideteveli al chiarore di questo giorno, dopo di che la
questione e la decisione sarà vostra».
Prelevò il denaro lo shjaykh e uscirono dal suo cospetto. Camminai sulle loro
tracce per domare il loro fuoco o assumere la loro luce. Lo raggiunsi sulla porta del
Najd ed ecco! Era Abū al-Ẓafar l’indiano celebre per le sue brutture e ignominie. Il
ragazzo era suo figlio di sicuro e senza dubbio. Me ne tornai così al mio posto e lo
stupore camminava con me.
5. La quinta maqāma: quella di al-Aḥsan Ābād
Riferì al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Fu stabilito che fossi messo alla prova da un tormento le cui onde si
frastagliavano e le cui frotte si accalcavano. La causa di ciò è che ero in compagnia
di un cucciolo di leone del califfo che nessuno poté mai contraddire e commisi un
errore – ogni stallone ha la sua caduta. Fu capovolta così la mia condizione e fu preso
quanto mi era stato dato.
Mi dissero poi: «Se ti votassi al santo sayyd seppellito a Aḥsan ʿĀbād per
ottenere quanto desideri, il tuo desiderio sarà esaudito e chi t’invidia sarà umiliato».
Mi votai così a lui giacchè si addiceva alla mia condizione e gli diedi il mio
denaro. Confidai nel voto le mie speranze e non passarono giorni, se non pochi mesi,
che si aprirono le porte della gioia e della letizia. Presi allora la decisione giusta:
andai a visitare quella tomba. Rimasi un periodo attorno a quel nobile giardino
girando e ammirando le sue sublimi valli. Assistetti poi alla visita che si compie
dall’anno della sua dipartita e non dall’anno della sua nascita. Vedevo la gente
entrare a frotte e a frotte: sapienti, ricchi, poveri e principi. Nessuno volgeva lo
sguardo ad alcuno nel gruppo come se fosse l’ora del giorno della resurrezione.
Giunse infine un uomo che credetti un re per la sua maestosità, sontuosità e la
venerazione della gente. Mi porse una rosa ed io la accettai. Gli presi la mano e la
baciai. Si prostrarono allora al suo cospetto. Biasimai ciò nel mio cuore. La vena
della collera fra i suoi occhi si alzò allora e mi additò con entrambe le mani. Disse:
«Non criticare colui di cui non conosci la natura e che eccede nel glorificare e
67
magnificare! Si prostrano infatti al suolo in direzione della nobile casa e verso il suo
sublime angolo destro. Tu non li hai visti, giacché ciò che conta è la vista interiore,
non quella dell’apparenza. Per questo motivo accetta i santi – e quanti uomini sono!
Se non hai visto la mezzaluna allora fidati
Della gente che l’ha vista con i suoi occhi».
Mi affidai a lui per la questione e chiesi scusa per l’errore.
Uscì, poi, da quel campo per un campo vicino che non era né lungo né largo.
In questo campo fecero tappa i pellegrini nel loro ritorno. Vi passarono la notte della
loro andata. Quando sedette in mezzo a loro le genti gli diedero il benvenuto e
diressero a lui lo sguardo.
Si rivolse dunque a me dicendo: «Se ci permettesse il suo proprietario
soggiornarvi, vi risiederemmo, ce ne rallegreremmo e la gente proverebbe piacere
nell’abitarci».
Risposi: «Ma che si può fare in un campo la cui larghezza è a discapito della
sua lunghezza?»
Si agguantò allora la barba, scosse la testa, si chinò e sospirò. Aveva capito
che la gente era come una mandria di bovidi e non vi era uno che distinguesse tra
quella dei poeti35 e quella delle bestie36.
Disse ai pellegrini: «Oh genti! La compagnia è durata per un’ora, l’amore
rimanga fino a quell’ora – e nell’esortazione religiosa e specialmente nel timore del
peccato. Vedo che questo posto non è sicuro. Mi è venuto alla mente che veniate con
me nel mio podere, nella terra della mia tribù e della mia famiglia. Dormirete nella
sicurezza, poi andrete ai vostri posti».
Si conformò la gente al suo ordine.
Dissero: «L’ascolto e l’ubbidienza!».
Camminò innanzi alla gente. Loro combattevano tra il cammino e il sonno.
Quando il paese era vicino li precedette così da preparare loro il posto e il mangiare.
Appena arrivarono furono fatti introdurre in case arredate i cui muri erano tinti d’oro.
Offrì loro cibo su piatti cui si precipitarono come cavallerizzi gomito, gomito.
Mangiavano chi seduto, chi in piedi e chi in sella. Quando si lavarono le mani girò
35 Quella dei poeti, al-shuʿarā’, è la ventisettesima sura del Corano.
36 Quella delle bestie, al-anʿām, è la settima sura del Corano.
68
attorno a loro con l’incenso e fiori di violacciocca37. Pregarono allora che per lui –
per il tempo ameno, per il nutrimento della sincerità e della fedeltà – gli angeli
portassero sulle loro ali superbe armature ed equipaggiamenti.
Quanto ai loro beni e cavalcature, erano stati depositati in una casa con due
porte. La controllavano e con ciò era calmo il loro animo.
Disse lui: «Dovete sapere che l’ospitalità e d’obbligo di tre giorni presso la
gente del deserto. Vi prego, nel nome di Chi vi ha riunito qua questa notte, di non
privarmi di questo piacere».
Risposero: «La questione è tua, certo non vorremmo gravare su di te».
Quando poi giunse il quarto giorno – e i miei compagni erano nei loro letti –
mi accorsi che lo shaykh aveva preso tutto da quello che era grande a quello che era
misero. Se ne era andato da dove era venuto. Gli corsi quindi dietro e infine lo
raggiunsi. Lo minacciai e lo rimproverai. Al che mi guardò bieco, poi prese la strada.
Tornai dalla gente. Si erano destati dal sonno. Non ebbero giornata più dura.
Andarono quindi insieme dagli abitanti del villaggio. Gli dissero: «Voi avete
senza dubbio i nostri beni».
Risposero però: «Non conosciamo quest’uomo! Ebbe da noi in affitto queste
case e perciò, quando raccolse il denaro e partì, pensammo che fosse il suo denaro
con cui poteva fare ciò che voleva». In quell’istante realizzammo che era il famoso
Abū al-Ẓafar. Ce ne andammo ed eravamo rassegnati come lo sono i miscredenti di
fronte ai morti38.
6. La sesta maqāma: nominata la Ḥaydarabādiyya
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Patì l’India un anno una carestia tale che la gente vendeva i propri figli e
figlie e si compravano con le gemme preziose le carogne di animale. Mi armai allora
di compostezza e pacatezza e mi preparai per la partenza e il viaggio.
37 Al-Warad al-manthūr è il fiore chiamato violacciocca, cheiranthus cheiri.
38 Corano, 60:13.
69
Continuai ad attraversare deserti e steppe. Solcai i mari su centinaia di navi.
Infine giunsi a Ḥaydarabād, focolaio di vizio e corruzione. Vi entrai ubriaco dalla
fatica e angustiato dalla stanchezza.
Quando fui racchiuso dal suo mercato, la sua trasandatezza mi si rese
manifesta. Ne fui esausto. Mi pentii come si pentì quello che scoccava le frecce39.
39 Nadāmah al-Kusʿī, il pentimento di al-Kusʿī, è un proverbio arabo, di cui (Ibn Manẓūr, voce
Kasaʿa) è presentata la seguente spiegazione: “Al-kusʿī, di cui il proverbio sul pentimento, era un
uomo che scoccò con una freccia, dopo che si era fatta notte, verso un’asino selvatico e lo centrò.
Credette però di averlo mancato così spaccò il suo arco e – si dice – si morse allora le dita. Si pentì
infatti al mattino quando vide l’asino morto, e la sua freccia su di lui. Divennè così metafora di quelli
che si pentono di qualcosa che hanno commesso. Di questo proverbio si occupò al-Farazdaq nel suo
verso: “Mi pentii come si pentii al-Kusʿī quando / La mattina si separò da me Nawar”.
Un'altra versione del proverbio è: (poesia) “Mi pentii come si pentì al-Kusʿī / Quando videro i suoi
occhi ciò che avevano fatto le sue mani”. Si dice: il suo nome era Muḥārib b. Qays dei Banū Kusīʿa
oppure banī al-Kasʿ Baṭn min Ḥamīr. La storia di al-Kusʿī è che lui stava pascolando i cammelli in
una valle in cui erano piante di ḥamḍ [pianta salata che mangiano i cammelli dopo della quale bevono
(Lane, voce ḥamḍ)] e alberi di tasso [pianta utilizzata in passato per la realizzazione di archi (Ibn
Manẓūr, voce shawḥaṭ)]. Poi, o si curò di una pianta fino a quando poi non ne fece un arco oppure
vide un ramo di tasso cresciuto nella roccia, ne rimase meravigliato e se ne occupò fino a quando non
divenne un arco, qindi lo tagliò. Disse: (poesia) «Oh quanto è adatto perche ci si possa intagliare il
mio arco / Lui è per il mio piacere / Sarò utile con il mio arco a mia moglie e mio figlio / Lo levigherò
finchè non sarà giallo come la cucuma / Nessuna forza è lesiva come quella degli archi». Quando
terminò l’intaglio, ritagliò con gli avanzi cinque frecce, poi disse: (poesia) «Queste di cui son dotato
sono frecce bellissime / Di cui si deliziano al lancio i polpastrelli delle dita / Come se fosse forgiato
dalla costellazione della bilancia / Gioite dell’abbondanza oh giovani / Se non mi colpiranno sventura
e povertà». Uscì poi una notte, come quelli che sono in povertà, e apparve un onagro. Mirò dunque
all’asino selvatico e lo colpì. La freccia fece una scintilla su un pezzo di selce, credette così di aver
mancato il tiro. Disse dunque: (poesia) «cerco rifugio nel Padrone misericordioso / dalla malasorte e
dalla miseria / ho visto la freccia nella selce / e si sono sprizzate scintille come d’oro puro / ha
disatteso le speranze la mia congettura e a cui speravano i giovani». Apparve l’onagro una seconda
volta. Mirò dunque l’asino selvatico e lo centrò. Ma anche questa volta credette di non averlo preso.
Disse dunque: (poesia) «Cerco rifugio nel Misericordiso per la malasorte / Non ha dato la sua baraka
il Misericordioso alla madre della miseria / Ho forse scoccato la freccia sotto il peso della sventura? /
O ciò è perché non sono abile e non ho considerazione? / O non giova cautela al destino?». Passò
dunque l’asino una terza volta, scoccò allora una freccia e lo colpì anche questa volta. Disse allora:
(poesia) «Io sono certo sfortunato, misero e malaugurato / Si manifesta in me quanto fa vedere il
calore del cuore / Sia concesso ciò che spero per la mia famiglia e mio figlio». L’asino passò dunque
la quarta volta, mirò all’onagro e lo colpì. Anche questa volta pensò che non lo aveva colpito. Disse:
(poesia) «Non credo che la mia freccia abbia acceso le lucciole / Speravo di andare a segno / Era
fermo l’onagro mentre sembra in una parte / la mia mente è stata così ingannata / Ebbi per ciò un forte
scoramento». L’asino passò una quinta volta, scoccò una freccia e lo colpii. Credette però di non
averlo preso, disse: «cinque si sono allontanati di cui ricordo il numero / e prendo l’arco e cerco di
spedirle / Dell’ultima è stata sprecata la sua flessibilità e la sua robustezza / E Dio non me ne ha
concesse altre / Non ho speranze su ciò cui speravo come aiuto». Uscì dunque dal suo nascondiglio e
andò alla roccia e e la battè con l’arco fino a romperla poi ci dormì accanto fino a che non fu mattina.
Vide allora le frecce imbrattate di sangue, guardò l’asino e tutte e cinque lo avevano colpito. Si morse
dunque il pollice e recitò dicendo: (poesia) «Mi sono pentito / se non avessi ubbidito a me stesso non
avrei rotto le cinque / Comprendo la mia stupidità, / per Dio, quando ruppi l’arco».
70
Divenni quello che più brama nel supplicare la liberazione. Mi misi a riflettere sui
costi e chiesi la carità.
Mi apparve dunque un uomo il quale era stato piegato dal tempo traditore al
punto di divenire come un ramo grondo di datteri. Si era riunita presso di lui una gran
folla e non si contavano i gran gemiti e sospiri.
Chiesi a un uomo: «Chi è costui?»
Rispose: «È un uomo che sragiona».
Avanzai così per indagare sulle sue condizioni e per distinguere, tra i suoi
discorsi, quelli leciti da quelli sterili.
Lo sentii dire: «Oh uomini di senno! Fino a quando logorerete il corpo e
perdere tempo nell’accumulare in un mondo di grandi illusioni, carico di menzogna e
fandonia? Ciò che è abbondante presso di lui è insufficiente. Ciò che di lui è prezioso
è insignificante. Ciò che in lui è unione è dispersione. Dopo di lui vi è la morte. La
sua natura umilia ciò che è alto e innalza ciò che è vile. Beato è chi se n’è separato e
l’ha abbandonato. Guai a chi se n’è sposato e vi si è unito. Il pentimento! Il
pentimento! Prima della chiusura delle porte. Il ritorno! Il ritorno! Prima della
divisione dell’accumulato».
Rimise poi nel fodero la sua lingua rabbiosa, celando la meraviglia della sua
eloquenza. I presenti ardivano raccogliere le perle della sua frasi e udire i rimproveri
delle sue ammonizioni. Chiesero di ripetere con gran brama.
Disse però: «No – per Colui che ha permesso la carne illecita quando è troppa
la fame – non ripeterò fino a quando non mi saranno chiare le strade».
Dissero: «Chiarisci la questione, non cambi Iddio il tuo stato».
Proferì: «Sappiate che Dio ha accolto per mezzo di voi lo straniero!
Possedevo vestiti lustri, denaro, ricchezza, campagne e piantagioni. Non smise però
il destino di dividere ciò che avevo messo assieme, di imbruttire ciò che avevo reso
bello, di distruggere ciò che avevo costruito, di demolire ciò che avevo edificato, di
dissolvere quanto di cui mi ero occupato e di mandare in frantumi quanto avevo
eretto. Ciò al punto che la pietra si è intenerita per me e ha provato compassione il
nero e il fulvo. Sulla mia schiena ho dei bambini che sono come termiti che
mangiano i tappeti dalla fame. Chi può aiutare colga l’occasione e ne abbia da ciò
vantaggio per la sua porzione». Si chinò dunque la folla e gli diede quanto aveva
nelle tasche.
71
Alzò allora la testa al cielo e disse: «Oh Tu che hai reso viva ogni cosa
dall’acqua dà loro quanto chiedono ed elargiscili di ciò che sperano. Falli entrare
nelle labbra del Profeta40 e aiutali nelle buone azioni prima che finisca l’esistenza
giacché mi hanno sollevato di un’angoscia esorbitante e hanno allontanato dal mio
cuore un dolore lancinante».
Poi – dopo che li ebbe salutati col più bel saluto, e dopo che gli ebbero reso
piacevole l’addio – seguii le sue tracce per avere sue notizie. Quando allora giunse
nel deserto conficcò il bastone nel terreno e si scoprì il volto e la testa del velo
dell’ignominia. Apparve ciò che era stato coperto dalla sua ambiguità e dai suoi
vestiti. Ecco: era il famoso Abū al-Ẓafar l’indiano conosciuto per la sua immoralità e
la sua depravazione.
Gli dissi: «Il mio tempo con te è pieno di disubbidienza. Ti vedo insudiciare
attraverso le tue pie azioni gli angoli della strada. Ti dia frutto questo pentimento, se
non è stato per errore».
Rispose: «Oh quanto sei stupido, no! – per Colui che ha permesso il rosso
delle labbra – non mi pentirò per il vino fino a quando non sarò coricato in una fossa.
Non ho indossato le vesti pie se non per sbarrare la porta alla fame».
Al che, dopo aver inspirato ed enspirato, recitò:
Ho vestito l’abito del sogno, del timor di Dio e della devozione
Per togliere il velo della povertà, della miseria e della tribolazione
Ho ottenuto con la mia astuzia tutto ciò che ho desiderato.
Ho cacciato i leoni della foresta con l’ambiguità e la lagnanza.
Chi non ha usato l’inganno, d’inganno è perito.
Chi non è vissuto dell’astuzia, ha vissuto fratello al tormento.
È morto chi ha temuto la disgrazia del suo affare,
Ha vissuto chi ha avuto un cuore impertinente fratello della salvezza».
Cercai rifugio in Dio dalla povertà e dall’angustia. Mi separai quindi da lui
come si separa il dente dalla bocca.
40 “Falli entrare nelle labbra del profeta” è la richiesta che il Profeta, con la sua preghiera, interceda
per loro presso Dio.
72
7. La settima maqāma: nota come quella di al-Awranakābad
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Si propagarono i beduini nella maggior parte delle valli. Superarono i valichi
e diffusero le guerre; così tutti i sedentari e i nomadi si rifugiarono nella città di
Awranakābad. Io entrai nel loro gruppo e presi in affitto una casa che era come un
pollaio o un ricovero di francolini41. Rimasi allora incollato al suolo come un tappeto
per l’asprezza dell’essere nudo e squattrinato.
Accadde che entrò nella mia casa un ladro d’animo avido. Lo spinsi in petto,
e lo presi per la camicia. Uscii, ma non sapevo dove andare per la mancanza di
monete e oro nelle mie mani.
Vidi allora un vecchio e un giovane – che camminavano con l’incedere dei
piccioni – che procedevano verso l’ḥammām. Il vecchio disse al ragazzo: «Dammi i
dirham prima che faccia di te ciò che porti all’acquisto di medicine!»
Il ragazzo rispose: «Lontano da me! Ho perso i tuoi dirham». Mantenne lo
shaykh allora la promessa. Lo prese per la cinta e andò con lui dal wālī del paese
dopo aver reso note in pubblico le sue colpe.
Disse al wālī: «Provvedo al sostentamento di questo ragazzo da dieci anni
nella speranza che mi avrebbe giovato con il suo amor filiale. Mi ha invece ingannato
con le sue astuzie e le sue furbizie. Tra le cose brutte che ha fatto – quella che
preannuncia la sua fine – è che gli diedi mille dīnār in buona fede. Gli dissi:
“Conservali come conservi i tuoi occhi”. Quando però glieli chiesi, non mi rispose
altro che: “Li ho persi”».
Si volse quindi il wālī al ragazzo e lo vide sfoggiare le vesti della giovinezza,
come un ramo nel suo tronco e la luna nel suo pieno. La sua ragione ne fu presa e
pervasa poiché ne era stata ossessionata dall’amore. Se non fosse stato per il timore
del disonore se lo sarebbe messo sotto braccio.
Gli chiese: «Oh ragazzo cosa riferisci riguardo quanto ha accusato e ha
informato e dichiarato?»
Rispose con voce decisa: «I soldi sono un mio onere obbligatorio. Voglio da
lui una dilazione, non voglio certo l’inadempienza».
41 Darraja è l’uccello chiamato francolino o attagen.
73
Disse allora lo shaykh: «No! – per Colui che ha nelle sue mani la durezza del
destino – non accetto che il versamento dei dīnār!»
Proferì allora il wālī mentre ardeva nel fuoco della passione e nelle fiamme
dell’amore: «Concedigli tempo! Dormirà presso di noi. Passerà la notte con le nostre
armate, fino a quando si farà mattino avrai soddisfazione».
Disse lo shaykh: «No – per Colui che da la vita e da la morte – non lo lascerò
dormire. Salvo che non mi paghi il denaro, me ne tornerò con lui alla mia famiglia».
Fu scosso allora il wālī dalla questione e chinò il capo sul petto.
Disse quindi: «Oh shaykh! Temo per il ragazzo la tua ostilità e ho paura che
tu segua la seduzione del demonio. Chi viene a noi è nostro dovere aiutarlo».
Diede il denaro allo shaykh di sua tasca. Il ragazzo fu messo al suo servizio e
del suo esercito. Lui uscì allora benedicendo il wālī con la sua lingua mentre lo
derideva nel suo cuore.
Lo seguii. Lui camminava per una strada non battuta e credo che per la
sporcizia non fosse posseduta da nessuno. Entrai con lui nel suo covo. Volevo sapere
quali erano le verità e le menzogne di ciò che aveva detto. Ecco, era sudicio come
una latrina. Sedette rimescolando i denari. Rideva con grugniti e sbuffi.
Non tardò molto che giunse il ragazzo correndo verso di lui e si gettò a terra
baciandogli i piedi.
Dissi: «Ti chiedo – per Colui che ha creato gli uomini – di informami: chi è
questo ragazzo?»
Rispose: «Questo è figlio dei miei lombi. Quello per il quale il wālī voleva la
mia crocifissione».
In quell’istante compresi: era Abū al-Ẓafar, quello delle sciagure e della
miseria. Ero sul punto di colpirlo con una scarpa per la bruttura di cui ero stato
testimone. Me ne uscii fuggendo dal suo cortile e dalla sua casa. Passai dal wālī
Ecco: bruciava nel suo fuoco, si alzava e si sedeva tremando di furore. Aveva inviato
i suoi collaboratori in ogni casa.
Gli dissi: «Non ve ne curate! Non tornerà a voi poichè il ragazzo è il figlio di
Abū al-Ẓafar, quello che scuote gli animi con le sue azioni. Non rimpiangete ciò che
è accaduto e abbiate prudenza per quello che verrà». Chiese allora perdono a Dio
settanta volte e cercò rifugio in Dio da Abū Murra.
74
8. L’ottava maqāma: al-Burhānapūr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Ebbi un’indicazione per l’esercizio di un commercio. Fui afflitto però dalle
perdite e mi si spezzò il cuore. Questo poiché comprai alle case del piacere di Burhān
Pūr vestiti preziosi e stuoie per una quantità tale che portavano a fatica mille
cammelli e non se ne riuscivano a conteggiare le ripartizioni. Quando volli partire
venne a me un miserabile. Disse: «Ascoltate! non siate prevenuto, non lamentatevi e
non abbiate fretta, giacche la fretta è rimpianto e la calma è salvezza. Oggi è un
giorno di disgrazia continua e di sfortuna che sgorga a dirotto. All’alba di domani ci
sarà la felicità per tutti».
Non ubbidii al suo ordine. Eccessi invece nelle minacce e a cacciarlo con
grida. Dissi: «A nessun uomo i giorni non sono avversi! eccetto che per colui che si
trovi nel pericolo e percorra le strade più strette». Giurò allora con il più pio dei
giuramento di non essere spergiuro e di non mentire poichè le sue affermazioni erano
derivate dalla scienza delle stelle ed erano conformi al destino che è stato stabilito.
Ubbidii allora al suo ordine. Non avevo però distinto il dolce del suo parlare
dall’amaro.
Quando giunse la mattina chiamò: «Orsù venite al successo42!» Ordino quindi
di legare le selle e di caricare i carichi sul dorso dei cammelli. Comandò poi: «Al
mercato! Veloci!» e rimase indietro tenendomi occupato in chiacchiere.
Si fermò poi per salutare – celando il tradimento – e continuammo a parlare
fino a quando non se ne andò fingendo di piangere. Mi fu dunque sbarrata la strada
da una porta. Cercai di entrarci, ma me lo impedirono gli uomini del castello. Gli
dissi: «Bando alle ciance! I miei cammelli hanno percorso questa strada».
Risposero: «Vattene e che Iddio sia di grazia! È forse la nostra casa la strada
che hanno battuto i tuoi cammelli?»
Continuammo a litigare, a insultarci e a ribattere fino quasi al tramonto del
disco solare. Spuntò quindi un uomo, come se si fosse alzato dalla tomba. Al suo
cammino i sassi erano sul punto di frantumarsi. Sulla destra aveva una corda e sulla
42 “Venite al successo, venite alla preghiera” è l’invito proferito per chiamare i fedeli alla moschea per
la preghiera “ḥay ‘ala al filāḥ ḥay ʿalā al-ṣalāt”.
75
sinistra una mazza. Chiese noi notizie. Svelammo allora a lui ciò che era nascosto e
ciò che era evidente.
Ordinò: «Lasciatelo entrare per la porta! Non abbiate timore o esitazione!
Appaino i suoi cammelli o sia delusa la sua speranza!»
Quando entrai istigarono contro di me i loro cani e ordinarono ai loro servi
neri di mettermi le catene. Mi strinsero a tal punto i ceppi, che il mio spirito era sul
punto di superare le clavicole. Si ammassarono in me ogni tipo di angustia da ogni
parte e luogo. Avevo una gran fame e sete da essere stato felice del ritorno come
bottino.
Dissi loro: «Liberatemi da questa insidia! Fatemi uscire da questa casa
giacchè ho ripugno per la vita e mi è divenuta piacevole la morte».
Risposero: «Non scioglieremo le tue catene fino a quando non avrai
dichiarato davanti ad un gruppo d’indiani: “non ho denaro, querela o cammello” e
fino a quando non avrai scritto delle righe di amicizia e ne avrai fatto apporre il
timbro del wālī e del giudice».
Feci ciò che mi richiesero. Mi piegai così a ciò che loro volevano. Uscii allora
a mani vuote, con le scarpe di Ḥunayn43 e con i piedi e le spalle insanguinate. Andai
per la mia via nella terra sopportando con sforzo il freddo e il caldo. Rimasi del
tempo vagando senza meta in pianure deserte. Il tempo mi colpì con le sue frecce
fino a quando non mi apparve un campo. Al suo centro era una cupola tonda come un
uovo. Corsi allora dalla sua gente nella speranza di essere colpito da un suo
acquazzone o da una sua pioggerella.
43 “Rajaʿa bi-khuffay Ḥunayn”, “Ritornò con le scarpe di Ḥunaīn”, è un proverbio arabo, di cui (alMaydānī, 1955, proverbio 1578, vol. 1, pag. 296) viene fornita la seguente spiegazione: “Riferì Abū
al-ʿAbīd: la sua origine è che Ḥunayn era un calzolaio di al-Ḥira [città irachena]. Contrattò con lui un
giorno un beduino per un paio di scarpe. Si ribatterono sino a che rimase offeso. Volle dunque il
furore di quel nomade. Quando il beduino partì, prese una delle due scarpe, la lanciò nella strada e
mise l’altra in un altro posto. Quando il nomade passò davanti a una delle due disse: «come
assomiglia alle scarpe di Ḥunayn, se ci fosse anche l’altra la prenderei». Passò oltre. Quando arrivò
poi all’altra scarpa si pentì di aver lasciato la prima. Ḥunayn si era nascosto. Quando così il nomade
andò alla ricerca della prima, Ḥunayn andò alla sua cavalcatura – e quanto vi era sopra – e se le portò
via. Andò allora dal beduino – e questi non aveva che il paio di scarpe – e gli disse: «che cosa ti ha
arrecato il tuo viaggio?» Rispose: «sono venuto a voi per le scarpe di Ḥunayn e così me ne sono
andato». Si utilizza quando si rinuncia a una necessità e si ritorna con il fallimento.
Un’altra versione del proverbio è: “Riferisce Ibn Sikīt: Ḥunayn era un uomo vigoroso che avanzò
chiamato Asad b. Hāshim b. ʿAbd Munaf. Andò dunque da ʿAbd al-Muṭṭalib con indosso due
calzature rosse. Disse: «oh Zio, sono Ibn Asad b. Ḥāshim». Rispose ʿAbd al-Muṭṭalib: «no! nelle
apparenze di Ibn Ḥāshim non vedo in te le qualità di Ḥāshim. Ritornatene». Ritornò dunque e dissero:
«è ritornato con le sue scarpe» ed è divenuto un proverbio”.
76
Sentii uno che vagava nel delirio della morte dire: «Oh Uditore della voce!
Vincitore sulla morte! Oh Vettore di cibo! Oh Colui che riveste di carne le ossa dopo
la morte! Alleviami dell’agonia della fine!»
S’impietosì così chi ara presente per ciò che aveva. Pregarono allora Iddio
che gli desse sollievo per il dolore che lo affliggeva.
Si volse allora a loro e avanzò. Disse: «Siate testimoni all’eccelso wālī che mi
sono pentito delle mie brutte azioni e parole».
Mi fissò poi, da dove era, scrutandomi con gli occhi. Disse: «Oh pio fratello
che persegue il vantaggio! Ricorro a te per il perdono di ciò che ti ho arrecato».
Gli dissi: «Guardi a te la provvidenza! Chiariscimi il motivo della tua colpa».
Rispose: «Io sono quello che ha preso la tua ricchezza e che ha rubato i tuoi
cammelli. Sono quello che ha consigliato il ritardo e che era presente nel momento
della distretta. Sono quello che si è fermato a salutare. Sono quello che ha ordinato
che tu fossi fatto entrare dalla porta. Il servo era il mio servo e la casa è una mia
acquisizione recente, avuta in eredità».
Dissi: «Non accetto queste tue parole! Non ti perdono fosse anche che
scrivessi alla tua famiglia ti darmi i soldi di sua tasca e neanche se mi dessero ogni
giorno l’indispensabile per vivere – e scacciassero l’insonnia dai miei occhi».
Rispose: «Oh te! È già stato logorato il mio lustro. Non possiedo che il mio
bastone».
Dissi allora: «Renda Iddio le cattive azioni della tua vita le ultime e ti sia
avverso nel giorno del giudizio».
Rispose: «La questione è nelle mani di Dio, non nelle tue. Il perdono discende
da lui, non da te».
Chiesi di lui a chi era presente. Disse uno: «Lui è Abū al-Ẓafar, quello che ha
reso esausto l’uomo con la sua astuzia, quello che ha fatto sgorgare l’acqua dalla
pietra». Si alzò poi sulle sue gambe come se fosse stato sciolto dalle catene. Capii
che aveva finto la malattia per ottenere il suo obiettivo. Distolsi allora gli occhi della
mia testa dalla sua vista. Io avevo patito molto ad opera sua.
77
9. La nona maqāma: conosciuta come quella di al-Lāhūr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai assieme a militari dell’India – l’assistita da Dio – alla volta della
città di Lāhūr. Quando scesi sul suo campo, mi riparai all’ombra dei suoi alberi.
Dimenticai nella sua letizia la mia gente e il mio popolo, cessò così l’angoscia e
l’amarezza del mio cuore.
Quando le belle furono private del viso del gaudio, si sentii un sussulto del
paese e gli schiamazzi della sua gente. Si riempirono le vie e abbondavano pianto e
commiserazione. Il mattino divenne come la sera e gli uomini si mescolarono alle
donne. Fui confuso da questi orrori terribili. Sentii allora uno dire: «Poveri gli
abitanti del paese è morto il loro sultano44, hanno perso il loro uomo! I suoi figli si
sono preparati alla guerra. Hanno fronteggiato con i loro petti trafissioni e percosse.
Si sono armati ed erano nel periodo noto per il suo divieto. Il più grande di loro ha
chiesto l’aiuto del ministro e ha preso così i tre col complotto. Sono stati uccisi in
modo orribile. Sono stati seppelliti nella terra per la tumulazione. Sono stati fatti
prigionieri donne e bambini e ci si è appropiati delle loro ricchezza. Si è seduto
inconstrastato sul trono del re senza simili e difensori. È uscito poi diretto alla terra
del califfato, nel paese più al sicuro dalla paura».
Rimasi dietro di lui per una faccenda che mi aveva colpito – e per
un’attitudine che da sempre mi ha nociuto. Intendevo risiedere nel paese. Mi dissero:
«Chiedi sostegno e consiglio al suo sharīf: ha un intelletto infallibile e una
comprensione perforante».
44 Il grande uomo, di cui probabilmente parla il testo, è “Bahadur Shah I alla quale morte nel
1124/1712 scoppiò una violenta guerra di successione tra i suoi quattro figli. Con l’aiuto di Zulfiqar
khan il più vecchio Jahandar Shah, salì al trono. Jahandar Shah – impudente e dedito ai piaceri –
divenne affezionato a una donna, Lal Kanwar, la quale proveniva da un famiglia di musici. Dopo
essere asceso al trono e a aver sconfitto i suoi fratelli innalzò Lal Kanwar allo status di regina e
imperatricie con il titolo di Imtiyaz Mughal. L’imperatore spese più tempo in sua compagnia che nella
gestione del governo nel quale la donna ebbe così una considerevole influenza controllando pressoché
completamente l’intera amministrazione. La famiglia stessa dell’imperatrice fu coinvolta nei più alti
gradi delle gerarchie della gestione dell’amministrazione. La lotta di potere si riaccese con le pretese
di Muhammad Farrukhsiyar, nonno di Bahadur Shah, e il secondo figlio di Azim-ush-Shan, suo
fratello. Questa unione sconfisse Jahandar Shah e la moglie i quali nel 1713 scapparono a Delhi
cercando l’aiuto del ministro Zulfiqar Khan il quale si rifiutò e li imprigionò. Furono fatti uccidere dal
ministro che gli aveva consegnato il potere e bruciati insieme a componenti della loro fmiglia”. (Robb,
2002, pag.86).
78
Andai allora da lui e mi fermai al suo cospetto. Mi salutò come si salutano le
genti nobili. Disse dunque: «Siedi, oh figlio di mio zio».
Gli dissi: «Sono venuto a te per consigliarmi non per conversare. Sono venuto
per confidarmi non per dialogare».
Rispose: «Svela il tuo malessere, perisca chi ti si oppone».
Proferii allora: «Cosa dite in merito al viaggio e la permanenza, lo sforzo per
il necessario per vivere o l’affidamento nella rettitudine?»
Rispose: «Sappi che dell’affidamento a Dio sono stati cacciati i suoi detentori
ed è stata squarciata la loro pelle. Non resta della sua gente neanche un’unità. Quelli
che vedi sono per la maggior parte gente atea. La tua priorità è di prepararti al
viaggio, di affrettarti a solcare la terra e di sbrigarti nell’accumulare oro e argento
giacché lo squattrinato non è accetto, fosse anche figlio di al-Murtaḍā45 e di Fāṭima.
Arruolati nell’esercito e vai a far parte di quelli che pianificano e progettano». Lo
salutai allora e lo Yemen lo ha salutato. Non volevo lasciarlo. Dopo essere uscito
dalla sua sala allora tornai una seconda volta per incontrarlo. Entrai presso di lui, lo
salutai, e lo scongiurai – per il più grande dei suoi figli – che mi facesse sapere qual
era il suo paese. Disse allora: «Non hai sentito e tenuto a mente quanto ho
pronunciato di al-Adhraʿī46?
Il luogo di nascita: è il disordine
Là mai temetti la discordia.
Là ero come un re
I pensieri non consumavano le forze
Ma mi allontanò il destino quando
Fiutarono gli uomini il fetore».
Capii allora che era Abū al-Ẓafar quello descritto per le sue intrusioni e
incursioni tra le fila.
45 Abū al-Qāsim ‘Alī b. Ḥusayn al-Sharīf al-Murtaḍā è lo studioso giuresperito noto come sharīf
Murtaḍā o sayid Murtaḍā (355/965 - 436/1044).
46 Al-Adhraʿī è probabilmente Shihāb sl-Diyn Abū al-ʿAbbās al-Adhraʿī (708/1308-783/1381).
79
10. La decima maqāma: quella di al-Sirhind
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Vidi un gruppo del Sind che si dirigeva al villaggio di Sirhind. Camminai con
loro ambendo alle loro cibarie. Mi fecero occupare il posto centrale della collana e
mi fecero conoscere le cose più belle e l’eccesso. Quando ci avvicinammo al paese lo
realizzammo senza esitazione. Scendemmo allora sotto un albero a riposare.
Quando odoravamo le brezze del riposo venne a noi un uomo d’alta statura –
come un uomo di Tihāma47 – che salutò sospirando. Si sedette tra le ultime persone e
riempì le orecchie con le perle della sua prosa e della sua poesia fino a quando la
gente ritenne perfetta la sua mente e comprensione.
Quando vide che gli prestavano ascolto, pianse e pronunciò copiosamente la
formula “in verità noi siamo di Dio e a Lui ritorniamo48”. Tutti noi ci rivolgemmo
allora a lui dicendo “possa mio padre riscattarti con me stesso” e chiedendo cosa gli
fosse capitato e successo. Disse: «Sono venuto per un affare di cui son cagionevoli i
corpi. Le tenebre non sono state ostacolate dalla mia richiesta. Quando vi ho visto, in
un gruppo di fratelli, ho dimenticato. L’uomo è il recipiente della dimenticanza».
I pianti e i lamenti funebri erano incessanti, al punto che tememmo l’uscita
della sua anima. Gli chiedemmo una spiegazione e gli assicurammo l’aiuto.
Disse allora: «Mi concesse Iddio nella mia vita un figlio solo. Con lui non
smisi di amare il tempo. Gli insegnai l’adab con la quale fu decorata la sua fantasia.
Sono pochi quelli che desiderano giungere dove è arrivata la loro immaginazione. Fu
innalzato perciò tra le genti del tempo. Presiedeva le assemblee dei suoi pari. Quando
però giunse all’orizzonte la perfezione della sua luna, si concluse la durata della sua
esistenza e la sua vita. È morto al tramonto di ieri notte e non possiedo nel mondo
bestia o terreno. Chi di voi è capace di piangere destini una somma alla sepoltura di
questo morto straniero». Gli diedero allora dirham e provviste che lo arricchivano
sempre più.
47 Tihāma è un regione costiera dello Yemen.
48 Corano, 2:156-157. Noi siamo di Dio e a Lui ritorniamo, Innā lillāh wa ‘ilayhi rājiʿūn, è una
“formula giaculatoria” (commento in: Corano, a cura di Allessandro Bausani, ed. 1988, nota 156, pag.
510). A tal proposito si raccomanda quando “si è colti da una disgrazia di pazientare e ripetere la
formula noi siamo di Dio e a lui ritorniamo” (al-Waḥidī, 2009, vol. 3, pag. 430).
80
Poi salutò e si diresse nel deserto. Camminai dietro di lui per le esequie
funebri e la tumulazione. Si voltò dunque, e – comprese le mie ambizioni – non si
sottrasse.
Disse: «Che cerchi attraversando i deserti?»
Risposi: «Voglio aiutarti nell’avvolgere nel telo il morto, nel lavarlo, nel
pregarci sopra, nel seppellirlo e nel trasportarlo».
Disse: «Vattene da me prima che ti faccia sentire le mie oscenità!»
Risposi: «No! – per Colui che ha fatto scendere gli angeli e lo spirito – non
me ne andrò sino a che non avrò seppellito il tuo morto».
Mostrò allora il membro, era simile a quello dell’elefante.
Disse: «Questo è il mio morto, per il quale ho chiesto ciò che è bello. Voglio
spendere quanto ho guadagnato nel gran colpo di fortuna di questa sera, per sposarmi
una bella donna, divertirmi in sua compagnia e seppellire in lei il mio morto».
Capii: quest’azione obbrobriosa non poteva esser stata realizzata che
dall’inosservante Abū al-Ẓafar.
Gli dissi: «Giungerà il momento in cui ti pentirai di queste malefatte e di
questi peccati. Prega per una determinazione vera! Abbandona le azioni mondane!»
Disse: «Per Colui alla cui discrezione dipende il benessere o la ristrettezza!
Se vi avessi chiesto con sincerità, non mi avreste dato neanche una scheggia. Se
avessi chiesto con affetto, non mi avrebbero elargito che quelli di voi con più cuore.
Se non fosse per questo stratagemma, avrei perso la speranza. Il più bel modo per
chiedere è quello che ti adorna per l’aldilà. Questo è il mondo, il fallace. Non porta
che alla menzogna. Se vuoi la felicità non essere sincero che nelle due frasi della
professione di fede e – come consiglio – salvati dalla caduta con il compromesso. Il
tuo biasimo è per me migliore del ritorno senza speranza. Se avessi avuto il cibo
quotidiano, non mi sarei certo fermato presso la gente!»
Lo perdonai allora dopo che lo avevo criticato. Lo ringraziai per la sua azione
dopo che lo avevo maltrattato. Tornai dai miei compagni. Lo stupore aveva imbottito
la mia pelle.
81
11. L’undicesima maqāma: quella di al-Tanīsir
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Mi occupai in conversazioni serali con un gruppo nelle notti di luna.
Richiamavamo alla mente le bellezze del viaggio e quanto vi è, per suo tramite, in
profitto e successo nell’esaudimento delle proprie ambizioni e mire. Eravamo sulla
stuoia di alcuni sostenitori del trono49.
Disse il primo: «Andiamo a Bankāla!»
Disse il secondo: «Piuttosto andiamo a Barnāla».
Il terzo: «Invece ad Ākara!»
Il quarto: «Piuttosto a Matra».
Il quinto: «A Imtyāz Kar».
Disse il sesto: «Piuttosto a Iklīsir».
Il settimo: «Andiamo a Tanīsir dove vi sono i militari e tutti i gruppi di
persone».
Allora dissero: «È come il luogo del raduno universale, è però più disastroso
e amaro». Voltarono allora lo sguardo verso di me e mi gravarono della questione.
Dissi: «Non fallisca chi ha chiesto consiglio, non si abbia a pentire chi ha
domandato il proprio destino».
Risposero allora: «Sia su di te la faccenda. Già ci basammo su di te per le
nostre cose».
M’impegnai allora per il consiglio, ma non crebbe in me che lo smarrimento.
Avevo sentito di un uomo zelante, sollecito e intimo a Dio. Volli raggiungere
il tal signore. Avanzai nelle sue estensioni. Lo informai quindi e chiesi consiglio
sulla strada per l’esercito.
Rispose: «Oh tu che chiedi consiglio fiducioso, appendi da me parole senza
prezzo. Chi ha cercato di entrare in quest’esercito ha fatto fallire Iddio i suoi intenti.
Chi lo invidiava ha goduto così del suo male. Il suo oppositore ha avuto successo.
Ciò che di lui è bello non vale alcuni suoi orrori. Il suo guadagno non è sufficiente,
per la sua esiguità, alle sue perdite. La sua letizia è l’amarezza. Il suo sonno è la
49 Corano, 40:7. “Coloro che sostengono il trono sono gli angeli” (AA.VV., al-Tafsīr al-Mawḍūʿī li’sūar al-Qur’ān al-Karīm, ed. 2010, vol. 6, pag. 535).
82
veglia. La sua acqua è il fango. La sua terra è il letame. La sua aria è una nube di
polvere. Il suo avanzare è il regredire».
Lo elogiai per quanto aveva proferito. Chiesi allora ai miei compagni la
revoca. Non volevano però altro che la strada. Lasciarono quindi il consiglio di
quello che aveva suggerito. Non mi fu possibile che essere in accordo. Non mi fu
permesso che esser compagno recitando su quanto la sura al-fātiḥah e i colombi
della tristezza tubavano nel mio cuore. Furono sordi su ciò che sarebbe accaduto e
dissero: «Il mattino loderà la gente il cammino notturno50». Camminarono. Io ero
come quello che camminava all’indietro51.
Vi giunsero nel pomeriggio. In quel tempo le lingue recitavano la sura di alʿaṣr. Quando la gente vide le sue parti – e fu manifesto ciò che era nascosto delle loro
proprietà – crebbe in ognuno il pentimento e ci si morse il dito indice.
Quando giunse il tempo del tramonto fui colto allora da un vento da
occidente. Spaccò le serrature e recise i legacci delle tende. Erano sul punto di
crollare i castelli, i minareti, le tende e nel mentre quanti erano prostrati e
inginocchiati.
Quando i pioli delle tende furono sradicati, credettero fosse un vento
passeggero. Seguì allora una pioggia con gelo e grandine. Fu fatto sedere chi era in
piedi e fu fatto alzare chi era seduto. Crebbero i pianti e i lamenti. Infine arrivarono a
pensare che fosse il diluvio di Noè.
Vi era vicino a noi un minareto indicato a un miglio. Dissi allora ai miei
compagni: «Siamo chiamati a ripiegare là in quanto siamo nel tempo della notte e
non siamo al sicuro dalla furia del torrente».
Quando eravamo nel cammino, vidimo un uomo che ci sorpassò. Pregava con
parole che non comprendevamo e dizioni che non distinguevamo per il rombo dei
venti e per la violenza del frastuono e delle grida. Non accennò né a diminuire
l’acqua né a scoprirsi il cielo e – quando allora cessò il vento e la pioggia – non era
rimasta traccia della terra. Eravamo sicuri che i temporali e le nuvole se ne fossero
andati con la baraka della sua preghiera rogatoria. Gli chiedemmo il permesso di
pregare affinché giungesse noi nell’avversità ciò che ambivamo.
50 Vedi nota 34.
51 “Il ritornò indietro indica l’abbandono di ciò cui ci si era prefissati, oppure a una corruzione nella
religione. Indica un cambiamento nello stato d’essere, nelle opinioni. Indica inoltre chi non è fiero
della propria condotta e della sue brutture e corruzioni” (al-Nābulusī, voce mashiy).
83
Disse: «Non vi permetto che di rendere retto il vostro pentimento e di
ritornare nei militari dopo questo rovescio».
Disse a lui il gruppo: «Alle tue parole l’ascolto e l’ubbidienza».
Disse quindi: «Leggete più volte la sura al-Quraysh52: lei è la salvezza di chi
ha paura e il diletto dell’esistenza».
Lo ringraziammo del gran favore. Lo salutarono quindi i miei compagni in
bella maniera.
Io rimasi indietro per conoscere le sue realtà, grandezze e minuzie.
Gli dissi: «Ti ho chiesto nel nome di Colui che ha in mano le redini del fato e
del destino di informarmi: sei tu un angelo o un uomo?»
Rispose: «Sono il famoso Abū al-Ẓafar quello che ti ha consigliato di non
entrare nei militari».
Dissi allora: «Il mio tempo con te è scellerato! Quando diverrai giusto?»
Rispose: «Chi insiste raggiunge. Non fallisce chi tenta, chi si sforza e chi
persiste nell’ubbidienza. È necessario accumulare e accumulare ciò che porta alla
felicità ultraterrena e procura le necessità mondane».
Si separò poi da me e la sua separazione fu per me straziante. Quanto, dopo,
mi sono sforzato per rincontrarlo e non lo rincontrai.
12. La dodicesima maqāma: quella di al-Karnāl
Diede a sapere al-Nāṣir b. Fattāḥ:
In una certa assemblea si menzionavano le genti della misericordia e della
generosità.
Disse uno dei presenti: «Si è alterata la loro immagine. Non resta che il loro
nome, sono spariti, sono passati, sono periti e si sono estinti».
Si alzò allora un ragazzo – che all’estremo aveva i segni dell’acume – e disse:
«Avete commesso un sopruso e avete proferito una fandonia poiché io ho visto colui
il quale, se giungesse un governante, sarebbe presso di lui il più piccolo dei servi».
52 Corano, 106.
84
Alle sue parole la gente tacque. Gli dissero: «Facci conoscere la sua natura,
ne decreteremo il successo, a dovere, e l’onoreremo».
Rispose: «Subḥan Allah! Necessita forse il giorno di prove? Chi non è capace
di riconoscere ciò che è speciale da ciò che è banale, è solo chi fa parte nel regno
animale!»
Dissero: «Noi siamo stranieri, veniamo da Sawākin53, non conosciamo gli
abitanti di questa terra».
Disse allora: «Giacchè avete riconosciuto la vostra ignoranza, seguitemi sulle
vostre cavalcature o a piedi. Sù andiamo!» Al che montammo sulla gobba della
strada e marciammo al suo seguito fino a che le nostre bestie si stavano per scalciare
l’un l’altra. Correva come una gazzella, o come spaventato dalle lance e dalle lame.
Continuammo in questo regime fino a quando giungemmo a Karanāl. Il gruppo entrò
allora nella moschea e si riprese completamente dalla stanchezza del corpo.
Quando compiemmo la preghiera della sera disse: «Sedete sino a quando non
sarà pronta la cena».
Rimase così a parlare alla gente fino a quando non furono sopraffatti dal
sonno. Uscì poi agitato, credetti per una sua seccatura. A mio parere era forse per un
suo bisogno. Lo seguii con i miei occhi da dove non sapeva. Ed ecco, lui aveva preso
le cavalcature e la roba. Andava di corsa verso un qualche villaggio. Mi affrettai per
prenderlo ma caddi in un’insidia. Attraversai la terra – percorrendo rialzi e
depressioni – e non ebbi di lui notizia né avvistamento o traccia alcuno. Rimasi sette
giorni bevendo senza mangiare.
L’ottavo giorno ero stanco della vita per la fame e lo sfinimento. Giungeva il
tempo del tramonto quando venne a me uno degli indiani.
Disse: «Ti vedo camminare nelle steppe che non percorrono che i leoni».
Risposi: «Io sto inseguendo un impostore che ci ha portato via le cavalcature
e la roba».
Disse: «Alla larga la tua mente stupida e la tua sorte che arretra! Cammini
con i passi di un piccione e vuoi prendere chi sta pascolando il bestiame? Ho visto tre
sere fa i cavalli e i beni nelle mani di Abū al-Ẓafar l’indiano. Non te ne curare, la tua
fatica non serve. Fa capitale di ciò che è stato perduto per il giorno in cui si
53 Sawakin è una città portuale del Sudan che affaccia sul Mar Rosso.
85
conteranno le cose piccole e le cose grandi». Me ne tornai così dai miei amici con le
perdite che avevo subito.
13. La tredicesima maqāma: quella di al-Shāhjahān Ābād
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
S’inaridì il suolo al punto che divenne stretto quanto era alto e largo. In
quell’anno si estinse il suo fuoco e si gelarono i fiumi. Divenne logoro quanto era
lucido. Fu zittito il lupo. Incanutì il bambino. Andò perduto il prezioso e l’eredità.
Fui informato allora che a Shāhjahān Ābād vi era quanto sollevava il tormento dal
cuore. Mi sedetti su un campo e diedi un sospiro. Vi entrai nel mese di dhu al-qaʿda.
Passai per un mercato nel quale si vendeva il vino che si paga con le anime. Entrai
allora in una bettola nella quale erano quattro uomini distinti. Avevano già ottenuto
con le coppe l’ebrezza. Vestivano le vesti più splendide e delle lettere avevano
appreso le meraviglie.
Venne quindi uno shaykh e sedette presso la porta per sentire le bellezze della
lingua. Si riferivano meravigliose enunciazioni e recitavano lo splendore dei poeti.
Disse uno di loro: «Com’è fine il verso degli arabi e come lo è quello che
porta all’estasi! Com’è sincero il verso della gente di rango! Com’è mendace presso
gli uomini delle lettere!»
Dissentirono allora come i nemici e litigarono come quelli che si odiano, nel
mentre lo shaykh sorrideva come quelli che biasimano.
Quando non riuscirono più a trovare la via della ragione – e non erano capaci
di rispondersi – disse: «Interrogatemi dopo avermi esaminato, poiché io sono la
soluzione dei problemi: il risolutore dell’enigma. Sono giunto al tempo
dell’avvedutezza, ho superato i giorni della fanciullezza. Ho disputato con Ibn alʿAmīd54. Ho gareggiato con ʿAbd al-Ḥamīd55. Ho attinto dai seguaci della retorica:
al-Qudāma56 e Ibn al-Marāgha57».
54 Ibn al-ʿAmīd – citato anche nelle maqāma 45 e 28 – è Muḥammad b. al-Ḥusayn (m. 360/970).
55 ʿAbd al-Ḥamīd – citato anche nelle maqāma 45 e 28 – è ʿAbd al-Ḥamīd b. Yaḥyā (m. 132/749).
56 Al-Qudāma è probabilmente a Qudāma b. Jaʿfar al-Kātib al-Baghdadī (873 - 932/948).
57 Ibn al-Marāgha è il soprannome di al-Farazdaq, Hammām b. Ghalīb Abu Firās (38/658-110 /728).
86
Screditarono però le sue affermazioni per la miseria delle sue vesti. Cedettero
piuttosto che l’ebbrezza camminasse nel profondo della sua testa. Capì che volevano
escluderlo. Erano all’oscuro della sua eloquenza per il degrado dei suoi stracci e il
cambiamento delle sue condizioni.
Disse: «Sappiate che l’uomo è nella sua lingua, non nei suoi vestiti58! È nelle
piccolezze, non nel suo tessuto logoro. La spada è nella sua lama, non nel suo
fodero».
Quando sentirono il suo discorso vollero allora interrogarlo. Si scusarono e
fecero assegnamento su di lui per la soluzione del loro dilemma.
Rispose: «La testa che ama la scontrosità l’ho lasciata a Birār. Se però volete
la vostra risposta concedetemi allora le vostre vesti».
Gli diedero i vestiti che avevano indosso – non sapevano certo della sua
ambiguità – e gli chiesero la sollecitudine nel risolvere la lite.
Disse: «Ascoltate e accontentatevi dell’errore. La miglior espressione è quella
che è breve e indicativa. Il più fine dei versi è quello del re errabondo59 ed è quello
che porta all’estasi nella bella assemblea. Se se ne decide l’ascolto nelle riunioni è il
più piacevole all’udito. Quanto al verso più vero, è quello di Labīd60. Mentre il verso
più mendace è quello di al-Muhalhal al-Mushīd61».
Si precipitò dunque alla porta senza esitare. Lo afferrai per i suoi cenci al che
stava per capitombolare.
Lo scongiurai nel nome di sua moglie che mi dicesse qual era la sua tribù. Gli
chiesi con decisione riguardo alla sua educazione e che mi facesse sapere sul suo
conto.
Rispose: «Per la tribù sono dei brahmani62, quelli che sono esperti nella
scienza delle stelle. Riguardo a me, e la mia educazione, ne ho raggiunto l’apice della
mia ambizione. Se vuoi sapere altro, e ne vuoi trarre profitto, chiedi a Abū Nājiya».
E indicò un uomo che si dirigeva in una parte.
Chiesi lui sul suo conto, le sue dolcezze e le sue amarezze.
58 L’uomo è celato sotto la piegatura della sua lingua non sotto la sciarpa (ṭaylasān) [che si porta al
capo], al-mara’ taḥta lisānihi lā taḥta ṭaylasānihi, è un ḥadīth attribuito ad ʿAlī b. Abī Ṭālib (al-Ālūsī,
1998, pag. 214).
59 Il rè errabondo è il poeta preislamico Imrū’ al-Qays b. Ḥujr al-Kindī (520-560).
60 Labīd, Abū ʿAqīl Labīd b. Rabīʿa, è un poeta preislamico (560- 41/661).
61 Al-Muhalhal al-Mushīd è un poeta preislamico (m. 531).
62 La casta dei brahmani, o bramani, è reso in arabo nel testo con barāhama.
87
Rispose: «Lui è Abū al-Ẓafar quello che non passa inosservato per le sue
lezioni».
Tornai indietro per rincontrarlo. Trovai il suo posto deserto.
14. La quattordicesima maqāma: quella di al-Ākar Ābād
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Entrai ad al-Ākar. Era abitata da un po’ di tempo da diversi re. Si erano riuniti
presso di lei due regnanti che litigavano come dei neri. La maggior parte dei loro
eserciti era di stranieri e indiani. Per la gente del paese la situazione era angusta.
Erano cresciuti i prezzi e il dissenso. Il più grande dei due re amava le donne e i
divertimenti non conformi ai comandamenti – quelli che erano al massimo grado di
divieto.
Quando si scontrarono le linee – e tintinnarono le spade nelle lotte per i
vertici – il grande scappò desideroso di incontrarsi con sua moglie. Fu dunque
raggiunto e ucciso nel più infame dei modi, in un gesto che servisse alla divisione e
all’unione.
Quando il re si calmò nel paese – e si placarono i servi di Dio – uscii allora
alla volta di una certa città chiedendo la carità. Quand’ecco che fui con un uomo
dalla lingua forbita e di bell’aspetto. I suoi servi e gruppi di persone camminavano
innanzi a lui e baciavano i suoi piedi. Mi dissi di divenirne amico. Volli così
accompagnarlo. Avevo con me una somma di dīnār nel mio vestito sbrindellato,
l’avevo messa da parte per il bisogno nell’indigenza.
Continuai a stare con lui in una nobile dimora – e di una vita splendida – fino
a quando successe che, una certa sera, la necessità mi richiese di lavarmi. Mi levai di
dosso gli stracci e andai allora al pozzo. Lui certo seppe dei dīnār nei cenci. Quando
tornai nel luogo della gente avevo un gran freddo e sonno. Dormii così senza
esitazione e senza vestiti. Non ero del tutto sveglio quand’ecco che il posto era vuoto
di persone e abiti. Crebbe così la mia preoccupazione e fui sconcertato dalla
faccenda. Rimasi speranzoso, dissi: «Li ha presi uno dei suoi compagni, li avrà
indossati con viso sereno [in buona fede]».
88
Uscii sulla traccie della gente e mi esposi così al biasimo. Venne allora a me
un uomo. Gli chiesi del gruppo.
Rispose: «Mi sono separato da loro da un’ora».
Al che, vista la mia agitazione, mi chiese perché ero rimasto indietro. Lo
informai.
Disse: «Pazienta, come chi prima di te pazientò».
Proferii: «L’uomo ostenta il potere e l’ho visto con molti servi».
Disse: «Certo, lui è il vile Abū al-Ẓafar l’indiano, quello che con la sua
astuzia stanca Iblīs». Pronunciai allora “io sono di Dio e a lui ritorno63” su questa
sciagura e cercai allora rifugio in Dio dalle frecce della sventura.
15. La quindicesima maqāma: quella di al-Pānī Pat
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
La decretata sorte mi condusse nel paese di Pānī Pat. Vidi così la strettezza
delle strade e la torbidezza degli abbeveratoi. La vista di ciò mi offese. Dissi “magari
non ci fossi mai entrato!” Mi apparve dunque uno shaykh che la vecchiaia lo aveva
distrutto come se fosse stato colpito dalla storia di Adamo64. Gli chiesi di che gente
del paese era e se ci fossero stati là uomini generosi.
Rispose: «Fratello caro non chiedere a chi è compagno dell’inferno». Mi fece
desiderare la sua risposta di insistere per sapere cosa era corrotto e cosa era genuino.
Disse: «Giunse a loro per la stima dell’ammontare delle tasse il wālī ben
guidato, conosciuto come al-Kalandar. Li richiamò a Dio – e alla sua ubbidienza – e
li mise in guardia contro Iblīs – e al suo seguirlo. Lo attaccarono però e gli
lanciarono le pietre. Chiese allora per loro la sventura, l’annientamento e che i figli e
le figlie soffrissero di omosessualità e amore saffico. La sua richiesta si concretò e le
63 Corano, 2:156-157. Noi siamo di Dio e a Lui ritorniamo, Innā lillāh wa ‘ilayhi rājiʿūn, è una
“formula giaculatoria” (commento in: Corano, a cura di Allessandro Bausani, ed. 1988, nota 156, pag.
510). A tal proposito si raccomanda quando “si è colti da una disgrazia di pazientare e ripetere la
formula noi siamo di Dio e a lui ritorniamo” (al-Waḥidī, 2009, vol. 3, pag. 430).
64 Niba’ Adām, potrebbe essere una citazione (Corano, 4:27) “niba’ banī Adām” la quale riferisce alla
narrazione del fratricidio di uno dei figli di Adamo (Corano 4:27-31).
89
nuvole flagellarono con la loro pioggia». Io non credetti però che nel parlare fosse
stato sincero.
Gli dissi: «Questa è una fandonia inventata!»
Quando fu notte il cielo mandò allora un acquazzone. Non rimase valico che
non fosse stato allagato.
Vi era vicino al paese un uomo timoroso di Dio. Le sue azioni pie
abbondavano nei luoghi deserti. Aveva là un elevato eremo. Gli uomini andarono
quindi da lui a lamentarsi del flagello che li perseguiva. Quando arrivarono, le donne
li avevano preceduti. Queste dissero: «Non pregare per loro eccetto che perché
affoghino. Accusiamo in virtù di loro il tormento e l’insonnia». Alzò le mani dunque
– intercedendo presso il Profeta – e recitò:
«Le punizioni sono state meritate da uomini
Che si sono tirati indietro dalla rettitudine della strada proba,
Che hanno trascurato i doveri in ogni tempo,
Che hanno sviato la verità pura,
Che compiono misfatti senza tentennare
E che continuano nelle brutte azioni.
Se vedessi il più vile di loro, lo vedresti
Di seducente loquacità e di avvenente aspetto.
Parla delle faccende con conoscenza così che infine
La gente dice: “oh tu buon consigliere”.
Nelle sue viscere è l’amore per il rifiuto
All’ubbidienza, come un puledro sbrigliato.
Quando prevedemmo l’acqua proferimmo
Le parole di un ragazzo intelligente e loquace:
“Dimentica! Non punirli con l’acqua,
Il fuoco, la carestia o il vento.
Loro sono i superstiti della gente di Lot65
Non sono i rimanenti della gente di Noè66”».
65 Lūṭ, Lot, è il profeta inviato da Dio a Sodoma per “ricordare la Legge divina a coloro che la violano
praticando l’omosessualità” (Amir-Moezzi, 2007, voce “Lot”) . Gli abitanti però non ubbidirono, Dio
allora mandò “contro di loro una tempesta di pietre, eccezion fatta per la famiglia di Lot” che fu
salvata (Corano, 54:33-34).
90
Non aveva ancora finito quando Dio mandò alcuni dei suoi segni su di loro.
Crollarono le case del paese per la pioggia e il freddo. Sentii uno dire da dietro la
parete: “Subḥān Allah! E se avesse provocato questa punizione un uomo? Fosse stato
scatenato il castigo da quest’uomo malvagio e calunniatore?”.
Disse lui un altro: «Guai a te! Occultamento dei nobili».
Disse: «Lui è malvagio all’interno e genuino all’esterno. Lui è di quelli che
riservano più amore per gli uomini che per le donne. Lui è quello che dice che la
mattina è meglio della sera».
Gli chiese: «Da dove hai questa notizia?»
Rispose: «Non sono forse ignote le peculiarità di Abū al-Ẓafar che solo al
bufalo e al bove?»
Si diffuse così questa notizia presso la genta del paese e oltre. La gente
s’industriava per ucciderlo o incarcerarlo. Lo raggiunse la notizia e così se ne scappò.
Trassi consiglio da questi avvenimenti e scappai prima che si levassero da loro le
grida.
16. La sedicesima maqāma: quella di al-Aḥmad Abād
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Sentii che ad Aḥmadʾabād vi era una uomo che la sapeva lunga in materia di
ḥadīth e che era celebre per l’elevatezza delle catene dei trasmettori. Percorsi così
deserti e steppe. Attraversai in un giorno ciò che percorre un viaggiatore in un anno.
Ogni giorno della settimana era dedicato dall’uomo allo studio di una scienza delle
scienze. Accadde – e come si dice “per ogni cosa vi è una causa67” – che entrai al
suo cospetto nel giorno in cui leggeva la scienza dell’adab. Erano entrati presso di lui
poeti che recitavano le loro poesie e ponevano interrogativi sui loro significati. Fu
66 Noè tentò di convertire le popolazioni che praticavano l’idolatria al Dio unico ma con risultati nulli.
Poiché la situazione rimase tale per “centinaia di anni” (Amir-Moezzi, 2007, voce “Noè”), Dio fece
piantare gli alberi al profeta con cui avrebbe costruito una nave. In quaranta giorni venne costruita la
nave. Ospitò una coppia di animali per ogni specie che così si salvarono al diluvio insieme alla
famiglia di Noè (eccetto che per un figlio).
67 Corano, 18:84.
91
spinto quindi il discorso ai primi versi, alle bellezze, alle purezze e i passi migliori.
Così disse uno dei presenti: «Mai sentii uomo esser sincero come sincero è Abū
Tammām:
Diceva a Qawmas il mio compagno, che già avevamo
Percorso il cammino guidando la marcia delle cavalcature:
“È dove sorge il sole che vuoi portarci?”
Risposi: “No! ma dove sorge la generosità68”.
Gli disse allora un uomo: «Oh sciocco, oh uomo di debole trasmissione, non
sai che questi sono rubati a Ṣarīʿ al-Ghawānī69? È noto al lontano e al vicino! Le
parole sono queste:
«Diceva il mio compagno, che già era divenuto aspro per noi il
viaggio
E le cavalcature avanzavano e presso i cavalieri erano le briglie:
“È dove sorge il sole che vuoi portarci?”
Risposi: “No! ma dove sorge la liberalità”».
Disse allora lo shaykh: «Non siete esaustivi per la vostra accettazione delle
due tradizioni. Già proferii meglio di questi due e pronunciai ciò di cui non avete
avuto conoscenza. Ascoltate dunque da me l’arte e apprendetela. Recitò:
«Quando lei mi vide impegnato nell’icitare al cammino,
Ed ero già dimentico dei luoghi natali e delle camere,
Disse: “a che pro è spesa la vita in un viaggio
Che è lacerato dagli inferi?
68 La stessa questione riguardante l’attribuzione di questi versi (presentata in questa maqāma) è stata
trattata anche da ibn Khallikān (608/1211-681/1282). Data la corrispondenza dei due versi presentati
(yaqūlu fī Qawmas ṣaḥbī wa qad akhdhat / minnā sl-surā wa khtā al-mahrya al-qawdi / a maṭlaʿ alshams tanwy an tu’am binā / faqultu kallā wa lakin maṭlaʿ al-jawd; e i versi: yaqūlu ṣaḥbī wa qad
jaddū ʿalā al-ʿjl / wa al-khayl tastannu bi’l-rukbān fī al-sujmi / a magrab al-shams tanwy an ta’um binā
/ faqultu kallā wa lakin maṭlaʿ al-karm”) l’autore potrebbe aver attinto da questa fonte (Ibn Khalliqan,
1968 vol.3, pag. 83, voce 343 ʿAbd Allah b. Ṭāhir). Di cui la traduzione: Mac Guckin de Slane, 1843,
vol. 2, pag. 49, voce Abd Allah b. Tahir). Il verso di Abū Tammām è contenuto anche nel suo dīwān
(Abū Tammām, 1994, vol. 2 pag. 517).
69 Ṣarīʿ al-Ghawānī è Muslim b. al-Walīd al-Anṣārī morto nel 208/824.
92
È dove sorge il sole dove vuoi andare?”
Risposi: “No! ma dove sorge la nobiltà”».
Considerò quindi la relazione tra “sole”, “sorgere” e “nobiltà” e quindi la
posizione dei punti diacritici tra “pro [vantaggio]” e tra “viaggio” ed “inferno”70
quindi la metatesi tra “già” e “esser lacerato”71 e la fusione delle perle.
Prese poi in mano il libro dei canti72 e cominciò a parlare della ornazione,
della chiara esposizione, e dei significati.
Disse quindi un uomo: «Mai vidi nei libri dell’adornamento niente di meglio
di Imruʾ al-Qays nella comparazione di due elementi con altri due:
L’uva e il dattero acerbo sono come
Il cuore dell’acquila nel suo nido, umidi e secchi73».
Disse dunque: «Sì, è stata compiuta al massimo della perfezione ed è utile
con ciò al fine della dimostrazione. Bashshār b. Burd74 diceva: “rimasi un periodo
senza riposare da quando sentii le parole del verso di Imruʾ al-Qays. Dissi così, dopo
aver vegliato e aver patito la fame:
Un polverone discende sulle nostre teste
Con le spade, come una notte nella quale calano le stelle75”.
E li ho innalzati io per terzo che se affermassi che i miei versi sono migliori
non sarei mendace. Questi sono:
70 Le parole che intrattengono una relazione formale – cui discusso ne testo – sono: sarf, cambio, safr,
viaggio e, con un punto diacritico in più nella lettera mediana di safr (la lettera fā’ diviene qāf), saqr,
inferno.
71 Le parole in questione sono: qad, tradotto con “già” e qudd tradotto con “esser lacerato”.
72 Il libro dei canti è il Kitāb al-Aghānī.
73 “Ka’anna qulūb al-ṭayri raṭban wa yābisan / lidā wakrihā al-ʿunnābu wa al-ḥashafu al-bālī” è un
verso citato come modello di comparazione, tashbīh, (Imru’ al-Qays, 2009, pag. 38).
74 Bashār b. Burd è il poeta (96/714-168/784).
75 “Ka’anna muthāra al-naf fawqa ru’ūsinā / wa asyāfinā laylun tuhāwā kawākabuhu”, “Un
polverone discende sulle nostre teste / Con le spade, come una notte nella quale calano le stelle”, è un
verso di Bashār b. Burd. È citato come esempio della figura retorica “tashbīh murakkab bi’lmurakkab” (Bashār b. Burd, 2007, pag. 335).
93
La terra e le sue luci
Sono come il cielo decorato dalle fiamme delle sue stelle».
Si mise dunque ad enumerare le bellezze dei suo versi, la sua fama presso i
letterati e il suo successo. Continuò a infilare perle nei fili e a far scendere l’aristida
meccana dal cielo. Passò dunque a parlare del mondo – dei suoi pericoli, dei suoi
dolori, della sua disgrazia e dell’abbondanza di affanni e angosce. Si mise allora a
considerare, dopo che era divenuta piacevole la conversazione.
Alzò la testa e disse: «Mi meraviglio dei tanti uomini che passano la loro vita
solcando terre e sabbie abbandonando simili assemblee nelle quali è onorato e
emulato l’acuto». Poi sbuffò, sospirò ed indicandomi recitò:
«Tu vaghi ignaro come colui che già prima di te vagò
Per questo l’uomo ti ha dato il nome di girovago.
Calma Abū al-Fattāḥ! Non farti indurre in errore
Nel mondo giacchè in esso la ragione è confusa.
Gracidarono i cuori al peccato e alla sua lordura,
Stai in guardia! E non tollerare l’ignominia!
O non vedi forse i figli del tuo tempo che sono passati
Come se non vi avessero mai abitato casa?
Guarda le lune nuove che si flettono ai mesi
Come falci portano le vite alla fine.
Guarda i sospiri degli uomini:
Sembrano nel loro moto delle seghe.
Le genti nelle loro disattattenzioni sono come le vacche,
La morte per loro è come la macellazione».
Non rimase nessuno dell’assemblea che non piangesse, che non chiedesse
perdono a Dio per i suoi peccati e che non si dispiacesse.
Disse poi: «Oh gente! vorrei mondare i miei figli e non è stata risparmiata
fatica in misura delle mie disponibilità». Il gruppo fu allora sollecito nell’aiutarlo
secondo possibilità. Io vendetti il mio pellame affinchè non uscisse dalla mia
compagnia. Passò con noi il biancore del giorno e ci allietavamo nella pratica della
prosa e della poesia. Poi, quando pregò con noi il primo rito della sera, disse: «Ora la
94
partenza per le case è la priorità e la cosa più conveniente!» Ognuno di noi andò
dunque alla sua dimora e locazione, meravigliato per la sua gran sapienza ed
abbondanza. Quando poi pregammo il rito del mattino – e il sole era sorto sulla
lancia – andammo alla sua dimora e sede. La trovammo deserta dei suoi proprietari e
genti. Chiedemmo di lui ad alcuni vicini. Dissero: «È andato a suo tempo ed è salito
su una nave in direzione di Mecca e Medina».
Chiesi di lui a chi era con me. Dissero: «Lui è Abū al-Ẓafar l’indiano». Mi
dispiacque l’essermi separato da lui e rammaricò i presenti. Lessi in quell’istante:
«Una barriera verrà posta tra loro e ciò che desiderano76».
17. La diciassettesima maqāma: quella di al-Murādabād
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Capitò un anno nel nostro paese la siccità e il rincaro dei prezzi. Perdurò per
mesi al punto che divenne amaro della vita ciò che era dolce. La gente vendeva tutti i
suoi averi e le proprie case. Erano esausti dalla fatica per avere il loro cibo.
Quando la situazione mi divenne stretta – e si spezzarono le funi delle mie
speranze – presi i miei gioielli di famiglia, li impegnai e vendetti i mobili di casa.
Diedi allora alla mia gente la somma dovuta. Viaggiai con il rimanente alla volta di
al-Murābād. Quando ero a metà strada trovai un gruppo di patrizi77 che trattava nel
commercio del lino, del cotone e della seta. Andai con loro. Camminai nelle loro fila
e procedemmo. Non vi era nessuno di noi che conoscesse altra lingua che quella
araba. Inoltre erano ignoranti e non comprendevano altra lingua. Chiacchieravamo su
come saremo entrati in un paese della cui gente non conoscevamo la lingua e su
come avrebbero preso la merce coloro per cui l’avevamo portata.
Mentre discutevamo si avvicinò un ragazzo magro come un chiodo, più
debole della luna nuova e salutò con lingua pura e cuore retto.
Disse poi: «Oh gente! Non sia la vostra questione per voi una preoccupazione
poiché la maestà di Dio mi ha distinto per un cuore impavido e la conoscenza di ogni
76 Corano, 34:54.
77 “Baṭārīq è il plurale di baṭrīq, parola del contesto romano che indica una delle loro guide (alḤabashī, 1999, pag. 111). Baṭārīq indica inoltre “i bizantini” (Edward Wiliam Lane, voce baṭārīq).
95
lingua. Io vi servirò! Continui a susseguirsi il favore di Dio supremo su di voi».
Incaricammo così lui di tutti i nostri affari, affidandoci a Dio sul suo conto.
Entrò con noi nella città. Ci prese in affitto una casa ampia, inaccessibile e
che ostacola il male. Poi – dopo qualche giorno – venne e le sue membra tremavano.
Il suo cuore era carico di afflizione.
Disse: «C’è stato uno scontro tra il governatore e un gruppo di zotici. Temo
per i vostri soldi, vorrei depositarli presso un banchiere. Quando tutto si calmerà,
ogni cosa sarà tornata al suo posto».
Dicemmo: «Sia affar tuo. Nessuno di noi non si fida che di te e non confida
che in te».
Depositò il denaro, più migliaia, presso un banchiere conosciuto e famoso.
Tornò dopo una settimana, i suoi occhi erano come una fonte.
Gli chiedemmo: «Cosa ti è successo? Che cosa ti ha colpito?»
Disse: «Al banchiere è stata tagliata la testa. Si è illuminato il giorno con la
lampada; questa è la prova del suo fallimento. La sua gente e famiglia si sono
dichiarati innocenti per quel che ha commesso».
Chiedemmo: «Sei capace, con la frode, di ottenere il denaro?»
Rispose: «Io non sono certo capace di ciò! Non vi è modo di prendere ciò che
è là».
Si acuii in noi il dolore, insieme a quanto già pativamo in terra straniera.
Prese quindi per noi quanto necessitavamo a prestito. Si calmò così il desiderio della
restituzione di quanto avevamo prima.
Un anno dal giorno in cui eravamo entrati nel paese venne sorridente e con
abbondanza dicendo: «Non vi è ragione che non possa esser fatta prevalere con le
spade e le frecce. La ricompensa non dipende che dal genere di azione». Lo
seguivano con il denaro centinaia di uomini. Sarebbe stato impossibile il conteggio
del suo ammontare e sarebbe stato impossibile aiutare a ripiegarlo e a distenderlo.
Disse: «Abbiamo preso ciò in via di prestito. Ho voluto prenderlo a mo’ di
permuta e di scambio».
Rimase fino all’ottavo mese78. Lo aveva depositato in qualche posto. Sedeva
nel suo trono e accendeva la lampada nel tempo del riposo. Gli indiani si prestavano
78 L’ottavo mese è sha‘bān a cui segue il mese di ramaḍān.
96
ascolto l’un l’altro sulla sua questione. Cercarono di corrompere il wālī per la
restituzione del loro denaro e per predisporre di ciò che era in suo potere.
Disse uno al wālī: «Queste regole sono invariabili! la vostra storia mi è a
sostegno». Rispose lui il wālī: «Tu sei della gente della fede retta. Questa è la
dottrina degli idolatri».
Gli lui disse allora: «Le tue sentenze sono continuate a essere come quelle
passate. Le tue luci hanno continuato a splendere. Però, se il vostro debitore si trova
in difficoltà, gli sia accordata una dilazione fino a che una facilità gli si presenti79».
Ordinò allora il wālī lo scioglimento e impedì la soddisfazione delle sue
richieste. Batterono dunque nei cuori palpiti di gioia. Cessò in noi ogni
preoccupazione e affanno.
Disse: «Dobbiamo portare fuori il denaro senza che se ne accorgano gli
uomini. Farò credere che sono partito, invece, ritornerò il decimo giorno.
Gli dicemmo: «Con affetto e rispetto possa tu continuare a essere
accompagnato dalla pace nel viaggio e nella sosta». Presumevamo che sarebbe
ritornato nel giorno promesso. Setacciammo in seguito tutte le aree del paese e del
mercato nella sua ricerca. Eravamo come quello che cerca le uova del
capovacciaio80. Capimmo: fra gli uomini quello che amava queste azioni non era che
l’irreligioso Abū al-Ẓafar e che non sarebbe stato facile congiungersi a lui o
incontrarlo. I loro volti divennero allora come quelli del grifone81.
79 Corano 2:280.
80 Il capovacciaio, neophron percnopterus, è un uccello che usa fare il nido nelle alture e luoghi
isolati. Questi uccelli non formano stormi e colonie ma usano vivere in coppie (AA.VV., The
Encyclopedia of Birds, 2007, voce “Egyptian Volture”, pag. 302). Il proverbio, “dūnahā bayḍ alunūq”, “in cui non è l’uovo di capovacciaio”, (al-Maydānī, 1955, proverbio 1384, vol. 1, pag. 264) è
presentato con la seguente spiegazione: “al-unūq è l’uccello, depone le sue uova dove non ci si può
arrivare per distanza e per quanto sono nascoste. Viene usato come metafora di qualcosa che è
difficile trovare”.
81 ʿAnaqā’, grifone o fenice, è un uccello di fantasia.
97
18. La diciottesima maqāma: quella di al-Banāris
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai con dei persiani alla volta della città di Banāris. Vidi così le sue
solide case e i suoi eleganti giardini, nei quali erano rose che assomigliavano a gote.
Vidi le sue colline, anemoni dorati, e ciò che non ha fratelli e simili. Vi era là il
cocomero verde, il cetriolo, la bacca che colora i polpastrelli, il fiore del melograno,
la brezza che passa nelle ossa e l’acqua dolce che le vesti delle coppe adorna.
Feci di lei la mia patria e vi andai ad abitare. Rimasi là del tempo provvisto di
abbondanti fortune, preziosi vestiti e morbidi tappeti – nella letizia manifesta e
nascosta.
Venne infine a me un tale - non sapevo se fosse stato un uomo o un jinn –
sennonché dopo seppi che era iblīs, quello che ha fatto uscire Adamo dal paradiso!
Mi disse: «Son invece un uomo di mondo che è solito ai viaggi. Non abitano
in queste stalle che le mucche! Vicino al paese vi è un posto migliore di questo per
splendore. Le sue donne sono più belle in grazia e delicatezza. Lascia dunque la
ricchezza, il terreno, gli averi e la casa. T’indicherò un paese nel quale si unisce la
fortuna nella sua destra e la felicità nella sua sinistra, la cui stella è vigile, la cui aria
è pura, la cui terra è muschio fragrante, la cui brezza è odorosa, le cui pietre sono
gemme, il cui giorno è la mattina, la cui notte è l’alba, il cui cibo è squisito e la cui
bevanda è genuina. Possiede un ampio terreno e è una città sublime. Di ogni bellezza
è inoltre ricoperta. Presso di lei sono dipinte le immagini del paradiso. Non fallisce
certo chi anela a lei ed è reso immune chi a lei mira e si dirige. Continua inoltre ad
essere inespugnabile con le sue miliziee e a difendersi con le sue truppe – e da ogni
specie di male è al sicuro». Si era mescolata l’influenza del desiderio nelle mie
membra. Un amore per ciò che aveva descritto abitava nel cuore. Vendetti quindi
quanto possedevo al minor prezzo e mietei le sementi prima della loro divisione.
Dissi poi: «Oh tu dal viso probo, indicami il nome di questo paese».
Rispose: «La sua metafora è più efficace della dichiarazione».
Poi disse: «Sono fuggite le genti del paese e i bambini».
Risposi: «Come! Ho già venduto tutti i miei averi!» Disse allora: «Sarebbe
stato meglio se fossero rimasti qui. Chiedi loro per soddisfare le tue ambizioni». Li
98
seguii nel paese. Viaggiai con lui affidandomi all’Uno. Scrissi quanto avevo di
denaro, per suo ordine, su una parte del mio abito temendo ladri e nemici.
Camminammo. Lui infondeva in me gioia, diletto, felicità e delizia. Infine
giungemmo in una certa terra. Ci si presentò quindi, per destino decretato, un gruppo
di ladri. Li supplicammo in ogni modo. Non ci permisero però di pagarli con
espedienti.
Disse: «Ti sia sufficiente il superfluo. Dammi il vestito».
Gli diedi il mio vestito, non sapevo volesse il mio male. Mi lasciò lui quindi e
volse a loro assicurando così la mia perdita.
Gli dissi: «Ciò non è giusto, questa non è un’azione nobile».
Rispose: «Scappa prima che ti giunga un guaio».
Mi fermai dove non sapeva il mio oppositore, pensando a ciò da cui mi aveva
separato: i figli e la moglie. Sentii che la gente gli diceva: «Ti ricompensi in bene
Colui che ritorna è che è l’origine oh Abū al-Ẓafar l'indiano». Mi rassegnai allora
della fine delle mie speranze. Capii che era un errore che non si dice.
19. La diciannovesima maqāma: quella di al-Jawnbūr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai a Jawnbūr con un gruppo di Mandasūr.
Quando vi giungemmo gli chiesi: «Dove alloggerete?»
Risposero: «In una qualche sua madrasa».
Gli dissi: «Io abiterò alla casa del suo wālī e suo amministratore poiché gli ho
composto un panegirico con dei versi splendidi e spero che mi ricompensi con un
premio insigne».
Andai dunque alla casa dell’emiro e la trovai riunire il grande e il piccolo. Lo
osservai ed ecco lui era concentrato tra il diritto e l’adab. Aveva capacità in tutte e
due le faccie della perfezione: l’innata e quella che si acquisisce. Comprendeva la
prosa e la poesia. Dava spiegazioni in tutte le scienze e sui quesiti che gli venivano
sottoposti. Le loro domande in quel tempo gli venivano presentate.
Poi, quando finì lo studio su ciò che era riportatato, incominciò a studiare il
sapere ragionato.
99
Vennero a lui i poeti con i loro conponimenti e i loro versi. Lui elargiva loro
in base alla loro intenzione.
In quell’istante sminuii ai miei occhi e nascosi i miei versi temendo apparisse
l’infamia. Non passò molto però che si alzò un ragazzo e recitò gli stessi versi dopo
avergli tolto due parti. Il gruppo onorava esageratamente. Erano questi:
Oh Signore d’animo sprezzante e d’intelletto
Ho attraversato la distanza
Ed ho abitato inavvertitamente sopra al-Suhā82
A te sia munificenza.
Possedetti un abbondanza che non aveva fine
Presso di te è la generosità.
L’intimo prese dunque a ringraziare poiché
Esso è il veleno del nemico».
Andò a lui dunque il wālī e gli diede un dono considerevole, una veste
d’onore e una schiava bellissima.
Si alzò allora lo shaykh e disse: «Oh wālī! Questi – per Dio! – sono i miei
versi e sono composti di sei parti! Osservate come li ha rubati e li ha ridotti. Ne ha
tolto infatti una parte. Sono di metro kāmil del secondo tipo. Lui li ha riportati in
ottave per ottenere di ridurre il mio componimento».
Gli disse il wālī: «Come puoi dire ciò?». Disse allora:
«Oh Signore d’animo sprezzante e d’intelletto,
Ho attraversato la distanza ringrazia dunque la benedizione di Dio
Ed ho abitato inavvertitamente sopra al-Suhā,
A te sia munificenza e la menzione nelle grandi città.
Possedetti un abbondanza che non aveva fine,
Presso di te è la minificienza e la luce dei crepuscoli.
L’intimo prese dunque a ringraziare poiché
Esso è il veleno del nemico e la gioia dei migliori».
82 Al-Suhā è una stella dell’orsa maggiore.
100
Si rivolse allora il wālī al ragazzo e gli disse: «Oh tu dalla pelle lurida! Non
sai che il furto della poesia è come il furto del grano o dell’orzo? Chi osa il poco ha
coraggio anche per il tanto».
Disse allora: «Oh wālī Iddio metta alla prova la vostra discendenza sublime,
poiché nella prova è nobilitato l’uomo o umiliato. Con il regolamento e
l’annullamento si distingue la menzogna dalla verità!»
Disse allora lo shaykh: «Ho già parlato con la mia lingua e ho espresso quanto
è nel mio cuore. Ordinate dunque oh wālī a chi volete che inizi, così che vi si
chiarisca chi ha esagerato».
Il walī fu distolto per alcune sue faccende dal ragazzo e dal suo esame. Si
arrabbiò allora lo shaykh per la disonestà e credette che il wālī fosse di quelli che
accettavano regalie atte a corrompere.
Disse allora il wālī: «Cessa la tua agitazione e ascolta la risposta».
Poi fu distolto – per una questione del suo popolo – da lui. Si arrabbiò quindi
lo shaykh per la sua ricorrente condotta. Si alzò in piedi e recitò concitato:
«Mi lamento al ministro religioso del tempo e al suo sacerdote
Non per il jinn di questa zona ma invece per il suo uomo
E dico: oh sorgenti di beneficio che hanno amato la liberalità
Con sincerità sul cui fondamenta hanno eretto il suo castello,
Tarda la risposta ad un afflitto e si protrae il tempo per ciò che
Era stato sperato in sollievo dal suo uomo.
L’uomo non chiede al generoso se non
Quando l’intelligiente ha ricevuto un’offesa.
Il fratello della liberalità irriga le vegetazioni dei suoi doni
Versando la vita alle sue colture e alla sua pianta.
Non volta le spalle alla mia risposta! Io sono come
Il morto che spera il suo annuncio dalla sua fossa».
Si alzò il ragazzo stizzito e si rivolse allo shaykh indicandolo: «Oh più vile di
un chiodo! oh tu che hai gran invidia! ha forse qualcuno avuto visione dei tuoi
versi?»
Poi si rivolse al wālī Le lacrime nelle sue guace erano come perle. Disse:
101
«Oh colui al quale è cresciuto un folto albero nella sua piantagione
E che si è elevato grazie al suo possesso e con le sue congetture.
Non sia sottoposto al critico chi ha
Merito e non brama il proprio danno…»
Desiderava procedere sino al sesto [emistichio] ma il wālī disse: «Ti basti oh
cavaliere».
Diede allora allo shaykh quanto aveva dato al ragazzo e conciliò i due.
Disse: « È sviato chi era ribelle ed insolente». Uscirono dalla sua casa. il mio
cuore ardeva nel suo fuoco ed era per me stretto lo spazio. Si accese nel mio cuore il
legno di ghaḍā83 giacchè mi avevano rubato i versi e non ero capace di dimostrarlo.
Tenetti nascosto cio che aveva tenuto celato la mia mente per paura che mi avessero
a biasimare il grande e il piccolo.
Andai dai miei compagni presso la madrasa ed era grande la mia miseria ed
amarezza. Quando arrivai a loro – e i miei occhi li videro – ecco! L’uomo e il
ragazzo vestivano i più bei vestiti ed erano alla testa delle più alte assemblee. Li
osservai, fermandomi per identificarli: loro due erano nel gruppo dei mie compagni
nel tragitto! Volli sollevare la questione preparandomi alla sicurezza o alla morte. Poi
però considerai che la pazienza con i miei simili era più conveniente. Contai sul
Remuneratore in un’altra casa.
Chiesi di lui e del ragazzo. Mi fu detto: «Loro due – in viaggio d’estate e
d’inverno – sono Abū al-Ẓafar e il suo figlio letterato i quali hanno il pelo del lupo.
Chiesi quindi a Dio la sicurezza ed il successo nella permanenza e nel viaggio.
20. La ventesima maqāma quella di Multān
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Desiderai una moggior leggerezza delle mie membra e cacciai così le parti
migliori della carne. Il suo desderio mi proibì della delizia del sonno e della genuinità
83 Ghaḍā è varietà di euforbia, pianta del deserto.
102
del cibo e delle bevande. Mi separai a causa sua dalle genti e dalle terre natali e
comnciai a migrare per i paesi chiedendo aiuto agli amati e consultando i medici.
Andai infine da un medico capace, quantunque fosse deviato nella religione.
Lo informai della mia malattia e chiesi riguardo la sua cura. Gli esaurii le forze e non
trovo via di guarigione.
Disse: «Non vi è per questa malattia alcuna medicina se non la sopportazione.
Non sono utili formule e amuleti, né saggi né bravura».
Uscii dal suo cospetto e il palmo della mia mano era giallo dal viaggio.
Tornai dove stavo procedendo.
Non smisi di interrogare ʿulamāʾ e a consultare saggi. Sentii infine di un
uomo intelligente forgiato sullo stampo della perfezione che svergognava la luna
nuova e quella calante. Aveva un collo come quello di una gazzella – e alla gazzella
assomigliava nel suo sguardo. Ne fu ubriacata la mia mente. Non cesso il primo
nell’intimo del mio cuore e il suo desiderio mi procurò preoccupazione e affanno.
Certo, talvolta le orecchie amano prima dell’occhio84. Cambiò per ciò la mia
condizione e aumentò la passione e la confusione. Fui messo alla prove da due
flagelli, fui colpito da due disgrazie e non sapevo a quale dei due aspiravo: Dio non
ha creato l’uomo con due cuori85.
Sentii che nella zona di Multān vi era un saggio sapiente nella scienza del
corpo umano. Entrai al suo cospetto e lo trovai curare un malato senza guardare la
divisione, sapendo gli attrezzi e le parti. Lo informai della mia storia, ciò che mi
accadeva e l’origine della mia malattia.
Disse: «La passione spezza i legami e non è utile a ciò che la riunione».
Risposi: «Uno degli amanti e ad Azmīr e l’altro è a Kashmīr ed io sono qua
tra i due, amareggiato nell’animo e ferito negli occhi».
Disse: «Lascia il secondo e sforzati di raggiungere il primo. Le migliori delle
genti hanno una predilezione per il vecchio e ne fanno affidamento. Non hai forse
sentito – oh assennato – cosa ha detto l’amato:
Rivolgi il tuo cuore dove vuoi per amore
84 “Al-udhun taʿshaqu qabla al-ʿaynu aḥyānan”, l’orecchio ama prima dell’occhio, è il secondo
emistichio del verso di Ibn Burd (Bashār b. Burd, 1966, vol. 4, pag. 206).
85 Corano, 33:4.
103
L’amore non è che per il primo amante86
Gli dissi: «Ciò è fondato sull’esperienza, non ho scelta».
Entrò dunque al suo cospetto un uomo che si diceva fosse di quelli che
possedevano entrambe le scienze – quella tramandata e quella di deduzione originale
– e che derivava i rami dai tronchi. Lo informò il saggio della mia malattia e gli
chiese un parere per la mia guarigione.
Disse: «Svignatela dalla loro aria! Desisti dal loro tormento! e se non sei
capace di dimenticare occupati allora della lettura del libro di al-Sulwān87. Se non
riesci ancora, occupati allora di Chi per primo era affezionato al tuo cuore e fa
elemosina a chi hai sentito essere in una condizione diversa dalla tua e più angusta.
Dì: “mi affido al mio Signore88” e ricorda i versi di al-Mutanabbī:
Ricorda quanto hai visto e lascia quanto di lui hai sentito
Il sorgere del sole ti rende superfluo Saturno89».
Per Colui da cui spero la soddisfazione delle mie speranze, quando sentii il
verso era come se non avessi sentito un secondo.
Poi il saggio prese il libro dell’eloquenza e della chiara esposizione e furono
scorsi alcuni versi con piacevoli allegorie.
Disse dunque l’uomo: «L’allegoria, se rivolta ai cuori, è di di facile
comprensione e semplice da raggiungere».
Gli disse allora il saggio: «Ti possa riscattare il mio sguardo e il mio ascolto.
Forniscimi un esempio che contenga quanto è nella mia mente».
Gli dissi: «Oh saggio di sano intelletto ordinategli di far contenere il verso
menzionato perché si estingua l’ardente desiderio dei cuori».
86 Il verso: “Naqqal fu’aādaka ḥīth shi’ta min al-hawā / mā al-ḥubbu illā li-ḥabībi al-auwali”, è un
verso di Abū Tammām (Abū Tammām, 1994, vol. 2, pag. 290).
87Al-Sulwān, Sulwān al-muṭāʿ fī ʿudwān al-atbāʿ di Muḥammad b. ʿAbd Allāh b. Ẓafar, noto come
Ibn Ẓafar al-Ṣiqillī (497/1104-ca.565/1170), è un Fürstenspiegel, specchio dei principi in cui vengono
forniti una serie di consigli ai governanti.
88 Corano, 114:1.
89 Il verso di al-Mutanabbī è presentato nella maqāma con un verbo coniugato al perfetto (māḍī)
mentre nel diywan (al-Mutānabbī, 1986, vol. 3, pag. 205) è all’imperfetto (al-muḍāriʿ al-marfūʿ): nel
primo è: “khudh mā ra’ayta wa daʿ shay’an samaʿta bihi / fī ṭalʿa al-shams mā yughnyka ʿan zaḥal”,
nel secondo “khudh mā tarāhu wa daʿ shay’an samaʿta bihi / fī ṭalʿa al-shams mā yaghnyka ʿan zaḥal”.
104
Disse allora: «Fate contere il verso precedente di al-Mutanabbī e ricordate
cosa gli è capitato coi due amanti il primo e successivo».
Si alzò dunque – intercedento presso il Profeta – e improvvisando recitò:
«Vidi una gazzella e una gazzella di cui avevo sentito.
Entrambi sono come il ramo di ben90 o di giunco.
Il sole è incapace di raggiungere la loro bellezza.
La luna piena l’ha raggiunta struggendosi d’amore di vergogna.
Ha la capacità della gentilezza del germoglio nel suo sbocciare.
Questo e quello è come questo oh fratello di nobile animo.
Sbigottii per ciò che avevo a patire
Desiderando ognuno di loro, oh poco astuto.
Recitò la lingua del momento – consigliando
Dei versi meravigliosi in cui vi è l’introduzione di una metafora –
“Ricorda quanto hai visto e lascia quanto di lui hai sentito
Il sorgere del sole ti rende superfluo Saturno”».
Si alzò dunque diretto al suo posto.
Gli dissi: «L’amore per te mi ha colpito come la strada porta alla sua
destinazione. Ti voglio essere compagno e interlocutore fino a quando giungerà il
tempo della partenza dei viaggiatori».
Disse: «Và nella zona degli ebrei e chiedi della casa dello shaykh degli
indiani. Chi vedrai ti ci farà giungere o te la indicherà».
Andai quindi e vidi i suoi uomini e le sue donne. Lo conoscevano come
conoscono i loro figli mi fecero così giungere a una casa con portoni invalicabili e
terrazze elevate. Quando bussai alla porta mi risposero i cortigiani che il signore del
luogo era accusato di una certa accusa ed era imprigionato nella casa delle tristezza.
Rimasi così presso la porta preoccupato, desolato e dispiaciuto.
Volli poi chiedere il suo nome quando vidi scritto dei versi sul muro in grafia
rayḥān o ghubār, nella sua caligrafia e secondo la sua nobiltà:
Ho abitato questa ampia casa un periodo di tempo.
90 Bān è la pianta moringa aptera o salix aegiptica.
105
Il destino e i decreti divini mi hanno valso la morte.
Sappi con certezza che io lo nutrirò
Insieme a ogni ragazzo che rimane in vita nelle vicinanze.
Dii dunque oh tu che hai visto perché la mia mano ha scritto
Non era forse misericorde il Misericordioso con chi era qua?
Sotto aveva scritto: “ha riferito ciò con la sua boccca – e lo ha scritto con la
sua penna – il servo dei servi degli uomini il raziocinante Abū al-Ẓafar l’indiano”.
Chiesi dunque la misericordia di Dio per lui e tornai a dove ero diretto.
21. La ventunesima maqāma: quella di al-Azmīr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Accadde che andai con la brigata in visita al signore di Azmīr e, quando si
fece notte, fummo travolti dal torrente. Rifugiammo allora in una casa delle
abitazioni dei cristiani e la trovammo libera dall’adorazione degli idoli.
Vedemmo un angolo vuoto da ogni affollamento e ci sedemmi là mentre
l’acqua scorreva nelle sue parti.
Venne poi un gruppo che era gravato da ciò da cui eravamo gravati e si
rifugiò come noi ci eravamo rifugiati. Eravamo presenti quando si alzarono le voci e
gridavano di loro i vivi e i morti. Mi alzai dunque per verificare la questione e sapere
ciò che era nascosto e ciò che era manifesto. Ecco loro litigavano con il loro grande,
loro capo e emiro. Mi fu arduo separarmi da loro, rinunciare a loro e allontanarmene.
Gli chiesero riguardo l’abrogazione della sua decisione, garantendogli ciò che
ambiva e sollievo dalla sua preoccupazione e angustia. Mi venne dunque in mente di
stare con loro che erano prosperi e avevano successo.
Gli dissi: «Ascolta le parole dei tuoi compagni e non opporti al parere di
coloro che ti amano».
Disse allora: «Fame e arsura in terra straniera sono per me migliori a sazietà e
copiosità d’acqua misti a dolore e angoscia. Io mi trovo presso gli uomini meritevoli
come un uomo meritevole e presso i servi come un servo ma non ho per me niente di
prezioso in cambio».
106
Poi mi disse: «Tralascia il superfluo!». Recitò allora dicendo:
«Ha rifiutato il glorioso d’esser pago, con ignoranza, della vita
E di trovar piacevole la permanenza d’insignificante valore.
La mia condizione e la mia nomea si sono diffusi a oriente e occidente
E con essa hanno marciato i cavalieri per terre e per mari.
La mia elevatezza d’aspirazioni è più alta della cima di Suhā91
E oltrepassa la costellazione dei gemelli e al-Nasr92.
Si trascina nel gruppo della via lattea la sua coda.
Chinano a lei il capo al-ʿUyyūq93 e la stella lucente94.
Si volgono a lei tutti gli astri
E le appaiono innanzi nella difficoltà e nella agiatezza.
Giuro sull’adab, sul giudizio, sul timor di Dio,
Sulla casa, sullo sforzo, sull’angolo e sulla pietra
Che io sono innocente per tutto ciò che ho guadagnato
Quando non ho spronato i cammelli in remoti deserti e steppe
E quando ho sfinito i cavalli nella ricerca della superiorità
E raggiungendo ciò che spero o cui ha fine la mia vita».
Prese poi il suo bastone e i suoi due calzari in mano e guadò l’acqua sui suoi
piedi.
Mi passò per la mente l’idea che se gli fossi divenuto compagno non avrei
fallito e avrei guadagnato dalla sua conoscenza dell’adab la più abbondate fortuna.
Andai così nell’acqua affidandomi all’Innalzatore del cielo.
Quando lo vidi – e lui mi vide – pensai di chiedergli il nome. Me lo dichiarò e
mi salutò dandomi la pace. Disse poi: «Quale è il tuo nome ragazzo?»
Dissi: «Al-Nāṣir – [che da vittora] che sia per voi su ciò che mirate, oh
guida».
91 Al-Suhā è una stella della costellazione dell’Orsa Maggiore.
92 Con Nasr si riferisce, probabilmente, a Nasr Ṭā’ir, la stella Altair, oppure Nasr al-Wāqiʿ la stella
Vega.
93 Al-ʿUyyūq è la stella denominata Capella, stella della costellazione dell'Auriga.
94 Corano 24:35, “al-kawkab al-durrī”, astro lucente è utilizzato come metafora nella descrizione
della luce di Dio.
107
Disse: «Abū al-Ẓafar shaykh degli indiani che ha una famiglia benedetta e
lodata».
Poi disse: «Se vuoi che io sia tuo compagno – e ti innalzi la sorte – non
chiedermi alcunchè sino a quando non te ne farò menzione».
Risposi: «Non ha parlato il signore con eccesso, io sarò garante di quanto si
esige».
Andò dunque in un campo, e non si fermò ma girò e se ne andò.
Entrò dunque in una casa del funzionario della tesoreria95 e si sedette sulle
sue calzature dopo aver salutato.
Entrò allora un uomo con dei libri da vendere, tra questi vi era un numero di
raccolte. La prima su cui si posò la mano del funzionario fu al-Fawāʾid al-Mughīthīa
[le vantaggiose utilità]96.
Disse: «Questa raccoglie disposizioni utili e intrepidità da leoni. Chi è presso
di me che la desriverà con concisione e a cui abbellirò la ijāza?».
Tacque allora la gente la sua risposta. Fu colta allora da un doloroso desiderio
per ciò e chinò il capo come se sopra la loro testa fossero gli uccelli97».
Disse: «Ho appreso che presso di voi non v’è del buono».
Si alzò in quell’istante il mio compagno al suo cospetto e recitò nel fascino
delle sua loquacità:
«Queste al-Fawāʾid [utilità] l’adab racchiudono
E cessa in chi le considera preoccupazione e turbamento.
Non è un’onorazione quando è resa elevata la sua comparazione
– secondo la quale le “utilità” sono una raccolta senza uguali».
95 “Bayt al-māl”, (Encyclopedia of Islam, 1986, voce Bayt al-Māl) la casa del denaro, è la costruzione
nella quale veniva posto il denaro pubblico dello stato islamico, indica per estensione “fisco” o
“tesoreria”.
96 Secondo ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī, curatore di un’edizione critica del presente testo,
probabilmente l’autore si riferisce al libro “Al-Fawā’id al-ghyā’iya, un commentario della Kāfiya di
Ibn Ḥājib di Nūr al-Dīn Malā ʿAbd al-Raḥmān al-Jāmī (m. 898/1493)” (al-Ḥabashī, 1999, pag. 137).
97 “Ka’anna ʿalā ru’ūsihim al-Ṭayr”, “come se sopra le loro teste stesse un uccello” indica “chi tace e
non si muove; nella descrizione delle assemblee dell’Inviato, su di lui sia la pace, si è detto: - quando
parlava i suoi compagni abbassavo la testa in silenzio come se sulle loro teste fosse un uccello significa che tacevano e non parlavano: l’uccello si ferma solo dove è silenzio” (al-Maydānī 1955,
proverbio 3048, vol. 2, pag. 146).
108
Ordinò allora il funzionario di sollevare la sua posizione dopo che era stata
abbassata e ordinò l’alleviazione della sua vita dopo che era stata nelle ristettezza.
Disse al funzionario: «Tu non potrai sollevare chi ha umiliato il destino. Non
lo ripagherai del male, non gli recherai giovamento. Liberatemi come chi come voi
ha liberato. Simele a me vi è colui che conosce la sua condizione e ha detto:
Il destino mi ha giurato di deprimere la mia posizione,
E il letterato è afflitto a causa di ciò.
Quando ho visto i figli del tempo presiedere
Una casa elevata che è ricolma delle bellezze,
Mi parlò l’anima che ben conosce la sua sorte e
Non mi conduceva in questa casa».
Disse lui il funzionario: «Ho compreso la tua condizione e ciò a cui ti ha
condotto l’avvenire. È necessario che tu sieda presso di noi, che tu accetti i nostri
doni e che tu presenzi alla nostra preghiera».
Rispose: «Non si respinge la parola del generoso e non ricambia alla
generosità che il vile».
Soggiornammo presso di lui due mesi interi, vestiti di gioia. Giunse dunque
l’ora del nostro signore e si persero per lui le speranze. Il mio compagno andò a
occidente, io a oriente. Continuò il destino a nutrir per lui amore.
22. La ventiduesima maqāma: quella di al-Kashmīr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Assistetti alla festa nuziale di un grande emiro nella città di Kashmīr la notte
di mercoledì ventinove, nel mese di ṣafr98, nel quarto anno del governatorato di
Farukh Sabar. Fu fatto un invito generale che riunì il nobile e il misero. Si erano
98 Nella ricorrenza dell’ultimo mercoledì sono raccomandate una serie di preghiere superogatorie (alʿAthīmīn, 1994, pag. 321) “Vengono mandate trecentoventimila prove e tutte l'ultimo mercoledì del
mese e perciò questo p il giorno più difficile dell'anno. chi prega nelle modalità menzionate viene
protetto da Dio con la sua generosità da tutte le prove che capitano in quel giorno e non lo colpiscono.
[…] Non pare che queste preghiere superogatoria abbiano origine nel Corano e neppure nella sunna”.
109
assemblati il nomade e il sedentario, i beduini e gli staziali. Uscii di buon mattino –
prima dell’arrivo della gente – per avere un posto centrale e di testa. Quando la folla
entrò tutta, divennero stretti i posti a sedere dopo che erano stati ampli. Furono
offerte loro vivande in vassoi d’oro e d’argento e acqua in recipienti di cristallo: tutto
ciò che desideravano le anime, letiziava gli occhi e schiudeva il cuore. L’incenso e
l’ambra s’infondevano attorno a loro.
Al centro dell’assemblea vi erano due ragazzi. Gli era riconosciuta la bellezza
dei bambini e delle urì. Li circondavano le genti come il cerchio circonda la luna
piena. Si stupivano di quanto Iddio li avesse resi speciali nella perfezione, nella
bellezza, nell’eleganza e nella fioritura.
Chiesi in merito a loro. Dissero: «Sono i fratelli della sposa, della cui bellezza
sono inclini gli animi all’amore».
Dissi: «Dov’è colui che vogliono sposare alla loro sorella e che hanno
designato a prendere parte della loro enorme fortuna?» Risposero: «Verrà a breve,
siederà in mezzo alla sala».
Chiesi poi: «Come si chiama colui che proferirà il sermone?»
Risposero: «Ti sarà chiaro quando proferirà il sermone!»
Non trascorse molto tempo che giunse come un tronco di palma bruciato.
Aveva indosso una stoffa colorata di seta e lana. Aveva un naso schiacciato e occhi
strabici. Aveva pochi sentimenti e tanti capelli né lunghi né corti. Entrò nell’atrio e
sedette in mezzo. Si rivolse quindi alla gente con il viso e il petto.
Disse allora il giudice: «Non predicherà alle persone nessuno eccetto colui
che – se gli è stata posta la domanda – vuole che gli sia concessa».
Rispose lo sposo: «Io voglio che mi sia concessa».
Poi disse: «Lode a Dio che ha creato il maschio e la femmina, gli impotenti,
quelli con le sopracciglia unite, le sterili e gli ermafroditi. Faccio testimonianza che
non vi è dio eccetto che Dio solo, il quale non ha soci, con la professione di fede di
un servo che ha una fede salda e che riconosce le colpe e i peccati. Testimonio che
Muḥammad è suo servo e inviato, il signore degli arabi e degli stranieri, colui che ha
detto: “sposatevi e moltiplicatevi! Io sono fiero di voi genti – preghi Iddio per lui e
lo salvi – finchè gli sposi si sposeranno e colui che è nato figlierà99”. E inoltre Dio
99 “Tanākaḥū tanāsalū abāhī bikum yawm al-qiyāma”, sposatevi e moltiplicatevi! Io sono fiero di voi
nel giorno del giudizioso; nel testo di Bāʿabūd, “tazawajū tanāsalū mubāhī bikum al-umam”,
sposatevi e moltiplicatevi! Io sono fiero di voi genti, è un ḥadīth (al-Sakhāwī, ḥadith n. 145).
110
nella nella sua maestà ha reso lecito il matrimonio. Ha promesso una ricompensa per
questo. Ha proibito l’adulterio e ha promesso punizioni per questo». Chi voleva
seguire la sunna del signore degli uomini era il povero, di umili conti, e di alti natali,
Abū al-Ẓafar. Venne ambendo la migliore della sua gente. Colei che conveniva al
suo albero genealogico, chiamata Fitna bint Fattān al-ʿIṭār [bellezza figlia della
seduzione che profuma]. Le fu convenuta la dote di cinquantamila dīnār. Ne fu dato
l’assenso e l’accettazione. Si sciolse allora l’assemblea. Pregammo quindi per il
Profeta.
Nell’ultima parte della notte, risuonarono allora delle grida nel paese, e la
gente prese armi e armamenti. Dissero: «Abū al-Ẓafar ha preso tutto ciò che
possedeva la moglie in gioielli e vestiti. Non le ha lasciato né un dente incisivo né un
dente canino».
Chiese loro allora un uomo che conosceva le genealogie: «Chi è questo Abū
al-Ẓafar che vi ha fatto perdere la testa? Conosco trecento uomini con il nome di Abū
al-Ẓafar. Ognuno di loro è ben guidato – non recano danno – abbiate però a temere a
morte però solo Abū al-Ẓafar l’indiano. Descrivetemelo così che vi sia manifesta la
chiara verità».
Quando glielo descrissero disse: «Costui vi ha preso ciò che avete di più bello
e di prezioso. Non biasimate lui, ma biasimate voi stessi. Ringraziate Iddio se non
l’ha uccisa o se l’è portata via».
Poi, poco dopo, si diffuse la notizia del ritorno di Abū al-Ẓafar. Andai allora a
casa sua per ascoltare le sue parole.
Lo sentii dire: «Non ho portato via alcuna ricchezza dalle vostre case. Non vi
è stato inoltre motivo della mia partenza eccetto che vostra figlia. Mi ha imposto di
fare ciò che non posso tollerare. Mi avrebbe fatto camminare fuori strada! Disse
infatti: “Non ti darò piacere, né ti permetterò di toccarmi, se tu non ubbidirai ai miei
ordini e mi calmerai”. Al chè lei mi spogliò, quindi – dopo avermi posto sulla
schiena una sella – mi cavalcò da una porta all’altra. Quando uscii non volevo
ritornare. Sennonché scorreva il suo amore nelle mie articolazioni, come l’acqua
negli alberi».
Si calmarono allora alle sue parole e i loro animi ebbero sollievo.
Però, dopo tre giorni, prese la moglie, gli averi, gli arredi, i gioielli, l’argento
e l’oro. Non si seppe più dove andò. Il gruppo della moglie si divise in pazzi e folli
aspettando la sua venuta come attendono gli sciiti l’avvento del Qaʾim.
111
23. La ventitreesima maqāma: quella di al-Bankāl
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ,
Viaggiai a Bankāl e fu una caduta di cui non vi era modo di rianzarsi per le
sue acque avariate e la sua aria putrefatta.
Accadde che io non dormii quella notte ed ebbi desiderio di qualche
chiacchiera. Mi si disse che lui vendeva all’aristocrazia i suoi prodotti. Così, quando
entrai presso di lui, vi trovai un gruppo di emiri, raʾīs e uomini eminenti dediti a bere
vino e ascoltare il cibo dell’anima. Di fronte a ognuno di loro era un inberbe che
biasimava con argute espressioni – i quali colpi avrebbero probabilmente
svergognato i neri. Aveva un volto che si prendeva gioco dei notabili e due occhi
ornati di un intenso bianco dell’iride e un intensa nerezza. Una ciocca di capelli
univa le une alle altre. Povertà di cinta e ricchezza di fondoschiena ornava i finchi.
Così, senza bere, mi ubriacai. Ebbi soddisfazione nel guardarli e nell’ascoltare il liuto
e la ribèba. Mi velai con un turbante da Zaynab e Rabāb100.
Quando il coppiere mi rivolse lo sguardo, vide il cambiamento dei miei occhi
e delle mie pupille e credette fossi uno di loro. Mi porse così la coppa senza avere da
loro il permesso. Ne ebbi allora desiderio. Ero sul punto di rivelare a lui il malessere
del mio stato. Volevo in quell’istante proferire un po’ di poesia. Fui però scosso per
quanti pensieri avevo.
Il più grande dei cantanti era seduto accanto a me. Insegnava loro motivi
musicali, li guidava e li educava. Rivelai così il mio segreto – senza dirgli che di
mestiere ero uno scroccone. Fu accettata l’emendazione della mia questione. Parlò
contro di me la mia lingua:
«Volteggiando le perle della sua eloquenza,
La punta di lancia della sua figura e la spada del suo sguardo
E assesta un colpo mortale al cuore, la palpebra dei suoi occhi
Diviene assonnata e il flagello è al suo risveglio.
È sovrano dei cuori con maestà e magnificenza
E proferisce l’ḥadīth della passione a memoria».
100 Zaynab e Rabāb sono due nomi propri femminili.
112
Continuammo in quella condizione fino al sorgere del sole. Poi passammo il
giorno e dopo di lui sette giorni e le loro notti. L’animo raggiunse nel diletto la sua
pace. Se non fosse stato che avevo una gran paura e turbamento che mi sorprendesse
uno dei compagni.
Loro vollero separarsi poi e salutarsi dopo quell’incontro. Si affievolì allora la
mia speranza poiché non vedevo fiorire ciò che avevo dimostrato dopo che avevo
detto al maestro che per amore di questo ragazzo avevo cambiato il mio stato
d’animo.
Disse: «Devi essere riservato e avere pazienza poiché questa è una malattia a
cui non vi è cura».
Risposi: «Perché allora si affievolirono le forze, si perse la speranza e non ci
resero felici i giorni e le notti? proferisci dei versi che contengano la spiegazione
della mia condizione». Accettò le parole e rese piacevole la risposta. Disse:
«Magari chi a preso il mio cuore mi avesse permesso
Baciarlo sulla guancia e di odorare le sue rose
E magari lui avesse elargito l’unione all’amante
Logorato nella terra d’India tra i suoi indiani.
I canali delle lacrime versano lacrime come l’agata e continuano
I suoi gemiti come il fuoco nelle sue combustioni».
Poi, dopo che loro si separarono per le strade come stelle cadenti, presi il
maestro e gli dissi: «Io sono uno straniero e, come hai appreso, sono afflitto e
sconsolato. Se mi permetterai di entrare con te nella tua casa abiterò sicuro vicino a
te».
Rispose: «Tu sia benvenuto! Ti aiuteremo con cibo e doni al massimo della
generosità per tre giorni».
Risposi allora: «Io verrò a te ogni notte per ascoltare le tue poesie e le tue
notizie. Quanto al cibo non occupartene poiché non vorrei nuocerti».
Disse quindi: «Non v’è dubbio che un peso è volto a ciò che si ha caro. Ogni
vaso ha dentro ciò che gli è stato versato. Intendo con ciò uno come me. Non v’è in
terra che miei cavalli e miei uomini. Che il tuo Signore cambi le mie condizioni e la
113
viltà delle mie azioni! Per Dio non ho fatto ciò che che per sanare la mia questione,
perché la mia collaborazione in simili faccende nuoce al mio potere».
Gli dissi allora: «Io ambisco alla terra del deserto e già ho pensato al viaggio.
Se mi informerai con tolleranza del tuo nome me ne ritornerò in una zona non
desertica».
Disse: «Sono Abū al-Ẓafar l’indiano e non v’è in questo paese se non il mio
popolo e i miei soldati».
Abitai quindi là quella notte presso la sua casa rallegrato dalla sua vicinanza.
Quando finii il mio sonno – e volli compiere la prima preghiera rituale della giornata
– venne a me un uomo con sudice vesti.
Disse: «Affrettati a uscire! voglio chiudere la porta».
Dissi allora: «E dove è il padrone di casa?»
Rispose: «Non so se è vivo o morto, comunque questa è la sentenza del
sultano in cui si legge della sua chiusura prima dell’invito alla preghiera». Uscii
dunque affranto leggendo “Tu dai il regno a chi vuoi101”
24. La ventiquattresima maqāma: quella di al-Fitn
Narra al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Mi spinse la paura della seduzione demoniaca alla città di al-Fatn. Udii che il
governatore sultano sedeva un giorno per rispondere a coloro che avevano subito un
torto. Tra lui e la gente veniva posta una tenda che gli permetteva di prospicere e di
non esser visto. Aveva delegato un uomo tra i più alti emiri. Andai per vederlo e per
scrutarlo. Vidi dunque l’emiro tra i due litiganti dire all’attore: «Perdonalo questa
volta, smetti di seguire Abū Murra!»
Rispose: «Non lo perdono per quest’azione, foss’anche il re Abū Ṭabla».
Conciliò dunque i due e appianò la lite. Entrò allora nella sede del sultano ed
io lo segui nel gruppo di servitori e aiutanti.
101 Corano, 3:26.
114
Disse lui: «È esagerata la tua sfacciataggine nel costringerci a sentire esempi
di altre persone diverse da noi. Chi è costui di così buon operato da essere portato a
modello nei nostri luoghi di governo?»
Disse l’emiro: «Sappiate re che le bandiere della vostra vittoria continuano a
essere dispiegate nei paesi più lontani. I segni del vostro trionfo sono segnati nel
destino stilato. Se anche a questo re si sottomettessero i sovrani delle fazioni
dell’India, non riuscirebbero a prendervi tutto il vostro regno».
Disse: «Perché possiede dunque una tal elevata consedirazione e doti
supreme?»
Rispose: «Per la bontà della sua volontà, per l’ubbidienza dei sudditi, per il
suo timore probo, per la giustizia e per l’onestà».
Gli disse allora un altro emiro: «La tua descrizione per queste caratteristiche
fa fiutare l’odore della contraddizione. Giacchè infatti vediamo che gli uomini si
separano da cio che amano – persone e bambini – e sono la maggior parte della gente
nel suo paese. Se ci fosse abbondanza e benessere, non avrebbero scelto la
separazione e la tranquillità. Se la sua volontà interiore fosse pura non sarbbero
emigrati i suoi sudditi».
Rispose: «Sappi che coloro che ogni anno escono dalla sua terra sono di tre
tipi: quelli cui il destino ha decretato di indossare la lana dopo che avevano indossato
la seta, e di bere il fango e mangiare l’orzo, dopo che aveano mangiato cibi con la
carne e aver bevuto acqua limpida.
Vi sono poi coloro che sono indotti dalla loro stessa volontà, poiché
nell’andare all’estero vi è il profitto e il commercio.
Vi sono inoltre coloro che sono allontanati dal demonio, le cui funi li hanno
raggiunti con la tentazione». Lo contraddirono allora il grande e il piccolo, il signore
e il servo, poiché la loro terra ripudiava il male come il fuoco le impurità del ferro.
Disse il re: «Mi hai instillato il desiderio di corrispondergli, scrivergli e
comunicare con lui. Occupati di chi debba andare a lui con il mio scritto e che gli
porga i miei saluti. Lo invieremo con i doni opportuni e i regali straordinari».
Rispose: «Oh maestà – Iddio faccia durare i vostri giorni splendenti e possa
riunire in voi il bene di questo mondo e dell’altro – i re non inviano messo eccetto
che con intelletto superiore e, delle quali qualità, l’intelligenza è manifesta».
Disse: «Vai tu allora! Portami sue notizie e gira nel suo regno e nelle sue
contrade!».
115
Baciò dunque la terra e proferì: «Eseguo l’ordine e il comando».
Chiese poi al munshyʾ di scrivere la lettera.
Ordinò: «Sii succinto, non venga svuotato il desiderio».
L’emiro fu provvisto dei doni e dei regali su centinaia di muli e sui dorsi di
cavalcature. Aveva con se in denaro cinquantamila Aḥmad Akbariyya102 e
cinquantamila Jahānkīr103. Viaggiai con lui marciando dietro i suoi cammelli,
sperando che mi dessero qualche omaggio.
Quando entrammo in un villaggio – di cui dicevano vi fosse infamia – si
erano schiusi nei loro nidi le civette. Arrivarono i beduini. Presero tutto quanto il
bestiame senza prendere però nulla all’emiro, né il tanto né il poco. Lui fece del loro
avvento il pretesto per una perfida astuzia. Si fermò in quel posto e scrisse una
missiva al sultano. Lo informò che tuttò ciò che possedeva era andato perduto, che
lui era nel caos e che non sapeva dove andare.
Scrisse a lui il re: “il denaro viene e va. La ricchezza è la salvezza
dell’anima”. E inviò quanto aveva inviato la prima volta.
Gli disse: «Percorri strade di cui si può fare affidamento». Quindi partì.
Quando giunse nel Malībār prese delle case e del terreno. Si levò dunque il
cappio dell’ubbidienza dal suo collo. Non temette i castighi del re né le sua
promessa. Cercai sue notizie presso un soldato. Disse: «Lui è Abū al-Ẓafar l’indiano.
Questa è una piccolezza tra le sue azioni. Non farti ingannare dall’amabilità delle sue
parole. Non si guardi a ciò che loro hanno sconvolto: sapranno coloro che sono
ingiusti da quale destino saranno travolti104».
102 Aḥmar ʿĀlamkīriyya, anche scritto come ʿālam qīriya e ʿālama akbariya, riferisce secondo alḤabashī a una moneta d’oro coniata in origine dal sultano Mughal Aurangzeb (1029/1618-1118/1707)
(Maqāmāt al-Naẓriya, a cura di ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī, ed.1999, pag. 27).
103 Jahānkīr, secondo al-Ḥabashī, potrebbe essere una moneta coniata dal sultano Jalāl al-Dīn
Muḥammad Akbar (949/1542-1014/1605) (al-Ḥabashī, 1999, pag. 155).
104 Corano 26:227.
116
25. La venticinquesima maqāma: quella di al-Quwaliyur
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Mi portò il destino a passare per la roccaforte di al-Quwaliyur. La vidi allora
come se stesse in compagnia delle stelle e nascosta dalle nuvole, o come se ambisse
sapere cosa c’era nella tavola del destino decretato. Si era allontanata nel cielo la sua
altezza al punto che erano uguali il suo suolo e i suoi lampadari. Era imperscrutabile
alla ricerca e a colui che indaga. Era eretta sui più stretti percorsi, e nei luoghi più
aspri. Volli andarci per osservare ciò che vi era.
Mi dissero: «A nessuno è permesso entrarci, né di sostarci, né di abitarci
giacchè, quando il re è in collera con qualcuno, lo invia al suo wālī perché venga
imprigionato nella sue altezze».
Offrii allora un po’ del mio denaro ad alcuni servi del wālī e mi fu messo il
vestito dell’addetto al carcere.
Mi disse: «Entra con animo sereno».
Quando entrai rabbrividì la mia pelle poiché all’apparenza era l’indulgenza
ma nel suo interno – nel suo cuore – era il tormento. Vidi uomini con capelli e
unghie lunghe come morti, solo che le tombe non avevano mangiato i loro corpi.
Vidi un uomo, che da poco tempo era in prigionia, abbassare il volto per la
vergogna come fa un’antilope sotto un’acquazzone. Lo alzai, ed ecco aveva un
linguaggio più puro di Sabḥān Wāʾil105, quello più efficace nel parlare delle gento del
suo tempo, i primi e gli ultimi. Ambii parlare con lui e desiderai esserne compagno.
Rimasi là molto tempo andando e venendo. Ogni tanto uscivo. Passavo presso i
guardiani e nessuno mi fermava poiché pensavano che fossi di loro e che non
necessitassi di chiedere il permesso. Informai di ciò il mio amico, compagno e socio.
Lo interrogai, poi, sulla causa del suo esilio, imprigionamento e
incatenamento.
Rispose: «Abitavo presso la casa del califfo. La maggior parte del tempo ero
in compagnia del sovrano. Il re aveva una moglie senza simili e uguali. Superava in
bellezza ogni donna. Siccome seppe dai signori delle stelle che il re era un uomo
105 Sabḥān Wā’il è il celebre predicatore (m. 54/674). Tale metafora è presente anche nella maqāma
32.
117
sterile, mi inviò una lettera in cui scrisse: “temo per la fine di questa vita agiata, dei
poteri e che il re cada nella mano dei nemici”.
Le dissi: «Chiedi a colui che ha una somiglianza con il sovrano cosicchè il
figlio non sia dubbio agli occhi dei veggenti e degli indovini».
Rispose: «Non v’è nessuno simile a mio marito eccetto che te. Non è chiesto
che il tuo bene».
Risposi allora alla sua domanda e avverai le sue speranze. Arrivava a me in
segreto, al buio. Nessuno uomo sapeva di noi se non una serva che veniva con lei. La
passione rese sorde però le orecchie di questa e si espresse chiaramente chiedendo di
esaudire il suo di desiderio.
Le dissi: «A chi ha dato Iddio questa capacità abbandoni il beneficio e mangi
il sorgo». Covò per me allora in cuor suo la vendetta. Informò il re della moglie e
della sua faccenda. Lui ordinò così per la moglie la crocifissione, mentre le percosse
per questo povero.
Chiese poi agli ʿulamāʾ per potermi uccidere, ma emisero una fatwa solo per
la mia incarcerazione e il mio isolamento. Fui inviato quindi a questo wālī. A lui fu
ordinato di opprimermi e nuocermi. Ed ecco, sono qua come vedi, incatenato nel
ferro».
Gli diedi allora un buona parola e conforto. Dissi: «Dopo la difficoltà
dispenserà Dio la gioia».
Rispose dunque: «Se tu potessi chiedere al wālī di avere pieni poteri su di me,
avrei sollievo dal mio tormento e mi toglieresti dalla pena».
Supplicai quindi insieme ad alcuni indiani il wālī. Mi diede le chiavi. Andavo
di notte, all’imbrunire, a liberarlo e lo incatenavo prima che potessero accorgersene
le guardie e le ronde notturne. Continuammo ciò per un lungo periodo e numerosi
mesi. Poi, abbandonò il sonno per un poì do tempo e si occupò delle poesie di Ibn
Wardī106. Gli chiesi come si chiamava. Rispose: «Abū al-Ẓafar l’indiano».
Io stesso perdetti allora il sonno a causa sua, stando fermo tutto il giorno.
Quando si era lungamente protratta la mia insonnia, giacetti quella notte all’alba.
Non ero ancora ancora sveglio quand’ecco: le catene erano ai miei piedi e alle mie
mani e l’uomo non era con me. Frugai in cerca delle chiavi, ma non le trovai. Capii
106 Ibn Wardī è ʿUmar b. Muẓaffar b. al-Wardī (m. 749/1348).
118
che le aveva prese. Mi coprii nel vestito durante il giorno, così nessuno ebbe mie
notizie.
Quando si fece notte, recitai qualche verso della sura di Hūd. Si sciolsero con
la sua baraka allora le catene. Uscii fuggendo e ripetendo le parole di chi che nella
sua arte è stato incomparabile:
quando onori il vile disubbidisci107
e le parole:
le azioni di chi è di nobili natali sono nobili.
L’operato di chi è di vili natali è misero108.
Continuai a innalzare le mani in preghiera, rivolgendomi a Colui che
intercede, perchè mi guidasse nelle migliori vie e perchè mi proteggesse dal male
delle insidie e da ogni trappola.
26. La ventiseiesima maqāma: quella di al-Ṣaranj
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Desiderai un limone. Lo richiesi ma mi dissero che non lo si trovava eccetto
che nel paese di al-Ṣaranj. Vi viaggiai allora con un gruppo di letterati, ʿulamāʾ e
predicatori.
Quando arrivammo nel suo spiazzo, chidemmo dei sui ʿulamāʾ . Ci risposero
che lì non vi erano che tagliatori di pietre preziose, tintori, fabbri e orafi. Vi era stato
un gruppo di saggi e ʿulamāʾ ma però si erano corrotti in compagnia dei governanti.
Si erano diffuse tra di loro azioni proibite e ingiuste e non disponevano per il
regnante alcuna sentenza. Dissi allora ai miei compagni: «Ritengo che nel viaggio sia
107“ Idhā anta akramta al-li’īm tamrada”, quando onori il vile disubbidisci, è il secondo emistichio di
un verso di al-Mutanabbī (al-Mutānabbī, 1986, vol. 2, pag. 11).
108 Afʿāl ma talid al-karām karīma / afʿāl man talidu al-aʿājam aʿjam, le azioni di chi è di nobili natali
sono nobili / L’operato di chi è di vili natali è misero, è, secondo quanto riferisce al-Ḥabashī, un verso
di Ibn Abī al-Ḥaṣīna (388/998-457/1065) (al-Ḥabashī, 1999, pag. 162).
119
la salvezza mentre nella permanenza sia il danno e la rovina. Temo che Dio li faccia
soccombere e che moriamo a causa loro». Viaggiarono allora e trassero vantaggio.
Evitarono in tal modo i posti dei quali fiutarono il fetore così da non sentirlo. Quando
udirono le mie parole dissero: «Non possiamo che ubbidirti e ascoltarti». Quando poi
uscimmo di lì – dal posto dove eravamo passati – dissero: «È giunto al paese un certo
predicatore che supera in loquacità il sermonista di ʿUkāẓ109. Terrà un sermone alla
gente il giorno di venerdì. Beato chi lo vede e lo ascolta!»
Me ne tornai allora senza i miei compagni, prendendo con me quanto mi
bastava per le mie spese.
Dopo aver compiuto la preghiera obbligatoria e quella spontanea, sedetti per
ascoltare il sermone. Venne il predicatore incedendo tronfio, con un manto il quale
aveva un’estremità pendente. Salì sul pulpito e disse:
«Lode a Dio grande ed eccelso, che è solito dare una proroga senza
negligenza. Che ha innalzato la scienza al punto che è impossibile ogni suo riassunto
e che ha rivelato il suo libro esatto: “quando Dio si accordò con coloro cui aveva
dato il libro perché lo mostrassero alla gente e non lo nascondessero110”. Testimonio
che non vi è dio che Dio solo e che non ha soci – professione di fede di un servo che
prodiga ai suoi servi consigli, che li mette in guardia dal peccato e dalla
disubbidienza. Riconosco che Muḥammad è suo servo e inviato, colui che ha detto:
“Dio non si aspetta che gli ignoranti imparino fino a quando non ci saranno sapienti a
insegnare111”. Colui che ha proferito: “se qualcuno vede un’azione riprovevole, la
cambi con la sua mano...” fino alla fine dell’ḥadīth112. Colui che ha ordinato di
prendere il bene e di lasciare il male. Dio preghi per lui e lo salvi con una preghiera
che si estenda al giorno del giudizio, come alla sua famiglia e ai suoi compagni tutti.
Oh gente, vi esorto al timor di Dio, all’ubbidienza e a prendere precauzioni da Iblīs e
dai suoi seguaci. Guardatevi da una condotta disattenta e non fatevi sedurre dalla
quiete giacchè il disegno della fede è già stato cancellato nel vostro paese. I segni
109 ‘Ukāẓ è il nome di una località presso Mecca.
110 Corano, 3:167.
111 Mā akhadha Allah ʿalā jihāl an yataʿalimū alimūn ḥattā akhadha ʿalā al-ʿulamā’ an yataʿalimū, si
riferisce al ḥadīth: “Mā akhadha Allah ʿalā al-Jāhiliyn an yataʿalimūn ḥattā akhadha ʿalā al-ʿulamā’ an
yataʿalimū” (al-Qurṭubī, 1975, vol. 4, pag. 243).
112 L’intero ḥadīth (al-Hamadhānī, 2003, ḥadīth 20, pag. 18) è: “man minkum ra’ā mankiran
faliyughayyarhu biyadihi fa’in lam yastaṭiʿ fabilisānihi fa’in lam yastaṭiʿ fabiqalbihi wa dhalika aḍʿaf
al-’iymān”, “chiunque di voi vede qualcosa di sbagliato lo sani con la sua mano, se non può con la sua
lingua, se anche così non gli è possibile allora nel suo cuore e questo è il gradino più basso della
fede”.
120
della via sono stati cancellati. I principi della sharīʿa sono decaduti. I doveri sono
stati rifiutati. I luoghi sacri sono stati profanati. Gli orfani e i deboli sono trattati con
ingiustizia. Il sangue è versato. Le malvagità abbondano. La discordia è imponente.
Ciò al punto che all’Islam, in questo tempo, è stata indossata al contrario la pelliccia.
È divenuto come aveva detto – che lui abbia sollievo – “è iniziato l’Islam straniero e
tornerà straniero113”. Il più vile è stato reso il più alto e il più alto è stato reso il più
vile. Si è avvicinato il rivale. Si è allontanato il migliore. È stato soddisfatto il
dissoluto. È stato svilito il puro. Si è dato del bugiardo al veritiero. Si è creduto il
millantatore. Si è data fiducia al traditore. Si è diffidato da colui che è fedele. Si sono
sconvolte le masse. Si è diffusa la stortura e il traviamento. Non resta dell’Islam che
il suo nome e della religione non resta che il suo disegno. Voi, servi di Dio, non siete
innocenti per la negligenza nel cambiare ciò. Non siete assolti del biasimo per ciò
che vi è là. Pentitevi dunque e rendete retto il vostro pentimento prima della chiusura
delle porte e prima che il sole sorga da occidente».
Piagevano le persone al punto che uno di loro non riusciva più a muoversi, se
non che venne uno e lo mosse. Vidi uno nuotare nelle sue lacrime, potevo contare nei
suoi sospiri il numero delle sue costole.
Quando guardai il predicatore della gente – che era come un tronco di palma
sradicato – scappò come un torrente che scorre. Io lo seguii nella sua strada, per
conoscere la sua realtà.
Si volse dunque a me e disse: «Oh ben guidato, tornatene! Sono Abū al-Ẓafar
l’indiano».
Tornai dai miei compagni precedenti e le mie membra tremavano per il tanto
pianto e paura.
27. La ventisettesima maqāma: quella di Bārah
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Notai un gruppo di gente di Satār che andava alla volta della città di Bārah.
Seguii dunque il loro corteo e divenni compagno del loro emiro.
113 “Bada’a al-Islām gharīban wa sayaʿud gharīban”, “è iniziato l’Islam straniero e tornerà straniero”,
è un ḥadīth (al-Qaḍaʿī, 1985, ḥadīth 1054, vol. 2, pag. 139).
121
Quando giungemmo alla città menzionata vidi i suoi abitanti gioire dell’arrivo
degli stranieri come gioiscono gli uomini per le primizie. Molti dei suoi abitanti
erano sayyd – e con le qualità dei sayyd. Amavano infatti chi migrava a loro.
Ogni sera andai a portare il cibo alla casa del loro emiro, sayyd, raʾys e
notabile.
Accaddè che uscì da lui un gruppo di persone che non avevano affanno se
non la rovina delle loro ricchezze e oggetti preziosi. Si erano allontanati dalla
religione come la freccia dall’arco facendo risalire la propria origine ai Banū
Ummiyya114 e mostrando odio per la nobiltà di al-Ḥasan e di al-Husayn. Palesavano
devozione e corruzione. Erano penetrati nelle parti del paese ed era afflitta la gente
per ciò che la colpiva. Nessuno aveva però il coraggio di informare il raʾīs per il suo
disinteresse nei loro confronti.
Quando divennero strette le loro condizioni – e andarono perdute le loro
ricchezze – cercarono chi aveva informato l’emiro con una dichiarazione o
un’indicazione o un allusione. Indietreggiò allora la gente (perfino i notabili e i
poeti). Temevano che il buco sarebbe divenuto troppo grande perché il rappezzatore
potesse rattopparlo115 e che si diffondesse questo veleno mortale. Il grande e il
piccolo non avevano però il coraggio d’informare l’emiro.
Accaddè che venne un uomo dal Banjāb per vendere della mussola116 e vestiti
raffinati. Quando raggiunse le mura del paese – il ben custodito – lo informarono le
genti della disgrazia che li colpiva. Indossò così il migliore dei suoi vestiti e depositò
la sua ricchezza presso alcuni suoi compagni. Andò allora dall’emiro, baciò la terra
ai suoi piedi e si fermò di fronte a lui encomiandolo. Poi recitò facendo esalare
sospiri senza darsi preoccupazione per alcuna persona:
«Come gli occhi sono logorati dalla veglia
Così i cuori sono stati logorati dal pensiero.
Non è una novità che l’uomo è nella sofferenza,
Il malessere che li affligge è dalle disgrazie del loro destino.
Ogni terra in cui scendono ad abitare diviene
114 I Banū Ummiyya sono la dinastia Ommaiade.
115 “Ittasaʿ al-kharqu ʿalā al-rāqiʿi”, il buco è divenuto troppo grande perché il tappezzatore possa
rattopparlo”, indica una situazione irrimediabile (Traini, 2004, voce “kharq”).
116 Kirbās, mussola, è un tessuto di cotone a trama larga.
122
Brace che arde ma che non fa emergere scintille.
Le zone sono state pervase da una infame disgrazia:
I blasfemi [kharijiti] sono apparsi all’orizzonte.
Hanno mostrato, ogni qual volta era celato al loro interno,
Odio per la famiglia di ʿAlī – quando potevano.
Magari conoscessi da quale paese vengono.
Li faccia separare un re o li logori l’inferno.
Forse sono emersi dalle parti più lontane dell’India
Oppure nelle loro tombe la notte si è distesa.
Oh famiglia di Ṭaha non hanno riposato i vostri occhi?
Non vi siete sollevati contro chi si è discostato dalla retta via?
Prendetevi la vendetta su di loro, loro sono genti che non
Hanno conuscito il vero, non hanno ubbidito e non hanno sostenuto.
Annientali e non farne rimanere alcuna traccia
Giacchè in tutta la terra hanno condotto una vita peccaminosa
E hanno ricorso a una setta di cui hanno aspettative
Presso il vostro popolo – oh eccelso.
Quante lame sono da tempo nei loro foderi?
Se si separerà dal fodero non smetta e persista!
Quanti archi proteggono da ogni disgrazia
Che sono ornati da una volta, dalla freccia e dalla corda?
E quanti uomini bruni rassomigliano nella fisionomia a belle donne
Se è scosso l’uomo dallo schiaffo della gente che teme?
Quanti senza una precisa locazione si proteggono in questa situzione
Quando finì la loro provvista di fortuna e successo?
E quanti in disgrazia sono considerati come leoni
Quando risiedono nelle loro mani le sorti e il destino?
Quanti imberbi hanno bramato per una bella dama
Il cui compagno indiano nel giaciglio è la tristezza e la circospezione?
Operate! il Dio del creato è a vostro sostegno.
Oh famiglia di Chi ha innalzato per valore Muḍar117
Dio preghi per lui che ha mostrato il sapere
117 Muḍar, Muḍar b. Nazār b. Maʿd b. ʿAdnān, è “il leggendario capostipite della tribù arabe
settentrionali” (Traini, 2004, voce Muḍar).
123
E che riversa la pioggia nelle aree e rovesci».
Sedette dunque il sayyd ritto, dopo che era stato chinato. Non parlò ma indicò
alcuni suoi funzionari di approntare gli equipaggiamenti bellici e i suoi cavalli.
Comprese così la gente che per sua richiesta avrebbe guidato armi e cavalcatura. Non
prese che i suoi uomini come scorta. Attorno a lui erano cinquantamila tra fratelli e
compagni.
Assalirono allora la gente, erano diffusi come locuste. Il nemico comprese
che avrebbe avuto un giorno di sventura continua. Notarono che il profitto sarebbe
stato nella ricerca della sconfitta. Sgominò con le armate leggere i suoi uomini. Le
armate pesanti rimasero alle calcagne dei loro figli e donne e li seguirono.
Ammazzarono gli uomini e fecero prigionieri donne e bambini. Fecero bottino di
tutti i loro beni e tornarono nelle loro terre con la salvezza del loro corpo, dei loro
beni e delle loro religioni.
Poi il sayyd ordinò loro di comparire per dividere il bottino. Aveva imbastito
quel giorno per loro un gran banchetto. Diede agli uomini del Banjāb nella stessa
misura di ognuno di loro. Non fu allora lui contento di non essere stato distinto nei
confronti degli altri.
Disse: «Guarda cosa è emerso in questi banchetti. Io non sono stato distinto
benchè io sia all’origine del guadagno di questi bottini».
Gli disssi allora : «Se lo ecomierai con qualche tua poesia per questi banchetti
non fallirai per i gran vantaggi».
Si alzò dunque e disse: «Oh sayyd dei discendenti profetici e colui da cui
speriamo il giovamento. Io ti ho encomiato con una poesia incomparabile. Se vi è
giunta gradita spero mi innalziate con un premio che vesta la mia distinzione di
onore e sia reso maestoso nel mondo e nell’altro». Stette dunque ad ascoltare la sua
recitazione. Disse e fu eccelso e sublime:
«Prostrati verso la duna senza pari e alzati.
Insedia la pace sul muftī che versa il sangue.
Le donne degli arabi puri sono di rango elevato
E supremo e vengono meno alle promesse come gli stranieri.
124
La sorella della luna piena118 – se non che fra i due è evidente
Una differenza che comprende la mente acuta – la sua luce
Continua a essere innalzata ai nostri occhi
Nel tempo. La luce della luna non è continua.
Il sole, se non abbiamo proferito menzogna, è sua sorella
È però fonte di giudizio e sapienza.
Il ramo nella sua elasticità è simile al suo ondeggiamento.
Questi però, se lo fa oscillare il vento, non rimane ritto.
Il muschio ha cercato di raccontare con il suo odore
Una notizia che conosceva, ma non fu capace e non riuscì.
Sì, la sua altezza abbeverò con orgoglio il melograno
Il miele irrigò la saliva che assaporai nella mia bocca.
Non la dimenticai quando giunse la notte come scudo
Però le sue luci rischiararono il buio dell’ombra.
Passò la notte nel mio abbraccio senza patire
Paura e afflizione in un luogo inviolabile
Fino a che ebbe inizio la mattina e le sue luci si diffusero.
Come se fosse il viso del signore della munificenza e della prosperità
Il sayyd prescelto e atteso – l’effusione delle cui mani ha mostrato lo
scroscio delle nubi e della pioggia ininterrotta –
Assieme ad al-Murtaḍā e i suoi due figli è innalzato e onorato.
È capace di eccellenza e finezza.
Presso un uomo coraggioso e onorato i leoni sono sottomessi.
È saldo il cuore quando il calore della fornace è ardente,
Come il leone, compie imprese audaci senza segreto
E aiuto e la fermezza è impavida.
ʿAyn al-Zamān manifesta clamore e grida
Presso l’arena di quelli che sono passati per coraggio e generosità.
Acquisisce i migliori con la sua potenza e nobiltà
Con una potenza a due tagli, la spada e la parola,
E al massimo delle qualità – tanto che non sono in grado di contenere.
Le possiede assieme a bontà morale e d’animo.
118 Per sorella della luna si riferisce al sole.
125
Continua ad avanzare nella fama come il sorgere del sole.
Continua a salire nella nobiltà dove sorge il sole e
E non tubano i colombi con la pace».
Si commosse allora il sayyd e gli diede una moltitudine di averi, vesti, tappeti
e mille monete rosse del conio del sultano giusto Muḥammad Kām Bakhsh119. Lo
salutò dunque e uscì. Viaggiò con ciò che gli era stato regalato. Chiesi di lui. dissero:
«Lui è l’Ibn Hānāʾ120 del suo tempo: Abū al-Ẓafar l’indiano».
28. La ventottesima maqāma: quella di al-Shams Abād
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Comprai Abū Ziyād121 e viaggiai su di lui a Shams Abād. Quando ero a metà
strada mi fermai per riposare e ristorarmi. Venne quindi un uomo di bell’aspetto e
reputazione. Con lui era un ragazzo del quale – per il contenuto delle parole – si
evinceva che era educato e sensibile.
Mi chiese come stavo e quali erano le cause del mio viaggio e del mio errare.
Risposi: «Le ristrettezze nelle mie mani, la preoccupazione religiosa, la
mancanza di viveri e di ciò che fa vivere».
Disse allora: «Rallegrati! è tramontata la stella della tua disgrazia ed è
svanita. È sorta invece la stella della tua fortuna nell’orizzonte della speranza. Ti
renderò ogni giorno un dīnār se starai in mia compagnia. Quando vorrai tornare dalla
tua gente ti aiuterò nella misura della mia forza e capacità».
Presi la sua mano e la baciai. Ringraziai ed accettai.
Andammo nella città diretti al suo wālī in carica. Entrammo nel paese il
giorno in cui il wālī riuniva il misero e il nobile.
Quando entrammo al suo cospetto l’uomo, dopo aver salutato, s’inginocchiò e
baciò la terra tra le sue mani.
119 Muḥammad Kām Bakhsh dovrebbe riferirsi al quinto figlio di Auragzeb: Muḥammad Kam Bakhsh
(1078/1667-1121/1709).
120Ibn Hāna’ al-Andalusī è Abū al-Qāsim Muḥammad b. Hana’ b. Saʿadūn al-Azdī al-AndalusiAzdī
al-Andalusī, chiamato il Mutanabbī d’occidente, Mutanabbī al-gharb (m. 362/973).
121 Abū Ziyād è il kuniya di asino.
126
Disse: «Oh mio signore, compagno generoso e che da aiuto, sono giunto a voi
dal paese più lontano. Ho attraversato bassopiani ed altopiani. Ho patito per ciò
gravose sofferenze. Sono ora arrivato nella vostra terra onorata e ho fatto fermare la
mia cavalcatura alla vostra possente porta. Ho gettato nella vostra sala il bastone da
viaggio. Spero mi riceviate con ciò con cui si ricevono i migliori».
Rispose il wālī: «È stata fatta una bella presentazione, non ti preoccupare per
ciò che è passato e non pentirtene. Sono forse i tuoi due compagni i tuoi fortunati
figli?»
Rispose: «No! – faccià perdurare Iddio i tuoi giorni e diffonda la tua fama nei
paesi più lontani».
Disse il wālī: «Desidero un poeta educato, giudizioso, capace, che abbia
conoscenza della poesia e delle sue costruzioni, il quale riunisca la sottigliezza
dell’espressione e la completezza del suo significato».
Disse l’uomo indicando il ragazzo: «Questi è titolare della bandiera dei poeti.
Non vi è nessuno simile a lui sulla faccia della terra».
Chiese allora il wālī: «Conosci la poesia con le sue peculiarità? Distingui le
sue debolezze e le sue progressioni?»
Rispose: «Come che non le conosco! Con me si prolungano i suoi sabab e si
fissano i piedi dei suoi versi. Io sono nella sua metrica colui che innalza i suoi
fondamenti e si abbassa così al sublime grado dei suoi isnād»
Disse allora il wālī: «Scrivetelo nel quaderno degli stipendiati. Appellatevi a
lui con il titolo di principe dei poeti».
Disse poi il wālī a suo padre: «Possa tu essere ricompensato in bene. Possa tu
essere preservato da sventura e difficoltà».
Ordinò quindi che cercasse per lui un kātib di buon operato, con efficace
espressione, bella scrittura e che scrivesse nelle sette grafie».
Disse l’uomo: «Porterò a voi domani un kātib che non ha simili nel tempo
ingordo eccetto che nella terra dello Yemen».
Assegnò per il nostro soggiorno una casa. Disse inoltre: «Il vostro cibo
provenga da qua».
Quando si fece mattina l’uomo cercò suo figlio. Gli cambiò allora le vesti e
gli tinse barba e testa. Quando andammo dal wālī affermò: «Questo è il kātib
competente ed è famoso presso i nomadi e i sedentari».
Disse allora il wālī: «Chiarisci le caratteristiche che hai ben presentato».
127
Proferì allora: «Lode a Dio se ho superato con la mia opera Ibn Maqla122,
ʿAbd al-Ḥamīd123, Yāqūt124, Ibn Bawāb125 e Ibn ʿAmīd126. Non conviene all’uomo di
parlare di ciò che contengono a meno che non li si padroneggi e si sappia ciò che loro
compete».
Ordinò allora il wālī: «Iscrivetelo nel quaderno dei kuttāb. Chiamatelo capo
dei kuttāb».
Chiese quindi all’uomo: «Che è successo a tuo figlio, non è venuto
quest’oggi».
Rispose: «È per causa delle conseguenze della veglia, ha un gran sonno. Per
questo non ha potuto essere presente con noi tutti: perché io temo per la perdita della
casa».
Passò il tempo. Lui prendeva ciò che era stato stabilito per i due nell’ufficio
governativo. Non li faceva inoltre comparire assieme per il periodo di tempo.
Successe quindi che scoppio una lite tra lui ed il ragazzo, la quale giunse alla zuffa e
alle mani. Il ragazzo andò dal wālī a lamentarsi, piangendo per l’esasperazione e lo
sconforto.
Disse: «Questo certo è mio padre. Quando però si fece migliore la mia
educazione divenne malvagio nei miei confronti, mangiando – inoltre – solo a mie
spese».
Ordinò allora di far comparire suo padre. Disse: «Come puoi trattare male
questo ragazzo acuto?»
Rispose: «È più irriverente della lucertola127, morde più dello scorpione. Ha
delle doti encomiabili (una dialettica splendida e una fede magnifica)
Lui però ogni giorno e notte
122 Ibn Maqla è Abū ʿAlī Muḥammad b. ʿAlī al-Ḥusayn b. Maqla al-Shīrāzī (272/886-328/939).
123 Ibn al-ʿAmīd è Muḥammad b. al-Ḥusayn (m. 360/970) è citato inoltre nella maqāma numero 13, 28
e 45.
124 Yāquwt potrebbe essere Yāquwt b. ʿAbd Allah al-Ḥamawī (m. 626/1228) oppure Yāquwt bin
ʿAbd Allah al-Mustaʿṣamī (m. 349/960) citato inoltre nella quarantacinquesima maqāma.
125 Ibn al-Bawāb è ʿAlī b. Hlāl (m. 423/1031) citato anche nella maqāma 45.
126 Ibn al-ʿAmīd è Muḥammad b. al-Ḥusayn (m. 360/970) citato anche nella maqāma 45.
127 “Aʿaq min al-ḍibb”, si intende la lucertola e la sua irriverenza, cova infatti le sue uova in un luogo
molto sicuro, poi quano si stanno per schiudere le uova crede sia qualcosa che minaccia la sua covata
così le uccide tutte sino a che non rimane di loro eccetto chi riesce a fuggire. A tal proposito proferì
al-Rajiz: (poesia) «più irriverente della lucertola più puzzolente della puzzola” (al-Zamakhsharī, 1967,
proverbio 1063, pag. 249).
128
È sulla mia schiena un piacere e al suo interno è la fortuna.
Da e riceve, all’inizio si mostrava generoso,
Non conosceva la sinistra quel che dava la destra».
Disse il ragazzo: «Non sapevo che presso di te era infuso questo veleno e che
sei come un miraggio nel deserto128. Ha ragione chi parla. Io credevo però dicesse
“solo nei giorni della tua infanzia e del mostrarsi di ciò che ti è celato”.
Chi tocca con il ventre il dorso della terra
E sente sulle spalle la pancia di qualcun altro,
Non è affrancato dal suo dolore
E non ha speranze per il suo bene».
Disse il wālī: «Il Libro, il Libro, se vuoi un ammonimento! È indicazione di
amore tra gli amanti. Quando lui parlava era insolente».
Li conciliò dunque e, dopo avergli dato mille dīnār, li inviò alla loro
abitazione. Andarono a casa. Ognuno si sedette in una parte. Non paralva l’uno col
compagno non per la forte collera, ma per superbia. Dormimmo poi.
All’alba aprii gli occhi e di loro non vi erano nè averi né tracce. Allorchè
capii che lui era il pastore di vacche, Abū al-Ẓafar. Quello che per una cammella
colpisce un uomo giusto. Il suo cuore è il bovino. La paura del wālī mi mise in fuga
chiedendo perdono per le mie male parole e azioni.
29. La ventinovesima maqāma: quella di al-Narūl
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai con alcuni servi nella terra di Narūl per comprare del ferro. Non vi
trovai che solo due fabbri e un gruppo di altri due. Erano però tutti di scarso valore.
Mi si strinse allora il cuore per la mancanza di un compagno. Mi accaddè quindi di
passare presso il luogo dei mendicanti. Vi vidi l’abile, il letterato, l’ingegnoso e
128 Carano, 24:39.
129
l’astuto. Acquistai da loro degli aneddoti brillanti e dei versi sublimi. Mi si schiuse
allora il cuore alla loro vicinanza. Infine desiderai parlare con loro e discutere.
Dibattei riguardo all’esercizio delle coppe della letteratura e della poesia.
Richiamavamo aneddotti e aneddoti di meraviglie e storie. Non smettemmo sino a
quando vedemmo lo schiarire del giorno.
Quando mi proposi di separarmi, trovai allora che era una questione
insopportabile. Mi colse il pianto e la svenevolezza. Mi impegnai però a sopportare il
dolore.
Li salutai. Le lacrime scorrevano come torrenti. Il dispiacere era da me
trainato come uno strascico.
Quando mi divisi da loro vidi uno shaykh suggerire al figlio. Diceva: «Oh
figlio mio, devi essere molto silenzioso. Guardati dal superfluo se dovrai rispondere
ad un emiro prepotente che non distingue nella collera gli ignobili dai buoni e che
non distingue tra il freddo ed il caldo. Se sarai interrogato con numerose parole non
rispondere che con una parola che colpisce nel segno. Non volgerti in sua presenza a
destra o a sinistra. Non guardare i volti di chi possiede la bellezza. Siediti come se su
di te fosse un coltello. Non giocare con le mani. Quando esci dal suo cospetto non
rivelare ciò che hai sentito o visto. Non dire a nessuno ciò che gli hai raccontato».
Disse il ragazzo: «Mi ha comunicato ciò l’orecchio della coscienza, il quale
all’elevatezza morale è il più nobile incitatore. Padre mio, abbiamo bisogno di un po’
di dirham e di un po’ di dīnār per versarli ai cortigiani e ai servitori dell’emiro».
Disse: «Hai dimenticato quanto ha riferito il capo famoso quando lo
incontrammo e lui era sulle sponde di un bacino? Non aveva detto: “troverai un
mercante che commercia nel ferro che ti darà il denaro che vorrai giacchè gli sono
procurate – per tua foruna – vittorie attraverso le più basse azioni, gioie e molti
profitti”?»
Mi dissi: “Hai un buon auspicio da questa indicazione”. Andai innanzi a lui e
lo salutai. Accettò il mio saluto con la coda dell’occhio e non si voltò verso di me
come se avessi sottratto qualcosa dalle sue mani.
Gli chiesi: «Non potrei essereti compagno aiutandoti nello svolgere
l’inganno?»
Rispose: «a condizione che tu sia più ubbidiente di un calzolaio e non venga
da te recato danno».
130
Dissi: «Ti sarò più ubbidiente di una moglie proba al marito. Sarò più vile e
spregevole di una scarpa».
Disse: «Cammina innanzi a me e trai profitto dalle mie parole. Guardati da
chi ti segue e dammi ciò che possiedi in via precauzionale».
Gli diedi quanto possedevo in quel tempo: mille monete rosse del conio di
Shāh Jahān129. Andammo quindi alla casa dell’emiro della città. Entrammo al suo
cospetto il giorno della festa. Ci diede il benvenuto e ci fu chiesto allora il motivo del
nostro ritorno.
Rispose lo shaykh: «Veniamo fuggendo dagli infedeli dalle montagne
innevate in cerca del vostro aiuto».
Guardò il ragazzo coi suoi occhi. Fu sedotto allora dalla sua educazione,
bellezza e fascino.
Dissse allo shaykh: «Potessi tu lasciare tuo figlio presso di noi a istruire i
nostri figli e servi. Poiché vedo in lui l’educazione di miglior diletto e profonda
ampiezza».
Rispose lo shaykh: «Oh emiro, io sono uno shaykh anziano non ho chi mi
assiste. Nel bisogno non mi serve che questo ragazzo – per il quale ho speso la vita
nell’istruirlo e per il quale ho dilapidato il mio denaro nell’educarlo. Ha però delle
deficenze le quali temo non siano ammesse dall’infallibile giudizio dell’emiro. Tra
queste:
Quando divene oggetto di passione, tende ad ammalare.
Se per caso fiuta l’amore, e non ne prova, colpisce ciò con l’infamia.
Sé accrescesse la sua passione non sarebbero convenienti le sue risposte.
Se apprezzasse una poesia, e le sue rime, ne dissiperebbe l’efficacia».
Disse allora l’emiro: «Non ti sia chiusa la bocca. Questa è una lode in forma
di critica. Le tue parole non sono però che come quelle del detto ricorrente: è un
pretesto o un asino130?»
129 Shāh Jahān è il sultano Shah Jahan (1000/1592-1076/1666)
130 “A laki ʿidhr am himār”è un proverbio yemenita che si rifarebbe alla narrazione di Juḥā (Khalīl
Ḥunā Tādiris, 2006, pag. 167). Nella narrazione un uomo chiede a Juḥā di prestargli il suo asino. Juḥa
nega, dicendo che la bestia non è presso di lui. Udito però il raglio dell’asino da dentro la casa, l’uomo
chiede a Juḥā: “è forse un pretesto o un asino?”.
131
Lo shaykh non proferì alcunché come se qualcuno lo tenesse a freno. Ordinò
l’emiro che gli fossero consegnate mille monete rosse e inoltre gemme ambite. Ci
lasciò nel tempo della sera.
Ci accordammo di passare la notte nella moschea del paese e di partire
l’indomani mattina. Non me ne accorsi quand’ecco: lo shaykh si dileguò portando
con sé il figlio mettendo le scarpe sotto il suo guanciale. Aveva scritto di suo pugno
lì accanto:
“io sono Abū al-Ẓafar l’indiano. Beato è chi si è svegliato per caso”.
Mi destai dunque e il mio cuore era divenuto triste e indisposto. Piangevo e
recitavo non avessi preso il tale per amico131.
30. La trentesima maqāma: quella di al-Allāh Abād
Narro al-Nāṣīr b. Fattāḥ:
Andai presso il governatore di al-Allāh Abād e lo vidi interrogare un
pellegrino riguardo alle regioni circostanti.
Disse lo shaykh: «Per quanto riguarda la legalità e la sharīʿa non ho visto
migliori delle genti del Ḥijāz. Nelle scienze nascoste e manifeste non ho visto invece
più sapienti della gente d’Egitto e del Cairo. Per purezza di cuore e l’astensione dalla
sporcizia non ho sentito migliori alla gente dello Yemen. Per quanto riguarda la
raffinatezza dei vestiti e del mangiare non ho visto migliori alla gente dell’Iran e del
levante. Per quanto riguarda l’asprezza e l’austerità non ho visto simili alla gente
della valle di Samāwa132. Per ardore e coraggio non ho visto invece uguali alla gente
di al-Rūm e al-Fās133. Per la pubblica amministrazione, l’artigianato, la decorazione,
l’abbellimento non ho visto invece gente come quella dell’India – e la gente di Zayr
Abād134 – e della Cina. Nella fine rierca – seppur nel dissenso – non ho visto pari alla
gente dell’Iraq.
131 Corano, 25:28.
132 Samāwa, Samawa, è una città irachena.
133 Fās riferisce alla città marocchina di Fès, Fās.
134 Zayr Abād è una città del Bengala.
132
Ma quanto a timor di Dio, pietà, fede e religiosità non ho visto proprio
nessuno come le genti di un paese di cui ho però dimenticato il nome, ma di cui non
si è certo cancellata ai miei occhi la struttura: è circondato da due valli una si chiama
al-ʿAydīd135 – e in essa ogni dotto è nobile – e l’altra si chiama al-Naʿīr136 – e in essa
si riunisce ogni buona azione e virtuosità. È locato in mezzo a queste due e
desiderano il suo bene le anime come per lo sposo. Là vicino vi sono inoltre altri
paesi nel quale si somma e si accumula ogni grazia».
Chiese allora il governatore: «Per quanto tempo vi sei rimasto? Hai quindi
girato nelle sue parti?»
Rispose: «Quanto alla mia permanenza, vi sono rimasto quattro notti e dalla
sua separazione ad ora la mia anima ne risente. Quanto al cammino, certo ho
camminato nei suoi lati: sono entrato nelle due valli e ho impolverato le vesti nel
letto dei suoi fiumi asciutti».
Disse il governante: «Se questo paese non ha uguali, beato è chi è stato
colpito dal un suo acquazzone o da una sua pioggerella e come deve essere felice chi
si è riparato alla sua ombra. Hai forse con te un po’ della sua terra o le vesti che hai
lavato nelle sue acque?».
Rispose: «Sì, vi ho lavato questo cencio, questo vestito e questa panno. Non
permetterò però a nessuo averne una fibra, fosse anche uno di quelli che si è coperto
all’ombra di al-Farīṭ137».
Non aveva finito che questi prese il tessuto e gli diede mille dīnār in un pezzo
di stoffa legato. Ordinò che abitasse vicino a lui. Predispose dunque una casa vicino
alla sua».
Sentii che cercava un domestico per il suo servizio che sarebbe dovuto essere
almeno un dhimmī.
Al che gli dissi: «Oh voi di grande potenza, io sarei un servo ubbidiente».
Mi rispose: «Va, spazza la casa e chiedi lui di cosa ha bisogno in candele e
olio. Quanto al mangiare e al bere è stato incaricato il capo delle autorità».
135 La valle di ʿAydīd, si trova nella parte sud occidentale della città di Tarim (Yemen). Sottolinea
Masʿūd ʿAmshūsh (Masʿūd ʿAmshūsh, 2005, Maqāmāt Baʿbūd, in: al-Malḥaq al-Thaqāfī li-Ṣaḥīfa althawra, pag. 36-48) testimonia l’attaccamento dell’autore per la sua terra natale, Tarim.
136 Al-Naʿīr è una valle presso la città di Tarīm (Masʿūd ʿAmshūsh, 2005, Maqāmāt Baʿbūd, in: alMalḥaq al-Thaqāfī li-Ṣaḥīfa al-thawra, pag. 36-48).
137 Al-Farīṭ è la tomba, sede di pellegrinaggio, di Tarīm nella regione yemenita dello Ḥaḍramawt.
133
Rimasi al suo servizio per un anno intero nel quale mi trattava con
magnanimità.
Sentii una sera presso il governante – mentre ero all’impiedi innazi a lui come
stanno i servi – chiedergli: «Raccontami quanto hai visto nel viaggio tra la gente
della bruttezza e tra la gente dell’intelligenza».
Rispose: «Ho visto delle cose e le ho dimenticate. Ho sentito delle cose ma
non le ho fissate nella memoria. Sì, certo, tra gli stranieri ho visto: chi correva, chi si
fermava, chi si sedeva, chi si alzava, chi viveva e anche chi moriva».
Gli disse poi: «Quanto tempo hai girato per la vasta terra?»
Rispose: «Dieci anni, dai quali sono separato dalle mie figlie e dai miei figli.
Trent’anni sono passati della mia vita e i miei occhi non l’hanno avuta vinta – per la
stanchezza – sull’imputridimento».
Disse: «Con la tua giovane età! come è potuta incanutire la tua testa,
impallidire la tua pelle e indebolirsi i tuoi sensi?»
Rispose: «Emiro, la causa è che mi invaghii di una seducente gazzella e spesi
tutti i miei averi per lei: a causa sua cambiò così la mia condizione. Non smetteva di
farmi false promesse e io continuavo a darmi effimere speranze. La vidi poi
esagerare nello scherzo con un contadino: un contadino le baciava la guacia e le
faceva il solletico con le mani. Io non potevo certo impedirlo né vi era modo di
scacciarlo. Lasciai dunque la terra natale e preferii andare in posti angusti. È per
questo che imbiancarono i miei capelli.
Già fui interrogato sulla causa per cui ero stato colpito dallo sforzo e avevo
risposto con questi due versi, amareggiato nel cuore e ferito negli occhi:
No, non vi meravigliate delle canuzie della mia testa
La mia passione per un giovane nel mio cuore è una fiamma.
Ho immaginato la gazzella in mani altre dalle mie
E ciò i giovani rende vecchi.
Disse il wālī: «Non sia chiusa la tua bocca ma chi hai perso non è però tuo
fratello!»
Gli fece dunque dei regali e gli diede una veste contraddistinta con dei segni.
Nell’afferrare i doni vidi allora l’anello di Abū al-Ẓafar l’indiano, il più vile
degli uomini.
134
In quell’istante mi dissi: «Alla fuga! alla fuga! prima di essere disonorato
pubblicamente presso stranieri e arabi. Quest’uomo – anche se le sue parole sono di
natura più dolce – è più aggressivo della scabbia». Mi diedi allora alla fuga. Nelle
mie mani non avevo altro che due pietre preziose e dicevo tra me e me: «Non venga
morso il credente due volte nella stessa tana138».
31. La trentunesima maqāma: quella di al-Wājīn
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Andai al cospetto del wālī di Wājīn nel giorno di ʿĀshūrāʾ139 e lui era in lutto
per il nostro signore al-Ḥusayn. Lo vidi piangere da straziare i cuori e le viscere.
Aveva stabilito che le sue milizie si vestissero di nero, aveva ordinato l’unione dei
consanguinei e di dar da mangiare ai poveri, alle vedove e agli orfani. Venne quindi
presso di lui uno shaykh e un ragazzo – di cui non si trovano simili nel tempo, con un
linguaggio puro, d’animo coraggioso, di bella fisionomia e dall’aspetto pulito. Lo
shaykh indossava una veste tinta e dei pantaloni di pelle non conciata. Non piangeva
questi però assieme alla gente e non era triste come loro in quel giorno.
Gli disse allora il wālī: «Giacchè conosci la tua inadeguatezza, non cercare la
compagnia!»
Rispose: «La mia volontà non è che quella di vederti: sono giunto a voi con
dei rami di salvatora persica».
Disse il wālī: «Il tuo giungere con in regalo la salvatora persica indica il tuo
gran valore».
Rispose: «Possa io essere il tuo riscatto e non mi renda bisognoso iddio di
altri che te. Ricorre nel ḥadīth: scambiatevi doni, anche se con la salvatora
persica140».
138 “Lā yuldagh mu’minun min ḥujrin wāḥidin marratayn”, non venga morso il credente due volte
nella stessa tana, è un ḥadīth (al-Bukhārī, 2001, ḥadīth n.6202, vol. 8, pag.44).
139 Il giorno di ʿĀshūrā’ è il 10 del mese di Muharram nel quale si commemora il martirio di Ḥusayn,
il figlio di ʿAlī, avvenuto nel 61/681.
140 Secondo al-Ḥabashī, curatore di un’edizione di questo testo (al-Ḥabashī, 1999, pag. 197) viene
fatto riferimento al hadīth: “Tahādū fa’innahu yuḍʿifu al-ḥubb wa yadhhab bighawā’il al-ṣadr”, (alQaḍaʿī, 1985, ḥadīth 659, vol. 1, pag. 381).
135
Disse allora il wālī: «Informami sulla causa del tuo ritorno e della tintura
delle tue vesti».
Disse lo shaykh a suo figlio: «Rispondi all’emiro per me, informalo di cosa
mi è accaduto e mantieni riserbo sul mio intimo». Si rizzò in piedi il ragazzo ed
estrasse dalla sua lingua dando ascolto, disse:
«Ieri ero deliziato presso la mia terra natale
Oggi, in India, sono divenuto prigioniero.
Ho vestito per l’amarezza vesti tinte
Tutta la mia esistenza – con ciò che ho patito – è ʿĀshūrāʾ.
Ogni terra che vedo è Karbala e quanti
Affanni ho patito il cui tormento era velato.
Ho sofferto ciò che non hanno sofferto gli antichi
Né hanno udito gli zelanti se non che lo credevano invero.
Il mio corpo è provato da ciò che ho penato,
Il cuore è divenuto nel fuoco della separazione una fornace.
La terra è divenuta erbosa con le mie lacrime
E la pietra e la sabbia sono divenute fradice e innondate».
Al che tacque per i gran pianti – che aveva infradiciato il tappeto con le sue
lacrime – e si soffiò il naso sul suo vestito.
Disse il wālī: «Non v’è disappunto nei suoi riguardi. Cospargete il suo viso
con dell’acqua di rose e con al-khilāf141».
Quando si alzò ordinò il wālī che gli fosse data una veste delle sue. Chiese
poi allo shaykh in merito alla sua professione e la sua fonte di guadagno.
Rispose: «La professione è quella che troviamo presso gli avi e i
contemporanei, la si decanta in un mercato in recessione e tratta di adab del quale
sono orgogliosi gli arabi».
Disse il wālī: «La mia anima mira all’assimilazione. Amerei commerciare
con tuo figlio parole che sono come pietre preziose».
Disse lo shaykh: «Scusatemi, ma la gioia e la tristezza hanno delle
caratteristiche peculiari».
141 Al-khilāf è un tipo di salice, salix.
136
Disse il ragazzo: «E l’uomo che sia misero e che sia elevato muore».
Disse allora lo shaykh: «E tra la gente vi è chi – quando gli è impedito il
sonno – muore».
Disse il ragazzo: «Ciò quando non sono della gente di onore».
Disse lo shaykh: «E tra di loro vi è chi, quando sente i condottieri».
Disse il ragazzo: «Ciò se non ha dei sostegni per la stabilità».
Disse lo shaykh: «E fra di loro vi è chi rimane fulminato se canta il colombo».
Disse il ragazzo: «Sì, ma tra di loro vi sono quelli che solo se vedono i
colombi».
Disse lo shaykh: «Certo tra di loro vi è chi giura sull’amore».
Disse il ragazzo: «Se però il suo cuore è duro, muore».
Disse lo shaykh: «Tra di loro vi è chi che, quando vede il deserto, muore».
Disse il ragazzo: «Questa è la condizione di chi odia le critiche».
Disse lo shaykh: «Non vedi che l’amante, quando si consola della perdita di
qualcuno, muore?»
Rispose il ragazzo: «Sì, ma vive se lo salutano con il saluto “la pace sia con
te”».
Disse lo shaykh: «Certo tra di loro vi è chi inorridisce per la guarigione».
Disse il ragazzo: «Piuttosto per l’ammalarsi».
Disse lo shaykh: «Tra di loro vi è chi si diletta con le parole».
Disse il ragazzo: «Non hai visto che gli animali, se non trovano il foraggio,
muoiono».
Disse allora il wālī: «Certo siete giunti all’apice e siete arrivati dove non vi è
fine! Non v’è dubbio che il tempo è stato distolto per voi due dai suoi figli e che ha
divampato la fiamma del rammarico nei cuori di ogni creatura».
Disse il ragazzo: «Hai ragione, oh emiro. Ho sentito mio padre recitare nel
giorno di al-Ghadīr142 un discorso a sua moglie quando questa aveva esagerato
nell’ammonirlo:
«Disse: “ti vedo nella miseria abbandonato
E riunisci nobiltà e onore”
Dissi: “non è questo un difetto che si ostina in me
142 ʿAid al-Ghadīr è una festività osservata dai musulmani sciiti il 18 del mese di dhū al-Hijja, nella
quale si celebra l’incarico dato dal Profeta ad ʿAlī di essere il suo immediato successore.
137
È invece ciò che mi ha fatto giungere la professione dell’adab”»
Proferì allora il wālī: «Forse il tempo vi diverrà grato, avrà pietà e farà
piovere le sue nubi su di voi».
Disse allora lo shaykh: «Mai e poi mai! Quello che è accaduto è passato e
quel che è capitato è finito». Al che recitò questi versi:
«Il tempo si è capovolto
Ed è divenuto tirchio con il destino.
Chi senza fortuna spera denaro
È gettato in una tomba dal tormento del desiderio.
Se la madre della speranza fosse gravida
Spererei da lei un embrione.
Però è colpita dalla sterilità
E la speranza è divenuta per noi una follia».
Ebbe, così, pietà di lui il wālī e lo assegnò nel gruppo dei suoi interlocutori e
commensali. Gli diede inoltre la responsabilità sulle moschee, sugli ospizi e sulle
scuole. Questi accettò mentre ne aveva avversione: ne aveva desiderio e disgusto.
Erano molti presso di lui i pensieri, le ansie e le preoccupazioni: riguardo alla
madrasa era preoccupato per il pubblico – torceva il naso riguardo alle loro sedute e
al parlare con loro. Scrisse allora dei versi e li inviò per mano di un bambino piccolo
a sua maestà quell’emiro, sono:
«Non bevvero gli amanti che dalle mie mani
E si abbeverarono di parole d’amore al mio capezzale.
Ho signoreggiato i figli tempo in quanto contenevo
La nobiltà di insigne lignaggio
E meriti possedevo e sovrappiù
– Che hanno riconosciuto i miei oppositori e i miei confutatori.
Io mi rivolgo a quelli di intelletto143.
Io sono quello che è decantato tra gli uomini come l’unico.
143 In Corano 20:54 si fa riferimento a “’ūlā al-nuhā”, quelli di intelletto.
138
Io sono in una città in cui vi è
Chi ha appreso scienza utile sull’autorità di sayyd.
Però non ha fiducia l’amico del suo amico.
Vi è però chi aiuta e soccorre.
Quando ebbi considerato bene coloro che ho trattato
E vidi i figli del tempo, l’insidioso,
Recitai allora per la mia amarezza – per quanto mi era concesso –
Dei versi antichi che manifestano il mio intimo:
“Si svuotarono le case dalla miseria divenni così il signore
senza esserne stato deputato e rimasi solo nel regno”».
Quando lesse ciò il wālī ordinò che fosse fatto apparire in quell’istante. Disse:
«Questo uomo necessita di minacce e rancore».
Tornò e disse: «Se ne è andato. Ha chiuso la porta dell’ospizio e ha scritto di
suo pugno su una lastra di pietra: “io sono Abū al-Ẓafar: l’indiano famoso al quale è
concesso per la sua erudizione il grande e il piccolo. Io sono il signore degli indiani e
il capo delle milizie”.
Proferì il wālī: «Perisca Madiyan come è perito Thamūd144».
32. La trentaduesima maqāma: quella di al-Daqlūr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Sentii che nella città di Daqlūr vi erano delle donne che superavano la
bellezza delle urì del paradiso e si riunivano in giardini tra fiori e luci. Fui così spinto
dal desiderio per ciò che vi era, per vedere i suoi abitanti e per bere dalle sue terse
sorgenti. Pensai ai compagni prima della strada. Mi misi così d’accordo con uno
shaykh di brutto aspetto ma di proba condotta e buon cuore. Aveva conoscenza dei
sublimi ḥadīth e aveva una lingua pura: era più chiaro di Subḥān Wāʾil145.
144 Corano, 11:94.
145 Sabḥān Wā’il è il predicatore ( morto nel 54/674). Tale metafora è presente anche nella
venticinquesima maqāma.
139
Quando vi arrivammo – e vi entrammo – vedemmo l’angustia dei loro edifici
e l’ampiezza delle loro assemblee, nelle quali si riuniva ogni arguzia e grazia. Non vi
era difetto eccetto che là lo straniero dimenticava la famiglia e la terra natale. La
maggior parte dei suoi abitanti erano di paesi lontani tra lo Yemen e l’Iraq. Ammaliò
dunque il mio compagno la sua gente con la loquacità. Cominciarono così a non
camminare che sotto le sue indicazioni e a non fare alcunchè senza la sua sentenza.
Continuammo là, con cibi squisiti, a bere e ad ascoltare liuti e ribèca. Alle
preoccupazioni non era permesso l’ingresso e al piacere non era permessa l’uscita. I
colombi nei rami del giardino tubavano. Lo zefiro presso gli uomini andava e veniva.
In seguito, dopo che il mio compagno ne aveva avuto abbastanza
dell’esultanza, decise di partire e io volli separamene.
Disse però: «Non è questo nelle clausole dell’amicizia! Piuttosto invece tra le
sue condizioni vi è quella dell’accordo».
Viaggiammo dunque per alcune campagne e patimmo in ciò le lmentele del
cuore, la miseria, l’insonia, la compagnia più vile e la soddisfazione dei denigratori.
Gli dissi allora: «Se andassimo al paese e vi ritornassimo! speriamo ci diano
piacere presso di lui e le sue parti».
Rispose: «Mai e poi mai lo troveremo nella sua condizione giacchè il mondo
ha permesso la sua morte».
Dissi allora: «In ogni caso il risiedervi è meglio di attraversare la terra e come
si dice “alcuni flagelli sono più agevoli di altri146”».
Volse dunque le briglie nella sua direzione e io andai in direzione della sua
cavalcatura dietro di lui.
Quando vi arrivammo vedemmo le sue case vuote, i venti rombavano e i cani
ululavano. Abitavano nelle sue parti alcuni nomadi. Vedemmo una vecchia sulla
porta che piangeva la morte dei suoi signori e dei suoi discendenti.
Le chiedemmo allora del paese e degli uomini importanti che vi erano.
Rispose: «La notizia non è come il vedere coi propri occhi. Sono stati
chiamati da Colui che chiama alla morte e hanno risposto al suo appello. Hanno
annunciato il loro decesso i corvi del mal’augurio e sentirono con orechio che
comprende».
146“Baʿḍ al-wayl ahwan mi baʿḍ” è una citazione, con qualche modifica dl verso “baʿaḍ al-shirr ahwan
min baʿḍi” del poeta preislamico Ṭarafa b. al-ʿAbd (m. 569), (al-Ṭarafa, 2003, pag.61).
140
Si fermò lo shaykh amareggiato e scrisse con un carbone sulla porta della
città:
Non pensate alle case, non sia pensiero ai seminari di studio.
Il mio tempo là, in passato, è stato ameno.
Sono stati colpiti dalla rovina poichè là vedo
Visi che si sono rabbuiati per il gran sconforto.
Si sono ammalati gli alberi con l’arsura
E i loro rami verdi e teneri si sono rinsecchiti.
Non ebbi piacere quando arrivò il caldo quella notte.
Rimase solo una vecchia del quartiere seduta pesso la porta
E fu afflitta – uno schiaffo colpì le sue guance –
E – come chi ha perso un figlio, per la gioia ha perso la speranza –
Le dissi: «Oh te, che cosa è successo?
Dove sono i leoni che immaginavo là razzolassero?
Dove sono le lune cui era piena la luce?
Dove sono gli uomini che nel caldo del quartiere facevano la guardia?
E dove sono le belle donne di cui ho osservato le forme
che oscillano come rami radicati nel tenero?»
Rispose: «Sono stati chiamati da Colui che chiama alla separazione
E le loro case si trovano in rovina da un po’.
I loro corpi, dopo la prosperità, sono nella terra.
E le loro lingue, dopo l’eloquenza, sono mute.
Beato l’uomo che passò la notte considerandoli
E si deliziò in quel tempo con il Corano».
Al che mi disse: «Vattene dove vuoi dalla rovina poiché ho deciso per la
separazione».
Risposi: «Io sarò con te tra gli aiutanti e ti aiuterò! Sarò occupato al tuo
benessere!»
Disse: «Ciò non è possibile, abbandona il delirio. Alzati e non sederti al mio
capezzale poiché io sono Abū al-Ẓafar l’indiano – e quante volte ho guidato le
milizie, ho posseduto abissini, ho separato dal denaro e ho esaudito i miei desideri.
Oggi ho continuato a lodare Iddio – con il quale ho purificato i loro cuori – da
141
quando ho sentito le parole supreme: “non è forse giunto il momento per i credenti di
purificare i loro cuori147?”»
33. La trentatreesima maqāma: quella di Adūnī
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai per far vagare i miei occhi nelle bellezze di Adūnī. Vidi là i doni a
cui si tende. Furono elargiti all’arrivo. Si contrasse allora la gran timidizza nei
confronti delle sue donne bianche e nere. Uscivano queste un po’ alla volta dirette a
un luogo noto come Rām Jahra e bevevano di notte alla sua sorgente. Al che mi
ricordai, in virtù della loro bellezza, le fonti ultraterrene.
Vidi la sua moschea rivestita d’oro. Era stata costruita dal raʾīs degli abissini.
Notai che l’aveva costruita su stili meravigliosi e modelli peculiari di cui, a chi
descrive, è impossibile trattare. Chi vi si ferma per lo scintillio non sa se viene da
innanzi a lui o da dietro di lui. Vidi là un gruppo che conservava in vita ciò che era
stato studiato presso le assemblee dei compagni del Profeta e notai che i suoi ʿulamāʾ
non menzionavano altro che l’imām al-Ashkhar148.
Non avevo ancora visto i suoi eroi che mi dimenticai di Antara.
Non avevo ancora visto le sue donne che chiesi misericordia per il re
ʿAnbar149.
Non avevo ancora visto i suoi uomini che la mia anima mi disse che erano
zolfo rosso.
Non avevo ancora visto la sua terra che dimenticai il profumo e l’ambra.
Piantai in essa dunque il bastone da viggio e resi la mia permanenza presso di lei la
mia primaria aspirazione. Vissi là una di una vita piacevole temendo solo la fine del
mio desiderio.
Accadde allora che entrò presso le sue parti uno straniero e ne fu recato danno
ai suo grandi e ai suoi nobili.
147 Corano, 57:16.
148 Al-Ashkhar è probabilmente Muḥammad b. Abī Bakr al-Ashkhar al-Yamanī (m. 991/1583).
149 Il re ʿAnbar, menzionato come “Mālik ʿAnbar Shanbūsanjis” (al.Muḥibbī, 2007, vol. 2, pag. 230) è
il re di origine Etiope Ambar (956/1549–1035/1626).
142
Al che si riunirono questi presso l’emiro del paese e dicendo: «Si sono sciolte
le briglie della nostra tolleranza, lui è di una fazione dei sudditi e il suo intento è di
diffondere la rovina»
Rispose loro: «Tornate alle vostre case e non occupatevi di lui ma del vostro
cibo».
Inviò dunque uno squadrone militare ma non si vidi più nessuno tornare da
quel villaggio. Continuarono a essere inviati truppa dopo truppa e lui gli sgominava
al punto che furono enormi presso le genti le perdite.
Poi, per un dono celato di Dio, fu messo alla prova lo straniero dalla passione
per una donna indiana e cominciò così, per il suo amore, a non distinguere più il
mattino dalla sera. Lei continuava a trattarlo con indifferenza – ando mostra della sua
bellezza – e non permettendogli di giungere a lei. Fu così impossibilitato a
combattere e a fare complotti e guerre. Inviò quindi l’emiro dei soldati per
portarglielo vivo in catene. Promise che avrebbe dato a colui che glielo consegnava
tutto ciò che avesse voluto e che avesse desiderato e ambito. Andarono così a lui
marciando sulla groppa di cammelli. Era più giallo della curcuma150 e più magro
della luna nuova.
Quando fu presentato al cospetto dell’emiro disse: «Questo è l’uomo vile da
cui sono state compiute queste gravi azioni».
Chiese allora: «Tu sei colui che incute paura nelle strade e che permetti di
venire nelle donne nella parte in cui non si deve151?». Rispose: «Io sono quello che
ha portato i pesi, ha sconfitto i valorosi, ha soggiogato gli uomini e ha attraversato alRimāl152. Noto che tu mi scruti con disprezzo, ma se questo luogo fosse il luogo
dell’orgoglio ti vedrei onorare! Invece, quando il destino decreterà la cecità e quando
finirà il tempo, non sarà utile astuzia e armamento. Se non fossi stato afflitto dalla
passione e dal fervente amore non mi sarei in questa situazione».
Sospirò dunque profondamente. Al che si alzò e recitò:
Ho attraversato terre la cui traversata non si spera.
Ho attraversato una terra che non è come una spada o il tappeto di
150 Curcuma, chiamata anche zafferano delle indie, è una spezia.
151 Viene fatto riferimento al noto divieto cui l’ḥadīth (al-Nisā’ī, 2001, Beirut, vol.8, ḥadīth 8962, pag.
199) “lā yanẓur Allah ilā rajul ya’atī ilā imra’a fī duburiḥā”.
152 Al-Rimāl è detto il deserto al-Rubʿ al-khālī, il grande deserto dell’Arabia Meridionale.
143
cuoio delle esecuzioni capitali.
Ho passato al guado mari da cui desistono le navi.
Quanto la disgrazia mi nocque, e quanto mi rallegrò il guadagno,
Patii paure e alleviai tormenti.
Soffrii le vicissitudini e – quanto mi compromise l’acqua putrida –
Sfidai gli eroi e studiai i loro limiti.
Mi battei con i leoni e non fui colpito dalla rovina
Ma, quando fui messo alla prova dall’amore, divenni ingiusto
E desolato – e non si doleva per me il tronco e il ramo.
Perdetti la testa per la mia gazzella che come un ramo è magra,
Che come la luna è bella ed è ornata dal mantello e dalla camicia.
In uno sbattere di palpebre è giunto delegato
Alle gazzelle un messo senza diritto.
Quando desiderai l’unione disse umiliando:
“Non chiedi forse l’unione a colui il cui compito è di dividere?”
Si corruppe così il mio corpo e persistette nell’odio.
Divenni senza raziocinio e non sparsi lacrima.
Furono condivisi tra me e lui rivelazioni,
Da parte mia era svilimento da parte sua soddisfazione».
Si impietosì così l’emiro per la sua condizione e lo perdonò per il suo grave
errore. Lo invitò alla penitenza per le sue colpe, per le sue brutte azioni e per i
peccati.
Chiamò l’indiana, ne ottenne il possesso e sposò i due. Certo per sua mano fu
consegnata.
Gli disse: «Dalle una felice sorte e scrivi di tuo pugno quanto le è dovuto in
dote».
Scrisse dunque quanto segue: “riferisco io – Abū al-Ẓafar l’indiano – che
sotto la mia protezione e presso di me è l’orgoglio delle donne bint Mardās153 e
cinquantamila parole di cinque uomini acuti del conio del rajah Rāma Dās”.
Viaggiai dopo che avevo risieduto per un periodo e lo invidiai per il sollievo
che gli era giuto dopo la distretta.
153 Bint Mardās è il nome anche della poetessa ʿUmra Bint Mardās b. Abī ʿAmir al-Sulmā, chiamata
ʿUmra bint al-Khansā’ (m. 48/668).
144
34. La trentaquattresima maqāma: quella di al-Kanūr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Fiutavo nella fanciullezza la brezza dello zefiro e giravo dove lui girava fino a
quando non mi fece arriva al paese di Kanūr. Accande così che per alcuni giorni
presi parte alle sedute del suo wālī. Vi era là un gran caldo e – per le molte persone –
una ressa.
Quando mi vide si alzò e la sua mano prese la mia. Mi fece sedere vicino al
suo capezzale. Vidi così le loro caratteristiche difformi: lui gli parlava appunto in
diverse lingue.
Quando divenne piacevole la compagnia – ed erano al punto di perdere i sensi
per la gioia – l’emiro interrogò i presenti rigurdo ai versi di alcuni uomini passati.
Gli rispose un uomo seduto presso gli ultimi, di brutto aspetto e con lorde
vesti.
Al che però disse un uomo: «Oh emiro non rivolgetevi a questo povero
miserabile! Non avete visto la sozzura delle sue vesti e l’untura della sua pelle?»
Proferì allora l’emiro: «Abbandona l’idea malvagia e maliziosa! Non hai
setito l’ḥadīth: “quanti scapigliati sono senza colpa154”».
In quell’istante si alzò e disse: «Oh emiro di alto e considerevole grado
Dite a colui che per la mia miseria mi ha schernito
Che chi porta il mondo sulle sue spalle è sviato.
Io sono colui che veste la gloria per la virtù
E che cammina per la sua nobiltà sopra la traiettoria della luna.
Io ho certo subito delle perdite e delle ristrettezze.
Non v’è da stupirsi per quanto denaro ho elemosinato dalla rovina.
Colui che mi ha innalzato mi ha anche umiliato e pure ciò non mi
meraviglia.
Come con la bassa marea emergono i suoi cadaveri
Se mi precede un servo, fratello della demenza,
O se riesce a recarmi un’offesa conformemente alla sua millanteria,
154 “Rabb ashʿatha aghbara” è un ḥadīth (al-Athīr, 1996, vol. 1, ḥadīth 113, pag. 330).
145
Il servo [di Dio] precede il suo signore quando cammina.
Il cane abbaia contro chi lo ospita sotto la sua ala.
Il sole non è spogliato dalla perdita se è coperto
Dalle nubi; la luna non è criticata per le sue macchie.
Il libero non si vanta della ricchezza che ha accumulato
Ma della perfezione e dell’eredità dei suoi predecessori».
Quando finì la recitazione della sua poesia si alzò il wālī andando
sollecitamente ad abbracciarlo e si scusò di ciò che aveva detto di lui l’uomo.
Innanlzò la sua posizione e gli conferì un’abitazione. Ordinò che l’assemblea delle
persone durasse per otto giorni e che i portinai non proibissero l’ingresso a nessun
uomo.
L’ottavo giorno accadde che l’emiro corresse la sua decisione e la sua idea
perché fosse vincolato l’uomo e lo accompagnasse in un certo paese. Gli ordinò la
giustizia e la compagnia perché si potesse consumare il fuoco dell’ospitalità. Gli
diede dieci cavalli – di quelli intelligenti – e tutto quello di cui necessitava in armi e
armamenti. Gli ordinò di prendere ciò che voleva o che gli fosse utile. Questo
villaggio era sulla costa di un mare salato.
Quindi vi diressero una moltitudine di denaro che non si contava – non si
riusciva per la sua estensione – e era impossibile sviscerare. Ogni volta che all’emiro
era chiesto di spedire dei dirham si scusava, infatti, con la paura per la strada e
l’insoddisfazione nell’inviarne poco e ogni volta allora uno denigrava il wālī
dicendo: «Chiamatelo quello con una elevata attenzione». Seppe infine l’emiro del
suo rango e di ciò che faceva con la sua fantasia e astuzia. Inviò così un gruppo di
servitori perché fosse intimorito e rimproverato. Gli rispose allora sul momento che
non era in grado di inviare del denaro e così gli fu risposto: “invio dunque le milizie
perché te lo portino in sicurezza”.
Quando inviò la risposta ordinò di preparare le navi perché vi fosse posto il
denaro. Nel momento in cui seppe dell’arrivo dei soldati vi salì a bordo e scrisse sul
muro del giardino in scrittura ornata rīḥānī: “Io sono Abū al-Ẓafar l’indiano che da
solo ha separato le truppe. Tornate dal vostro emiro prima che sul grande e il piccolo
di voi ricadano i tormenti”.
Tornarono allora dal loro emiro scalpitando nel cammino. Non sapendo se
sarebbero stati di un un anno o lunghi periodi di tempo…
146
Dissero: «Oh emiro! L’uomo ha preso la sua strada per il mare svignadosela».
Al che ricadde sull’emiro l’amarezza che si abbattè sullo shaykh Kanʿān155 e
non smise di recitare: “la bella pazienza e chiedere aiuto a Dio156”.
35. La trentacinquesima maqāma: quella di al-Ẓafar Abād
Narro al-Nāṣīr b. Fattāḥ:
Entrai a Ẓafar Abād un anno in cui le cavallette mangiarono i raccolti. Lo
presidiava uno che dicevano fosse un tal dei tali e in quell’anno un fulmine demolì la
madrasa. Cercai lì una casa per abitarci e trovai che lì le case erano un espressione
senza valore. Quando mi stancai di cercare un’abitazione, che fosse anche stata come
un sepolcro, andai alla grande moschea e vidi là uno shaykh presso il quale venivano
talvolta recitate delle poesie o venivano studiate le scienze religiose.
Gli chiesi: «Come puoi conciliare il buono e il male?»
Ripose: «Credo tu non abbia sentito l’ḥadīth. Quello che ha ricordato alRāghib. Era felice, e queste sono le sue sue parole – su di lui sia la pace – quando gli
veniva riferita la poesia e il Corano, diceva: “questa una volta, questo un’altra
volta”».
Feci la preghiera. La gente si alzava e lo salutava. Al che vide allora un
ragazzo che non si era unito alla folla e che si era seduto tra gli ultimi.
Gli disse: «Oh sporco in largo e in lungo! Che cosa ti impedisce di compiere
il dovere?»
Rispose il ragazzo: «Noi siamo per la fonte del Profeta, della rivelazione e per
la fonte delle fatwa e della sincerità. Non c’è niente di male se non andiamo con la
gente».
Disse allora: «Oh ragazzo che è stato indotto in errore dalla sua mente. Non
hai sentito l’ḥadīth “chi è lento nella sua opera non avrà sollecitudine nei suoi
155 Shaykh Kanʿān, secondo al-Ḥabashī, curatore di un’edizione critica del presente testo (al-Ḥabashī,
1999, pag. 219) è Yaʿqūb Wālid Yusef che sarebbe il padre di Giuseppe di cui la sura. La triste dello
shaykh Kanʿān potrebbe riferirsi alla tristezza nell’affidare il figlio, Giuseppe. ai fratelli (Corano,
12:13), o quando viene informato che il figlio è stato sbranato da un lupo (Corano, 12:18).
156 Corano, 12:18.
147
confronti157”. Non vi è discernimento nella sūra rivelata e non vi è certo sacralità
nelle immagini deformi! Si sono riunite le genti delle scienze dedotte e rivelate per
educare chi si oppone al Profeta. Fa dunque il tuo dovere e abbandona la tua
intrusione». Recitò dunque:
Chi non segue l’esempio del Profeta di Dio
È un uomo che nella strada del vero non si è introdotto,
Anche se cammina nelle spaccature con delle calzature.
Dì “guai a te” poiché sei stato forviato.
Il seguace del Profeta quando la sua strada ha sbagliato,
Come un verso del Libro di Dio è cancellato.
Il giovane pianse dunque fino a bagnare con le lacrime la pietra.
Disse: «Sia premiato grazie a me lo shaykh e sia raddoppiato il suo
compenso. Possiate, oh shaykh, essere remunerato poiché ho scelto l’annessione
all’opposizione. Perdonatemi per le mancanze passate».
Disse: «Hai il perdono di Dio. Ti sia reso un conteggio insignificante. Non
v’è dubbio che sei della gente della Casa. Quelli cui Dio ha tolto la sporcizia e li ha
resi mondi».
Tornò dunque lo shaykh a quanto stava facendo. La gente sedeva attorno a lui
e di fronte.
Dissi: «Shaykh! Avete forse delle narrazioni o delle conoscenze riguardo
l’essenza della gente d’India e che la loro natura sia rivelata in una sūra o in un verso
del Corano?»
Rispose: «No, ma se osserviamo con attenzione troviamo che per loro è
opportuno il detto sublime “Iddio guida chiunque158”».
Dissero lui: «Continui il tuo cuore a leggere con la lingua. Delucidami
riguardo alla terra d’India, è divisa in cinque parti oppure no?»
Rispose: «Senza dubbio la sua terra e i suoi averi non sono suddivisi in
cinque parti. Dubito la presenza di cinque parti nelle sue donne e uomini».
157 “Man abṭa’a bihi ʿamluhu lam yusraʿ bihi nasabuhu” è l’ḥadīth (al-Qaḍaʿī, 1985, vol. 1, ḥadīth
393, pag. 245).
158 Corano, 7:179.
148
Gli dissi: «Continui la collana delle vostre perle nel collo del tempo. Ditemi,
quali donne sono più belle? Quali sono più speciali nell’avvenenza?»
Rispose: «La gente, nelle sue passioni, è differente. Li ho visti però, riguardo
alla bellezza, crollare. Tra la gente vi è chi non cerca la bellezza ma ama invece le
ragazze nobili. Tra di loro vi è chi le cerca e vi ambisce da ogni parte. Vi è chi ama il
bianco e l’impregnato di rossore. Vi è chi ha un’inclinazione per il nero e il verde. Vi
è a chi piace l’azzurro e il castano. Vi è chi propende per la bellezza morale. Vi è
colui a cui va bene il nero e il giardino. Ma, se vuoi la bellezza che non ha simile
eccetto che in paradiso, per te fanno le donne di al-Zabīd e del Kujarāt.
Se cerchi la cintola e il petto, per te sono le donne degli indiani.
Se cerchi il sedere e le gambe imponenti, per te fanno le donne dell’Iraq.
Se cerchi quella che rispetta i doveri e la sunna, per te fanno le donne dello
Yemen.
Se cerchi la vita e la prosperità con vestiti e abitazione per te fanno le donne
scure.
Se cerchi una piacevole compagnia, per te fanno le donne del Cairo.
Se cerchi il piacere insieme alla bellezza della linguaggio, per te fanno le
donne del levante.
Se cerchi la letizia del matrimonio e appropriarti di tessuto e di stoffa, per te
fanno le donne d’Abissinia.
Se cerchi la bellezza di quelle passate, la pesantezza del posteriore, la nerezza
del braccio, la bellezza della forma e l’assenza di testardaggine, per te fanno le donne
di Ziyar Abād.
Se cerchi l’incombenza su ciò che è legale e ciò che è lecito, per te fanno le
donne del Ḥijāz.
Se cerchi il servizio, la tristezza e l’assenza di collaborazione, per te fanno le
donne dei turchi.
Se cerchi la mancanza di cortesia, per te fanno le donne di Marrākash e Fās.
Se cerchi la mancanza di vita con la metà e la testardaggine, per te fanno le
donne di Shājahān Abād.
Ma se cerchi riparo da tutte le disgrazie, non sposare alcuna donna anche se
fosse piena di pregi!»
Baciai dunque le sue mani e i suoi piedi. Lo ringrazia della bella azione e del
favore. Gli chiesi un responso su alcune scienze.
149
Scrisse dunque sulla buccia di una cipolla o di un aglio quanto segue:
“Io, Abū al-Ẓafar il viaggiatore, riferisco di dare il responso ad al-Nāṣir b.
Fattāḥ”.
Disse poi: «Và, innalzami ai tuoi occhi. Questa è la nostra separazione».
36. La trentaseiesima maqāma: quella di Kanbāʾ
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Mi condusse la coscienziosità e la maturità nel paese noto come
Bandarkanbāya. Là si riunivano i migliori. Rivolsi la mia attenzione al suo emiro. Mi
ordinò di essere presente alla bevuta della prima mattina e a quella della sera: nel
tempo del tramonto e quello dello spuntar del sole. In questo periodi, in particolare,
non entravano al suo cospetto che i più distinti.
Accadde che vide un uomo seduto presso gli ultimi. I suoi occhi non lo
avevano notato prima di quel giorno. Gli divenne allora stretto il respiro e a
malincuore chiese di lui in presenza della gente. Capì l’uomo che l’emiro era stato
messo a conoscenza della sua condizione e che sapeva che lui non era dei suoi. Si
preparò così alla risposta della sua domanda.
Temette poi l’emiro che giungesse alla sua assemblea ciò che non si
confaceva alla sua maestà e che vedesse l’uomo il suo timore interiore.
Disse dunque: «Oh uomo, informami sulla natura della tua condizione, del
tuo fermarti e del tuo viaggiare, su quale è la causa del tuo venire a noi e del tuo
presentarti al nostro cospetto».
Rispose: «Oh emiro, faccia perdurare Iddio le tue luci e moltiplichi i tuoi
poteri. Non ho parole per lagnarmi del mio affanno e non vi è cuore che sopporti ciò
che ho patito di tormento. Ho sopportato paure che dolgono e nuocciono . Ho subito
condizioni che si ridono e si piangono. Non conoscevo nella terra natale
preoccupazione e tristezza. Entrò però poi il nemico nelle nostre terre. Presero tutto
ciò che possiedavamo eccetto le nostre famiglie e i nostri figli – ma poi si corressero
e ritornarono prendendo i bambini e affransero i cuori. Ho una donna che amo e che
mi ama. Io la desidero e lei mi desidera. Ci separarono le ristrettezze, la malignità dei
nemici e l’affanno del debito. Sono divenuto assieme al gregge di quel bestiame
150
come un pastore dopo aver seduto nei più alti castelli. Sono divenuto come gli
abitanti delle tombe dopo aver avuto raffinate pietanze, vesti e aver bevuto il vino e
aver spronato alle coppe. Sono divenuto un vagabondo per i paesi e un girovago per
caverne e altopiani». Poi recitò triste:
«Sono stato ripagato con la coppa che gira rossiccia
Che la terra mi gira.
Mentre passo la sera in un paese
Al mattino in un altro volgo
Come se fossi piume
Con cui gioca il ponente e lo zefiro.
Cosa avrei dovuto fare quando si restrinse l’ampiezza
Ad opera di alcuni che ciò tramavano nel loro cuore?
Biasimarono i critici, non sapevo certo che
Prove avrei dovuto sopportare.
Patii dunque paure nelle quali
Si frantumavano massi e rocce.
Nella mia mente vi è colui il quale se apparisse
Eclisserebbero le lune alla sua vista.
A un ubriaco del vino del desiderio
Ornarono i suoi occhi la stanchezza.
Racconta dei suoi sguardi e
Tormenti la gazzella spaurita.
Quanto hai discusso con lui
E il nostro compagno al-Shaʿrī al-ʿUbūr159.
Bevvi il miele della sua saliva
E gli occhi della gente delle critiche divennero guerci.
Gli disse dunque l’emiro: «È necessario che tu ti rivolga a chi è stato provato
come te e che ti consoli, così che tu possa dimenticare la tua amata o all’allontanarla
dalla mente».
159 Shʿarā al-ʿubūr è una delle due stelle che compongono la costellazione di Sirio, l’altra stella è
Shaʿrā al-ghamiṣā’.
151
Disse rivolgendosi a lei, come se presente nella sua testa, e che però lo
sentisse e lui sentisse le sue parole all’orecchio:
«Io ho un animo libero e anche se lo sforzassi
Per dimenticarti, neanche con la morte avrei dimenticato».
Poi alzò la testa, guardò l’emiro e disse cambiando nella disposizione:
«Non ho dimenticato chi ho salutato e ho visto ciò
Che ha manifestato dei suoi stati nascosti.
Ho visto il narciso dei suoi occhi che conduce
Alla rosa delle sue guance di perle di violaciocca».
Disse allora: «Noi ti ripagheremo con una delle nostre donne e condivideremo
con te la nostra ricchezza per il periodo della tua vita. Ti daremmo denaro per quanto
ti arricchisca anche dopo la nostra morte».
Rispose: «Mai e poi mai si piegherà il mio animo a un’altra che lei né si
pacherà senza che l’abbia vista».
Disse allora: «È possibile che sia morta tra quelli che sono deceduti e che se
ne sia dipartita con quelli che sono trapassati. Non ti opporre quindi al destino, non lo
contrastare e non perdere la tua vita nelle cialtronerie»
Disse: «Oh emiro, signore della magnificenza, è certo impossibile sentire nel
mese di rajab le parole di shaʿbān160, non essere come il ricco che stanca l’affamato.
Sappi che non ho predilezione che per lei anche se venissi a sapere della sua discesa
nella tomba». Scorsero dunque le lacrime come un torrente e recitando pronunciò:
«Le spine si accumularono nell’animo di un amato che oppressero.
La distanza tra di noi è la spiaggia di una costa.
Il mio sostare e il mio errare sono tutti nella loro aria.
Non vaga il mio pensiero su altro eccetto che su coloro che mai avrei
amato.
Loro nel mio cuore, ovunque fossi, hanno dimorato
160 Il mese di rajab precede shaʿbān e per questo motivo quindi sarebbe impossibile udire le parole
proferite durante shaʿbān.
152
E il loro ricordo alle mie orecchie divenne un pendente.
Violato però il mio sangue, un giorno rivelai il loro segreto.
Non fu rispettato il pattuito quando fu violata la clausola.
Non mi venne in mente in alcun giorno di allontanarmi,
Però proprio ciò decretò Chi ha potere e controllo.
Mi sollevarono preferendo lui tra di loro.
E deprimerono la fortuna che scende e cala.
Mi alzarono alle fracce e ho augurato ciò a cui
Mi alzarono – il tempo farà giustizia.
Nel momento dell’addio non dimenticai le sue parole
E fece cadere una perla con cui si orna la collana:
“Lascerai forse che io sia trattata ingiustamente senza crimine?
Cercarai una terra in cui si fondono siccità e carestia?
Cercherai ciò che perisce e abbandonerai ciò che è duraturo?
Non certo è questa equità, giustizia e onestà».
In quell’istante pianse l’emiro impietositosi per la sua condizione. Ordinò che
fossero fatti i preparativi per il suo viaggio e gli diede tanto denaro quanto ne
portarono dieci cammelli.
Gli disse dunque: «Va da tua moglie e recale i miei auguri. Non dimenticarti
di me nella preghiera della mattina e della sera».
Uscii per salutarlo assieme ad alcuni fratelli e finimmo tra gli ultimi della
folla.
Gli dissi: «Fammi conoscere il tuo nobile nome».
Rispose: «Abū al-Ẓafar l’indiano frutto autunnale ed invernale».
Quando montò il suo animale proferì: «Ritornatevene vi sia sufficiente il
dolore! Lode a Dio “che ha messo ciò a noi161”».
161 Corano, 43:13.
153
37. La trentasettesima maqāma: quella di al-Yaranakr
Narrò al-Nāṣīr b. Fattāḥ:
Mi appartai una notte con delle donne sul tetto della mia casa e ordinai al
portinaio di non aprire a nessuno la porta.
Quando era piacevole la conversazione, e si erano scaldate le corde degli
strumenti, bussarono al mio uscio rivolgendosi ai miei commensali.
Dissi tra me e me: «A quest’ora non può bussare alla porta che un amato o un
amico».
Uscii e chiesi: «Chi è?».
Rispose: «Uno straniero che l’esilio ha colpito col tormento, i cui occhi sono
feriti da una pagliuzza, che chiede l’elemosina e da mangiare».
Lo portai allora sul tetto della casa. Gli offrii del cibo e mangiai con lui
sebbene avessi già cenato.
Fu posta dunque tra noi e le donne una tenda. Ordinai che suonassero il liuto
dopo che ne avessero accordato le corde.
Quando sentì il canto battè le mani una con l’altra e affermò: «Questa è la
delizia che il primo ha privato all’ultimo».
Prese dunque il luto e cantò fino a che, per la bellezza dei suoi canti, stava per
rianinimare il quartiere e le case. Era superiore a quello che è scritto nel libro dei
canti. Si guadagnò gli animi al punto che credetti al ritorno di Ibn Jāmiʿ. Poi tacque
ed io gli chiesi di ripetere.
Disse: «Il più freddo dei canti è certo quello che esce da sotto a dei baffi. Chi
vuole pacare il suo desiderio ascolti delle belle donne. Se si unisce la vista all’ascolto
si è più vicini al raggiungimento dell’obiettivo». Ordinai allora di pizzicare le corde
dopo aver tolto le tende. Riuscì così l’uomo a vederle e udire i pizzichi del liuto – e
con un tal fervore che stava per portarlo all’annientamento.
Quando riprese coscienza, si alzò, rialzò la veste per il viaggio e si volse alla
strada.
154
Disse: «Oh fratello, non sono in grado di ricompensarti eccetto che con un
augurio. Se non fosse che l’uomo non ha che il frutto dei suoi sforzi162, non mi
separerei da te un ora e rimarrei con te fino a quell’ora».
Decisi di divenirgli compagno, non potendo sopportare la sua separazione.
Chiesi: «Dove è diretto il viaggio?»
Rispose: «Nel paese di Barankar».
Gli chiesi: «Che cosa hai sentito vi sia là? Quali proposito hai in quelle
parti?»
Rispose: «Ho sentito di donne la cui bellezza non si dimentica nel paradiso.
Là vi sono ragazze che causano ai vivi la morte».
Dissi: «Come puoi ottenere di vedere chi è celato da un velo e da un panno?»
Rispose: «Non temere. Nel paese vi è un bacino. Ognuna di loro non può che
lavarsi là e immergervisi».
Dissi: «Io camminerò al tuo seguito, sarò trai tuoi servi e compagni».
Disse: «Sia! Comapagno, amico e assistente. Sulla strada!».
Camminammo fino a che arrivammo dalle sue parti. Vedemmo qualcosa di
cui avevamo sentito le caratteristiche.
Al che disse: «Se vuoi ciò che desideri, siediti presso il bacino, non nel posto
dove sono io».
Sedetti dunque in una parte e lui in un’altra.Vidi ciò che per salute è più
benefico e gradevole. Rimanemmo un periodo, riunendoci alla sera e separandoci
durante il giorno, e godendo di ciò per cui si vergognavano i soli e le lune.
Lo vidi una sera. Aveva cambiato la sua fisionomia e si era tagliato la barba.
Gli chiesi allora: «Chi mai ha cambiato le tue fattezze e ha rasato la tua
barba?»
Rispose: «Colui che ha creato cambia e taglia».
Decisi di osservarlo – senza che si accorgergesse – nel suo luogo.
Al che quando vi andai vidi che aveva stretto una fascia alla vita. Si era
messo il rosario dell’idolatria nel petto. Le donne si riunivano presso di lui e lui
parlava e chiacchierava molto – e discorreva nella lingua dei Barāhama. Sul suo capo
aveva avvolto un telo giallo. Si era messo dunque ad apporre nelle loro fronti il
162 Corano, 53:39.
155
pallino tinto di rossom e diceva a ognuna: «Inginocchiati! Inginocchiati! Al fine di
realizzare i tuoi sogni». Alla vista di ciò me ne tornai da dove ero venuto.
Quando giunse la notte, gli dissi: «Ma che cosa sono queste azioni? Guai a
te!»
Rispose: «Vieni di buon mattino con me in quel posto così che tu possa
vedere ciò che rallegra i fratelli e di cui rimane traccia nel passar del tempo».
Uscii di mattino presto in sua compagnia per vedere cosa era stato prodotto
dalla sua astuzia e fantasia. Quando si riunirono le donne presso di lui proferì:
«Questa è certo una brutta religione per quelli che muoiono. Chi vi si ostina è come
quello che si ostina nella casa del ragno163. Non vedo niente di più genuino per
l’uomo che di seguire l’Islam e la fede. Ho deciso di lasciare questa brutta
confessione e di ritornare all’Islam, la religione giusta. Chi vuole la salvezza e la
felicità pronunci le due locuzioni della professione di fede».
Non rimase nessuno attorno a lui che non la pronunciò, che non ottenne la
gioia e che non gli fu concessa. Vennero informate dunque su ciò che necessitavano
(ciò di cui la religione fa assegnamento).
Venne un uomo e disse: «Hai compiuto – per il Creatore dell’uomo – il bene
oh Abū al-Ẓafar».
Al che se ne andò. Il loro affetto divenne più forte dalla partenza. La gente si
stupiva della bruttezza delle sue azioni e della bellezza delle sue orme. Ricordai il
detto: – su di lui sia la pace – Dio rafforza questa religione… fino alla fine164.
38. La trentottesima maqāma: quella di Rasūl Nakr
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Camminai al fianco di uno shaykh delle milizie alla volta della città di Rasūl
Nakr. Quando vi facemmo tappa, e girammo per le sue parti, notammo che la sua
gente era divisa in due fazioni. Si erano formati nel paese due poli. Uno dei gruppi
163 La casa del ragno è citata nella sura del ragno (Corano, 29:41): “Coloro che si sono presi patroni
all'infuori di Allah assomigliano al ragno che si è dato una casa. Ma la casa del ragno è la più fragile
delle case. Se lo sapessero”.
164 L’ intero ḥadīth è: “Inna Allah layu’ayyadu hadhā al-dīn bi’l-rajuli al-Fājiri”, “Dio rafforza questa
religione con l’uomo depravato” (al-Qaḍaʿī, 1985, vol. 2, ḥadīth 1097, pag. 139).
156
era sunnita e l’altro imamita. Accaddè che lo shaykh, forzato dall’esser straniero, era
stanco dell’esser celibe.
Chiesi dunque a un uomo del paese e gli dissi: «Quest’uomo è dei gloriosi.
Trovategli una donna laggera in di grasso fra le genti, che lo possa amare e ne sia
amata».
Rispose: «La gente della sunna non sposa gli stranieri, neanche se sono
letterati capaci. Se cerchi l’accettazione, e la bella soddisfazione, rivolgiti agli
imamiti per il matrimonio e per l’amor del piacere».
Andò dunque lo shaykh dal capo degli imamimiti e lo salutò nel miglior
modo.
Gli disse: «Oh imam sciita e sostegno dello sciismo. Voglio il matrimonio
temporaneo e temo che mi si dica di essere di genti eretiche».
Rispose: «Se non vuoi ciò segui l’Islam imamita e associati a quanti già si
sono già associati. Guardati dal trasgredire quanto hanno stipulato. Stai in guardia dal
matrimonio temporaneo con pubblico poiché secondo gli ʿulamaʾ non è concessa la
pubblicità ma – per Dio – solo se a bassa voce per la soddisfazione, ma non è certo
presso di noi ben accetta».
Disse lo shaiykh: «Se conoscessi la fonte, prendereri una e pazienterei fino a
che finisca il periodo di ʿidda. Procederei, in secondo luogo, e avrei piacere di ciò
che è attorno al suo posteriore, in questo periodo».
Rispose: «Questo non è permesso presso di noi secondo alcune narrazioni. È
certo espresso chiaramente il suo divieto da alcune autorità».
Disse lo shaykh: «Trovi forse riguardo al rapporto fra due persone una
narrazione trasmessa?».
Rispose: «Se anche la trovassi sarebbe per la nostra fede inaccettabile».
Disse lo shaykh: «Ho esaurito le forze. Pensa a una soluzione per me. Non mi
presteresti alcune “donne” della tua casa?»
Rispose: «Il prestito delle “donne” è lecito presso di noi e, se è ciò che
desideri, prendi una donna e restituiscila dopo il soddisfacimento dei tuoi intenti». Si
alzò e prese una donna. I miei occhi osservavano. Lei alla sua azione era avvezza.
Poi disse: «Scrivete “la ragazza è con me in via di prestito” e che la resituirete
con l’esaudimento delle vostro scopo; affidati a Dio e rettifica la tua volontà
interriore».
157
Scrisse: “dichiaro di essere il più vile degli uomini indiani: Abū al-Ẓafar. Ho
preso questa donna da questi uomini per il mio soddisfacimento in lei. La restituirò
dopo l’ottenimento del mio desiderio”.
Mi separai da lui in quell’istante. La mia lingua recitava: accorda loro una
dilazione che il mio stratagemma è sicuro165.
39. La trentanovesima maqāma: quella di al-Burwaj
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Successe che mi misi in groppa a un ronzino zoppo. Volevo venderlo a
Barwaj. Quando arrivai alla piccola città portuale vidi la gente scossa. Si riunivano
uomini, donne e bambini da ogni parte e luogo. Volli scoprire la loro faccenda.
Andai così innanzi agli spazzini e gli chiesi: «Perché si raduna la gente?».
Rispose: «Per il matrimonio di un uomo dei grandi ʿulamāʾ e la figlia del
capo dei mercanti. L’araldo incaricato ha annunciato l’arrivo ai fini sperati».
Andai allora con la gente alla casa del mercante. Era il giovedì che faceva
sentire la mancanza dei mesi caldi. Sedemmo su stuoie di seta e broccato. Ci furono
offerti varietà di cibi cotti con carne di montone e pollo. Quando si urtavano i gomiti
per il cibo chiesi allora del marito
Dissero: «Stanno scrutando gli astri riguardo all’ora del matrimonio».
Non passò molto che giunse – di media altezza e con una grande testa – e
battè le mani dicendo: «Questo è il tempo del contratto nuziale e dell’unione dei due
felici giacchè Giove è nella casa dei pesci». La bella giunse in visita. Era per il suo
rossore come il giacinto.
Andò innanzi a lui il giudice e il wālī. Chi era vicino e chi era lontano furono
testimoni di una dote che ammontava a cinquanta qinṭār166 di fumo e altrettanti in ali
di zanzare e mosche.
165 Corano, 68:45.
166 Qinṭār è l’unità di peso che equivale a 55,93 kg in Egitto, 53,9 kg in Tunisia e 256,4 kg in Siria
(Traini, voce “kharq”).
158
Chiesi poi al portiere se mi avesse permesso di passare la notte presso la
porta, poiché ero un uomo straniero e non avevo né amori né affetti nel paese. Me lo
permise.
Sentii allora l’uomo chiedere, dopo che era entrato a far parte della sua
famiglia, ciò per cui si sposano i coniugi. Se avessi saputo che con il loro matrimonio
mi sarei gettato in una situazione così disgraziata mi sarei tagliato il mio attrezzo con
un rasoio.
Rispose la moglie: «Via da me! non otterrai ciò che desideri se non mi dirai
delle posizioni sessuali quella nella quale si porrà il consenso».
Rispose irritato: «Non conosco per ciò che una forma».
Disse lei: «Perfino l’asino sa che le sue forme sono numerose! Non poteva
essere ingiusto un altro che mio padre, giacchè ha mandato in rovina la mia stirpe e
la mia nobiltà. Mi ha sposato a un uomo stupido che si adorna di ciò che non è. Se
non fosse che sei uno straniero avrei fatto di te ciò che che ti avrebbe portato a
richiedere un medico».
Non aveva finito che le baciò le labbra, le morse le guance e le fece il
solletico alle mani e così cambiò la posizione dei suoi occhi. Lei ora lo desiderava e
gli concedeva ciò che le aveva chiesto.
Lui negò però dicendo: «No – per Colui che da la vita e da la morte – non
facciò nulla se non mi informi riguardo al numero di queste posizioni».
Rispose: «La spiegazione di ciò è un lungo affare, accontentati di un riassunto
e ascolta quanto ti dico. Sono quaranta, ma le migliori sono quattro. Imparale a
memoria e diffida dalle altre.
La prima è famosa. È deiderata dagli uomoni. È amata nel particolare e nel
generale. È costituita dall’uomo che sale sulla donna dopo i giochi. Le succhia la
lingua e le labbra. Le bacia le guance e le fa il solletico sulle mani.
La seconda è che lei mette le gambe su di lui e tende dove lui tende.
La terza è che la donna si distende rovesciata e dietro l’uomo …
La quarta, che è la più ardua delle pratiche, è la più sconcia e la più nociva
per gli uomini. In questa la donna sale sull’uomo. Lui è sdraiato sulla schiena e non
ha scelta. I muscoli possono subire una malattia per la quale non vi è medicina presso
medici e saggi.
Cessò dunque nei cuori la collera e si rabbonì tra di loro la conversazione fino
all’alba quando volle allora uscire dopo aver soddisfatto il proprio desideio.
159
Gli disse lei: «Amato del mio cuore quando sarai di ritorno?»
Rispose: «Adesso». Mentre in segreto disse: «Se tortornassimo saremmo
veramente degli empi167».
Temetti che vedessero la mia condizione. Uscii allora inciampando. Dopo
qualche giorno andai alla loro casa. Chiesi sue notizie.
Mi dissero: «Dalla notte del matrimonio nessuno ha avuto un avvistamento o
un segno se non che il suo nome è Abū al-Ẓafar l’indiano quello famoso. Con la sua
separazione abbiamo patito una disgrazia ceca e cupa. Magari sapessimo se si è
messo a cercare una galleria nella terra o una scala per il cielo168».
40. La quarantesima maqāma: quella di al-Barīllā
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Mi ubriacai quella sera a casa mia, senza volerlo, fino a non distinguere il mio
dritto dal mio rovescio. Mi misi le scarpe in testa e distesi sui miei piedi il telo. Uscii
senza meta e non era ancora giunta la mattina quando arrivai al paese di Barīllā.
Nel momento che vi entrai non vidi “bene” eccetto che senza la yāʾ169 e fui
testimone di ciò che non si enumera nelle specie di tormenti. Continuai allora a
consolarmi nell’ascolto del canto e alla visione degli strumenti musicali presso la
casa del governatore chiamato ʿIṭāʾ Ilhī Accadde che entrò presso di lui uno straniero
con un vestito logoro. Fu sollecitato di ispezionare le sue condizioni. Gli si rivolse
allora come se stesse pizzicando una corda sotto di lui. L’uomo pensava che questo
governante fosse dei migliori: di coloro che incitano la poesia. Recitò rivolgendosi a
lui, desideroso del suo denaro:
«Sono giunto a non temere nessuno eccettto Dio poichè
Sono stato colpito dalle vicissitudini del destino nel tempo.
Il mio desiderio è che ʿIṭāʾ Ilhī mi corrisponda
167 Corano, 23:107.
168 Corano, 6:35.
169 Khayr, bene, senza la lettera mediana yā’, e il raddoppiamento della lettera finale, diviene kharr,
caduta.
160
Ciò che desidero in carità e generosità».
Lui diede dunque il permesso a un poeta di ripetere la sua poesia e non si curò
della sua questione.
Andò poi dal notabile dei sudditi e prese con questi la decisione sulla scelta
del ministro. Volevano che l’emiro accettasse del denaro affinchè facesse, di sua
intenzione, ciò che lui voleva: che raccogliesse la tassa capitale su musulmani e
dhimmī Certo: L’amore per le cose distrugge e acceca.
Erano appena apparse loro le insegne della mattina quando attraversarono le
valli.
Mentre l’emiro era impegnato tra le sue faccende serie e le sue questioni
amene, giunse la posta con la sua rimozione. Venne emessa la confisca con la quale
andavano perduti tutti i suoi beni. A causa di ciò fu danneggiata la sua gente e
famiglia. Tutto quello che fu colpito dalla sentenza ne fu chiesta la sua annessione. Il
destino recitava “e pur Noi non mostrammo alcun segno che non fosse più grande di
quello che precedette170”. La sua condizione divenne come quella di un morto e non
sapeva da dove sarebbero venuti.
Cercò dunque una spia che investigasse queste disgrazie: da dove sgorgassero
e dove finissero.
La spia andò e si impegnò a seguire coloro di cui vi era indizio. Li sentì dire:
«Abū al-Ẓafar l’indiano è divenuto compagno del kātib del ministro del Sind. È stato
innalzato a emiro un tale. È stato reso un preda per coloro che mordono e bersaglio di
coloro che disonorano».
Venne poi la spia e lo informò di ciò che aveva sentito.
Gli disse allora: «È necessario che tu leghi la lingua di Abū al-Ẓafar con mille
dīnār e gli renda in rima ṭawīl la proposta dopo aver alluso alla sua onorabilità e aver
anticipato la tua offerta con dei pezzi di poesia».
Disse: «Istituisci una relazione tra te e lui anche se con un intermediario».
Riaspose la spia: «Dammi i dirham. Andrò nel suo posto senza che vedano i
vicini».
Glieli diede. Andò da lui con ciò – affermando di andarci! Promise che lo
avrebbe fatto quando si sarebbero affievolite le voci e si sarebbero svuotate le strade.
170 Corano, 43:48.
161
L’emiro passò la notte appostato sulla porta insieme ai suoi servi. Infine fu
destato dal sonno dagli uccelli. Disse: «Senza dubbio l’inconsistenza della promessa
è per l’indole alla menzogna!»
Disse un uomo: «Quando i compagni della veglia si addormentarono vidi un
uomo scrivere sulla porta con la punta della spada».
Andò dunque l’emiro a vedere il testo. Lesse scritto sulla porta:
Sono venuto alle porte con desiderio e speranza,
Ma le ho trovate mio malgrado chiuse.
Vi ho attaccato dei quindi dei versi poiché
Ho voluto che così mi venisse attribuito l’allegato171.
Disse dunque: «Come è bello quanto ha proferito. È abbellito con
l’antonomasia».
Gli dissero: «Come riconoscete la tawriyya su questi due [versi]. Non hai
capito perché ha scritto in astratto nei primi due?»
Disse: «La comprensione richiede di tempo. Quello che è successo è passato.
Domandate all’uomo per mio conto in quale posto risiede il khabar di kāna172».
Tornò dunque l’inviato dopo aver cercato in lungo e in largo. Disse: «Lo
abbiamo cercato ma non abbiamo avuto di lui alcuna notizia».
Disse dunque l’emiro: «Magari fossi morto. Oh quanto sono stato
negligente173».
171 Sono venuto alle porte e le o trovate vuote dai compagni – nn v’è nessuno. Ho composto
172 Giacche non c’è nessun Kāna nei versi, tale richiesta potrebbe indicare l’ incompetenza del
regnante nella lingua araba. L’allusione ai primi due versi è probabilmente al fatto che il regnante non
è stato munifico nei suoi confronti: la tawriya potrebbe riguarda l’interpretazione della parola “porta”.
Il protagonista ha trovato la porta (reale) chiusa. Con porta si poteva però riferire alle porte della
munificenza e generosità. I versi in questione sono: “ataytu ilā al-abwāb ṭawʿan wa raghbatan / failtafaytuhā min duwna qaṣī mghalliqa / fa-ʿalaqtu abitata ʿalayh li-annanī / rajawtu tuʿazī ilaya
muʿalliqa”.
173 Corano, 39: 56.
162
41. La quarantunesima maqāma: quella di al-Matar
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Entrai a Matra nei giorni della debolezza. Feci tappa nella moschea del
mercato assieme a un gruppo di uomini dalle vesti di lana174. Ero stanco di cercare da
mangiare ed ero al punto di temere la morte. Decisi quindi di partire e andarmene.
Venne allora un uomo del gruppo di affamati a cui mi ero rivolto e mi disse:
«Se mi aiuterai avremo qua una vita felice e dimenticheremo i giorni passati».
Risposi: «Chi è venuto a me con questo fine e mi farà uscire da questa
dissidia?»
Si alzò e io mi alzai con lui. Non smisi di seguirlo fino a quando giunse in
uno stagno di copiosa acqua ferma e andò alla caccia di una tartaruga. La prese con
la sua destra e, quando si fece notte, le mise sulla sua schiena una candela e la legò
con una corda. La fece introdurre poi in una casa e, rimanendo a guardare da un buco
nella porta, vide così ciò che vi era: ricchezza e vestiti. La tirò allora a sé e me la
diede.
Disse: «Siedi fino a quando verrò. L’animo avrà la sua pace».
Entrò nella casa ed arraffò ciò che avevano visto i suoi occhi.
Venne dunque e disse: «Il cuore ha ottenuto ciò che si agurava!»
Continuammo a spendere quella ricchezza per un anno intero senza possedere
nel paese pascolo e operaio. Quando la tranquillità venne meno – e si temmette la
mancanza di riposo – uscì e io uscii sulle sue tracce non sapendo cosa volesse fare.
Dopo che fummo passati per tre case vedemmo un emiro nel mentre scendeva
per un viottolo. L’uomo notò una cassa lunga tre braccia o più. In essa era una gran
quantità di oro rosso a cui erano stati delegati alcuni servi.
Mi chiese: «Saresti capace di prendere quanto è nella cassa e tornartene con
ciò alla moschea del mercato?»
Risposi: «Se fossi capace di tali azioni non errerei senza speranze!»
Disse allora: «Va in tale posto e non lasciarlo sino a quando non mi vedrai».
Mi separai allora da lui lavandomene le mani. Pensai che ciò gli sarebbe
costato la morte.
174 Dalūq, di origine persiana, indica la veste di lana indossata dai mistici sufi.
163
Il terzo giorno da quando mi ero diviso da lui venne gridando ad alta voce.
Sulla sua schiena erano i sacchi che non erano capaci di portare i più forti degli
uomini. Mi stupii della sua condizione e la meraviglia della sua azione.
Dissi: «Informami come hai preso il denaro e come hai ingannato gli
uomini».
Rispose: «Sono entrato nelle milizie nel tempo della sera e sono stato
destinato al posto della cassa. Mi sdraiai tra le ultime persone fino a quando non
furono sopraffatte dal sonno. Mi misi allora a ruotare sulla pancia e sulla schiena fino
a che non percorsi quella distanza di terra. Giunsi alla cassa. Lì scavai per la sua
lunghezza. La coprii dunque con la terra attorno. Tornai poi al mio posto senza che
nessuno mi scorgesse o mi notasse.
Quando si fece mattino fu informato l’emiro della faccenda della cassa: che
l’avevano persa, che l’avevano cercata e che non l’avevano trovata. Se ne andò allora
con il suo cumulo e le sue truppe bagnando la terra con le sue lacrime.
Il secondo giorno andai a sistemare la cosa. Estrassi la cassa e la ruppi. Presi
tutto ciò che vi era dopo averlo messo in ordine e averlo contato».
Chiesi allora: «Dove eri quando divampò il fuoco?» Rispose: «Guardavo la
cima di un albero».
Ce ne andammo allora con il nostro denaro e il nostro oro in direzione della
moschea. Vi rimanemmo un periodo spendendo il denaro, con le speranze esaudite.
Mi colpì dunque con un dīnār dicendo: «Và, compra con questo un cucumis
chate175e dei cetrioli».
Quando tornai mi dissero che se ne era andato, che aveva disposto per me
questi dīnār sigillati e che aveva scritto un biglietto timbrato.
Quando lo aprii vi trovai: “Ti ho insegnato la mia abilità. Io sono Abū alẒafar l’indiano. Guardati dal nuocere al debole e al sapiente. Quando affliggerai un
oppressore sii oppressore. Aiuta tuo fratello quando opprime o è oppresso. Dà
solievo a colui che vedi afflitto”.
In quell’istante piansi il pianto più nocivo per la vista. Certo è che ogni cosa è
decisa e decretata.
175 Cucumis chate è una varietà di cetrioli.
164
42. La quarantaduesima maqāma: quella di al-Rājapūr
Raccontò al-Nāṣir b. Fatāḥ:
Viaggiai con un gruppo di Manqalūr nell’isola di al-Rājapūr e mi fermai alla
casa di un uomo della gente di al-Dābūl che vendeva al-tānabūl176. Mi rivolsi allora
al munshī perché mi mandasse da al-Ḥabashī177.
Quando giunsi a lui mi ordinò di sedermi e mi diede una somma di denaro.
Accettò di soddisfare le mie speranze dopo aver conosciuto le mie condizioni.
Quando si fece sera ci fu offerto da mangiare e al-Ḥabashī si rivolse a un uomo di cui
si vedevano i segni del viaggio dicendogli: «Come sei divenuto oh Abū al-Ẓafar?»
Rispose: «Continui il vostro benessere a susseguirsi. Sono divenuto come Dio
non sarebbe contento, come non sarebbe contento il diavolo – oh orgoglio dei tuoi
simili – e come non sarei contento io, Dio soddisfi le tue ambizioni».
Chiese: «Perché?» Rispose: «Poiché Dio avrebbe piacere che io fossi
ubbidiente e non lo sono. Il demonio avrebbe piacere che io fossi miscredente ma
non sono certo di quelli là. Io avrei piacere di essere ben mantenuto senza sforzo e
ansietà, ma per il cibo quotidiano sono già arrivato in ogni città e regione».
Disse: «Informami di ciò che hai visto nei paesi e sulle condizioni della
fede».
Rispose: «La cosa più meravigliosa che vidi è che mi apparve una donna che
pregava. Tra le meraviglie del tempo: una donna a Lāhūr leggeva il Corano. Vidi a
Dakn due uomini litigare senza ragione e che continuavano a dibattere. Vidi a Bījāfūr
una donna che mostrava mostruosità. Vidi un uomo della gente di Tatah camminare
nel deserto e tralasciare la preghiera. Vidi una donna fedele al marito a Shāhjahān
Abād. Vi vidi due uomini che erano compagni di Dio e fra i quali non sgorgava
iniquità. Vidi in India un uomo che amava gli arabi e dare da mangiare ai deboli, un
uomo che tendeva alla giustizia e all’equità, uno che chiedeva nel nome di Abū Bakr
e ʿUmar, un povero che lodava chi comandava il bene e proibiva il male178, un uomo
176 Al-tānabūl, Bethel, è una varietà di pepe indiano.
177 Al-Ḥabashī è secondo al-Ḥabashī (1999, pag. 271) il re ʿAnbar noto come “Mālik ʿAnbar
Shanbūsanjis” (al.Muḥibbī, Khulāṣa, 2007, vol. 2, pag. 230) il re di origine Etiope Ambar (956/1549–
1035/1626).
178 Corano, 3:104.
165
che aveva messo dietro il suo orecchio un ramoscello di salvadora persica179, un altro
che mentre entrava per la preghiera si lavava i denti, un uomo che non credeva
all’influenza delle stelle e degli astri, una donna che rispettava il divieto
dell’adulterio. Ho visto un ragazzo che ripettava il divieto dell’alcol e di proferire
oscenità, una vecchia che rispettava il dovere di digiuno in ramaḍān, una ragazza che
rispettava il divieto di guardare i giovani, uno shaykh che diceva: “cada in miserie
chi prende averi altrui senza diritto”, un altro che diceva: “fallisce chi mente mentre
ha successo chi dice il vero”. Vidi nella terra di Rājapūt una vacca che veniva
sgozzata e vi vidi un uomo che entrava nel mercato dicendo “non v’è dio che Dio” e
“Allahu Akbar”».
Gli disse dunque al-Ḥabashī: «Sei per me il più speciale dei compagni poichè
mi hai informato delle meraviglie delle meraviglie. Credevo che quello che avevi
detto fosse falso. Non credevo, infatti, che questo fosse presente i quei luoghi.
Ammoniscimi con un bel monito». Ebbe vantaggio chi era intento nella
scempiaggine e chi nella veglia.
Disse: «Guardati della vicissitudini del destino, considera chi è passato e ti
basti la morte come monito! Dal torpore dell’indifferenza sii vigile». Gli disse
quindi: «Accrescimi poichè le tue parole sono il diletto delle mie orecchie». Proferì:
«Non ricordarti le gioie passate né quelle che sono passate con giubilo. Ricordati
invece del male passato e le azioni nelle quali è infusa la contraddizione. Rievoca
alla mente il giorno nel quale si separeranno questo avere e questo illustre gruppo.
Aspettati il giorno in cui non avrà utilità denaro e discendenza eccetto chi verrà a
Dio un cuore puro180».
43. La quarantatresima maqāma: quella di al-Barār
Raccontò al-Nāṣir b. Fatāḥ:
Entrai a Barār nel giorno in cui vi era morto il più grande dei miscredenti.
Questo infedele aveva una moglie di straordinaria bellezza per la quale non vi erano
uguali e simili. In virtù dell’amore per suo marito – e l’orgoglio presso suoi consimili
179 La salvatora persica era una pianta utilizzata per la pulizia dei denti.
180 Corano, 26: 88-89.
166
e la sua famiglia – decise di bruciare insieme a lui nel fuoco per guadagnarsi una
vanagloria.
È infatti tra i loro costumi aberranti che, se la donna si dà fuoco con suo
marito, muore secondo il credo giusto. Nel luogo del rogo costruiscono una cupola
elevata. La cospargono di profumo di ghāliyya181. Quando si accingono a bruciarli –
e hanno deciso la loro separazione – costruiscono con le frasche una robusta cupola.
La circondano allora affinchè la donna non tema e non desista nella sua decisione.
La donna riceve i suoi gioielli e le sue vesti dopo il congedo dei sui parenti e
della sua famiglia. Siede nel mezzo della legna e il cadavere è posto sulle sue gambe.
La gente la guarda e ne sono orgogliosi. Si appicca infine il fuoco dai quattro lati e
fra gli uomini c’è chi pensa, chi ride e chi piange.
Presienzai quando presenziarono i beduini e i cittadini. Quando giunse –
ambendo al posto descritto – nel luogo menzionato, arrivò un uomo su un cavallo
con tratti balzani e con qualità complete. Prese la donna, la pose sul suo arcione e
indicò al cavallo di curvare. Volò via su di lui al punto da precedere i venti. La gente
gli diede la caccia ma non riuscirono che a piangere e schiamazzare. Tornarono col
fallimento dopo la stanchezza e lo sfinimento. Erano morti nelle sembianze dei vivi.
Andarono dal cadavere e al suo rogo, dopo che le fiere lo avevano fatto in
brandelli.
Viaggiai verso oriente e il mio cuore quando ricordavo questo avvenimento
batteva come un fulmine. Continuai a errare nelle sabbie, nei deserti e nelle
montagne per dodici anni. A causa del pensiero non conobbi sonno.
Vidi dunque un certo giorno della gente che messa in fuga era diretta in una
città vicina a noi. Chiesi in merito. Dissero: «Il nemico è sulle loro tracce». Non
potei che seguirli e entrare nel villaggio con loro.
Quando entrai per la porta vidi un uomo con delle vesti logore. Presso di lui
erano cinque bambini: il primo sulla sua spalla, il secondo sull’anca, il terzo sulla sua
destra, il quarto sulla sua sinistra e il quinto camminava dietro di lui. Mi chiamò per
nome e kuniya come se fosse di genti che conoscessi.
Chiesi: «Chi è colui che chiama con questa assemblea?»
Rispose: «È il più vile degli uomini: il tuo amico Abū al-Ẓafar».
181 Ghāliya è il profumo fatto con muschio e ambra grigia.
167
Dissi: «Dammi una spiegazione e un chiarimento! Ti fornisca Iddio una
certezza».
Disse: «Hai forse dimenticato quando presi la ragazza a Barār, quando la
gente non riuscì a prendere che la mia polvere?»
Dissi: «Certo mi risulta Abū al-Ẓafar».
Disse: «Grazie a Dio questi cinque bambini provengono da lei – e il più
grande di loro le narra poesie. Lei ora – protetta dalla mia serenità e a carico delle
mie spese – sta spazzando la mia casa, sta curando il mio cavallo, sta cucinando il
mio cibo e sta ascoltando le mie parole».
Dissi: «Ciò che è vero è quello che si vede! Desidero vederla».
Mi portò dunque a casa e mi offrì delle pietanze condite con olio.
Disse dunque: «Esci signora delle donne! Saluta il tuo fratello poiché desidera
vederti e incontrarti».
Apparve allora come una che sale su una duna o come un germoglio che
nasce tenero. Il suo volto era come la luna nella notte del quattordici. I suoi occhi
erano adornati da un nero intenso e un bianco carico. La sua bocca univa miele e
gemme uniche. Le sue guance contenevano la tuberosa182 e la rosa.
Le dissi: «Sia Iddio contento di te, signora delle donne».
Rispose: «Lo sia anche di te, più caro dei fratelli, bene del tempo».
Le chiesi: «Come stai, figlia della grazia?»
Rispose: «Lode a Dio che mi ha reso salda con l’Islam, che mi ha salvato
dalle fiamme, che mi ha liberato dalle mani dei miscredenti, che mi ha fatto uscire
dalle tenebre dell’idolatria per la luce della retta fede e che mi ha reso nobile con la
preghiera e la recitazione del Corano».
Rimasi presso di loro per alcuni giorni contati e ore limitate. Loro mi
servivano come fa il munifico con il suo ospite. Avevano cura di me come ne ha il
nobile per il suo vicino. Mi diedero valore come colui che ha raziocinio dà valore ai
suoi fratelli. Infine, poi, mi separai da loro. Io non dubitavo allora della verità che il
Magnifico estrae il buono dal malvagio. Ricordai le parole dell’ḥadīth – su di Lui sia
la pace – “tra di voi vi è chi opera come la gente delle fiamme”.
182 Misk è il fiore chiamato polianthes tuberosa.
168
44. La quarantaquattresima maqāma: quella di al-Nāqin
Raccontò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Il mio animo pacato mi spinse ad ammirare al-Nāqin. Non smisi così di
avanzare un piede dietro l’altro nel viaggio per giungervi. Dicevo alla mia anima:
“pazienta può darsi che Iddio produca, in seguito, qualche evento183” e lei mi
rispondeva: “avrai forse, con il viaggio, dopo la fatica il benessere”.
Quindi, dopo prolungamenti e dilungamenti – e discorsi lunghi e larghi – e
dopo aver chiesto a Dio l’ispirazione, andai solo allora per la strada. Fra me e il posto
menzionato vi era una distanza di mille miglia. Provai nel viaggio ciò di cui hanno
orrore le anime. Al punto che tra le mie palpebre e il sonno vi fu una guerra come
quella di al-Basūs184 – e stavo per tornare indietro e desistere ma si acquietò il mio
animo e domò le paure. Attraversai le sabbie subendo afflizione e agevolezze. Le
dissi: “senza la raccolta delle api, non si avrebbe certo il frutto dalle api!185”.
Passai presso un villaggio con alberi, frutti, bacini e fiumi. Vi rimasi dieci
giorni di una vita più lieta di coloro che dormono nel torpore delle loro palpebre.
Uno di questi giorni mi accadde di passare per la casa di un certo governante
e vidi ciò che fa cessare affanno e patimento: danza e canto. Mi guardò allora di
nascosto una giovane donna. Ecco, il suo viso era più lucente del tramonto della luna.
Iniziò così impadronirsi della mia mente e il suo amore prese ad albergare
nell’intimo del mio cuore. Sedetti con animo desideroso e interessato dicendomi
“magari la vedessi una seconda volta”.
Venne poi un uomo al governante con notizie dalle parti del paese e delle
fazioni della terra.
Disse: «In un tal posto vi è un uomo ferito e per l’acutezza del doloro piange
e grida». Si impietosì dunque il governatore misericode e si preoccupò.
183 Corano, 65:1.
184 La guerra di Basūs è la guerra tra Banū Bakr e i Banū Taghlib combattuta in era preislamica tra
494 al 534 (Encyclopedia of Islam, 1986, voce “Basus war”).
185 “Wa dūna ijtinā’ al-naḥli mā janati al-naḥlu”, “Senza la raccolta delle api, non si avrebbe frutto
dalle api” è il secondo emistichio del verso di Ibn Fāriḍ (576/1181-632/1235) (Ibn al-Fāriḍ, 2002, pag.
102).
169
Ordinò: «Andate con lui nella casa di cura. Quando sarà guarito dalla malattia
portatelo a me dopo averlo introdotto nell’ḥammām. Forse così saprò la causa delle
sue ferite e cosa ha incontrato nella suo andare e nel suo tornare».
Abbandonai il mio intento. Mi dissi: “rimango qua, forse sentirò queste
informazioni richieste e godrò della visione di quell’amata”.
Dopo che fu trascorso un mese di tempo giunse la notizia che era entrato
presso l’ḥammām e che sarebbe venuto presto. Giunse dunque e salutò.
Disse il governante: «Tu sia benvenuto!».
Quando lo interrogò riconobbe che era degno di beneficenza, gli diede
dunque molti regali e lo vestì della veste d’onore. Gli chiese allora la causa delle sue
ferite, delle botte e delle percosse.
Rispose: «Oh emiro! Ciò che è passato si ripete e le disgrazie non colpiscono
eccetto che i più gloriosi!»
Disse: «È doveroso il rendiconto della tua vicenda e della causa del tuo
malessere e danno!»
Disse: «Oh emiro, a condizione che non mi puniate per le malefatte, né mi
siate ostile giacchè sono come colui che si è amputato il naso con le sue mani e che
ha cercato la morte per sua inclinazione».
Rispose: «Il perdono sia nelle tue mani! Io non voglio altro che sapere che
cosa ti è accaduto!»
Disse: «Dovete sapere, oh emiro, che arrivai a Nāqina. Non sapevo certo che
la seduzione demoniaca là era in agguato. La gente – il grande e il piccolo – si
riuniva nelle notti di al-ghadīr186 presso la casa del loro raʾīs. Spargevano allora
farina a terra in un luogo pulito – che in realtà era più sporco di una cloaca! Si
mescolavano gli uomini alle donne, abbondavano allora le grida e il fracasso.
Ognuno prendeva una e la portava in quella farina – anche se era straniera o una
parente ed anche se era sua figlia, zia paterna o materna o addirittura sua madre o
anche sua sorella. Facevano poi di quella farina un pane di cui si benedicevano lungo
l’anno e non lo mangiavano che i loro uomini più potenti.
Accadde che entrai con loro. Credevano fossi uno di loro. La mia mano non si
posò però che su una vecchia – per mia sfortuna! – la lasciai dunque quando era sotto
di me ed estesi la mano per un'altra, sperando per qualcosa di meglio.
186 Le notti di al-ghadīr sono quelle degli ultimi dieci giorni del mese di ramaḍān.
170
Urlò allora la vecchia, piangendo e singhiozzando: “Uno straniero! Uno
straniero!”
Accesero le lanterne e si rivolsero verso di me. Mi picchiarono che spero
giunga su di me la misericordia di Dio nella stessa misura in cui erano discese su di
me le botte. Mi gettarono in un letamaio che ero sul punto di morire, privo di sensi.
Non arrivai al posto in cui mi avete visto – e dal quale mi avete sollevato – se non
dopo un anno nel quale i miei occhi non vinsero l’imputridimento».
Disse allora al-Nāṣir187: «In quell’istante cambiai le briglie della mia volontà
di entrarvi e dissi: “non entreremo mai in quella terra finché quelli saranno
colà188”».
45. La quarantacinquesima maqāma: quella di al-Kaliyān
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Fui colto da un indigenza da cui non si trovava rinstabilimento. Giunsi a non
possedere moneta e non avevo più forza per pazientare. Sentii che a Kaliyān vi era
un emiro che amava essere munifico specialmente con coloro che erano di rango:
uomini di scienza e di lettere. Diressi la cavalcatura della mia decisione a lei
dicendomi che che magari Dio mi avrebbe dato sollievo per mano sua.
Quando arrivai ad un miglio – o due miglia – vidi un uomo coi ceppi alle
mani, con le spalle insanguinate e con gli occhi in lacrime il quale mi chiamò
dicendo: «Liberami dalle catene! la mia anima è sul punto di raggiungere le mie
clavicole».
Risposi: «Temo che colui il quale ha stretto le tue catene mi incateni con te o
mi perseguiti vedendo la tua liberazione».
Disse «Chi mi ha oppresso ha già attraversato la terra – le sue angustie e
facilità – ed è andato là dove lo ha portato la sua cavalcatura».
Gli tolsi allora i ceppi e affrettandomi nel liberarlo. Baciò dunque la mia testa
e si mise a lusingarmi. Mi chiese poi dove ero diretto.
187 Poiché il narratore è al-Nāṣir b. Fattāḥ chi parla – in terza persona – è probabilmente la sua anima
(con la quale interloquiva all’inizio della narrazione.
188 Corano, 5:24.
171
Risposi: «Dall’emiro di Kaliyān».
Disse: «Tra me e lui vi è un affetto ereditato e un rispetto amichevole mai
violato. Ti porterò a una felicità dopo la quale non ci sarà più miseria. Ti farò salire
ad un livello nel quale nessun altro che te sarà mai salito».
Dissi: «Se ha una propensione per ʿulamāʾ, eruditi, segretari, astronomi,
cantanti e per genti delle lettere, io non ho conoscenza alcuna su ciò e né familiarità
su quanto è là».
Rispose: «La genti dell’India non riconoscono il migliore di loro neanche in
minima parte, sono come bestie ma più sviate! Ti presenterò come colui il quale non
ha simili in tutte le scienze. Quando sentiranno le mie parole ti temerà il grande e il
piccolo, il suddito e l’emiro».
Quando arrivammo andò innanzi all’emiro. Questi lo onorò e lo fece sedere
vicino al trono.
Disse: «Dove sei stato questo periodo?»
Rispose: «Mi è capitato quello che non ha colpito nessuno per avversità. Se
non fosse che Dio mi ha concesso un uomo di buon augurio il quale mi ha liberato
dalle catene e sono così uscito dal luogo della mia prigionia».
Gli disse allora: «Portalo a me e fammi conoscere la sua condizione e le sue
doti così che gli dia una ricompensa».
Fui mandato a chiamare. Vidi l’assemblea affollata dalla sua gente le quali
gridavano “lui dei rami è il tronco”. L’uomo andò innanzi all’emiro.
Disse: «Oh tu che hai grande potere, questo uomo ha padronanza su tutte le
scienze: quelle in prosa e quelle in poesia, quelle secondarie e quelle primarie, quelle
tramandate e quelle ragionate. Spicca tra i figli del suo tempo – tra quelli vecchi e
quelli recenti – nella scienze del diritto e degli ḥadīth. Per ʿirāb non ha simili: è
migliore di al-Zanjānī189. Nella grammatica è più eccelso di al-Akhfash190, alKasāʾī191, Sībawayh192, Ibn al-Khurūf al-Ḥaḍramī193, al-Rabīʿī194, al-Faḍīḥī195 e al 189 Al-Zanjānī è ʿAbd al-Wahāb b. Ibrāhīm al-Zanjānī (m. 655/1257).
190 Al-Akhfash, secondo al-Ḥabashī (al-Ḥabashī, 1999, pag. 281), è Saʿīd b. Musaʿada al-Akhfash (m.
215/830).
191 Al-Kasā’ī è ʿAlī b. Ḥamza al-Kasā’ī (m. 189/804).
192 Siybawīh è ʿUmar b. ʿUthmān Siybawīh (m. 180/796).
193 Ibn al-Khurūf al-Ḥaḍramī è ʿAlī b. Muḥammad Abī Khurūf (m. 609/1212).
194 Al-Rabīʿī è ʿAlī b. ʿIysā Al-Rabīʿī (m. 420/1029).
195 Al-Faṣīḥī è ʿAlī b. Muḥammad al-Astarābādhī (m. 216/831).
172
Nafṭawīh196. Per lingua sorpassa Ibn al-Qitāʿ, Ibn Fāris197, Ibn Darīd198, Ibn Sayda199,
al-Jawahrī200 e Ibn ʿAbīd201. Nell’arte epistolare è migliore di al-Ṣābī202 e Ibn alʿAmīd203. Nella scrittura è superiore di al-Shābishatī204, Yāquwt205, Ibn al-Bawāb206 e
ʿAbd al-Ḥamīd207. Nell’astronomia è maggiore a Abū Mushʿar208, Ibn al-Munjam209,
Abū al-Ḥasan, ʿAlī b. al-Mahdī210, al-Nadīm211 – e i suoi discendenti – Mukhāriq212,
Zilzal213; mentre di al-Māriq nel canto e nella bella voce. Eccelle inoltre nelle restanti
scienze – e di eccetera che consumano la congiunzione “e” e l’esecuzione del saʿj
con la lettera rāʾ».
Venne innanzi a me l’emiro. Gli feci sentire qualcosa della mia prosa e della
mia poesia.
Disse allora all’uomo: «Ti renda felice il destino e il fato come mi ha reso
felice la sua visione, oh Abū al-Ẓafar!» Al che si realizzò in me che era Abū al-Ẓafar
l’indiano. Dopo – per la sua devozione – furono esaudite le richieste. Mi temevano e
rispettavano al punto che uno di loro disse: «Sollevalo di qualche problema».
Gli disse allora: «Non esponetevi al tormento!»
L’emiro mi diede quanto mi sarebbe bastato per il periodo di tutta la mia vita
e che sarebbe stato sufficiente ai miei figlio dopo la morte. In seguito, dopo di ciò,
196 Al-Nafṭawiyh è Ibrāhīm b. Muḥammad al-Nafṭawiyh (m. 323/934).
197 Ibn Fāris è Aḥmad b. Fāris (m. 395/1004).
198 Ibn Darīd è probabilmente Al-Jamhara b. Darīd (m. 321/933).
199 Ibn Saiyda è Ismāʿīl b. Sayda (m. 321/933).
200 Al-Jawahrī è Ismāʿīl b. Ḥimād al-Jawahirī (m. 393/1002).
201 Ibn ʿAbīd è, secondo al-Ḥabashī, Ibn al-ʿAbīda Muʿammar b. al-Muthannā (m. 209/824) (alḤabashī, 1999, pag. 281).
202 Al-Ṣābī è Abū Halāl al-Muḥsin bn Ibrāhīm al-Ṣābī (m. 401/1010).
203 Ibn al-ʿAmīd è Muḥammad b. al-Ḥusayn (m. 360/970).
204 Al-Shābishatī è Abū al-Ḥusayn b. Muḥammad al-Shābishatī (m. 388/998).
205 Yāquwt potrebbe essere Yāquwt b. ʿAbd Allah al-Ḥamawī (m. 626/1228) oppure Yāquwt b. ʿAbd
Allah al-Mustaʿṣamī (m. 349/960).
206 Ibn al-Bawāb è ʿAlī b. Hlāl (m. 423/1031).
207 ʿAbd al-Ḥamīd è ʿAbd al-Ḥamīd b. Yaḥyā (m. 132/749).
208 Abū Mushʿar è Jaʿfar b. Muḥammad Abū Mushʿar (m. 272/885).
209 Ibn al-Munjam è probabilmente Hārwn b. ʿAlī b. al-Munjam (m. 288/900).
210 ʿAlī bi Mhdī è probabilmente il califfo abbaside al-Manṣūr (126/744 o 127/745-169/785). Secondo
al-Ḥabashī è più probabile che si riferisse però a Ibrāhīm b. al-Mahdī, un cantante famoso (m.
224/838) (al-Ḥabashī, 1999, pag. 281).
211 Al-Nadīm è probabilmente a Abu al-Faraj Muḥammad b. Ishāq al-Nadīm (m. 385/995 o 388/998);
secondo al-Ḥabashī (al-Ḥabashī, 1999, pag. 281) potrebbe anche essere Ibrāhīm b. Māhān al-Mawsūlī
(m. 188/803).
212 Al-Mukhāriq è Abū al-Muhannā Mukhāriq b. Yaḥyā al-Jazār (m. 231/846).
213 Zilzal è il cantante noto anche come Manṣūr citato nel Kitāb al-Aghānī (al-Ḥabashī, 1999, pag.
281).
173
incalzarono le vicissitudini del tempo e non v’è dubbio: tutto quel che vaga per la
terra perisce214.
46. La quarantaseiesima maqāma: quella di al-Murshid Abād
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Vidi in India ciò che per la sua rarità si potrebbe scrivere con inchiostro
d’oro. Ciò poiché il viaggio mi unì a due uomini coi quali era un cane, al cui collo
era un collare d’argento. Accaddè che il cane si ammalò di una malattia mortale.
Quando i due temettero per la sua morte li sentii parlare in segreto e discutere della
faccenda.
Uno dei due disse all’altro: «Padre mio, mi è duro gettare il cane alle fiere, ai
lupi e alle iene».
L’altro rispose: «Non temere e non essere triste! vivremo grazie a lui una
bella vita e ciò poiché le genti dell’India sono come le vacche: non distinguono la
gemma dallo sterco. Guarda cosa farò. Non opporti e non fare dpomande! Cambierò
la forma della fede».
Vi era vicino un paese chiamato Murshid Abād.
Quando allora morì il cane, lo coprirono nel lenzuolo funebre e lo posero in
una cassa avvolta nella seta. Lo portarono nel mercato. Non erano ancora entrati che
giunse la sera. Avevano sparso sulle loro teste la terra e piangevano come alKhansāʾ215.
Quando gli fu chiesto chi era il morto, la sua realtà, la sua dottrina e
tradizione, esagerarono all’estremo dell’iperbole e con un esagerazione senza
motivo. La gente del paese giunse ad adorarlo. La folla si riuniva da ogni parte e
luogo. Passavano tutte le notti a leggere il Corano sulla cassa.
Quando si fece mattino – e l’urlatore chiamò al successo216 – si riunirono
governati ed emiri, grandi e piccoli, e portarono la cassa su centinaia di uomini
214 Corano, 55:26 .
215 Al-Khansā’, Tumāḍir bint ʿAmr b. al-Ḥarth b. al-Sharīd al-Sulamīya, è la poetessa preislamica
(575-664) celebre per le elegie funebri.
216 “Venite al successo, venite alla preghiera” è l’invito proferito per chiamare i fedeli alla moschea
per la preghiera “ḥay ‘ala al filāḥ ḥay ʿalā al-ṣalāt”.
174
camminando con un incedere d’orgoglio in pompa magna. Dopo averlo seppellito vi
costruirono sopra una cupola maestosa per la cassa del denaro.
Non cessava la gente del paese di esagerare certo nel onorare la cosa.
Venivano da lontano per trarre la sua benedizione e per visitare la tomba. I due
presero dimora quindi e si occuparono del sepolcro girando. Offerte votive
giungevano a loro da ogni luogo e ciò che gli veniva dato ogni giorno ammontava
circa a duecento dīnār oltre a bevande, cibi, vestiti e profumi.
La cosa strana era il fatto che non veniva alla tomba ecccetto che colui che
aveva avuto delle necessità e che erano già state risolte. Non veniva donna, che
volesse bambini, che non fosse già incinta. Chi girava alcuni giorni esaudiva le sue
speranze. Chi giurava sulla tomba – mentendo – era preso sul serio. La sua nomea si
diffondeva in tutti i posti e venivano carovane da tutte le città. Fu reso allora noto un
giorno dell’anno per la riunone della gente descritta.
Rimasi presso loro due circa due anni vivendo prosperamente con occhio
lieto. Poi viaggiai nel mio paese natale per congiungermi ai miei figli e all’amata.
Dopo dieci anni di tempo tornai allora in quel posto: lo trovai coltivato a uva,
fichi, melograno e zucca. Mi fermai così su quelle rovine compagno alla tristezza e ai
pensieri fino a quando non passò da me un uomo di quel gruppo di sviati.
Mi disse: «Sembra che tu cerchi qua il luogo dei tuoi sogni».
Dissi: «Quando ero in questo posto vi era un’alta cupola a cui venivano i
pellegrini da ogni dove. Non capisco se è stata sprofondata nella terra o è stata
innalzata dal diluvio».
Rispose: «Sì, l’ha fatta distruggere il giudice l’anno passato».
Chiesi: «Quale è la causa della sua distruzione e quale è l’opera di Dio al suo
servizio?».
Rispose: «Vi era nella cupola un uomo che chiamavano Abū al-Ẓafar e con
lui un ragazzo chiamato Abū al-ʿAbar. Successe che il padre andò in quanche posto
mentre il ragazzo abitava presso la cupola. Quando venne, chiese allora a suo figlio
quanto aveva racoltò delle offerte in quel dato giorno, al che gli diede quanto era
arrivato alle sue mani.
Disse: “non può essere questo! senza dubbio mi hai ingannato”.
Rispose il ragazzo: “se sospetti di me ti giurerò sulla tomba”.
Disse allora: “ovvero mi giurerai sulla tomba del cane che ho seppellito con le
mie mani! Certo ho la ragione sulla cosa!”.
175
Litigarono violentemente da ammazzarsi.
Vi era però vicino un uomo seduto in un posto innalzato il quale informò
dell’accaduto il giudice e il wālī. Il giudice ordinò la distruzione della cupola con dei
picconi di ferro. Stabilì che i due uomini fossero picchiati, torturati e incatenati.
Dopo un periodo uscirono con un gruppo dalla galera e si misero in fuga. Ecco vuote
ora le loro case in rovina per l’iniquità loro217».
47. La quarantasettesima maqāma: quella di al-Haqlī Bandar
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai con un gruppo di mercanti ad al-Haqlā Bandar. Vidi nella strada un
uomo che dicevano essere un autorità. Dietro di lui venivano suonati dei segnali di
tromba e innanzi a lui camminavano i notabili. Al suo servizio erano all’incirca cento
uomini. Era estremamente superbo al punto da non essere magnanimo neppure nel
rispondere al saluto.
Chiesi di lui. Mi dissero: «Bīrzādah218». Vi andai dunque innanzi, non
credevo fosse di così estrema vergogna. Chiesi ai suoi cortigiani ed entrai. Lo salutai
e mi rispose con il sopracciglio per la gran altezzosità e vanità. Notai che la sua
assemblea era di riprovevolezze e sconvenienze. Vidi infatti la gente di quelle parti
baciare dove passava ed esagerava nel onorarlo e magnificarlo. Venivano per vederlo
nel suo andare e nel suo venire. Credevano inoltre che ogni cosa proibita fosse in
virtù di lui resa lecita al punto che se avesse chiesto la figlia di uno di loro – o la
moglie – gliela avrebbero mandata ritenendo che lui ne aveva il potere. Lo vidi un
giorno mangiare su piatti d’oro. Dissi tra me e me: “Dio! come è strano il raziocinio
delle genti di questo re! Queste danno mostra di alcuni sentimenti dell’Islam e allo
stesso tempo non disdegnano l’immoralità e i divieti!”
Mi separai da loro e procedetti sino a quando raggiunsi il mio gruppo col
quale erano i miei oggetti e il mio denaro.
Al che, dopo un periodo, venne coi suoi tamburi e notabili accompagnato dai
suoi seguaci e servitori. La gente ne fu ammaliata e fu così ingannata dal suo trucco e
217 Corano 27:52
218 Bīrzādah è scritto anche – con la lettera persiana pe – Pīrzādah (al-Ḥabashī, 1999, pag. 291).
176
dalla sua astuzia. Fece prigionieri i loro figli e le loro famiglie mirando le loro
abitazioni e ricchezze.
Quando sbalordii per la sua condizione, mi si strinse il petto per la bassezza
della sua condotta. Mi disse un uomo: «Se avessi visto cosa ha compiuto a Ziyar
Abād ti risulterebbe insignificante ciò che di lui vedi in questo paese».
Chiesi allora: «Possa io salvarti con il mio sacrificio! informami di qualcosa
che hanno udito le tue orecchie e che hanno visto i tuoi occhi».
Disse: «Il cuore dei liberi è il cimitero dei segreti! Temo che la sua faccenda
emerga tra i governanti e che lo rendano un modello per gli uomini».
Risposi: «La diffamazione presso tutte le genti è disapprovata. Accetta da me
la promessa e la garanzia che non riferirò quanto a nessun uomo in questo paese».
Disse allora: «In quella zona lo vidi escogitare un espediente sorprendente. La
gente entrava presso la ṭarīqa, si addossavano là il saio della khirqa e della
rettitudine. Gli uomini si vestivano in pubblico e le donne invece solo in spazi isolati.
Quando queste si riunirono, ordinò che entrassero una ad una così che ne avrebbe
avuto vantaggio. Pose i suoi pantaloni in una volta innalzata a cui non ci si arrivava
eccetto che con un’alta statura. Quando la donna veniva le diceva: “Tira giù i
pantaloni!” se vedeva che questa estendeva la sua mano ai suoi pantaloni, si
muoveva verso di lei. Se vedeva in lei il timore e l’apprensione le diceva: “Ti ho
ordinato di tirare giù i pataloni che sono in alto!” e ciò è quanto fece in quel paese – e
mi è giunta anche notizia che lo facesse coi ragazzi».
Dissi: «Continui ad essere ben accetto un supplemento. Informami: ha forse
un nome diverso da Bīrzādah?»
Rispose: «Sì, ho sentito da uno dei Kinda219 che è Abū al-Ẓafar l’indiano».
In quel momento ritonai a cosa stavo facendo. Recitavo il detto sublime:
lasciali a mangiare e a godere, e che li distragga la speranza220.
219 Kinda potrebbe riferirsi alla tribù cui fece parte Imru’ al-Qays.
220 Corano, 15:3.
177
48. La quarantottesima maqāma: quella di al-Junnīr
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Accompagnai un gruppo di Malīr alla volta della città di Junnīr. La necessità
esigè di giungere al suo governatore, incaricato delle sue questioni e della difesa dei
suoi luoghi inviolabili.
Quando entrammo al suo cospetto lo salutammo. Lo vidi parlare con un uomo
della gente della perfezzione, dell’onorabilità e del favore a cui pregava di insegnare
ai figli il fiqh, l’adab e qunto serviva loro per la lingua araba.
L’uomo diceva: «L’ascolto e l’ubbidienza, se non fosse che per le molte
malattie non sono nelle condizioni. Ho un figlio con un linguaggio più puro del mio e
loquace. È più adatto nella prova della comparazione. Se il signore lo vedesse, lo
vedrebbe infatti per questo servizio il primo».
Ordinò allora il governatore che fosse chiamato così che potesse indagare sul
suo valore e sulla sua conoscenza dell’adab.
Quando comparì al suo cospetto si fermò rivolto ai suoi piedi.
Gli chiese: «Hai appreso qualcosa delle scienze e hai conoscenza della prosa
e della poesia?»
Rispose: «Continui la sorte a scorrere secondo il tuo desiderio e continui il
sole a sorgere con la rovina di coloro che ti invidiano. Quanto al fiqh io sono il suo
sostenitore e fautore. Quanto all’adab io sono il fondamento sul quale sono istituite
le sue regole».
Disse l’emiro all’uomo: «Interroga tuo figlio su alcune questioni di fiqh
affinchè possa esaudirsi per voi l’intera vostra aspirazione».
Rispose: «Oh emiro continuate a essere rafforzati in intelletto e compresione.
Lo interpello in prosa o in poesia?»
Disse: «È noto certo che l’orecchio ha una predilezione per la poesia».
In quell’istante l’uomo si alzò sui suoi piedi e indicò suo figlio:
«Cosa dice l’imām del tempo nostro signore
Rigurdo al malato estenuato dal desiderio e dal pensiero?
Gli è permessa la rappresentazione della sua amata
Nel suo cuore? o sostenete che la sua azione è un pericolo?»
178
Si affrettò il ragazzo alla risposta e disse senza esitazione e titubanza:
«Dico che per la rappresentazione dell’amato non vi è obiezione
E su ciò non v’è dubbio ed esame.
Tratta il divieto di rappresentazione quanto si legge
Negli ḥadīth “e abbiamo detto che è reso noto ciò che è nocivo”».
Disse dunque l’emiro: «Non sia chiusa la tua bocca e non sia privato di te tuo
padre».
Disse lo shaykh a suo figlio: «Ascoltami, ti servano i tuoi discendenti e ti
invidino tuo cugino e tuo fratello:
«Quali sono le parole del nostro signore dotto di cui si sono mostrate
Le qualità di anticipare il tempo,
Riguardo a un amante che non spera la guarigione della sua mente
Eccetto che baciando una donna per il risanamento?»
Rispose il ragazzo: «Ho condotto per il giusto, apprendete la risposta:
Riferisco che per il bacio alla donna non vi è obiezione
Se non si teme per l’ossessione diabolica
Poiché il bacio sulla guancia della donna è di minor valore
Della morte dell’uomo con doloroso amore e tristezza».
Disse allora in quell’istante l’emiro: «È stato sincero lo shaykh, non ha
mentito. Non v’è dubbio che questo ragazzo – in questo tempo – è il più erudito in
materia di fiqh tra gli arabi e gli stranieri».
Le coppe della letizia girarono dunque fra di loro. Giunse allora il coppiere
con la coppa designata al ragazzo e questi gli chiese il nome.
Rispose: «Il mio nome è Hūd221». Allora disse:
221 Hūd è il nome del profeta di cui il titolo dell’undicesima sura del Corano.
179
«Oh Hūd la nostra priorità è conoscere chi è nobile
Che grazia è per te essere conosciuto come Hūd».
Venne a lui un coppiere diverso dal primo con un bicchiere e gli portò il vino
su cui contava.
Gli chiese: «Come ti chiami?»
Rispose: «Il mio nome è Mawlā». Disse allora:
«Il bel Mawlā reca un impasto nella saliva
Oh come è dolce il vino della bocca assieme il mio signore».
Venne allora un coppiere diverso dai primi due al ragazzo con una coppa. Era
cambiata la fisionomia dei suoi occhi.
Disse: «Benvenuto a colui che porta e ciò che è trasportato! Come ti chiami?»
Rispose il coppiere: «Il mio nome è Sūl». Disse allora:
«L’oggetto desiderato è stato esaudito da coppe addolcite
Dissi dunque “benvenuto alla coppa di vino assieme al mio Sūl222”».
Si rivolse quindi lo shaykh al wālī e gli disse: «Non ti ho detto che lui
versifica con le sue perle e che non eccellono come lui i giorni e le notti?»
Disse l’emiro: «Lo shaykh ha servito ciò che gli è stato ordinato. Colui che
assomiglia a suo padre non agisce certo iniquamente».
Incaricò il ragazzo dell’istruzione dei suoi figli e lo rese oratore delle sue
riunioni e feste. Gli assegnò dei compendi e gli regalò una veste splendente. Stette
con lui presso un edificio elevato. La porta del bene continuò a essere al suo
capezzale. Alla porta del bene inoltre rimase sino a quando si plasmarono i cuori del
popolo al suo amore.
Sentii uno dire quando ascoltava le sue parole: «Dio sia munifico con questo
maestro». E nel mentre un’altro diceva: «Costui è invece il figlio di Abū al-Ẓafar
l’indiano».
222 Sūl, oltre a essere il nome proprio del coppiere, significa: oggetto del desiderio, mira, scopo.
180
Tornai alla mia casa con il mio cuore in fiamme. Leggevo: “è reso forte chi
vuoi ed è reso debole chi vuoi223”.
49. Maqāma quarantanove: quella di al-Sanqamar
Narrò al-Naṣṣir b. Fattāḥ:
Viaggiai a Sanqamīr con alcuni notabili e il mio viaggio fu di inciampi che
non si dicono giacchè i miei occhi non videro gioia se non con un punto in più224,
nessun bene che se non senza yāʾ225 – e non era come toccare un astragolo226 – né
letizia eccetto che senza bāʾ e nessun uomo eccetto che non avesse conosciuto la
dolcezza dei genitori – se non per la dolcezza dei loro melograni – poiché furono
separati dai loro figli con astio.
Accadde che venne presso di loro un governante persiano di gran prestigio,
molto acuto, con buone piantagioni. Rimasi a frequentare la sua tenda e a mangiare
alla sua tavola. Non cessava di essere compagno a tristezze dalla separazione dai suoi
luoghi natali.
Gli riferì il medico: «Tra le cose che fanno cessare la tristezza vi è
l’osservazione dell’acqua, della vegetazione e dei bei volti».
Rispose: «Per quanto riguarda i primi due, sono presenti. Il terzo, invece, è
assente in questo luogo».
Venne a sapere che vicino al paese era una cupola di alcuni uomini ben
guidati. Si riunivano là tutti quelli che erano vicini, perfino i beduini. Vi andò allora
nella speranza di vedere – con l’assemblarsi delle persone – argutezza, bellezza e
bontà d’animo. Non vide però che visi crucciati. Pensò allora che là vi subissero una
disgrazia. Crebbe così i sospiri e i gemiti. Era simile al verso famoso:
Lode a te però colui che amiamo non lo vediamo.
223 Corano, 3:26.
224 Farḥ, gioia, con un punto diacritico in più sulla prima lettera (“fa’” diviene “qāf”) si ha parola
qarḥ, ferita, escoriazione, ulcera, piaga.
225 Khayr, bene, senza la lettera ya’ mediana diviene la parola kharr: caduta, inciampo, morte.
226 “Dūnahu kharṭ al-qatād”, secondo al-Maydānī (Al-Maydānī, Majmaʿa al-Amthāl, 1955, vol. 1,
proverbio 1395, pag. 265): “Dūna dhalik kharṭ al-qatād”. La sua spiegazione è che “kharṭ è il passare
con la mano la superficie di una pianta e al-qatād è una pianta ricoperta di spine come aghi”.
181
Vediamo colui che non desideriamo su di te la lode.
Vi era lì accanto un uomo delle genti della perfezione. Io ero alla sua destra,
mentre l’uomo, il quale chiamavano Abū al-Ẓafar, era alla sua sinistra.
Quando ebbe recitato il verso disse il governante: «Lui ha raggiunto
l’eccellenza. Se però mi ascoltaste – giacchè ho seguito le tracce dei suoi compagni e
l’ho imitato – allora mi sentireste moltiplicare ciò per sette!»
Disse allora Abū al-Ẓafar: «Sia lodato Colui che vede e che sente. Ma non si
tratta forse di sudiciume canino se ha bisogno di essere moltiplicato per sette?»
Proferì allora il governante: «Oh Abū al-Ẓafar! Se uno non ha conosciuto
l’adab non comprende i simboli del linguaggio degli arabi».
Prese dunque a conversare e intrattenerlo amichevolmente. Ripetè dunque il
verso. Chiese: «Oh Abū al-Ẓafar! Mi aiuteresti a quintuplicare?» Disse l’altro allora:
«Rimasi del tempo alla ricerca della bellezza nel deserto.
Non vidi tra le persone neanche un viso brillante.
Dissi allora, dopo aver osservato chi passava con attenzione:
“a te la lode colui che amiamo non lo vediamo.
Vediamo chi non bramiamo. A te la lode”».
In quell’istante il governante ordinò per lui un gruzzolo di denaro che gli
sarebbe bastato per i giorni freddi e caldi. Sedettero intrattenendosi in discorsi sulla
passione amorosa, sull’affetto e su ciò che chiede l’anima per sé in grazia e conforto.
Giunse allora la notizia al governante che il nemico gli aveva sbarrato la strada tra lui
e il suo paese. Crebbè allora l’agitazione e la palpitazione nel suo cuore. Il suo
gruppo era infatti minuto e non aveva modo di opporsi. Tacque a lungo pensoso.
Recitò allora citando addolorato:
«Quale è la soluzione della ragione, quando si volgono i nemici
E volgliono scoccare le frecce e si frantumano le brame?»
Si alzò dunque Abū al-Ẓafar tra le fila degli uomini e recitò improvvisando
sul momento:
182
«Deve accettare ciò che lo ha colpito
E impegnarsi in ciò che il destino ha reso gelido».
I presenti si arrovellarono allora nel pensare a come rendere un verso simile a
quello di Abū al-Ẓafar. Disse il governante: «In questo verso non vi è “se” o
“magari”. Giuro sulla casa visitata dagli angeli227 che non vi è risposta al verso
famoso se non questo verso fiorito. Non vi è dubbio che Abū al-Ẓafar ha dedotto la
perla che appare nei suoi cieli e ha versificato le perle nei suoi fili. Ha posto ogni
cosa al suo posto. Distingue il parlare mediocre da quello raffinato. Quanto al suo
verso è un verso magnifico e – a ragione – è prova di finezza e perfezione». Accettò
allora il governante il bacio implorando umilmente per l’intercessione del Profeta e
della sua famiglia.
Non cessammo di far piombare dal cielo grandine come pezzi di montagne.
Furono annientati le cavalcature, i cammelli e gli uomini del nemico. Si prostrò
l’emiro ringraziando per l’esaudimento della sua preghiera, felice per la grande prova
da cui Dio lo aveva sollevato. Andò innanzi a lui Abū al-Ẓafar e si rallegrò con lui
della vittoria e del successo.
Gli disse allora il governatore: «Tutto ciò è grazie alla benedizione del tuo
suggerimento e del tuo verso i quali sono figli dell’efficacia della tue parole. A Dio si
deve attribuire la tua opera per la soluzione della mia questione sulla scienza di albadiʿ, Lui ha concesso con ciò la perla centrale della collana della retorica».
Rispose: «Dio renda duraturo il tuo benessere. Ti siano bastanti le ingiurie e
le vendette. Non ho ricavato ciò dalla scienze letterarie. Questo è quanto di cui sono
stato provvisto dai doni della religione».
Rispose allora: «Buon pro ti faccia questo aiuto oltreterreno, questo vanto
religioso e anche mondano».
Gli diede molti doni e vestiti. Non li portò con se gareggiando nella vanteria.
Viaggiai pensando a quanto era accaduto loro: la vittoria con la discesa della
grandine e l’acqua. Ho proferito il detto che segue: non eri tu a scagliar quando li
scagliavi era invece Dio che li scagliava228.
227 Corano, 52:4. “La casa visitata dagli angeli è la Mecca” (AA.VV., al-Tafsīr al-Mawḍūʿī li’-sūar alQur’ān al-Karīm, ed.2010, vol.7, pag. 469).
228 Corano, 8:17.
183
50. La cinquantesima maqāma: quella di Siyāl Kūt
Narrò al-Nāṣir b. Fattāḥ:
Venni a sapere che Abū al-Ẓafar l’indiano era a Siyālkūt affaticato per le
ubriacature della morte. Per aiutarlo si era riunito un gruppo di letterati, kuttāb e
oratori. Desiderai assisterlo per avere sue notizie e perché mi fossero proferiti alcuni
suoi componimenti.
Entrai al suo cospetto e lo trovai mentre esalava l’ultimo respiro. Era sorpreso
di quanto fossero preoccupati suo figlio e sua moglie. La sua ragione era ora presente
ora assente e le sue membra si contorcevano e si distendevano.
Al che si alzò e si rivolse ai presenti dicendo: «Chi mi ha conosciuto sa chi
sono, per chi non mi ha conosciuto sono Abū al-Ẓafar. Abbiate a rettificare il vostro
pentimento e purificate la vostra volontà. Ascoltate quanto vi consiglio: temete il
Creatore della terra! Ricordate la morte al mattino e alla sera – e sappiate che
irrompe tra gli uomini come le canizie nei giovani e le mosche nei cibi e bevande
dolci. Chi conosce il mondo non gioisce certo in esso poiché non è al sicuro dal
flagello. Quando lo coglie una paura che non sa da dove viene solo lì allora si pente
di ciò che ha trascurato: quando non giova però il pentimento. Chi nutre affetto per la
notte e il giorno, ne verrà annientato. Chi si affiderà a ciò per la morte ne verrà
ucciso. Come si può gioire di una vita che si consuma in poche ore e quando la salute
del corpo è esposta alle malattie?»
Perse allora i sensi per un po’ di tempo. Quindi si alzò.
Gli chiesero alcuni compagni: «Come stai?»
Rispose: «Sono malato. E come no? ho sentito le parole del saggio: “come è
la condizione di coloro che vogliono viaggiare lontano senza provviste? che andrà
innanzi a un Re giusto senza aver compiuto il pellegrinaggio e che abiterà in una
fossa squallida senza compagno? 229”».
229 Kayfa yakūnu ḥāl man yurīd safran baʿīdan bghayr zādinwa yuqaddimu ʿalā malik ʿādil bi-ghayr
ḥajja wa yaskunu qabran muwaḥishan bi-ghayr anīs, “come è la condizione di coloro che vogliono
viaggiare lontano senza provviste229? che andrà innanzi a un Re giusto senza aver compiuto il
pellegrinaggio e che abiterà in una fossa squallida senza compagno?”, è una frase citata nel capitolo
“Maḥāsin al-Mawāʿiẓ” dell’opera di Ibrāhīm b. Muḥammad al-Bayhaqī (384/994-458/1066) (Ibrāhīm
al-Bayhaqī, 2009, vol. 2, pag. 345).
184
Poi disse: «Come può l’uomo essere tranquillo con un tempo di cui si
avvicina il termine e in cui tutti coloro che vi sono hanno perso la speranza? Nessuno
ha descritto il mondo come il generoso nobile letterato ʿAbd Allah b. al-Muʿtaz230
che disse: “gli uomini del mondo sono come quelli che hanno ricchezza e dormono.
Io vedo i loro incubi confusi231».
Poi svenne e poi si rialzò piangendo. Diceva: «Oh Tu che sei sconcertato
dalla ragione. Se non sono nella grazia di essere raggiunto dalla tua misericordia, che
la tua misericordia abbia la grazia di raggiungermi! Poiché Lei si estende su ogni
cosa». Poi tacque.
Mi disse allora: «Lasciami e perdonami!»
Poi proseguì: «Ti sfami la mano sazia che è stata affamata, non ti sazi la
mano affamata che è stata generosa. Abbandona le cose futili, ascolta quanto è stato
detto:
Chiedi beneficio a gente che ha beni da tanto tempo e non
chiedere a un ragazzo che gusta il buon cibo da poco.
Proferii: «Continua!»
Continuò: «Se puoi fare del bene fallo e temi Iddio supremo come se non lo
avessi mai ubbidito, supplica Iddio come non lo avessi mai disubbidito».
Chiesi: «Recita una poesia».
Rispose: «Di quanto è passato però no! Prendi ciò che è figlio di questo
momento». Recitò piangendo umilmente:
Cessa di ricordare la dimora
E ogni castello elevato.
Non essere come il negletto,
Opera come è stato prima rivelato
Ricorda il tempo passato.
Ubbidisci a quanto ha ordinato
Il tuo Signore senza sbagliare e che ha giudicato.
Percorri la via della perfezione.
230 ʿAbd Allah b. al-Muʿtaz bi’llah (247/861-296/909) fu il poeta califfo per un giorno.
231 Corano, 21:5.
185
Piangi per le colpe precedenti
Con le quali hai annerito il passato.
Guardati dagli uomini che arretrano
Nella via esemplare.
La letizia del servo [di Dio] è contenuta
Nelle mie parole che incitano al vero
E che i peccati abbandonano
Così come ogni azione vana.
Oh Tu su cui mi sostengo!
Oh Tu su cui ho fondamento!
Cura un cuore che è stato nell’errore
E perdona il servo che si diparte.
Si restringe per le sue colpe lo spazio.
Teme per il giorno del giudizio.
Sii benevolo con lui con il piacere
Sii per lui elargitore di grazia.
Giunga ciò che soffia lo zefiro,
I numerosi fiori della primavera,
Al Profeta prescelto
Alla sua famiglia e ai suoi seguaci.
Poi tacque e si addormentò. Credemmo fosse venuto meno ma si alzò.
Disse: «Come è debole colui che è indotto in errore dalle speranze, che si
rivolge al mondo e che mira e ambisce a rifugiarsi in lui e nel denaro. Misero è il
figlio di Adamo che considera di seppellirsi con le sue mani e che se ne occupa con i
suoi palmi! Cammina nella terra gioioso e ride compiaciuto e con gaudio. Non ha
pensato alla punizione della sua condotta e ciò che avrebbe incontrato nella
permanenza della fossa.
Beato è il servo che si pente con sincerità. Se ne parte dal mondo in corpo e
spirito. Opera al fine di ciò che gli sarà presentato dopo la morte. Del mondo si
accontenta del cibo. Pregate per me oh fratelli caritatevoli! Poiché ho molti
rammarichi e preoccupazioni giacchè non so se verrò mandato in paradiso o
all’inferno. Tralascia di punirmi poiché le mie colpe e la Tua giustizia non
aumenteranno il Tuo regno di niente. Se anche mi perdonassi la Tua grazia non
186
diminuirà alcunché. Io sono il servo fuggiasco e dissubidiente che ha errato nella
bruttura. Adesso ho una giusta prospettiva di Te. Ho proferito con la lingua del
Profeta – su di lui sia la pace – “Io sono come il tuo servo pensa io sia, lascia che
pensi di me ciò che gli aggrada232”».
Poi proferì due professioni di fede e spirò in quell’istante. Ci affrettammo
dunque ad allestire, lavarlo e sistemarlo.
Quando poi lo vedemmo nella sua fossa, vennero innanzi alcuni suoi studenti.
Dissero: «Dite: “ci protegga Dio con la sua misericordia ci facccia abitare con
lui nella vastità del paradiso”». Poi uno pianse come un orfano e recitò ciò che pare
una gemma della recitazione:
Dio ha annaffiato la tomba che contiene i tuoi piedi
Coi quali hai percorso il tempo spendendo le tue doti.
Era provvisto di una lingua che pronunciava il vero.
Continua la gente a chiamarlo il veritiero.
Piangerà di te l’intelligenza, il merito e la generosità
Ogni letterato abile e di completo merito.
Ti piange il mare, la terra e il cielo,
E con la terra gli alberi e anzi ogni vetta.
Su di te sia la pace di Dio che vivifica e da la morte.
Ti faccia vivere il mio Signore ciò che sembra il luccichio brillante
Questo è l’ultima cosa che vidi, che sentii di lui, che scrissi e memorizzai.
Spero che non mi biasimiate per l’eccesso o la mancanza, la distrazione o la
dimenticanza.
Oh Dio rendi il bene della mia esistenza la sua ultima parte. Provvedimi del
tuo favore nel mondo e nell’aldilà. Giunga al tuo Profeta inviato la misericordia dei
mondi come alla sua gente, ai suoi compagni e ai suoi seguaci.
_______________________________________________________________
232 “Anā ʿinda al-Ẓanni ʿabdī bī faliyaẓunna bī mā shā’a” è un ḥadīth (al-Nisābūrī, 1998, vol. 4,
ḥadīth 2683, pag.369).
187
Il compimento della compilazione, scrittura e pubblicazione è avvenuto il
giorno di: Domenica otto del mese di Jumādā al-thāniyya dell’anno
millecentoventotto233 dall’egira profetica. Al suo autore mille e mille invocazioni di
lunga vita, la pace e la salvezza sulla sua famiglia e compagni. Dio Conosce e
Giudica.
Il Libro è quello che eccelle per la finezza delle costruzioni, la bellezza della
sintassi e nei modelli delle maqāmāt di Ḥarīrī e al-Badīʿ234 non ha precendenti. Ha
un’edizione critica che è sublime. È stata realizzata la stampa presso Delhy, nella
terra scelta per le maqāmāt. Abbiamo chiesto a gran voce l’anno della loro edizione e
hanno risposto che la stampa è stata completata nel 1264235.
Lode e grazie a Dio. È stata realizzata la stampa di un libro meraviglioso. Se
cerchi l’anno di completamento ascolta: la stampa delle maqāmāt, grazia del
letterato, è stata ultimata nel 1264 dell’egira profetica.
Allo shaykh letterato giurisperito ʿAbd al-Ḥasan b. Muḥammad Tāj al-Dīn alQalʿī muftī di Mecca l’odorosa nell’anno dell’edizione di queste maqāmāt.
Oh colui che ha ambizioni che sono elevate
Che nell’arte dell’adab sono ornate.
Leggi le maqāmāt in esse
Vi sono le bellezze dell’arte che sono meritevoli.
Rendete il loro splendore accetto
Poiché in un alta posizie è stata resa
L’edizione del nostro signore,
Le quali qualità sono si nobile origine.
Elogia la loro sublimità profumata
Innalza maqāmāt che sono elevate.
233 Il giorno 8 del sesto mese (Jumādā al-thāniyya) dell’anno 1128 è il 30 maggio 1716, sarebbe stato
sabato e non domenica.
234 Al-Badīʿ si riferisce probabilmente a Badīʿ al-Zaman al-Hamadhani (356/967-397/1007).
235 L’anno 1264 dell’egira è l’anno 1847 o 1848 del calendario gregoriano.
188
È stata realizzata la stampa delle maqāmāt – che per efficacia retorica sono un
opera meravigliosa – il giorno di venerdì sedici del mese di Jumādā al-Uwlā
dell’anno 1264 dell’egira profetica. Al migliore degli uomoni mille e mille auguri di
vita e la pace e sulla sua gente e compagni nell’ubbidienza e nella nobiltà.
Fratello se desideri da noi il sapere
È il giardino del letterato e il suo paradiso.
Sono le maqāmāt di quello che spadroneggiò nella sua epoca
E la cui perfezione non condivise oppositore.
Chi possedeva la sua stessa grazia
È nella vetta al culmine della forza.
E perché non è confutato? è giunta a compimento la sua storia
E le sue maqāmāt sono chiamate “le meraviglie”.
189
BIBLIOGRAFIA
Bibliografia generale:
AA.VV., 1986
Encyclopedia of Islam
Brill
Leiden
AA.VV., 2007
The Enciclopedya of Birds
International Masters Publishing
New York
Abu Lughod, L. Janet, 1989
Before European Hegemony: The World System A.D. 1250-1350
Oxford University Press
New York
Akhlaq, Ahmed Mohammad, 1985
Muslim Education
B. R. Publishing Corporation
Delhi
Al-Ḥabashī, ʿAbd Allah Muḥammad
Abū Bakr b. Muḥsin Bāʿabūd al-ʿAlawī al-Ḥaḍramī (al-Sūratī)
Maqāmāt al-Naẓriyya, a cura di ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī, 1999
Al-Majmaʿ al-Thaqāfit
Abu Dhabi
Amir-Moezzi, Mohammad Ali, 2007
Dictionnaire du Coran
Robert Laffont,
Paris
190
ʿAmshūsh, Masʿūd, 2005,
Maqāmāt Baʿabūd
in: Al-Mulḥaq al-Thaqāfī li-Ṣaḥīfa al-thawra
Di cui pubblicazione digitale in: www.yemenitta.com/baabood.htm
Balboni, Paolo E., 2008
Imparare le lingue straniere
Marsilio
Venezia
Bausani, Alessandro, 1974
Le Lingue Inventate
Astrolabio Ubaldini
Roma
Donner, Fred M., 1999
Muhammad and the Caliphate
in: AA.VV, The Oxford History of Islam, pag. 1-61.
Oxford University Press
New York
Drory, Rina, 2000
Models and Contacts: Arabic Literature and Its Impact on Medieval Jewish Culture
Brill
Leiden
Ernst, Carl W., 2003
Muslim Studies of Hinduism? A Reconsideration of Arabic and Persian Translations
from Indian Languages
in: Iranian Studies, volume 36, number 2, June 2003
191
Ernst, Carl W., 1995
India as a Sacred Islamic Land
In: AA.VV., Religions of India in Practice, pag. 556-564
Princeton University Press
Versione italiana:
http://www.tradizionesacra.it/India_Sacra_Terra_Islamica.html
Princeton
Even-Zohar, Itamar, 1990
Polysystem Studies
in: Poetics Today, International Journal for Theory and Analysis of Literature
and Communication, vol. 11, n. 1 (1990).
Even-Zohar, Itamar, 2010
Papers in Culture
in pubblicazione: www.tau.ac.il/~itamarez
Tel Aviv
Fischel, Walter J., 1989
The Literary Activities of the Arabic-speaking Jews in India
in: The Scribe Journal of Babylonian Jewry, n. 34, giugno 1989
Hämeen-Anttila, Jaakko, 2002
Maqama: A History of a Genre
Otto Harrassowitz Verlag
Wiesbaden
Ho, Engseng, 2006
The graves of Tarim
University of California Press,
Berkeley, Los Angeles, London
192
Idrīs, Aḥmad, 1998
Al-adab al-ʿarabī fī shabh al-qāra al-hindiyya ḥatta awākhir al qarn al-ʿishriyn
ʿAyn al-Dirāsāt wa al-Buḥūth al-Insāniyya wa al-Ijtimāʿiyya
Al-Haram
Jacobsen, Frode F., 2009
Hadrami Arabs in Present-day Indonesia
Routledge
Oxon
Kilito, Abdelfattah, 1977
Les séances: récits et codes culturels chez Hamadhânî et Harîrî
Sindbad
Paris
Khān, Aḥmad, 2000
Maʿjam al-Maṭbūʿāt al-ʿArabiyya fī shabh al-Qāra al-Hindiyya al-Bākistāniyya
mundhu Dukhūl al-Maṭbaʿa ilayhā ḥattā ʿĀm 1980
Maktaba al-Fahad al-Waṭaniyya
Riyadh
Lane, Edward Wiliam, ed.1968
Arabic-English Lexicon, vol. 4
Librairie du Liban
Beirut
Montanaro, Marina, 1995
Badīʿ al-Zamān al-Hamadhānī, Le Maqāmāt, vol. I e II.
Ariele
Milano
193
Pearson, Michael, 2007
The Indian Ocean
Routledge
New York
Qutubuddin, Tahera, 2007,
Arabic in India: a Survey and Classification of its Uses, Compared with Persian
in: Jornal of American Oriental Society, n. 127.3, pag. 315-338
Robb, Peter, 2002
A history of India
Palgrave
New York
Stewart, Devin, 2008
The Maqāma
In: Cambridge History of Arabic Literature, 2008, pag. 145-158
Cambridge University Press
New York
Tibbetts, G. R., 1971
Arab Navigation in the Inian Ocean before the coming of the Portuguese
The Royal Asiatic Society of Great Bitain
London
Wacks, David A., 2007
Framing Iberia Maqāmāt and Frametale Narratives in Medieval Spain
Brill
Leiden-Boston
Zakharya, Katia, 2009
Ibn Ṣayqal al-Jazarī, Auteur de Maqāmāt
in: Synergies: Monde Arabe, n. 6, pag. 73-89.
194
Zaman, Mohammad Qasim, 1997
The role of Arabic and the Arab Middle East in the definition of muslim identity in
Twentieth century India
in: The Muslim World, vol. 87, n. 3-4, luglio-ottobre 1997
Edizioni delle maqāma di Bāʿabūd
Al-Yasūʿī, Al-Ab Luwys Shaykhū, 1913
Majāmī al-Adab, vol. 5, pag. 74-79.
Maṭbaʿa al-Abāʾ
Beirut
Bāʿabūd, Abū Bakr b. Muḥsin al-ʿAlawī al-Ḥaḍramī (al-Sūratī), 1264/1848
Maqāmāt-i Hindī
Maṭbaʿa al-ʿUlūm
Delhi
Bāʿabūd, Abū Bakr b. Muḥsin al-ʿAlawī al-Ḥaḍramī (al-Sūratī), 1999
a cura di ʿAbd Allah Muḥammad al-Ḥabashī
Al-Maqāmāt al-Naẓriyya
Al-Majmaʿ al-Thaqāfa
Abu Dhabi
Bibliografia delle citazioni coraniche e di esegesi:
AA.VV., 2010
Al-Tafsīr al-Mawḍūʿī li-Sūar al-Qurʾān al-Karīm,
Jāmiʿa al-Shāriqa
Al-Shāriqa
Al-Nābulusī, ʿAbd al-Ghanī, 1275/1858
Taʿṭīr al-Anām fī Taʿbīr al-Manām
195
Al-Waḥidī, Abī al-Ḥassan ʿAlī b. Aḥmad b. Muḥammad, 2009, a cura di
Muḥammad b. ʿAbd al-ʿAzīz al-Khaḍīrī
al-Tafsīr al-Basīṭ
Al-Musāhim
Riyadh
Bausani, Alessandro, 1988
Il Corano
Rizzoli
Milano
Bibliografia dei proverbi, amthāl:
Al-Maydānī, Abū al-Faḍl Aḥmad b. Muḥammad b. Aḥmad, 1955
Majmaʿa al-Amthāl, vol. 1-2
Maṭbaʿa al-Sunna al-Muḥammadiyya
Cairo
Al-Zamakhsharī, Abū al-Qāsim Jār Allah Maḥmūd b. ʿUmar, 1962
al-Mustaqṣā fī Amthāl al-ʿArab,
Osmania Oriental Publication
Hyderabad
Ibn Manẓūr, Muḥammad b. Mukarram b. Alī b. Aḥmad, 2003
Lisān al-ʿarab
Dār al-Maʿārif
Cairo
Tādiris, Khalīl Ḥunā, 2006
Nawādir Juḥā al-Kubrā,
Muntadā Maktaba al-Iskandariyya
Alexandria
196
Bibliografia versi di poesia citati e commento seguito nella traduzione:
Abū Tammām, 1994, cura di Abū Zakaryā yaḥyā b. ʿAlī Khaṭīb al-Tibrīzī
Sharḥ Dīwan Abī Tammām, vol. 1-2
Dār al-Kitāb al-ʿArabī
Beirut
Al-Ṭarafa b. al-ʿAbd, 2003, a cura di ʿAbd al-Raḥmān al-Muṣṭāwī
Dīwān al-Ṭarafa b. al-ʿAbd
Dār al-Maʿārif
Beirut
Al-Mutānabbī, 1986 a cura di ʿAbd al-Raḥmān al-Barqūqī
Sharḥ Dīwān al-Mutānabbī, vol, 3.
Dār al-Kitāb al-ʿArabī
Beirut
Ibn Burd, Bashār, 2007 a cura di Muḥammad Tāhir b. ʿĀshūr
Dīwān Bashār b. Burd
Al-Jazāʾir 2007
Algers
Ibn Burd, Bashār, 1966 a cura di Muḥammad Tāhir b. ʿĀshūr
Dīwān Bashār b. Burd, vol.4
Ibn al-Fāriḍ, ʿUmar b. ʿAlī, 2002, a cura di Nāṣir al-Dīn Mahdī
Dīwān Ibn Fāriḍ
Majmaʿa al-Thaqāfa
Langkawi
197
Ibn Khallikān, Shams al-Dīn Abū al-ʿAbbās Aḥmad b. Muhammad, 1968, a
cura di Aḥsān ʿAbbās
Wafiyātu al-Aʿyān, vol. 3
Dār Ṣādir
Beirut
Ibn Khallikān, Shams al-Dīn Abū al-ʿAbbās Aḥmad b. Muhammad, 1843,
traduzione a cura di Mac Guckin de Slane
Ibn Khallikan’s Biographical Dictionary, vol. 2
Oriental Translation Fundo f Great Britain and Ireland
Paris
Imrʾu al-Qays, 2009 a cura Muḥammad Abū al-Faḍl Ibrāhīm
Dīwān Imrāʾ al-Qays
Dār al-Maʿārif
Beirut
Bibliografia degli ḥadīth:
Al-Athīr, ʿAlī b. al-Athīr, 1996
Usd al-Ghāba, vol. 1
Al-ʿAthīmīn, Muḥammad b. Ṣāliḥ, 1994
Majmūʿ Fatāwā wa Rasāʾil Faḍīla
Dār al-Tharyā lil-Nashr
Riyadh
Al- Bayhaqī, Ibrāhīm, 2009
Al-Maḥāsin wa al-Masāwāiʾ, vol. 2
Dār al-Maʿārifa
Cairo
198
Al-Bukhārī, Muḥammad b. Ismāʿīl, 2001
Al-Jāmaʿ al-Musnad al-Ṣaḥīḥ Bukhārī min ayamihi wa sunanihi, vol. 8
Dār al-Maʿārifa
Cairo
Al-Hamadhānī, Abū ʿAbd Allah al-Ḥusayn b. Ibrāhīm al-Jurqānī, 2003
Al-Abāṭīl wa al-Munākīr wa al-Ṣaḥāḥ wa al-Mushāhīr
Dār Ibn Ḥazm
Beirut
Al-Harawī, ʿAlī b. Sulṭān, ed. 1994 a cura di ʿAbd al-Fattāḥ Abū ʿUdda
Maṣnūʿ fī maʿarafa al-ḥadīth al-mawḍūʿ
Maktab al-Maṭbūʿāt al-Islāmiyya
Aleppo
Al-Muḥibbī, Muḥammad b. Faḍl
Khulāṣa al-Athar fī Uʿyān al-Qarn al-Ḥādī ʿAshar
islamport.com/w/trj/Web/292/1.htm
Al-Nisābūrī, Al-Ḥāfiẓ b. ʿAbd Allah al-Ḥākim, 1998
Al-Mustadraku ʿalā al-Ṣaḥīḥīn, vol. 4,
Dār al-Ḥaramyn lil-Tabaʿa wa al-Nashr wa al-Tawzīʿ
Cairo
Al-Nisāʾī, Abū ʿAbd al-Raḥmān Aḥmad b. Shaʿīb, 2001
Al-sunan al-Kubrā, vol.8
Muʾassasa al-Risāla
Beirut
Al-Qaḍaʿī, Abū ʿAbd Allah Muḥammad b. Salāma, 1985
Musnad al-Shihāb, vol. 1-2
Muʾassasa al-Risāla
Beirut
199
Al-Qurṭubī, Muḥammad b. Aḥmad al-Anṣārī, 1975
Tafsīr al-Qurṭubī, vol. 4
Muʾassasat al-Risāla
Beirut
Al-Sakhāwī, Shams al-Dīn, 1993
Maqāṣid al-Ḥusna fīmā ishtahara ʿalā al-alsina
Dār al-Wafāʾ
Alexandria
Al-Shawkānī, Muḥammad b. ʿAlī b. Muḥammad, 1994, a cura di ʿabd alRaḥmān al-Ḥamīd
Fatḥ al-Qadīr, vol.3
Dār al-Wafāʾ
Alexandria
200
بأمساء مدن يف بالد اهلند على عكس من األدباء اآلخرين الذين مسوا مقامام بأمساء من مدن العامل العريب
.اإلسالمي
ويف ذلك يتابع باعبود منوذج . راوي مقامات باعبود هو الناصر بن الفتاح وبطل هو أبو الظفر اهلندي
؛ احلريث إبن محام )اهلماذين(عسى إبن هشام : فالراوي هو .يااحلريري واهلماذاين والصيقل كما قالت كتيا زخر
؛ أبو زيد السروجي )اهلماذين(أبو الفتح اإلسكندري : بينما البطل هو). الصيقل(؛ القاسم إبن جرال )احلريري(
).الصيقل(؛ أبو نصر املصري )احلريري(
بعد ذلك جتد عالقة . “مكان نعت+ أبو الفعل ”والبطل “الفاعل بن فعال”فالراوي هو دائما بشكل
).باعبود(وظفر ) باعبود(والناصر ) صيقل(ونصر ) مهذاين(املعاىن بني الكلمات فتح
ا
ً
وبعد وصوله إىل املدينة وجد . ميزت مقامات باعبود وصول الراوي إىل مدينة وكان السفر إليها تبًعا ومؤمل
.اية املقامة يأخذ كلما ميلكهولكن يف أغلب املرات يف . الرجل الذي وعده أن سيساعده
وصل الناصر بنفتاح إىل مدينة أمحد نكر وهو عطشان “األمحد نكرية”فعلى سبيل املثال يف مقاماته الثانية
. عطشان وجائًعا: وبعدما شرب الناصر جاء رجل أخر يف نفس حالته. فجاءت إليه إمراة وقدمت له املاء. وجائًعا
.إليهما الناصر ليفرقهمافذهب . فأخذ يتشاجر مع املرأة
نعم انا زوجته فًال ولكن انا أتشاجر معه ألنه ال جيلب يل ”: وقال املرأة. ن قال له الرجل إا زوجتهكول
ولكن بعد . فأتى الناصر بن فتإح هلما باملال. الرجل إنه فقري وليس ذلك ذنب فقال. “املال الذي أحتاجه لألكل
أما قلت لك أن الربح يف الدهاء ولو مل نفعل فعل األوباش بتنا ”: لسر لزوجتهذلك يسمع الناصر الرجل يقول يف ا
.هو أبو الظفر اهلندي: فيقدم الروي إىل الرجل وكشف هويته. “من اجلوع أوحاش
_________________________________٥
201
تاريخ )(اكستان لألدب العريبالسهم اهلند والب(قال الدكتور أمحد إدريس والدكتور زوبري أمحد يف كتابيهما
من األدباء اهلنود كثري وجديف بالد اهلند ،بسبب إحنطاط األدب العريب ،أنه) األدب العريب يف شبه القارة اهلندية
.“لعبة دون قيمة فنية”كانت كتابام وقصائدهم
الذين عربال األدباء من لاحلا يكن وملحال األدباء اهلنود الذين ال يتكلمون العربية بفصاحة رمبا كان ذلك
املقامات ( “مقامات هندي”فعلى سبيل املثال املؤلف اليمين احلضرمي الذي تُرجم من كتابه . اهلند يف مؤلفاما وردو
وهو األديب أبو بكر بن مهسن باعبود العلوي احلضرمي ) ميالدية ١٦٠٠( ه ١١١٢الذي ورد سنة ) اهلندية
:ما قال مسعود عمشوشبنسبة . املشهور أيًضا بالسوريت
ولد أبو بكر باعبود يف اية القرن احلادي عشر للهجرة يف بلدة بور الواقعة بني مدينيت
ويف سن مبكرة سافر إىل اهلند، ذلك املهجر الشرقي . سيؤن وترمي يف وادي حضرموت
واستقر يف ميناء. الذي نزح إليه آالف من أبناء حضرموت خالل القرون الثالثة املاضية
املقامات النظرية (وقد انتهى هناك من تأليف . سورت الذي يقع مشال مدينة بومباي
، أي قبل وفاته باثنتني ١١٢٨يف مطلع مجاد الثاين من عام ) ذات األلفاظ اجلوهرية
).١، صفحة ٢٠٠٥مسعود عمشوش، مقامات باعبود، ( وثالثني سنة
يقول أن باعبود كان جندي من اجلنود “مات نظريةمقا”ويف حتقيق للباحث عبد اهللا حممد احلبش الكتاب
وال يذر احلبشي بتحقيقه موت ألنه ليس واضح أ . اهلند ويذكر أن له ثالتة أوالد ولدوا باهلند ورمبا كانت زوجته هندية
.مات يف اهلند أم رجع إىل بالده
ه أو ٣٩٥(هو اهلماذاين املقامة هي فرغ من الفروغ األدب العريب وأول من بدأ دا الفن من األدب
).م ١١١٢ه ٥١٦/ م ١٠٥٤ه ٤٤٦(وواله من بعد يف هذا الفن هو احلريري ). ميالدي ١٠٠٧
) ملقاماته الزينية(يف هذا النوع من األدب ومن أشهر األدباء الصيقل اجلراين وتوالت جممعة احلريري
نه ميز يف هذا النوع من األدب أنه مسى كل مقاماتهونالحظ من مقامات باعبود اليت تعد مخسني مقامة أ. والزخمشري
_________________________________٤
202
يطور ) الثالثة عشر ميالدي(على نظام هذا املؤسس ونظام املدرسة السالجقة بالعراق القرن السابع مت
.التعليم االسالمي باهلند
السابع (تالل حممد إبن القاسم يف القرن األول هجري العربية من خالل هذه املدارس بعد إح لقد مت دخول اللغة
ولكن ). ١٥٥٥م حىت ١٢٠٦(فكان يشجعه السالطني األفغانيني الذين يأيت بتأسيس السلطنة من دهلي ). امليالدي
ا بنسبة لللغة العربية، كان . لغة اإلدارة يف هذه العصور كانت اللغة الفارسية اليت كان يتكلمها املسلمون واهلنود
.إهتمام كبري يف جمال الدين والعلوم املتعلقة ا أي الفقه والالهوت والتصوف والتفسري
فكما . وعلى جانب ذلك كان إهتمام كبري أيضا هلذه اللغة سبب العالقات التاجرية ضمن احمليط اهلندي
ق البحر األمحر واليمن وأسواق السوق األفريقي وسو : قالت ليلة أبو لغود كان احمليط اهلندي يعلق األسواق العديدة
كان التجار العرب يف مكان . اخلليج العريب و السوق اهلندي و السوق الصيين وسوق االرخبيل االندونيسي
فتصبح قبل وقت اإلستعمار الربتغايل . إسرتاتيجي ألم كانوا يبيعون املوارد واملنتجات من األسواق الشرقية إىل أوروبا
فكان التجار العرب يعيشون حتت أمراء املدن اهلندية .ية لغة دولية للتجارة ضمن احمليط اهلندييف اهلند اللغة العرب
فيهب يف احمليط اهلندي رياح خمتلفة اىل إجتاهني وخصة مشاال وجنوبا وتسمى الرياح . الساحلية واملينائية لعوامل جوية
السبب يف بعض األشهر مل يكن ممكن السفر البحري يف وهلذا. فتصادم هذه الرياح بآثار كبرية يف اإلقليم. املومسية
كما قال ايرسون يف كتابه احمليط اهلندي، (كان خطريا جدا “فصل املواسم”فالسفر يف الوقت يسمى . احمليط اهلندي
بفضل هؤالء التجار مت انتشار اإلسالم مبختلف . وكان التجار يعيشون فيها مدة ثالث اشهور أو اكثر ).٢٠٠٧
فمن هذه إن هؤالء الرجال كانوا يتزوجون نساء من هذه احملالت فكانوا يعتوا لألوالدهم تربية إسالمية . الاألشك
).٢٠٠٤كما قالت دانياال بريدي يف كتابه تاريخ الثقافة هندية وباكستانية، (وعربية
ند معجمة كبرية من فمن خالل العالقات التاجرية توسعت اللغة العربية حىت يرى اليوم إن مت يف تاريخ اهل
وبنسبة . باللغة العربية أكثر من أربع مائة اهلندية الكتب) ١٩٦٨(ة من زوبري أمحد بنسبة الدراس. الكتب باللغة العربية
معجم املطبوعات العربية يف شبه القارة اهلندية الباكستانية منذ دخول املطبعة اليها حىت عام (للدراسة من أمحد خان
.العربية أكثر ألوف من بني أعمال يف أي فرغ العلم واألدب األعمال) م ١٩٨٠
_________________________________٣
203
إيران وبلدان شرقًا فيجد كثري من العلماء املشهورين قد تركوا كثريًا من أيًضا إتسعت رقعة اللغة العربية ولكن
.الكتب يف شىت جماالت العلوم واألدب باللغة العربية
اهتمام هذه . طلب املؤمنني الدراسة من اللغة العربية لكي يفهم ا االركان الدين وكتابه وحديثهاالسالم ي
دون شك ليس لكل املسلمني . سورتني من القرآن يف اي صالت يعترب املسلم على أقل إثنني: اللغة اا لغة صالة
ولكن ) ١٩٩٨ب العريب يف شبه القارة اهلندية، كما قال إدريس يف كتابه تاريخ األد( اللغة العربية من معرفة عميقة
.معرفة عامة ضرورية للفظ الكلمات العربية من الصالت
فبإنتشار اإلسالم بدأ الناس من العرب والعجم ان يدرسوا العربية لكي يفهموا ا من معاين وكلمات القرآن
وبعد. ناس يف األيات القرأنية يف جامع مدينةيف اول وقت االسالم كان الرسول يعّلم الناس ويشرح لل). كالم اهللا(
.ذلك بقى اجلامع املكان لتعليم العربية والقرآن واحلديث والعلوم االسالمية
التعليم يف اوائل القرون االسالمية “التعليم الثقايف بني املسليمني ”كما قال حممد أخلق أمحد يف كتابه
ولبعض منهم كان . ومعرفتهم يدرسون يف بيوم او يف ساحاتكان جيد علماء مشهورون لذكاءهم . خمتلف الطبع
س االباء أطفاهلم القرآن وكل العلوم اليت كانوا رّ ومن الطروق األخرى لتأديب كان يد. الناس يأيت من أماكن بعيدة
. حيتاجوا
األزهر م بناء املنظمة األوىل ذو أمهية عظيمة لتعليم اإلسالمي وهي مدرسة ١١٦٤ه ٤٥٦فتم يف سنة
.فقاموا ببناءها يف عصر اخلالفة الفاطمية. الشريف مبصر
فتم تغري هذا . من االسباب اليت تأيت ببناء هذه املدرسة كان نشر الشيعة الذي كان يتبعها اخللفاء الفاطميني
الشيعية اليت فتم حتريق لبعض الكتب بالعلوم). الثاين عشر ميالدي(النظام بسقوط اخللفاء الشعية يف القرن السادس
ان يف هذا الوقت مثن كانت حتتوي هذه املكتبة أكثر من ستة االف كتاب وك. كانت تضمنها مكتبة األزهر الشريف
على جانب ذلك كان يستعمل . جدا فأي كتاب كان مكتوبا باليد وما كان يوجد اي طريق اخر للطبعة الكتاب غايل
وذلك بال من احليونات فإذن كان حيتاج لكتاب واحد كثري. لنادرةلتحرير الكتب جلد احليوانات أو أوراق الشجر ا
.ريب كان يأيت بثمن عايل
_________________________________٢
204
مقدمة
فعلى سبيل املثل تظهر الدراسة الباكستانية أنه جيد أقليات . إن اللغة العربية لغة حية يف الدول العربية وغريها
فبعد ذلك أصبحت العربية اليت . ومن أهم اسباب ذلك إنتشار اإلسالم فيها. ذه اللغة تتكلم ة يف العامليف أي دول
كانت لغة غري حية يف جنوب اإلمرباطورية البيزنطية ويف غرب فارس وشرق مصر لغة يتكلمها مائة وستني مليون
فبالكتاب اللغة العربية لغة قد عّلمها . للغة نزل ا القرآنهلذه اللغة قيمة كبرية يف دول اإلسالمية العربية ألا ا. نسمة
:اهللا آلدم
يًعا ُمث اْستَـَوٰى ِإَىل السَماِء َفَسواُهن َسْبَع َمسَاَواٍت َوُهَو ِبُكل ۚ◌ ُهَو الِذي َخَلَق َلُكم ما ِيف اْألَْرِض مجَِ
ِة ِإين َجاِعٌل ِيف اْألَْرِض َخِليَفًة قَاُلوا َأَجتَْعُل ِفيَها َمن يـُْفِسُد ِفيَها َوِإْذ قَاَل َربَك لِْلَمَالِئكَ * َشْيٍء َعِليٌم
َماَء َوَحنُْن ُنَسبُح ِحبَْمِدَك َونـَُقدُس َلَك قَاَل ِإين أَْعَلُم َما َال تـَْعَلُموَن َم آَدَم اْألَْمسَاَء * َوَيْسِفُك الدَوَعل
قَاُلوا ُسْبَحاَنَك َال * َعَلى اْلَمَالِئَكِة فـََقاَل أَنِبُئوِين بَِأْمسَاِء َهـُٰؤَالِء ِإن ُكنُتْم َصاِدِقني ُكلَها ُمث َعَرَضُهمْ
ْمسَائِِهْم قَاَل يَا آَدُم أَنِبئـُْهم بَِأْمسَائِِهْم فـََلما أَنَبَأُهم بِأَ * ِعْلَم لََنا ِإال َما َعلْمتَـَنا إِنَك أَنَت اْلَعِليُم احلَِْكيُم
القرآن، ( قَاَل أَملَْ أَُقل لُكْم ِإين أَْعَلُم َغْيَب السَماَواِت َواْألَْرِض َوأَْعَلُم َما تـُْبُدوَن َوَما ُكنُتْم َتْكُتُمونَ
).٣٣حىت ٢٩سورة البقرة، حيات
. النيب األول من تاريخ اإلسالم آدم هو. إن اللغة العربية هي النبوءة األوىل من اهللا آلدم بتعلمه باللغة العربية
يف اإلجتاه ) إسبانيا(إحتلت هذه اللغة يف أوائل القرن األول بعد اهلجرة إىل الشمال األفريقي حىت شبه اجلزيرة اإليبريية
هناك بلدان تأثرت بدخول اإلسالم فيها وأصبحت تتكلم باللغة . الغريب وإىل إيران وأفغنستان واهلند يف اإلجتاه الشرقي
اإلسالم ومل تأثرت للغة شعبها وهناك من البلدان اليت دخل. يقيةالعربية ومنها سوريا ومصر و تونس وبلدان مشال أفر
.افغنستان وباكستان واهلند.باللغة العربية ومنها إيران و
_________________________________ ١

PDF Document reader online

This website is focused on providing document in readable format, online without need to install any type of software on your computer. If you are using thin client, or are not allowed to install document reader of particular type, this application may come in hand for you. Simply upload your document, and Docureader.top will transform it into readable format in a few seconds. Why choose Docureader.top?

  1. Unlimited sharing - you can upload document of any size. If we are able to convert it into readable format, you have it here - saved for later or immediate reading
  2. Cross-platform - no compromised when reading your document. We support most of modern browers without the need of installing any of external plugins. If your device can oper a browser - then you can read any document on it
  3. Simple uploading - no need to register. Just enter your email, title of document and select the file, we do the rest. Once the document is ready for you, you will receive automatic email from us.

Previous 10

Next 10